Anche il secondo round va a Emilio Zamboni. La disfida interna alla Lega Nord sul posto di consigliere regionale dovrebbe a questo punto essere al capolinea. Era stato eletto Sandro Sandri. Che però, sotto elezioni, era presidente di Veneto Innovazione, e quindi ineleggibile. Emilio Zamboni aveva fatto ricorso. Il tribunale civile gli aveva dato ragione. Sandri aveva fatto ricorso. E ieri, in Appello, nuova vittoria per Zamboni. Che adesso, come accaduto in una identica vicenda al forzitalista Leonardo Padrin, dovrebbe essere proclamato consigliere regionale alla prima seduta utile del consiglio.