User Tag List

Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 45
  1. #1
    Ut unum sint!
    Data Registrazione
    21 Jun 2005
    Messaggi
    4,584
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Golpe Giudiziario o semplice ingerenza criminale?

    Vladimir Luxuria: «Grande soddisfazione per la sentenza»
    La Corte di Cassazione apre ai Pacs
    I giudici supremi: anche i cosiddetti «nuovi parenti» hanno diritto al risarcimento in caso di perdita del proprio caro

    ROMA - La Corte di Cassazione apre ai Pacs e sottolinea la necessitá di garantire più tutela alle coppie di fatto. In particolare, i giudici supremi hanno stabilito che anche i cosiddetti «nuovi parenti» hanno diritto al risarcimento in caso di perdita del proprio caro. L'attuale movimento per l'estensione della tutela civile dei Pacs porta dunque a riconoscere anche alle coppie di fatto il cosiddetto «danno parentale». È quanto ha stabilito la terza sezione civile della Corte di Cassazione, che nella sentenza 15760 sottolinea che «l'attuale movimento per l'estensione della tutela civile ai Pacs (Patti civili di solidarietà ovvero stabili convivenze di fatto) conduce all'estensione della solidarietà umana anche a situazioni di vita in comune».
    La Suprema Corte era stata chiamata a decidere sul ricorso dei genitori di un minorenne che nel luglio dell'89 morì per le conseguenze di un incidente sul mare: mentre si trovava a bordo di un pedalò sulle coste di Taormina, era stato investito da uno scooter d'acqua. Il riferimento alle coppie di fatto è inserito in un passaggio sul riconoscimento del danno da morte di congiunti. I giudici chiariscono però che nel caso in questione «il danno parentale interessa un societas stabilizzata con vincolo matrimoniale e discendenza legittima, onde i referenti costituzionali sono certi».
    Vladimir Luxuria, deputata transgender del Prc, saluta con «grande soddisfazione» la sentenza della terza Sezione civile della Corte di Cassazione, che «fa un esplicito riferimento ai Pacs, ovvero ai Patti Civili di Solidarietà, come a un istituto che conduce all'estensione della solidarietà umana a situazioni di vita in comune».
    UT UNUM SINT!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    26 Jul 2009
    Località
    Firenze, ma vorrei tornare in Svizzera
    Messaggi
    3,049
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sono gli stessi soloni che hanno decretato che se una donna indossa i jeans non vi può essere violenza carnale.
    Del resto anche questi signori tengono famiglia ed è sicuramente più utile e vantaggioso conformarsi allo spirito dei nuovi padroni

  3. #3
    Ut unum sint!
    Data Registrazione
    21 Jun 2005
    Messaggi
    4,584
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Mappo Tappo
    Sono gli stessi soloni che hanno decretato che se una donna indossa i jeans non vi può essere violenza carnale.
    Del resto anche questi signori tengono famiglia ed è sicuramente più utile e vantaggioso conformarsi allo spirito dei nuovi padroni
    si ma la cassazione credo non abbia diritto di richiedere leggi al governo. Loro le leggi le debbono applicare. Nel caso della donna in jeans le hanno applicate malissimo ma qui in una sentenza addirittura chiedono i PACS... quando il potere giudiziario commenta e fa pressioni sull'esecutivo siamo ad un passo dallo stato di polizia...
    UT UNUM SINT!

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    26 Jul 2009
    Località
    Firenze, ma vorrei tornare in Svizzera
    Messaggi
    3,049
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da catholikos
    si ma la cassazione credo non abbia diritto di richiedere leggi al governo. Loro le leggi le debbono applicare. Nel caso della donna in jeans le hanno applicate malissimo ma qui in una sentenza addirittura chiedono i PACS... quando il potere giudiziario commenta e fa pressioni sull'esecutivo siamo ad un passo dallo stato di polizia...

    Purtroppo non ci trovo nulla di strano, questo è il rito ambrosiano che negli anni 90 dettava legge a Milano e altrove. Ti ricordi per caso dell'alzata di scudi fatta dalla procura di Milano per il decreto Biondi? Si vede che molti suoi epigoni hanno raggiunto le aule della cassazione

  5. #5
    motan
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Mappo Tappo
    Sono gli stessi soloni che hanno decretato che se una donna indossa i jeans non vi può essere violenza carnale.
    Del resto anche questi signori tengono famiglia ed è sicuramente più utile e vantaggioso conformarsi allo spirito dei nuovi padroni

    La Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. n. 22049/2006) ha stabilito che la violenza sessuale non va esclusa dal semplice fatto che la vittima dello stupro indossasse i jeans. I Giudici del Palazzaccio, in particolare, cambiando radicalmente orientamento, hanno precisato che "l'attendibilità della vittima della violenza sessuale non può essere inficiata dal fatto che la stessa indossasse i jeans al momento dello stupro, posto che la paura di ulteriori conseguenze potrebbe avere determinato la possibilità di sfilare i jeans più facilmente".
    data: 11/07/2006 (studiocataldi)

  6. #6
    motan
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da catholikos
    si ma la cassazione credo non abbia diritto di richiedere leggi al governo. Loro le leggi le debbono applicare. Nel caso della donna in jeans le hanno applicate malissimo ma qui in una sentenza addirittura chiedono i PACS... quando il potere giudiziario commenta e fa pressioni sull'esecutivo siamo ad un passo dallo stato di polizia...
    Esistono dei precedenti anche sotto il governo berlusca:

    Cassazione, sentenza equipara coppie di fatto a famiglia

    La Corte ha respinto il ricorso di un detenuto al quale era stato negato il patrocinio gratuito in conseguenza del fatto che, in regime di libertà, conviveva con una donna

    Roma, 5 gen. (Adnkronos) - Le coppie di fatto sono come una vera e propria famiglia. Pertanto equiparare la vita dei conviventi a quella delle coppie istituzionalizzate di marito e moglie è una ''significativa evoluzione sociale''.
    Lo rileva la Corte di Cassazione in una sentenza nella quale si è trovata a dover decidere se un detenuto, che in regime di libertà conviveva con una donna, abbia o meno diritto ad essere ammesso al gratuito patrocinio.
    La Suprema Corte, chiarendo come "il rapporto di convivenza, ai fini del calcolo reddituale per l'ammissione al patrocinio a spese dello Stato non si interrompe con lo stato detentivo", coglie l'occasione per sottolineare la "significativa evoluzione" della nostra società nel considerare le coppie fuori dal matrimonio come vera e propria famiglia.

    In particolare, la Quarta sezione penale (sentenza 109/06) ha respinto il ricorso di Natalino C. al quale era stata negata (Tribunale di Milano del febbraio 2004) la richiesta di ammissione al gratuito patrocinio proprio in conseguenza del fatto che l'uomo, in regime di libertà, conviveva con una donna e dunque "in caso di convivenza il reddito è costituito dalla somma dei redditi di ogni componente del nucleo stabilmente convivente".


    Gli 'ermellini', inoltre, "dovendo confrontarsi con le mutate concezioni che via via si sono affermate nella società moderna", rilevano come "la giurisprudenza, in materia di rapporti interpersonali, ha considerato la 'famiglia di fatto' quale realtà sociale che, pur essendo al di fuori dello schema legale cui si riferisce, esprime comunque caratteri ed istanze analoghe a quelle della famiglia 'stricto sensu' intesa".

    E devo dire che condivido in pieno tale sentenza.

  7. #7
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Ecco il testo della sentenza

    Cassazione - Sezione terza civile - sentenza 6 aprile - 12 luglio 2006, n. 15760

    Presidente Duva - relatore Petti

    Pm Iannelli - parzialmente conforme - ricorrente Lombardo ed altri - controricorrente Francica ed altro

    Svolgimento del processo

    Il 4 luglio 1989 il minore Giovanni Lombardo, mentre si trovava a bordo di un pedalò, nelle acque della rada di Spisone, in Taormina, era investito, scaraventato in mare e travolto da un idrogetto Yamaha condotto dal minore Domenico Francica. In seguito all'urto il Lombardo decedeva all'ospedale di Messina.

    Con citazione del maggio 1990 i genitori di Giovanni, Lombardo Carmelo e Falanga Francesca Antonia, ed il fratello convivente, Lombardo Salvatore, convenivano in giudizio il conducente del mezzo e per esso ì genitori (Francica Nicola e Mazza Giuseppina), i proprietari del mezzo investitore (Costantino Giovanni e Vinciguerra Maurizio) e l'impresa assicuratrice SARA assicurazioni Spa e ne chiedevano la condanna al risarcimento dei danni morali, conseguenti alla morte del congiunto, nonché alla rifusione dei danni patrimoniali, incluse le spese di costituzione nel giudizio penale, concluso per effetto della sopravvenuta amnistia. Si costituivano tutti i convenuti, contestando l'an debeatur, e l'impresa eccepiva l'inoperatività della polizza, avendo l'idrogetto una potenza superiore ai 25 cavalli ed esigendo, per la guida, la patente nautica.

    Il Tribunale di Messina, con sentenza del 22 aprile 1998, accertava che la colpa esclusiva dell'incidente era da ascriversi al conducente dell'idrogetto e che vi era responsabilità per culpa in vigilando ed in educando dei genitori, che l'assicurazione copriva il mezzo e che vi era responsabilità solidale dei proprietari del mezzo che era stato locato ai frequentatori del luogo.

    Il Tribunale liquidava i danni patrimoniali ed i danni morali, contenendoli in cinquanta milioni di lire per ciascun genitore ed in 25 milioni per il fratello (ai valori del 1998).

    Contro la decisione veniva proposto appello principale dagli aventi causa dal defunto in relazione alla ridotta liquidazione dei danni morali, e ciò sia in relazione alla gravità del danno, sia in relazione ai parametri tabellati dal Tribunale dì Milano, quale sede del maggior contenzioso italiano in materia di danni da circolazione.

    Veniva proposto appello incidentale dai genitori del giovane conducente e dall'impresa assicuratrice in relazione all'inoperatività della garanzia.

    La Corte di appello di Messina, con sentenza del 21 settembre 2001 così decideva: in accoglimento dell'appello principale aumenta la somma relativa al danno morale da corrispondere nella misura di 100 milioni in favore dei genitori e di 40 milioni in favore del fratello convivente, con rivalutazioni ed interessi decorrenti dal marzo 1990, condannando in solido gli appellati a corrispondere le maggiori somme; rigetta gli appelli incidentali e condanna gli appellati, in solido, alla rifusione delle spese del giudizio in favore degli appellanti principali, compensandole tra gli appellati.

    Contro la decisione hanno proposto ricorso, in punto di liquidazione del danno morale, gli aventi causa dal defunto Giovanni Lombardo, deducendo unico motivo di ricorso e hanno depositato memoria; hanno resistito con controricorso i genitori del conducente minore autore dell'incidente; hanno proposto ricorso incidentale ì proprietari responsabili solidali, in punto di an e quantum debeatur.

    Per la SARA è stata svolta discussione orale. E' stata depositata memoria dai ricorrenti principali.

    I ricorsi sono stati previamente riuniti (articolo 335 Cpc).

    Motivi della decisione

    Il ricorso principale merita accoglimento, dev'essere invece rigettato il ricorso incidentale.

    Secondo l'ordine logico della questioni dev'essere esaminato per primo il ricorso incidentale di Vinciguerra Maurizio e Costantino Giovanni, responsabili civili in quanto proprietari del mezzo investitore.

    A. Esame del ricorso incidentale (32971/02).

    Il ricorso si articola in due motivi: nel primo motivo si deduce l'omessa e contraddittoria motivazione della sentenza di appello sia sull'an che sul quantum debeatur. Sotto il primo profilo la tesi è che il giudice di appello ha fondato l'accertamento della responsabilità del minore utilizzando atti e testimonianze rese nel processo penale e la perizia tecnica ivi contenuta. La Corte nella sua motivazione non avrebbe adeguatamente spiegato le ragioni della utilizzazione di tali atti e non avrebbe analizzato le deposizioni testimoniali.

    Sotto il secondo profilo- la tesi è che la Corte avrebbe aumentato la valutazione del danno morale, indicando gli elementi di valutazione personalizzanti, ma disapplicando la limitazione fatta dai tribunali, inclusi quelli milanesi, che lo delimitano ad un terzo circa della valutazione del danno biologico.

    Nel secondo motivo si chiede la conferma della statuizione della responsabilità solidale dell'impresa, sul rilievo che la perizia tecnica sulla potenza del natante conferma che la potenza effettiva era inferiore ai 25 cavalli e che pertanto il mezzo non esigeva la guida con patente nautica.

    In relazione al primo motivo si osserva che il medesimo è inammissibile per difetto di specificità e di autosufficienza, in relazione alla critica dello accertamento della responsabilità, che invece risulta ampiamente ed analiticamente motivato dai giudici del riesame (v. pagg. da 7 a 9 della motivazione).

    La produzione della documentazione del processo penale è avvenuta sull'accordo e nel contraddittorio delle parti e dunque gli elementi di prova ben potevano essere esaminati e considerati nel contesto probatorio del processo civile.

    Quanto al secondo profilo del prima motivo, la infondatezza deriva dalla sua non decisività, in relazione alla natura equitativa della valutazione del danno morale secondo criteri di gravità e di personalizzazione del danno, avendo un valore meramente orientativo le tabelle dei tribunali che collegano la valutazione del danno morale a quella del danno biologico. ma sui principi informatori e sulle regole generali per la tutela del danno morale da morte, si dirà più ampliamente nella considerazione della fondatezza del ricorso principale.

    Quanto al secondo motivo si osserva che la Sara non ha ulteriormente impugnato la statuizione che la vede responsabile solidale, onde sul punto si è formata re giudicata interna. I ricorrenti non possono dunque dolersi della statuizione che giova alla propria posizione di solidali.

    B. Esame del ricorso principale (31147/02) degli aventi causa dal defunto Lombardo Giovanni.

    Lamentano i ricorrenti “la omessa o quanto meno insufficiente motivazione in ordine ai criteri di liquidazione del danno morale, in relazione agli articoli 2043 e 2059 Cc”. Interpretando la censura, come argomentata nella sua esposizione, essa involge non solo il vizio della motivazione, ma contestualmente l'error in iudicando per la errata applicazione dei criteri di risarcimento del danno morale come danno ingiusto, che viene richiesto iure proprio, come danno consequenziale alla morte del congiunto.

    Lamentano in vero i ricorrenti la iniquità della decisione dei giudici di appello, e la contraddittorietà della motivazione che pur corregge in parte la liquidazione a livelli minimali del danno da morte. Infatti i giudici messinesi, nella sintetica ed apodittica motivazione, dopo aver sostenuto dì dover tener conto di parametri “intermedi” (quali “la età della giovane vittima, la drammaticità e la violenza dell'evento della morte in una situazione che doveva, invece essere di svago e di divertimento, il conseguente dolore dei genitori”), per la valutazione della gravità rilevante dell'evento, (tale da modificare radicalmente la qualità della vita dei genitori e del fratello convivente), provvedono ad una correzione parziale dei danni senza tener conto della natura di debito di valore e dei parametri tabellari posti in essere dai maggiori tribunali italiani, proprio per assicurare una parità od omogeneità di trattamento. Si aggiunge che la discrezionalità del giudice deve essere rivolta alla conformazione della equità valutativa alla funzione sociale di deflazione delle controversie soprattutto quando il contraddittorio si instaura nei confronti delle imprese assicuratrici che contestano la ragionevolezza della discrezionalità assoluta dei giudici.

    Il motivo merita accoglimento con alcune puntualizzazioni, onde enunciare i principi di diritto cui dovranno attenersi i giudici cui la lite è rimessa per la rivalutazione del danno morale da morte.

    Una prima puntualizzazione attiene alla definizione del danno ingiusto da morte, nell'ambito dell'illecito civile, che includa anche lo illecito da circolazione di natanti (cfr articolo 2 legge 990/69) come è nel caso in esame. La struttura dell'illecito, è identica a quella descritta dallo articolo 2043 Cc, come clausola generale del neminem laedere, ovvero come principio regolatore della materia della responsabilità aquiliana (cfr Cassazione Su 500/99).

    Orbene ritiene questa Corte, dopo aver constatato la infondatezza del ricorso incidentale, che i parenti del defunto, vittima primaria, abbiano dato la prova del fatto storico dell'illecito civile con danno ingiusto da morte, e di avere subito, a propria volta, un danno parentale non patrimoniale, meritevole di tutela ai sensi dell'articolo 2059 Cc. Sulla legittimazione dei parenti per la tutela del proprio danno del resto non si discuteva neppure nella fase del merito, e comunque il ricorso incidentale che dubitava dell'an debeatur è stato respinto ed il dubbio concerneva genericamente la ricostruzione fattuale.

    Il danno parentale è stato chiesto e liquidato come danno subito iure proprio, direttamente dai familiari stretti, per la perdita del congiunto, come danno morale derivante dal reato di omicidio colposo costituente illecito civile.

    Poiché questa Corte è vincolata dal motivo del ricorso principale, che insiste nella richiesta del solo danno morale iure proprio, non possono venire in esame, se non come obiter sistematico (descrittivo dell'intera tutela oggi esperibile), il danno morale del defunto, trasmissibile iure hereditatis (cfr.Cassazione 11601/04), ovvero il danno biologico del defunto, in relazione alla morte non immediata, ormai riconosciuto da consolidata giurisprudenza, come trasmissibile iure hereditatis, sia pure con orientamenti contrastanti circa i criteri di liquidazione, ovvero ancora il danno da morte come perdita della integrità e delle speranze di vita biologica, in relazione alla lesione del diritto inviolabile della vita, tutelato dall'articolo 2 della Costituzione (vedi espressamente Corte Costituzionale sentenza 132/85) ed ora anche dall'articolo II-62 della Costituzione europea, nel senso di diritto ad esistere,come chiaramente desumibile dalla lettera e dallo spirito della norma europea.

    La dottrina italiana ed europea che riconoscono la tutela civile del diritto fondamentale della vita, premono per il riconoscimento della lesione come momento costitutivo di un diritto di credito che entra istantaneamente come corrispettivo del danno ingiusto al momento della lesione mortale, senza che rilevi la distinzione tra evento di morte mediata o immediata. La certezza della morte, secondo le leggi, nazionali ed europee è a prova scientifica, ed attiene alla distruzione delle cellule cerebrali e viene verificata attraverso tecniche raffinate che verificano la cessazione della attività elettrica di tali cellule. La morte cerebrale non è mai immediata, con due eccezioni: la decapitazione o lo spappolamento del cervello.

    In questo quadro anche il danno da morte, come danno ingiusto da illecito è trasferibile mortis causa, facendo parte del credito del defunto verso il danneggiante ed i suoi solidali.

    Ma questa suggestiva problematica, che tiene conto della Costituzione europea e del principio di prevalenza della fonte costituzionale europee (articolo 16) che integra e completa la fonte italiana sul diritto alla vita (articolo 2 e 3 secondo comma della Costituzione tra di loro correlati, essendo la vita la condizione esistenziale della espansione della persona umana), non è interessata dal caso in esame, che riguarda invece il danno ingiusto parentale conseguente alla morte del congiunto, danno che è stato ormai stabilmente collocato dentro l'articolo 2059 cc, dal diritto vivente.

    La seconda puntualizzazione, partendo dalla delimitazione del petitum e della causa petendi, attiene alla individuazione dei principi informatori (cfr.Corte Costituzionale, sentenza 206/04) ovvero dei principi regolatori della materia (cfr Cassazione, terza, Sezione civile, sentenza 382/05), ovvero dei criteri equitativi di valutazione del danno parentale da morte (cfr.articolo 2059 Cc correlato agli articoli 2056 e 1226 Cc) che non risultano derogati o modificati dalle leggi speciali sull' assicurazione di veicoli e natanti (e neppure dal codice ormai vigente delle assicurazioni).

    Tale puntualizzazione si rende doverosa in relazione al contenuto della censura dedotta in ricorso ed in vero la iniquità o la insufficienza del risarcimento del danno morale, già evidente dalla sommaria motivazione, deriva dalla mancata consapevolezza della efficacia dei principi informatori e regolatori della materia, sottovalutando la esistenza delle condizioni soggettive rilevanti che attengono ad interessi personali costituzionalmente protetti. Da ciò deriva poi la scelta di criteri di risarcimento non satisfattivi, affidati ad una equità valutativa che rasenta l'arbitrio e che pretende una insindacabilità, pur violando il principio fondamentale (informatore, a livello costituzionale, regolatore a livello codificato) che anche il danno morale, da chiunque subito, deve essere integralmente risarcito.

    1. Principio informatore di rango costituzionale (anche europeo, cfr:articolo II-62 e 63 Costituzione ratificata dall'Italia con legge 57/2005) è quello del diritto delle vittime al risarcimento totale dei danni, patrimoniali e non patrimoniali, conseguenti alla lesione di diritti umani fondamentali (cfr. Corte Costituzionale 132/85 e Corte Costituzionale sentenza 184/86).

    Il danno da morte dei congiunti (cd danno parentale) come danno morale interessa la lesione (divenendo perdita non patrimoniale) di due beni della vita, inscindibilmente collegati: a) il bene della integrità familiare, con riferimento alla vita quotidiana della vittima con i suoi familiari, in relazione agli articoli 2, 3, 29, 30, 31, 36 della Costituzione (cfr: puntuale il riferimento in Corte Costituzionale 132/85 cit.); b) il bene della solidarietà familiare, sia in relazione alla vita matrimoniale che in relazione al rapporto parentale tra genitori e figli e tra parenti prossimi conviventi, specie quando gli anziani genitori sono assistiti dai figli, e ciò in relazione agli articoli 2, 3, 29 e 30 della Costituzione.

    L'attuale movimento per la estensione della tutela civile ai PACS (patti civili di solidarietà ovvero stabili convivenze di fatto) conduce appunto alla estensione della solidarietà umana a situazioni di vita in comune, e dunque prima o poi anche i “nuovi parenti” vittime di rimbalzo lamenteranno la perdita del proprio caro. Nel caso di specie il danno parentale interessa una societas stabilizzata con vincolo matrimoniale e discendenza legittima, onde i referenti costituzionali sono certi.

    Questa ricostruzione, costituzionalmente orientata e testata, consente di capire il principio informatore della tutela risarcitoria integrale di questa figura di danno morale, principio che informa regole e criteri sottostanti.

    2.Un secondo principio, questa volta regolatore della materia (illecito da circolazione di veicoli e natanti) si desume dall'interpretazione costituzionalmente orientata dell'articolo 2059 Cc, che la dottrina italiana auspicava, anche attraverso la comparazione del diritto italiano con quella europeo ed anglosassone che svincolano il danno morale come lesione della dignità o integrità morale della persona, dall'accertamento dì un fatto reato.

    La svolta sistematica giurisprudenziale, come è noto, si è verificata, come incipit, con la sentenza, compositiva di un contrasto, delle Su civili 2515/02, che ha affermato la piena autonomia del danno morale rispetto al danno biologico (in relazione ad un disastro ambientale), ed è seguita, sempre sul piano sistematico, ma con orientamento costituzionale dalle due note sentenze nn.8827 e 8928 del 2003, confermate dalla meno nota sentenza 16176/03 che le precede nel tempo della deliberazione e contiene utili precisazioni concettuali.

    Il principio regolatore della materia che si desume dall'articolo 2059 Cc costituzionalmente orientato, ed esteso, pur mantenendo la cd tipicità delle fattispecie (che esclude la inclusione della categoria generale del danno esistenziale, che solo il legislatore può fare, e non già la dottrina creativa del diritto) al danno parentale, in relazione a posizioni soggettive costituzionalmente protette di danno non patrimoniale, è dunque quella del risarcimento integrale del danno morale diretto, subito dai parenti, a prescindere dall'accertamento del reato (in sede di responsabilità civile) ed a maggior ragione in presenza di un fatto reato lesivo della persona anche a titolo di colpa (omicidio colposo,come è nella specie). Il fatto reato rileva come peso, come entità da valutare ai fini della complessa valutazione del danno parentale morale.

    La consapevolezza di tale principio giova nella fase della liquidazione del danno.

    La conclusione ermeneutica da trarre, considerando il principio informatore e quello regolatore, è che la lettura costituzionalmente orientata dell'articolo 2059 Cc, ferma la tipicità della fattispecie in relazione al danno ingiusto ed alla lesione del diritto o dell'interesse della persona, include anche la qualificazione e la stima del danno morale da reato, e del danno parentale subito dalla vittima di un omicidio colposo.

    3. I criteri informatori della valutazione del danno morale parentale, iure proprio, si desumono chiaramente dal combinato disposto tra gli articoli 2056,2059 e 1226 Cc, per la valutazione equitativa del danno morale, che per la sua stessa natura, non puó essere provato nel suo preciso ammontare, essendo un danno eminentemente rapportato alle qualità morali della persona ed alle sue condizioni, oggettive oltre che soggettive.

    Non a caso la Costituzione europea colloca il danno morale sotto il valore universale della dignità umana (articolo II-61) dotata di inviolabilità e di garanzia giurisdizionale e risarcitoria piena (articolo II-107) e non a caso questa Corte ha collegato la tutela del danno morale alla integrità morale della persona (Cassazione Su 1338/04 e Cassazione 19057/03).

    Il criterio della valutazione equitativa del danno morale, secondo le regole codificate del codice civile, non è stato toccato dalle leggi di riforma assicurative, e neppure dalle tabelle attualmente vigenti nei tribunali italiani, quando includono i criteri di valutazione di un danno morale strettamente consequenziale al danno biologico primario e per il medesimo soggetto. Il nuovo codice delle assicurazioni, vigente dal 1 gennaio 2006, giustamente non se ne occupa, ad evitare questioni di costituzionalità.

    L'applicazione dei criteri dì valutazione equitativa al danno ingiusto morale da illecito della circolazione dei natanti, non appartiene pertanto all'arbitrio del giudice, ma alla sua prudente discrezionalità, che è circostanziata, e che considera le condizioni della vittima e la natura permanente del danno, in relazione alle perdite irreparabili della comunione di vita e di affetti, e della integrità della famiglia naturale o legittima, ma solidale in senso etico prima che giuridico.

    Non a caso il criterio generale dell'articolo 1226 usa le parole “preciso ammontare”, per indicare la tendenza al rendere totale il ristoro satisfattivo, nella valutazione di prudente discrezionalità.

    Le tre puntualizzazioni sistematiche in ordine ai principi informatori, regolatori ed ai criteri di valutazione equitativa, giovano dunque alla considerazione della fondatezza del ricorso, rendendo evidente la iniquità del risultato valutativo e dunque la violazione delle norme di diritto, segnatamente indicate nel ricorso con il solo riferimento ai principi generali ed ai criteri di valutazione.

    Riproduciamo per chiarezza l'intero passo della sentenza (ff 11) che riguarda la rideterminazione del danno morale:

    “Va detto a proposito che non possono prendersi in considerazione i parametri adottati dagli organi giudiziari di Milano perché essi non hanno carattere di generalità e di certezza. Tenendo conto però di altri parametri intermedi, della giovane età della vittima, la drammaticità e la violenza dell'evento della morte in una situazione, che doveva essere invece di svago e di divertimento, il conseguente intenso dolore dei congiunti, importa che il danno morale va valutato ad oggi (31 maggio 2001) in lire 100 milioni per ciascun genitore e lire 50 milioni per il fratello).

    Il danno morale parentale, si è verificato, nella lettura costituzionalmente orientata, come danno diretto non patrimoniale, a partire dalla consumazione del fatto illecito, che è del 4 luglio 1989 (dodici anni prima della seconda decisione, che lo ridetermina ancora riduttivamente).

    L'analisi dei due argomenti che sostengono la motivazione impugnata è colpita dalla censura dei ricorrenti: la prima affermazione è logicamente errata, dal punto di vista della valutazione equitativa, sempre per la violazione del principio informatore. Dal punto di vista del danno morale parentale, non conta che il figlio sia morto a Taormina, nella giurisdizione territoriale di Messina, od a Gallarate nella giurisdizione territoriale di Milano, od a Roma nel quartiere dei Parioli ovvero nella sua periferia. Conta la morte in sé, ed una valutazione equa del danno morale, che non discrimina la persona e le vittime primarie o secondarie, né per lo stato sociale, né per il luogo occasionale della morte.

    Le tabelle milanesi sono quelle statisticamente testate, Per il numero elevato dei casi giudiziari e delle transazioni extragiudiziarie italiane.

    Esse dunque orientano, per i parametri, in modo statisticamente più equalitario, delle tabelle del tribunale di Messina, e dunque motivi di opportunità e di logica, rendono evidente che, dal punto di vista umano dell'esperienza, esse indicano un criterio generale di valutazione, che il giudice messinese poteva adottare, almeno al fine di valutare comparativamente se la propria valutazione conduceva ad un “ammontare preciso”, minore o maggiore del danno ingiusto parentale.

    La seconda affermazione, quella che pone sulla bilancia della equità, il peso della gravità del danno utilizzando i parametri intermedi, è invece claudicante.

    In vero non si tratta di parametri, ma di circostanze e di condizioni, indicate alla rinfusa, posto che in parte attengono al danno diretto della vittima (la età, la violenza dello evento della morte, la morte che viene durante una vacanza) in parte attengono al danno diretto dei parenti (inteso riduttivamente come dolore transeunte, senza alcuna considerazione delle perdite permanenti della integrità e della solidarietà familiare, che pure erano intrinseche alle circostanze dedotte dai ricorrenti). Sulla bilancia della gravità il peso del danno parentale doveva essere esattamente compiuto, posto che sull'altro piatto dell'equità il giudice poneva il peso del criterio della valutazione personalizzante, che deve avvicinarsi, il più possibile al preciso ammontare del danno.

    Ma la scelta di questo secondo peso, perfettamente equilibratore è totalmente mancata. Un solo verbo : importa. C'é una assoluta contraddittorietà, manca la prudente discrezionalità, manca il criterio informatore della personalizzazione.

    Se anche il legislatore del codice delle assicurazioni ha mantenuto il rispetto dei principi regolamentatori della materia del danno morale come danno non patrimoniale, aderendo alla giurisprudenza della Cassazione, peraltro condivisa dalla Corte Costituzionale (sentenza 233/03) non si vede come, nella motivazione, necessariamente analitica e circostanziata, del giudice del merito, non appaia un chiaro riferimento ad un parametro equitativo che consideri la entità del danno morale, accertato in misura lieve, grave, gravissima, e la traduca in un congruo equivalente economico, paragonato a tale entità.

    Il sistema della congrua offerta, introdotto nelle leggi RCA e quindi consolidato come principio dì esatto adempimento, negli articoli 148 e 149 del codice delle assicurazioni, evidenzia il principio generale che l'impresa solidale è tenuta a fare una offerta adeguata all'insieme dei danni, patrimoniali e non patrimoniali (incluso il danno biologico) pur nei limiti del massimale. Orbene il massimale prevede il ristoro del danno da morte, che si estende anche ai familiari, ed indica una cifra elevata (anche nel minimo tabellare di legge).

    Il parametro di valutazione equitativa del danno morale parentale deve dunque partire dalla soglia della gravità e della permanenza degli effetti del danno ingiusto, nei termini come sopra precisati, e potrà utilizzare i parametri tabellari utilizzati attualmente dai Tribunali o dalle Corti, rispettando il principio della personalizzazione ed il criterio equitativo dell'approssimazione al preciso ammontare, così come potrà utilizzare, sempre orientativamente, le tabelle nazionali di prossima approvazione proprio nell'ambito delle lesioni gravi di cui all'articolo 138 del codice delle assicurazioni.

    Quello che il giudice di merito non può fare è la applicazione automatica delle tabelle, sia convenzionali che nazionali, le quali sono state concepite per la stima del danno biologico, il quale è per natura e per essenza, la lesione della integrità psicofisica, mentre il danno morale è per natura ed essenza la lesione della integrità morale, dove il termine “integrità” scelto dalla Costituzione europea per descrivere il valore universale e cristiano della dignità umana, esprime la centralità dell'uomo nell'ordine costituzionale della unione europea, di cui siamo Stato membro e fondatore.

    Alla luce di queste considerazioni la censura dei ricorrenti merita accoglimento, e la sentenza di appello viene cassata con rinvio alla Corte di appello di Reggio Calabria che si atterrà ai principi di diritto come sopra formulati, per la corretta valutazione del danno parentale morale diretto, provvedendo anche in ordine alle spese di questo giudizio di cassazione.

    PQM

    Riunisce i ricorsi, accoglie il ricorso principale e rigetta quello incidentale, cassa in relazione e rinvia anche per le spese dì questo giudizio di cassazione alla Corte di appello di Reggio Calabria.

  8. #8
    Ashmael
    Ospite

    Predefinito

    Per una volta che la Cassazione ne fa una giusta...

  9. #9
    presbitero cristiano ortodosso
    Data Registrazione
    04 Jan 2005
    Località
    ed eretico perfino di se stesso -contraddisse e si contraddisse
    Messaggi
    2,381
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da motan
    Esistono dei precedenti anche sotto il governo berlusca:
    [COLOR=black]Cassazione, sentenza equipara coppie di fatto a famiglia
    Gli 'ermellini', inoltre, "dovendo confrontarsi con le mutate concezioni che via via si sono affermate nella società moderna", rilevano come "la giurisprudenza, in materia di rapporti interpersonali, ha considerato la 'famiglia di fatto' quale realtà sociale che, pur essendo al di fuori dello schema legale cui si riferisce, esprime comunque caratteri ed istanze analoghe a quelle della famiglia 'stricto sensu' intesa".

    E devo dire che condivido in pieno tale sentenza.

    Vediamo se è possibile-pacatamente -riflettere (e devo dire laicalmente come scenografia di fondo ) non tanto sulla portata della sentenza della Cassazione quanto -e sempre pacatamente-sul significato e sul senso della testimonianza cristiana ( a prescindere -per il momento-dalle tende ecclesiali) nella nostra società globale,multietnica,plurale

    Quindi una riflessione tutta interna alla scelta di fede e quindi senza invocare
    vari ritualità come invece il forumista Mappo Tappo scrive

    Mappo Tappo Cita:

    Purtroppo non ci trovo nulla di strano, questo è il rito ambrosiano che negli anni 90 dettava legge a Milano e altrove.

    Ammesso ( e di questo personalmente e spiritualmente non ne sono convinto) che esista una specifica etica cristiana non è ammissibile (ed anche di questo esistenzialmente e spiritualmente ne sono convinto in misura perfino maggiore della prima non convinzione) che esista un diritto di verità civica dei cristiani a pretendere,ad esigere-in nome e per conto della loro professione di fede e della loro fede nella rivelazione salvifica di Cristo-che le leggi politiche della società civile siano totalmente strutturate all'interno di tale esclusività non riconoscendo(e al massimo tollerando) esistenze diverse ed esigenze altre

    Non intendo invocare( potrei pure farlo come valore laico in sè e per sè) la laicità dello stato,il principio della democrazia plurale al plurale ma invoco -come discorso al nostro interno la nostra necessità a non peccar di idolatria,a non voler costruire per la nostra fede facili sicurezze sociali e civiche.Il cristiano(sia personalmente sia ecclesialmente) a mio avviso è chiamato al border line,a non avere dove posare il capo.

    Mi si dirà.:Ma questa giurisprudenza e queste scelte politiche frantumano la famiglia,l'ordine naturale, non più i cosacchi a san pietro,ma zapatero,gli zapateristi,e tutta la rappresentanza( a mio avviso spesso altrettanto talebana e altrettanto integralista) culturale dell'area dei cosidetti diritti radicali soggettivi della persona

    E io chiedo,mi chiedo e vi chiedo:E allora? NOn intervengo sul pericolo della frantumazione paventata,sulla crisi e lo sfacelo morale descritto a fosche tinte anche da autorevoli interventi,ma pongo la questione radicale di fede ,NOn siamo forse chiamati ad essere sempre e comunque minoritari, a testimoniare con la nostra vita e solo con essa la radicalità del Vangelo a cui diciamo di tendere e che diciamo di amare? E nel nostro Vangelo non c' è anche iscritta la progettualità della misericordia che non significa riconsocere i diritti radicali soggettivi della persona per come essi sono reclamati dagli altri talebani di segno contrario al nostro ma significa ancora una volta distinguere radicalmente i piani (vi rimando al forum ortodosso sul 3d sull'omosessualità e agli interventi limpidi del forumista Informatore) e lasciar fare allo stato ,che è altro da noi, il suo compito ministeriale di stato nel plurale delle esistenze.e cioè regolamentare fenomeni,riconoscere l'esistenza reale di situazioni che certamente sono esse stesse di per sè altro da noi ma che possiedono il diritto costituzionale ad assumere rilevanza e a chiedere soluzioni e la corte,caro catholikòs,da sempre ha avuto -e legittimamente-il compito non di far le leggi ma di comunicare al legislatore i suoi ritardi e le sue omissioni verso situazioni sociali ormai rilevanti .Questa si è la sana laicità

    Io non credo che PACS,omosessualità,(ovviamente discorso diverso,molto diverso quello sulla pedofilia),aborto, anche la questione e il dibattito sule droghe (droghe al plurale e nella diversificazione del plurale) siano i segni dell'anticristo . Forse l'anticristo come in fondo ci narra Soloe'v sarà un perfetto padre di famiglia,rigorosamente etero,perfino monogamo,cristiano praticante,devoto e pio,nemico totale di ogni diversità,uomo probo e virtuoso ,ricco di amor patrio ma sarà incredibilmente egli l'anticristo

    Padre Giovanni

  10. #10
    Iscritto
    Data Registrazione
    20 Dec 2005
    Località
    On ne peut bien écrire que de ce qu'on ignore
    Messaggi
    1,036
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sono solo parzialmente d'accordo con la tesi del Padre Giovanni.

    A volte ho come l'impressione che lui condivida quella speranza che - lui ricorderà - era abbastanza diffusa negli ambienti rivoluzionari in Europa negli anni '60 e '70, e che si può esprimere nella frase 'tanto peggio, tanto meglio'. I rivoluzionari sostenevano che - per esempio - i sindacati non dovevano agire per, non so, un miglior trattamento delle maestranze, una diversa gestione del personale, un aumento risicato dei salari. Anzi: si doveva rendere sempre più evidente e chiara la logica spietata e asservitrice del capitale, perché le masse potessero rendersi conto, sollevarsi e instaurare il nuovo mondo.

    Io ho il sospetto che lui tutto sommato tolleri il dilagare dell'immoralità perché questo di fatto accelera la Parusia. Quando questa apostasia sarà consumata, il Signore tornerà. E lui desidera così tanto questo ritorno.

    Ora, nel mio piccolo anche io sento di desiderare il ritorno del Signore. Tuttavia vorrei che mi trovasse intento alla costruzione (perennemente frustrante e frustrata) di una città dell'uomo in cui l'uomo possa dignitosamente abitare. Lo so, caro Padre: è come costruire un castello di sabbia in fondo al mare. E' una tela di penelope che la notte vien disfatta. D'altra parte io sento di dover condurre e prolungare fino nei penetrali della politica e dell'etica la logica dell'incarnazione.

    Pur laicamente riconoscendo l'autonomia della realtà temporale, vorrei tentare - con mezzi rigorosamente democratici e mantenendo sempre e comunque il rispetto per l'altro e l'ascolto dell'altro - di combattere la buona battaglia anche difendendo e cercando di affermare i miei valori, argomentandoli e ricercando un consenso su di essi.

    Mi sembra che Kafka dicesse una cosa del genere: 'Non verrà. Ma se venisse, vorrei esserne degno in ogni momento'. Dello sforzo per esserne degno (per cercare di esserne degno) fa parte l'azione storica, sociale, politica.

    Esiste un'etica cristiana? Padre Giovanni si dice non persuaso. Non ho capito tuttavia in che direzione va questa non persuasione: se in quella non-cognitivistica (l'etica non ha un vero fondamento razionale) o se in quella super-cognitivistica (l'etica /cristiana/ non esiste, come non esistono la fisica /cristiana/ o la matematica /cristiana/. Esiste l'etica, punto.) Conoscendolo un po', penso che si tratti di non-cognitivismo non 'analitico' ma 'mistico'.

    Io mi dichiaro cognitivista in etica (ossia ritengo che - entro certi limiti - vi sia un fondamento razionale del discorso etico: ovviamente sarebbe da argomentare...) e ritengo che esista una specificità cristiana dell'etica (come diceva Kierkegaard, l'obbedienza di Abramo al comando di Dio è eticamente riprovevole: per comprenderla occorre una ricontestualizzazione delle portanti etiche alla luce della rivelazione ebraica e cristiana).


    Grazie,

    Barsanufio

 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Golpe giudiziario?
    Di Giò nel forum Destra Radicale
    Risposte: 68
    Ultimo Messaggio: 12-02-11, 03:07
  2. il golpe giudiziario del pool...
    Di careca nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 30-06-09, 17:45
  3. Torna l'ombra del golpe giudiziario
    Di salvo.gerli nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 27-05-09, 14:47
  4. La Camera ha approvato il golpe giudiziario
    Di DrugoLebowsky nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 21-07-05, 16:46

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226