User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    18 Apr 2009
    Messaggi
    1,535
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Corte dei Conti critica il Dpef: manca vera lotta all'evasione

    Conti pubblici. Corte dei Conti critica il Dpef: manca vera lotta all'evasione, previsioni di crescita non verificabili
    Roma, 14 luglio 2006

    "Ciò che continua a risaltare è l'assenza, ripetutamente lamentata dalla Corte, di una strategia di contrasto all'evasione che sia finalmente intesa come un'ordinaria attività gestionale”. E’ la critica del Presidente della Corte dei Conti Francesco Staderini.
    Manca una programmazione “che, partendo dalla periodica e sistematica quantificazione delle dimensioni e della composizione del fenomeno dell'evasione - per imposta, tipologia di contribuente, territorio, classe di reddito e quant'altro - fissi e renda noti obiettivi e traguardi generali e specifici di riduzione delle perdite di gettito e definisca coerenti misure di contrasto, da aggiornare e rivedere continuamente sulla base della costante verifica dei risultati conseguiti e pubblicizzati".
    Nel corso dell’audizione alla Camera dei Deputati, ha poi aggiunto che la spesa pubblica registra "una preoccupante espansione" e il buon esito delle entrate "sarebbe assorbito interamente" dalla maggiore spesa corrente primaria.
    Secondo Staderini la crescita dell'1,2% nel 2007, prevista nel Dpef, è un'ipotesi "inverificabile in assenza di indicazioni più precise sulla composizione della manovra e, in particolare, sui provvedimenti diretti a contenere il reddito disponibile di famiglie e imprese".

    http://www.rainews24.rai.it/Notizia.asp?NewsID=62957

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    "SI PUO' FARE"
    Data Registrazione
    06 Dec 2003
    Messaggi
    8,606
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    I provvedimenti sulla lotta all' evasione mi sa che erano nel decreto con il quale si portavano anche i provvedimenti sulla competitività. Evidentemente non lo hanno letto.
    "La guerra è la vicenda in cui innumerevoli persone, che non si conoscono affatto, si massacrano per la gloria e per il profitto di alcune persone che si conoscono e non si massacrano affatto." (Paul Valèry, poeta francese).

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    08 Apr 2005
    Località
    45,33 N , 9,18 E
    Messaggi
    17,827
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ossoduro
    I provvedimenti sulla lotta all' evasione mi sa che erano nel decreto con il quale si portavano anche i provvedimenti sulla competitività. Evidentemente non lo hanno letto.
    Osso , erano di facciata come i pagamenti in contanti : come se chi oggi non si fa scrupolo di evadere la legge non emettendo fattura od emettendola non veritiera domani se la fa sotto a pretendere i pagamenti in contanti.

    La lotta all'evasione si fa in un modo solo : ROVINANDO , con leggi durissime , gli evasori scoperti.Il gioco non deve valere la candela.
    Cosi' si fa in tutti i paesi dove l'evasione e' minima.
    Il SENSO CIVICO sono chiacchere.

    Certo che non e' facile : abbiamo meta' degli italiani che parteggiano per tassisti , notai , farmacisti ed avvocati , se si contrastasse sul serio l'evasione avremmo meta' di chi paga le tasse fino all'ultimo centesimo a fianco degli evasori.

    E' il paese , purtroppo , che e' di merda!
    Il problema non è Berlusconi , il problema sono gli italiani!

    DISSIDENTE POLITICO IN REGIME DA OPERETTA!
    OH CINCILLA' ... OH CINCILLA'!

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    02 Sep 2004
    Località
    Irpinia
    Messaggi
    1,218
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ossoduro
    I provvedimenti sulla lotta all' evasione mi sa che erano nel decreto con il quale si portavano anche i provvedimenti sulla competitività. Evidentemente non lo hanno letto.

    è colpa di berlusconi.....ha impedito alla corte dei conti di leggere il decreto.....
    "Oderint, dum metuant"

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    08 Apr 2005
    Località
    45,33 N , 9,18 E
    Messaggi
    17,827
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da --IHSV--
    è colpa di berlusconi.....ha impedito alla corte dei conti di leggere il decreto.....

    L'anno scorso era Apicella : certo che a Staderini non deve essere andata giu' di non essersi accorto che le casse ANAS ed FFSS erano vuote e che 3,6 miliardi sono stati usati due volte.
    Il compito della Corte dei Conti sarebbe di controllare e non di pontificare sui massimi sistemi.
    Di "pontificatori" siamo al completo!

    Oggi a Roma il 'giudizio di parificazione' sul rendiconto generale dello stato per il 2004. Le previsioni per il 2005: Pil fermo
    Corte dei Conti: 'Preoccupante
    l'aumento del deficit: nel 2005 al 4%'
    Staderini: "Serve un intervento per frenare il debito". Sulla previdenza chiesta una 'drastica riforma'. Eccessive la spesa sanitaria e degli enti locali


    Il procuratore generale della Corte dei Conti Vincenzo Apicella in una foto del 18 gennaio 2005
    ROMA - L'Italia vive al di sopra dei propri mezzi, facendo ricorso pesantemente all'indebitamento. Lo dice il procuratore generale presso la Corte dei Conti, Vincenzo Apicella, nel suo 'giudizio di parificazione' al rendiconto generale dello stato per il 2004, presentato stamattina a Roma. Le proiezioni per il 2005 del rapporto deficit/Pil "indicano una preoccupante tendenza all'aumento", il dato previsto si avvicina al 4%". Anche il debito pubblico registra una "ascesa pressochè ininterrotta e, alla fine, elevatissima".

    "Se il quadro resterà così negativo, qualche intervento occorrerà, ma spetterà al governo decidere", ha detto il presidente della Corte dei Conti, Francesco Staderini che avverte: "un aumento del deficit si tradurrebbe in un aumento del debito, estremamente negativo per il rating e la commissione Ue".

    Situazione strutturale. E non si tratta di una situazione congiunturale: riportando il rapporto deficit/Pil nel 2004, fissato al 3,2%, Apicella ha sottolineato che tale dato "risente in una certa parte di cause non recenti, non attribuibili all'attuale difficile congiuntura e neppure a comportamenti gestori posti in essere nell'ultimo anno e in quelli immediatamente precedenti".

    Difficile il 'rientro' nel 2006. A giudizio del presidente di sezione della Corte dei Conti, Fulvio Balsamo, inoltre, "livelli di disavanzo e di debito così distanti dagli obiettivi si propongono anche come una difficile base di riferimento per lo scenario del 2006, anno per il quale devono essere definiti obiettivi programmatici di finanza pubblica compatibili con un percorso di rientro verso valori condivisi a livello europeo". E, aggiunge, "sotto questo aspetto, il profilo tendenziale dei conti pubblici non è affatto rassicurante, nè con riguardo al disavanzo nè, soprattutto, con riguardo al debito pubblico".

    Indebitati anche i cittadini. Ma non è solo la pubblica amministrazione ad essere pesantemente indebitata. La spesa eccessiva, al di sopra delle entrate, è un problema nazionale che coinvolge anche i cittadini, rileva Apicella: "Fatta naturalmente una doverosa eccezione per quella fascia di cittadini che vivono in dignitose ristrettezze, e che meritano rispetto e aiuto, l'azienda Italia, da molto tempo, nel complesso e mediamente, sembra vivere al di sopra dei propri mezzi, anche a causa delle tentazioni del consumismo, ovviamente, con pesante ricorso all'indebitamento".

    In altri tempi, spiega Apicella, si sarebbe forse potuto ricorrere a un regime di austerità, ma ora "appare invece più attuale operare una più attenta e responsabile politica di spesa pubblica e privata" che coinvolga una migliore organizzazione, uno sfruttamento più razionale delle risorse e anche "un rafforzamento dei valori professionali, ma anche etici, del lavoro".

    Pil prossimo allo zero. All'indebitamento si oppone una crescita limitatissima della ricchezza nazionale: per il 2005 la Corte dei Conti prevede una crescita del Pil pari allo zero. 'Per l'Italia appare verosimile una proiezione per il 2005 non favorevole: il riflesso della caduta dell'attività produttiva negli ultimi tre trimestri prefigura una crescita del Pil prossima alla zero", dice il presidente Balsamo.

    Deludente la riscossione dei tributi. Il sistema della riscossione dei tributi appare ancora deludente, con le concessionarie che, dal 2000 al 2004, hanno riscosso solo il 5% dell'ammontare netto riscuotibile. "Nell'ultimo quadriennio - dice Apicella - l'ammontare annuo delle somme riscosse dalle società concessionarie sui ruoli emessi dall'agenzia delle entrate e da quella delle dogane, svincolato dall'anno di affidamento del carico, ha presentato una flessione del 42,18%, passando dai 1.596 milioni di euro nel 2000, ai 923 dell'anno 2004".

    "Si tratta - specifica poi Apicella - evidentemente di risultati fortemente negativi, soprattutto se confrontati all'entità dell'onere finanziario (circa 500 milioni di euro) che il bilancio dello Stato è chiamato a sopportare per sostenere il sistema delle concessioni".

    Diminuisce solo in apparenza pressione fiscale. La pressione fiscale nel 2004 si è ridotta di un punto, ma solo grazie a sanatorie e condoni. "La pressione fiscale, cresciuta di 0,7 punti tra il 2002 e il 2003 è diminuita nel 2004 di quasi un punto percentuale (dal 42,6 al 41,7%) - dice Balsamo - quasi per intero attribuibile tuttavia alla riduzione delle imposte in conto capitale (-50,2%), categoria che contabilizza gli introiti delle sanatorie tributarie e del condono edilizio". Per essere più chiaro Balsamo spiega ancora che "al netto di tale componente straordinaria sia la pressione fiscale che la pressione tributaria hanno mantenuto sostanzialmente invariata l'incidenza rispetto al Pil".

    Stop ai condoni. La Corte ritiene che bisogna interrompere la stagione dei condoni che condizionano negativamente i comportamenti dei contribuenti e lavorare alla lotta all'evasione: "Siamo contrari ai condoni: sono misure eccezionali che falsano la realtà dei conti. Hanno anche incidenza negativa sul comportamento dei contribuenti".

    Drastiche decisioni per la previdenza. La previdenza "richiede più che mai le drastiche decisioni che ho auspicato nei giudizi sui rendiconti degli scorsi anni, quelle decisioni che l'allungarsi della vita media attiva richiedono", dice il procuratore Apicella. "Occorre - aggiunge - che sia ristabilito un più equilibrato rapporto tra vita attiva e quella coperta da pensione".

    Gli sprechi della pubblica aministrazione. Nella pubblica amministrazione, "Probabilmente è giunto il momento di abbandonare generiche considerazioni sull'esistenza di sacche di 'sprechi', che pure esistono", dice Apicella, specificando che "al riguardo, è necessario distinguere tra 'dispersioni' strutturali e 'fruizioni' patologiche dei flussi". "Per fronteggiare le prima - prosegue Apicella - non basta il contrasto in sede giurisdizionale, che invece resta strumento utile per arrestare e interrompere le seconde".

    "Un'area entro cui significativamente cominciare a sperimentare tale più meditato approccio - aggiunge Apicella - riguarda il riassetto degli enti ed organismi pubblici, con soprressione di quelli inutili o non indispensabili". In merito invece agli strumenti pensati nella finanziaria del 2004 per contenere l'entità e il costo del personale pubblico, la Corte dei Conti rileva come "l'ampiezza delle esenzioni e delle deroghe al divieto di assumere a tempo indeterminato, e l'allentamento dei suddetti vincoli per una cospicua serie di categorie di personale e di enti, rischia di vanificare tale obiettivo".

    Aumenta la spesa degli enti locali. La spesa degli enti locali, nel 2004, si è mostrata in forte ascesa, sottolinea Apicella esaminando la gestione del bilancio nel 2004. In tema di spesa, ha detto il procuratore, "emerge una netta linea di tendenza, quella che segna una notevole differenziazione tra l'andamento della spesa statale (in netta diminuzione) e quella delle Regioni, Province e Comuni (in forte ascesa).

    Eccessiva la spesa sanitaria. Non si arresta la corsa della spesa sanitaria. Lo denuncia il procuratore Apicella, che parla di "sempre maggiori livelli" di anno in anno. "Per l'anno in corso - afferma nella sua relazione - senza un notevole recupero di efficienza si prevede un deficit di almeno di 2 miliardi e mezzo, dovuto anche all'assistenza gratuita pur se umanamente giustificata, agli immigrati". Nel suo intervento il presidente di sezione Balsamo ricorda inoltre che il disavanzo del settore è tornato ad aumentare passando da 1,8 miliardi nel 2003 a circa 3,5 miliardi nel 2004.

    I commenti. "La Corte dei Conti guarda più la finanza pubblica che i grandi aggregati economici", commenta il sottosegretrio all'Economia Giuseppe Vegas, aggiungendo che quindi per capire l'andamento dell'economia italiana forse "sarebbe meglio guardare i dati Istat, Isae o di altri organismi".

    Molto critici i commenti degli esponenti dell'opposizione. In una nota il presidente della Consulta economica della Margherita Roberto Pinza definisce "gravi e preoccupanti" i dati forniti dalla Corte dei Conti, che "spingerebbero qualsiasi governo serio ad adottare misure di reazione". La Corte dei Conti "smentisce nettamente le rassicurazioni che il ministro dell'economia Siniscalco ieri ha tentato invano di spargere di fronte a una platea ormai disillusa", ribadisce il responsabile economico della Margherita, Enrico Letta. "La Corte dei Conti descrive ancora una volta impietosamente la drammatica situazione dell'economia italiana, che va a picco. Il governo si deve svegliare, perchè la crisi è grave e la fiducia dei cittadini diminuisce sempre di più", ha detto infine il presidente dei Verdi Alfonso Pecoraro Scanio.

    (24 giugno 2005)
    Il problema non è Berlusconi , il problema sono gli italiani!

    DISSIDENTE POLITICO IN REGIME DA OPERETTA!
    OH CINCILLA' ... OH CINCILLA'!

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    02 Sep 2004
    Località
    Irpinia
    Messaggi
    1,218
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da furbo
    L'anno scorso era Apicella : certo che a Staderini non deve essere andata giu' di non essersi accorto che le casse ANAS ed FFSS erano vuote e che 3,6 miliardi sono stati usati due volte.
    Il compito della Corte dei Conti sarebbe di controllare e non di pontificare sui massimi sistemi.
    Di "pontificatori" siamo al completo!

    Oggi a Roma il 'giudizio di parificazione' sul rendiconto generale dello stato per il 2004. Le previsioni per il 2005: Pil fermo
    Corte dei Conti: 'Preoccupante
    l'aumento del deficit: nel 2005 al 4%'
    Staderini: "Serve un intervento per frenare il debito". Sulla previdenza chiesta una 'drastica riforma'. Eccessive la spesa sanitaria e degli enti locali


    Il procuratore generale della Corte dei Conti Vincenzo Apicella in una foto del 18 gennaio 2005
    ROMA - L'Italia vive al di sopra dei propri mezzi, facendo ricorso pesantemente all'indebitamento. Lo dice il procuratore generale presso la Corte dei Conti, Vincenzo Apicella, nel suo 'giudizio di parificazione' al rendiconto generale dello stato per il 2004, presentato stamattina a Roma. Le proiezioni per il 2005 del rapporto deficit/Pil "indicano una preoccupante tendenza all'aumento", il dato previsto si avvicina al 4%". Anche il debito pubblico registra una "ascesa pressochè ininterrotta e, alla fine, elevatissima".

    "Se il quadro resterà così negativo, qualche intervento occorrerà, ma spetterà al governo decidere", ha detto il presidente della Corte dei Conti, Francesco Staderini che avverte: "un aumento del deficit si tradurrebbe in un aumento del debito, estremamente negativo per il rating e la commissione Ue".

    Situazione strutturale. E non si tratta di una situazione congiunturale: riportando il rapporto deficit/Pil nel 2004, fissato al 3,2%, Apicella ha sottolineato che tale dato "risente in una certa parte di cause non recenti, non attribuibili all'attuale difficile congiuntura e neppure a comportamenti gestori posti in essere nell'ultimo anno e in quelli immediatamente precedenti".

    Difficile il 'rientro' nel 2006. A giudizio del presidente di sezione della Corte dei Conti, Fulvio Balsamo, inoltre, "livelli di disavanzo e di debito così distanti dagli obiettivi si propongono anche come una difficile base di riferimento per lo scenario del 2006, anno per il quale devono essere definiti obiettivi programmatici di finanza pubblica compatibili con un percorso di rientro verso valori condivisi a livello europeo". E, aggiunge, "sotto questo aspetto, il profilo tendenziale dei conti pubblici non è affatto rassicurante, nè con riguardo al disavanzo nè, soprattutto, con riguardo al debito pubblico".

    Indebitati anche i cittadini. Ma non è solo la pubblica amministrazione ad essere pesantemente indebitata. La spesa eccessiva, al di sopra delle entrate, è un problema nazionale che coinvolge anche i cittadini, rileva Apicella: "Fatta naturalmente una doverosa eccezione per quella fascia di cittadini che vivono in dignitose ristrettezze, e che meritano rispetto e aiuto, l'azienda Italia, da molto tempo, nel complesso e mediamente, sembra vivere al di sopra dei propri mezzi, anche a causa delle tentazioni del consumismo, ovviamente, con pesante ricorso all'indebitamento".

    In altri tempi, spiega Apicella, si sarebbe forse potuto ricorrere a un regime di austerità, ma ora "appare invece più attuale operare una più attenta e responsabile politica di spesa pubblica e privata" che coinvolga una migliore organizzazione, uno sfruttamento più razionale delle risorse e anche "un rafforzamento dei valori professionali, ma anche etici, del lavoro".

    Pil prossimo allo zero. All'indebitamento si oppone una crescita limitatissima della ricchezza nazionale: per il 2005 la Corte dei Conti prevede una crescita del Pil pari allo zero. 'Per l'Italia appare verosimile una proiezione per il 2005 non favorevole: il riflesso della caduta dell'attività produttiva negli ultimi tre trimestri prefigura una crescita del Pil prossima alla zero", dice il presidente Balsamo.

    Deludente la riscossione dei tributi. Il sistema della riscossione dei tributi appare ancora deludente, con le concessionarie che, dal 2000 al 2004, hanno riscosso solo il 5% dell'ammontare netto riscuotibile. "Nell'ultimo quadriennio - dice Apicella - l'ammontare annuo delle somme riscosse dalle società concessionarie sui ruoli emessi dall'agenzia delle entrate e da quella delle dogane, svincolato dall'anno di affidamento del carico, ha presentato una flessione del 42,18%, passando dai 1.596 milioni di euro nel 2000, ai 923 dell'anno 2004".

    "Si tratta - specifica poi Apicella - evidentemente di risultati fortemente negativi, soprattutto se confrontati all'entità dell'onere finanziario (circa 500 milioni di euro) che il bilancio dello Stato è chiamato a sopportare per sostenere il sistema delle concessioni".

    Diminuisce solo in apparenza pressione fiscale. La pressione fiscale nel 2004 si è ridotta di un punto, ma solo grazie a sanatorie e condoni. "La pressione fiscale, cresciuta di 0,7 punti tra il 2002 e il 2003 è diminuita nel 2004 di quasi un punto percentuale (dal 42,6 al 41,7%) - dice Balsamo - quasi per intero attribuibile tuttavia alla riduzione delle imposte in conto capitale (-50,2%), categoria che contabilizza gli introiti delle sanatorie tributarie e del condono edilizio". Per essere più chiaro Balsamo spiega ancora che "al netto di tale componente straordinaria sia la pressione fiscale che la pressione tributaria hanno mantenuto sostanzialmente invariata l'incidenza rispetto al Pil".

    Stop ai condoni. La Corte ritiene che bisogna interrompere la stagione dei condoni che condizionano negativamente i comportamenti dei contribuenti e lavorare alla lotta all'evasione: "Siamo contrari ai condoni: sono misure eccezionali che falsano la realtà dei conti. Hanno anche incidenza negativa sul comportamento dei contribuenti".

    Drastiche decisioni per la previdenza. La previdenza "richiede più che mai le drastiche decisioni che ho auspicato nei giudizi sui rendiconti degli scorsi anni, quelle decisioni che l'allungarsi della vita media attiva richiedono", dice il procuratore Apicella. "Occorre - aggiunge - che sia ristabilito un più equilibrato rapporto tra vita attiva e quella coperta da pensione".

    Gli sprechi della pubblica aministrazione. Nella pubblica amministrazione, "Probabilmente è giunto il momento di abbandonare generiche considerazioni sull'esistenza di sacche di 'sprechi', che pure esistono", dice Apicella, specificando che "al riguardo, è necessario distinguere tra 'dispersioni' strutturali e 'fruizioni' patologiche dei flussi". "Per fronteggiare le prima - prosegue Apicella - non basta il contrasto in sede giurisdizionale, che invece resta strumento utile per arrestare e interrompere le seconde".

    "Un'area entro cui significativamente cominciare a sperimentare tale più meditato approccio - aggiunge Apicella - riguarda il riassetto degli enti ed organismi pubblici, con soprressione di quelli inutili o non indispensabili". In merito invece agli strumenti pensati nella finanziaria del 2004 per contenere l'entità e il costo del personale pubblico, la Corte dei Conti rileva come "l'ampiezza delle esenzioni e delle deroghe al divieto di assumere a tempo indeterminato, e l'allentamento dei suddetti vincoli per una cospicua serie di categorie di personale e di enti, rischia di vanificare tale obiettivo".

    Aumenta la spesa degli enti locali. La spesa degli enti locali, nel 2004, si è mostrata in forte ascesa, sottolinea Apicella esaminando la gestione del bilancio nel 2004. In tema di spesa, ha detto il procuratore, "emerge una netta linea di tendenza, quella che segna una notevole differenziazione tra l'andamento della spesa statale (in netta diminuzione) e quella delle Regioni, Province e Comuni (in forte ascesa).

    Eccessiva la spesa sanitaria. Non si arresta la corsa della spesa sanitaria. Lo denuncia il procuratore Apicella, che parla di "sempre maggiori livelli" di anno in anno. "Per l'anno in corso - afferma nella sua relazione - senza un notevole recupero di efficienza si prevede un deficit di almeno di 2 miliardi e mezzo, dovuto anche all'assistenza gratuita pur se umanamente giustificata, agli immigrati". Nel suo intervento il presidente di sezione Balsamo ricorda inoltre che il disavanzo del settore è tornato ad aumentare passando da 1,8 miliardi nel 2003 a circa 3,5 miliardi nel 2004.

    I commenti. "La Corte dei Conti guarda più la finanza pubblica che i grandi aggregati economici", commenta il sottosegretrio all'Economia Giuseppe Vegas, aggiungendo che quindi per capire l'andamento dell'economia italiana forse "sarebbe meglio guardare i dati Istat, Isae o di altri organismi".

    Molto critici i commenti degli esponenti dell'opposizione. In una nota il presidente della Consulta economica della Margherita Roberto Pinza definisce "gravi e preoccupanti" i dati forniti dalla Corte dei Conti, che "spingerebbero qualsiasi governo serio ad adottare misure di reazione". La Corte dei Conti "smentisce nettamente le rassicurazioni che il ministro dell'economia Siniscalco ieri ha tentato invano di spargere di fronte a una platea ormai disillusa", ribadisce il responsabile economico della Margherita, Enrico Letta. "La Corte dei Conti descrive ancora una volta impietosamente la drammatica situazione dell'economia italiana, che va a picco. Il governo si deve svegliare, perchè la crisi è grave e la fiducia dei cittadini diminuisce sempre di più", ha detto infine il presidente dei Verdi Alfonso Pecoraro Scanio.

    (24 giugno 2005)

    le mie critiche al csx non contengono un implicito sostegno alle politiche del cdx.....cambiano le maggioranze...ma il risultato è lo stesso
    "Oderint, dum metuant"

  7. #7
    a.k.a. tolomeo
    Data Registrazione
    18 Jul 2005
    Messaggi
    42,310
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    c'è già un 3d aperto sull'argomento

    http://www.politicaonline.net/forum/...d.php?t=271478
    .

    A fool and his money can throw one hell of a party.

  8. #8
    Registered User
    Data Registrazione
    31 Oct 2005
    Messaggi
    962
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da --IHSV--
    è colpa di berlusconi.....ha impedito alla corte dei conti di leggere il decreto.....
    è vero.. l'ho sentita anch'io

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 06-02-08, 00:39
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-07-06, 17:49
  3. La Corte dei Conti boccia il Dpef del governo
    Di patatrac (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 02-08-04, 22:34
  4. Fazio, Corte dei Conti e D'Amato bocciano il Dpef del governo
    Di patatrac (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 24-07-03, 20:25
  5. Adesso manca solo il dpef e poi?
    Di Zingano nel forum Padania!
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 04-07-03, 11:52

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226