User Tag List

Pagina 1 di 10 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 96
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    24 Dec 2005
    Località
    "Bisogna fare Comunità cristiane come la Sacra Famiglia di Nazareth che vivano nell'Umiltà , nella Semplicità e nella Lode , dove l'altro è CRISTO"
    Messaggi
    3,220
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Occhio per occhio, o ama il tuo nemico?

    Occhio per occhio, o ama il tuo nemico?



    La legge di Mosè dice: "Darai vita per vita, occhio per occhio, dente per dente..." (Es. 21:24-25). È chiaro che, secondo questa legge, come ci viene fatto, così noi dovremmo fare agli altri. Vediamo dunque che nel Vecchio Testamento la legge di Mosè prevedeva per chi commetteva il male una giustizia senza misericordia.



    Gesù Cristo, invece, cosa ha insegnato a fare a noi che siamo sotto la grazia, quando subiamo un'ingiustizia, una violenza, o una persecuzione? Egli da detto:
    "Se uno ti percuote sulla guancia destra, porgigli anche l'altra; e a chi vuol litigare con te e prenderti la tunica, lasciagli anche il mantello. ...


    Voi avete udito che fu detto: "Ama il tuo prossimo e odia il tuo nemico". Ma io vi dico: amate i vostri nemici, benedite coloro che vi maledicono, fate del bene a quelli che vi odiano, e pregate per quelli che vi maltrattano e che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; poiché egli fa levare il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti.
    Se infatti amate quelli che vi amano, che premio ne avete? Non fanno lo stesso anche i pubblicani?
    E se salutate soltanto i vostri fratelli, che fate di straordinario? Non fanno anche i pagani altrettanto? Voi dunque siate perfetti, come è perfetto il Padre vostro celeste."



    (Matteo 59-48)

    Gesù non si limitò a parlare di questi insegnamenti, ma la Sua stessa vita nel mondo rispecchiava sia questi che tutti gli altri suoi insegnamenti. Egli ha detto: "Vi ho dato un esempio, affinché anche voi facciate come vi ho fatto io" (Giovanni 13:15). E gli apostoli aggiungono: "Cristo ha sofferto per voi, lasciandovi un esempio, perché seguiate le sue orme" (1 Pietro 2:21).



    Vediamo ora brevemente se secondo la Scrittura ci fu un uso della forza da parte di Cristo per difendere se stesso o per fare giustizia nella società.



    Gesù, dopo che ebbe predicato nella sinagoga di Nazaret, fu cacciato dalla città e fu condotto fin sul ciglio del monte sul quale era costruita la città, per essere precipitato giù dal monte. Momenti difficili dunque per Lui perché i suoi nemici intendevano ucciderlo. Come reagì? "Passando in mezzo a loro, se ne andò" (Luca 40). In un'altra occasione, i Giudei "presero delle pietre per tirargliele" (Giov. 8, 59). Gesù quindi stava per essere lapidato, perché si era dichiarato Dio; un altro pericolo di morte dunque per Lui. Come reagì? Giovanni dice che Gesù semplicemente "uscì dal tempio" (Giov.8, 59). Come si può vedere, Gesù non fece ricorso all'uso della forza contro i suoi nemici. E come abbiamo già dimostrato Egli non contrastò i suoi nemici neppure quando poi fu arrestato, flagellato, condannato, e messo sulla croce.
    Lui si avviò allo scannatoio come un agnello muto, un docile agnello. Egli sapeva che il terzo giorno dopo la Sua morte sarebbe risuscitato; per cui davanti a Lui era posta la gioia della risurrezione.
    Qualcuno però ritiene che Gesù usò la forza fisica contro i suoi nemici in una occasione, e cioè quando scacciò dal tempio coloro che vendevano e compravano. Ma se è vero che la Scrittura dice che Egli "cacciò fuori tutti quelli che quivi vendevano e compravano" (Matt. 21:12), è altresì vero che la stessa Scrittura non afferma che Egli mise mai le mani addosso ai venditori e ai compratori, strattonandoli o spingendoli o percuotendoli. Si può scacciare una persona da un luogo sgridandola e non necessariamente percuotendola o spingendola fuori dal luogo.

    Rimane infine da vedere se Gesù fece ricorso alla forza sia diretta o indiretta tramite le autorità per difendere gli oppressi, i perseguitati, i maltrattati. Anche in questo caso nella storia di Gesù di Nazaret così come la troviamo scritta nei Vangeli, non si intravede alcun ricorso a qualche forma di forza da parte di Gesù per difendere i deboli e gli oppressi che di certo c'erano anche allora. Dalle parole di Gesù i perseguitati a motivo di giustizia, quelli che facevano cordoglio a motivo dei torti subiti, erano considerati beati; come avrebbe potuto mettersi a difenderli con la Sua forza o tramite quella dello Stato per fare loro giustizia? Anche coloro che subivano oltraggi di ogni genere a motivo del Suo nome erano da Lui dichiarati beati. Dunque Gesù non fece ricorso a nessun tipo di forza fisica per difendere i deboli, i miti, i perseguitati. E come avrebbe potuto fare una simile cosa, Lui che è il Principe della pace? Lui che ha detto di amare i nemici e di pregare per quelli che ci perseguitano?


    Gesù fu coerente, e questa sua coerenza deve servire d'esempio a noi che essendo Suoi discepoli siamo figli della pace. Può non essere facile seguire l'esempio di Gesù, ma neppure è impossibile.



    (condensato da uno scritto di G. Butindaro)



    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    18 Nov 2005
    Messaggi
    69
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    se con la prima parte si puo anche essere concordi, la secona invece,quando inizia a parlare di autorità e della difesa dei piu deboli, mi lascia alquanto perplesso....
    Sembra quasi che l'autore inciti a non rivolgersi alle autorità competenti quando ci troviamo dinnanzi a gravi ingiustizie o soprusi poichè,a suo dire, Gesù non lo ha mai fatto....
    Essendo molto ignorante per quel che riguarda l'ambito religioso spero di aver frainteso, perchè altrimenti ritengo tale testo molto grave....
    Per me chi dinnanzi ad un ingiustizia che per di piu opprime un innocente non denuncia è complice dell'ingiustizia stessa, è un delinquente....
    Cioè,tanto per fare un esempio esagerato, se per strada mi imbatto in un naziskin che sta massacrando a bastonate un barbone, come faccio a non intervenire per fermarlo anche con la forza se necessario? o perlomeno a non chiamare la polizia?? Per l'autore del testo sembra invece che si debba rimanere fermi,al massimo pregare....tanto il povero barbone è un "beato", che problema cè?

    Tempo fa mi sembra di aver letto negli atti una frase del tipo "le spade dei soldati( non cera scritto proprio soldati, ma cmq un termine che aveva a che fare con le autorità che mantengono l'ordine) sono le spade di Dio per punire i malvagi"....piu chiaro di cosi....
    Anche la Chiesa Cattolica credo la pensi all'incirca come me (almeno dalle poche righe che lessi nel catechismo, gli esperti mi smentiscano..)...a beh penso proprio di aver fatto un riferimento sbagliato, noto ora infatti che l'autore del testo è un grandissimo oppositore della Chiesa di Roma....



    p.s ho un vago ricordo, ma Gesù quando scacciò i tizi dal tempio non si costrui' per l'occasione una sorta di frustino?? se i miei ricordi son giusti, che se lè procurato a fare il frustino?? per bellezza??

  3. #3
    Utente
    Data Registrazione
    02 Mar 2006
    Messaggi
    2,600
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Attenzione alla fonte. Si tratta di un pastore protestante che dice peste e corna della Chiesa Cattolica nel suo sito. Arriva anche a dire che è grave peccato per una donna semplicemente mettersi del profumo, un a specie di T.d.G.

    CIAO

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    12 Dec 2012
    Località
    Etna
    Messaggi
    23,025
    Mentioned
    175 Post(s)
    Tagged
    33 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Eugenius
    Attenzione alla fonte. Si tratta di un pastore protestante che dice peste e corna della Chiesa Cattolica nel suo sito. Arriva anche a dire che è grave peccato per una donna semplicemente mettersi del profumo, un a specie di T.d.G.

    CIAO
    mamma mia... manco il profumo??
    questo è esaurito...

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    24 Dec 2005
    Località
    "Bisogna fare Comunità cristiane come la Sacra Famiglia di Nazareth che vivano nell'Umiltà , nella Semplicità e nella Lode , dove l'altro è CRISTO"
    Messaggi
    3,220
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Eugenius
    Attenzione alla fonte. Si tratta di un pastore protestante che dice peste e corna della Chiesa Cattolica nel suo sito. Arriva anche a dire che è grave peccato per una donna semplicemente mettersi del profumo, un a specie di T.d.G.

    CIAO
    Sarà pure protestante come dici tu (ed è vero), ma non per questo scrive cavolate in questo caso. Il "sermone della montagna" non l'ha mica scritto un protestante.

    In sintesi il brano chiede si può "amare il nemico"? ho è imposibile; al di fuori di chi la scritto

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    18 Nov 2005
    Messaggi
    69
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    si ma lui alla fine dice che amare significa non denunciare i soprusi sugli innocenti....per me questo non è amare il delinquente,è rendersi suo complice....

  7. #7
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    20 Jun 2010
    Messaggi
    7,877
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da niocat55
    Occhio per occhio, o ama il tuo nemico?



    La legge di Mosè dice: "Darai vita per vita, occhio per occhio, dente per dente..." (Es. 21:24-25). È chiaro che, secondo questa legge, come ci viene fatto, così noi dovremmo fare agli altri. Vediamo dunque che nel Vecchio Testamento la legge di Mosè prevedeva per chi commetteva il male una giustizia senza misericordia.




    Gesù Cristo, invece, cosa ha insegnato a fare a noi che siamo sotto la grazia, quando subiamo un'ingiustizia, una violenza, o una persecuzione? Egli da detto:
    "Se uno ti percuote sulla guancia destra, porgigli anche l'altra; e a chi vuol litigare con te e prenderti la tunica, lasciagli anche il mantello. ...



    Voi avete udito che fu detto: "Ama il tuo prossimo e odia il tuo nemico". Ma io vi dico: amate i vostri nemici, benedite coloro che vi maledicono, fate del bene a quelli che vi odiano, e pregate per quelli che vi maltrattano e che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; poiché egli fa levare il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti.

    Se infatti amate quelli che vi amano, che premio ne avete? Non fanno lo stesso anche i pubblicani?
    E se salutate soltanto i vostri fratelli, che fate di straordinario? Non fanno anche i pagani altrettanto? Voi dunque siate perfetti, come è perfetto il Padre vostro celeste."





    (Matteo 59-48)


    Gesù non si limitò a parlare di questi insegnamenti, ma la Sua stessa vita nel mondo rispecchiava sia questi che tutti gli altri suoi insegnamenti. Egli ha detto: "Vi ho dato un esempio, affinché anche voi facciate come vi ho fatto io" (Giovanni 13:15). E gli apostoli aggiungono: "Cristo ha sofferto per voi, lasciandovi un esempio, perché seguiate le sue orme" (1 Pietro 2:21).





    Vediamo ora brevemente se secondo la Scrittura ci fu un uso della forza da parte di Cristo per difendere se stesso o per fare giustizia nella società.




    Gesù, dopo che ebbe predicato nella sinagoga di Nazaret, fu cacciato dalla città e fu condotto fin sul ciglio del monte sul quale era costruita la città, per essere precipitato giù dal monte. Momenti difficili dunque per Lui perché i suoi nemici intendevano ucciderlo. Come reagì? "Passando in mezzo a loro, se ne andò" (Luca 40). In un'altra occasione, i Giudei "presero delle pietre per tirargliele" (Giov. 8, 59). Gesù quindi stava per essere lapidato, perché si era dichiarato Dio; un altro pericolo di morte dunque per Lui. Come reagì? Giovanni dice che Gesù semplicemente "uscì dal tempio" (Giov.8, 59). Come si può vedere, Gesù non fece ricorso all'uso della forza contro i suoi nemici. E come abbiamo già dimostrato Egli non contrastò i suoi nemici neppure quando poi fu arrestato, flagellato, condannato, e messo sulla croce.

    Lui si avviò allo scannatoio come un agnello muto, un docile agnello. Egli sapeva che il terzo giorno dopo la Sua morte sarebbe risuscitato; per cui davanti a Lui era posta la gioia della risurrezione.
    Qualcuno però ritiene che Gesù usò la forza fisica contro i suoi nemici in una occasione, e cioè quando scacciò dal tempio coloro che vendevano e compravano. Ma se è vero che la Scrittura dice che Egli "cacciò fuori tutti quelli che quivi vendevano e compravano" (Matt. 21:12), è altresì vero che la stessa Scrittura non afferma che Egli mise mai le mani addosso ai venditori e ai compratori, strattonandoli o spingendoli o percuotendoli. Si può scacciare una persona da un luogo sgridandola e non necessariamente percuotendola o spingendola fuori dal luogo.

    Rimane infine da vedere se Gesù fece ricorso alla forza sia diretta o indiretta tramite le autorità per difendere gli oppressi, i perseguitati, i maltrattati. Anche in questo caso nella storia di Gesù di Nazaret così come la troviamo scritta nei Vangeli, non si intravede alcun ricorso a qualche forma di forza da parte di Gesù per difendere i deboli e gli oppressi che di certo c'erano anche allora. Dalle parole di Gesù i perseguitati a motivo di giustizia, quelli che facevano cordoglio a motivo dei torti subiti, erano considerati beati; come avrebbe potuto mettersi a difenderli con la Sua forza o tramite quella dello Stato per fare loro giustizia? Anche coloro che subivano oltraggi di ogni genere a motivo del Suo nome erano da Lui dichiarati beati. Dunque Gesù non fece ricorso a nessun tipo di forza fisica per difendere i deboli, i miti, i perseguitati. E come avrebbe potuto fare una simile cosa, Lui che è il Principe della pace? Lui che ha detto di amare i nemici e di pregare per quelli che ci perseguitano?


    Gesù fu coerente, e questa sua coerenza deve servire d'esempio a noi che essendo Suoi discepoli siamo figli della pace. Può non essere facile seguire l'esempio di Gesù, ma neppure è impossibile.




    (condensato da uno scritto di G. Butindaro)



    La legge di Mosè dice: "Darai vita per vita, occhio per occhio, dente per dente..." (Es. 21:24-25). È chiaro che, secondo questa legge, come ci viene fatto, così noi dovremmo fare agli altri. Vediamo dunque che nel Vecchio Testamento la legge di Mosè prevedeva per chi commetteva il male una giustizia senza misericordia.


    Gnocco , sono mille volte che lo dico e lo ripeto su questo forum .

    Dio si rivolgeva a Mose , cioe alla sua autorita , alla politica se vogliamo .
    All'autorita civile , che non deve mai e poi mai perdonare !
    Guai se l'autorita civile confonde, come fai tu , e perdona .
    Sarebbe una societa iniqua !
    L'autorita deve avere come metro di giudizio proprio quel : occhio per occhio, dente per dente ". Ognuno deve avere la sua giusta parte !

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    24 Dec 2005
    Località
    "Bisogna fare Comunità cristiane come la Sacra Famiglia di Nazareth che vivano nell'Umiltà , nella Semplicità e nella Lode , dove l'altro è CRISTO"
    Messaggi
    3,220
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Tralascio l'appellativo tipico del personaggio

    Dio si rivolgeva a Mose , cioe alla sua autorita , alla politica se vogliamo .
    All'autorita civile , che non deve mai e poi mai perdonare !
    Guai se l'autorita civile confonde, come fai tu , e perdona .
    Sarebbe una societa iniqua !
    L'autorita deve avere come metro di giudizio proprio quel : occhio per occhio, dente per dente ". Ognuno deve avere la sua giusta parte !
    1) Allora Cristo e il "Sermone della montagna" non vale per il cristiano civile e responsabile che deve l'autorità alla politica e a chi compete la giustizia degli uomini.
    Io penso che l'autorità spetti al Padre che ha Glorificato il Figlio o no?

    Mai sentito dire che "i cristiani vivono - in - questo mondo ma, - non - sono di questo mondo"?

    2) Ma si è comodo usare la parola a proprio uso e consumo, questo è buono e me lo tengo, questo non vale perchè sennò, siccome io vivo nella società la mia autorità e colui che mi condanna se mi comporto male, o mi premia se mi comporto bene. Bel modo di fare esegetica cristiana

    Scritto in origine da Forgive_mesi
    ma lui alla fine dice che amare significa non denunciare i soprusi sugli innocenti....per me questo non è amare il delinquente,è rendersi suo complice....
    Scusa ai mai senhtito parlare di un certo Santo Stefano, primo martire cristiano, che chiedeva a Dio di non imputare nulla a coloro che lo stavano uccidendo a sassate, tra cui c'era anche S. Paolo

    Anche per te vale il discorso sopra e in più ti ricordo questo passo:

    Lc. 9, 20 - 31

    Alzati gli occhi verso i suoi discepoli, Gesùdiceva:
    "
    Beati voi poveri,
    perché vostro è il
    regno di Dio.

    Beati voi che ora avete fame,
    perché sarete
    saziati.
    Beati voi che orapiangete,
    perché
    riderete.

    Beati voi quando gli uomini vi odieranno e quando vi metteranno al bando e v'insulteranno e respingeranno il vostro nome come scellerato, a causa del Figlio dell'uomo.

    Rallegratevi in quel giorno ed esultate, perché, ecco, la vostra ricompensa è grande nei cieli. Allo stesso modo infatti facevano i loro padri con i profeti.

    Ma guai a voi, ricchi,
    perché avete già la vostra
    consolazione.

    Guai a voi che ora siete sazi,
    perché avrete
    fame.
    Guai a voi che oraridete,
    perché sarete
    afflitti e piangerete.

    Guai quando tutti gli uominidirannobene di voi.
    Allo stesso modo infatti facevano i loro
    padri con i falsiprofeti.

    Ma a voi che ascoltate, io dico: Amate i vostri nemici, fate del bene a coloro che vi odiano,

    benedite coloro che vi maledicono, pregate per coloro che vi maltrattano.

    A chi ti percuote sulla guancia, porgi anche l'altra; a chi ti leva il mantello, non rifiutare la tunica.

    a chiunque ti chiede; e a chi prende del tuo, non richiederlo.

    Ciò che volete gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro.

    Il Vangelo non è un pensiero astratto, fatto per esprolare quello che "noi" decidiamo giusto o sbagliato.


    E' valido "Ieri, Oggi, Domani" sempre e comunque.

    Altrimenti abbiamo il vangelo di apoliticos

    il vangelo di Forgive_me..........

    Opssssssss o forse sono io che esagero

  9. #9
    Registered User
    Data Registrazione
    18 Nov 2005
    Messaggi
    69
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    il fatto è che bisogna definire cosa significa amare o perdonare....
    Per alcuni ad esempio è amore uccidere un bambino handicappato che sta per nascere, poichè cosi gli risparmi una brutta vita....
    Il punire un delinquente attraverso la legge puo anche essere "amore" poichè;
    1) difendi gli onesti evitando violenze e soprusi
    2) si evita che la società vada incontro al caos piu totale, all'invivibilità e alla sua conseguente autodistruzione
    3) attraverso la punizione la società puo tentare di redimere il colpevole e reinserirlo nella vita sociale.

    Come vedi l"amore" puo passare anche attraverso le maniere forti. Il medico pietoso farà imputridire la paga disse qualcuno..

    Stando a quanto dici tu sembra invece che istituzioni come la polizia o la magistratura non debbano neanche esistere, o meglio che siano anticristiane....

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    24 Dec 2005
    Località
    "Bisogna fare Comunità cristiane come la Sacra Famiglia di Nazareth che vivano nell'Umiltà , nella Semplicità e nella Lode , dove l'altro è CRISTO"
    Messaggi
    3,220
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Forgive_me
    il fatto è che bisogna definire cosa significa amare o perdonare....
    Per alcuni ad esempio è amore uccidere un bambino handicappato che sta per nascere, poichè cosi gli risparmi una brutta vita....
    Il punire un delinquente attraverso la legge puo anche essere "amore" poichè;
    1) difendi gli onesti evitando violenze e soprusi
    2) si evita che la società vada incontro al caos piu totale, all'invivibilità e alla sua conseguente autodistruzione
    3) attraverso la punizione la società puo tentare di redimere il colpevole e reinserirlo nella vita sociale.

    Come vedi l"amore" puo passare anche attraverso le maniere forti. Il medico pietoso farà imputridire la paga disse qualcuno..

    Stando a quanto dici tu sembra invece che istituzioni come la polizia o la magistratura non debbano neanche esistere, o meglio che siano anticristiane....
    Ho detto e mi ripero:

    Il cristiano VIVE IN questo mondo, ma NON E' di questo mondo.

    Che significa è naturale che la società e le istituzioni facciano il loro lavoro. Ma questo non c'entra niente con l'annucio del Vangelo, anzi centra moltissimo, se i cristiani fossero sale, luce e lievito in questa società odierna, molte cose cambierebbero mah.........

    Cmq per semplificare un pò e trovare un nemico da amare, senza complicarsi troppo la vita

    Per esempio chiedi a chi è sposato chi è il suo nemico?

    Oppure all'impiegato o l'operaio chi è il suo nemico?

    Quando chiesero a Gesù chi era che lo doveva tradire rispose "Colui che intinge il pane con me".

    Insomma il tuo nemico è molto più vicino di quanto immaggini

 

 
Pagina 1 di 10 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Occhio per occhio?
    Di isoica nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 28-02-10, 21:14
  2. Occhio, il nemico ci osserva
    Di Muntzer (POL) nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 20-05-08, 13:59
  3. Occhio !
    Di AleNic nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 22-11-07, 10:39
  4. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 19-08-07, 19:06
  5. Occhio X Occhio Secondo Lo Stato Ebraico
    Di valerio500 nel forum Politica Estera
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 15-07-06, 20:04

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226