User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Le premesse del conflitto permanente

    di Massimo Fini

    Il Primo Ministro serbo, Vojislav Kostunica, è in questi giorni in Europa per discutere con i ministri degli Esteri dei Paesi del cosiddetto “Gruppo di contatto”, fra cui c’è l’Italia , della definitiva sistemazione del Kosovo: piena indipendenza o larga autonomia?

    Al giornalista del Corriere della Sera Franco Venturini, che lo invitava ad essere realista e a dar e il Kosovo per perso, Kostunica ha risposto: «Perché la Serbia dovrebbe essere smembrata?

    Soltanto perché in una parte del suo territorio (il 15% circa, ndr) esiste una maggioranza etnica albanese che chiede l’indipendenza? Vogliamo far passare questo criterio ed applicarlo anche ad altri? Qui si mettono in discussione i princìpi fondamentali dell’ordine internazionale». Eh già, il punto - o uno dei punti - della questione kosovara è proprio questo.

    Lasciamo pur perdere il fatto che i serbi considerano il Kosovo la culla storica della loro Nazione (cosa giudicata da Barbara Spinelli una romanticheria priva di senso, salvo poi trasformare questa romanticheria in un diritto intangibile quando la stessa concezione riguarda Israele rispetto alla Palestina), certo è che il Kosovo fa giuridicamente parte della Serbia da molti secoli. Che diremmo e faremmo noi se, per ipotesi, un domani in Piemonte, a causa di un’immigrazione islamica tradizionalmente fertile, si tro vasse una forte maggioranza musulmana che, con la guerriglia e il terrorismo, rivendicasse l’indipendenza?

    Avremmo o no il diritto di difendere quel nostro territorio, anche con le armi? Certamente sì. Perché quel territorio non appartiene solo agli ultimi arrivati, per quanto divenuti maggioranza, ma anche alle generazioni passate che quella terra l’hanno lavorata, su quella terra hanno sudato per farne quel che ne han fatto, che per quella terra sono morti, e quindi anche ai loro figli, pur se diventati minoranza.

    Il diritto all’autodeterminazione dei popoli, sacrosanto, vale per le genti che si trovano da sempre su un territorio che porta il loro nome (i curdi, i ceceni) e che è occupato da potenze straniere, non per i flussi migratori. Il Kosovo si trovava in questa sit uazione quando la Jugoslavia fu aggredita dalla NATO nel 1999 col pretesto dell’“emergenza umanitaria” e della “pulizia etnica” (non c’era alcuna “emergenza umanitaria” in Kosovo, nessun “genocidio ”, tale da giustificare l’intervento militare di Stati improvvisatisi “giustizieri della notte”: c’erano stati, in un anno e mezzo di “guerra di guerriglia”, 205 vittime civili, niente di nemmeno lontanamente paragonabile a ciò che avviene in Palestina per mano d’Israele o in Cecenia per mano russa. E non c’era alcuna “pulizia etnica”. La “pulizia etnica” l’hanno fatta - dopo l’intervento della NATO - gli albanesi kosovari, con la copertura delle truppe internazionali, frettolosamente riverniciate, a posteriori, da una legittimità ONU - che vale a intermittenza, qui come in Afghanistan -, ai danni dei serbi che da 360mila che erano sono rimasti in 60mila, la più grande “pulizia etnica” dei Balcani).

    Fu un intervento arbitrario, arrogante e dissennato.

    Perché, abbattendo i l principio dell’intangibilità della sovranità nazionale, in nome dei “principi etici universali”, abbatteva anche il principio dell’appartenenza nazionale, dell’obbligo morale di schierarsi col pro prio Paese (“right or wrong, my country”), ponendo così le premesse per una profonda e pericolosa spaccatura proprio all’interno dei Paesi occidentali. Perché mentre l’appartenenza nazionale è univoca (io sono italiano o non lo sono), i “principi etici universali”, a dispetto del nome, non lo son o affatto: alcuni sono “più universali” di altri a seconda delle convinzioni di cui ciascuno è portatore.

    E adesso si vuole proseguire, col Kosovo, a scardinare ulteriormente e definitivamente l’intangibilità della sovranità nazionale, sulla base di un diritto all’indipendenza di maggioranze etniche.

    Ponendo così i presupposti per altri sconquassi. Il vecchio diritto internazionale aveva alla base il principio, pragmatico, che ogni Stato sovrano ha il diritto di farsi i fatti suoi in casa propria. Il nuovo, universalizzando i “diritti umani”, globalizzandosi, apre la strada a un conflitto permanente di tutti contro tutti, nelle forme della guerra e del terrorismo.

    www.massimofini.it

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    la ricerca della bellezza nascosta
    Data Registrazione
    03 May 2005
    Località
    Calabria Citeriore - Regno delle Due Sicilie
    Messaggi
    1,943
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ineccepibili le argomentazioni di Fini.
    Grande, lucido e acutissimo questo intellettuale!

 

 

Discussioni Simili

  1. Le premesse sbagliate di Latorre
    Di Monsieur nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 30-11-10, 20:37
  2. se queste sono le premesse.........
    Di sinistra_polliana nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-02-08, 13:26
  3. Legnano: le premesse sono buone
    Di FdV77 nel forum Padania!
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 06-07-07, 17:05
  4. Premesse
    Di MrBojangles nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 71
    Ultimo Messaggio: 29-03-07, 18:15
  5. Premesse per l'Unità del Centrodestra.
    Di Templares nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 91
    Ultimo Messaggio: 16-10-06, 21:49

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226