User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il Libano brucia, l'Europa tace. Perché?

    di Carlo Gambescia [17/07/2006]




    Che tipo di riflessione politica più generale si può fare sull’offensiva israeliana in Libano?
    Se ne può fare una di ordine interno - sulla crisi mediorientale - e discutere sulle ragioni degli uni o degli altri. Riflessione che potrebbe essere importante, solo se costituisse il punto di partenza di una effettiva pratica politica. Infatti l’agire politico, sul piano internazionale, implica la presenza di attori capaci di trasformare la teoria o analisi in pratica.
    Ma l'Europa tace. Mostrando così di aver rinunciato a esercitare qualsiasi ruolo attivo nella politica mondiale.
    In questo senso è più interessante riflettere sulle ragioni profonde del silenzio europeo di questi giorni. Esemplare è l’atteggiamento imbarazzato e inconcludente che hanno assunto Parigi, Londra, Berlino e Roma, in occasione del summit moscovita del G8. Per non parlare della totale inconsistenza politica, mostrata anche in Russia, dall’attuale Presidente della Commissione Europea.
    A molti dispiacerà il nostro pessimismo… Ma purtroppo, piaccia o meno, l’Europa “comunitaria” è precipitata, e non da oggi, in una specie di condizione sonnambolica: è a un tempo vigile e non vigile. Ha un certo potenziale economico, e dunque si aggira per il mondo, ma non ha alcuna forza politica: perché nessuno, quando la vede camminare nel sonno, si spaventa più di tanto. E soprattutto nessuno ritiene opportuno svegliarla, e rivelare all'Europa, che se unisse forza economica e forza politica, potrebbe diventare, anche sul piano militare, una potenza di tutto rispetto. In grado di intervenire, dove ce ne fosse bisogno, trasformando la teoria in pratica.
    Perché l’ Europa si è ridotta così? Sintetizziamo le cause in quattro punti.
    Primo punto. La Seconda guerra mondiale è stata vinta da americani e russi e perduta dagli europei, a prescindere dagli schieramenti di appartenenza. Di qui la nascita di una condizione di sudditanza morale degli europei nei riguardi dell’alleato americano a causa dell 'aiuto "decisivo" ricevuto nella guerra contro il nazifascismo.
    Secondo punto. La sudditanza morale è stata sostanziata da una dipendenza materiale e produttiva, che risale al Piano Marshall. Sudditanza che da allora si è sempre più approfondita a danno dell’Europa. Si può parlare di un’alleanza economica imposta con la forza materiale e morale, e divenuta per ragioni geopolitiche, ancora più stretta, durante la Guerra fredda. La cosiddetta globalizzazione, che sostanzialmente ! è un fen omeno tecnologico ed economico interno al capitalismo, viene oggi ideologicamente utilizzata, sulle due sponde dell’Atlantico, per rendere l’alleanza tra Stati Uniti ed Europa, addirittura, indissolubile.
    Terzo punto. La credenza nell’ “ombrello americano” (nella capacità degli Usa di difenderci da eventuali avversari, prima i nazionalsocialisti e fascisti, poi i comunisti sovietici ), ha indebolito la capacità militare degli europei: sia in termini di selezione e inquadramento delle élite militari (al “mestiere delle armi”, per lunghi anni, almeno fino alla Prima Guerra del Golfo, i giovani, soprattutto di estrazione sociale medio-alta, hanno preferito altri lavori socialmente ed economicamente più rimunerativi); sia sul piano degli armamenti, della strategie militari (sempre coordinate strettamente con gli americani,) e degli investimenti economici (sempre “centellinati” sulla base dei desiderata statunitensi). Di qui l’attuale estrema debolezza militare dell’Europa. Che , attenzione, non ha impedito e non impedisce, la vendita sottobanco di armi europee a mezzo mondo… Insomma, non siamo in grado di difenderci, ma lucriamo sulle guerre altrui.
    Quarto punto. Le dipendenze morali, economiche e militari, si sono saldate attraverso il progressivo interscambio professionale e culturale tra le due sponde dell’Atlantico, avvenuto soprattutto all'interno delle classi sociali più elevate dei rispettivi paesi (un sistema di relazioni alimentato dai gusti cinematografici e musicali imposti da Hollywood come comuni, ma fatto anche di contatti legati a periodi di studio e lavoro, impieghi spesso prestigiosi, affari più o meno puliti, eccetera) . Una crescente osmosi socioculturale, interna all'alta borghesia euro-americana, che si è fondata ideologicamente sulla condivisione di valori comuni. Due in particolare : la celebrazione del denaro e dello sviluppo a ogni costo e il culto ipocrita dei diritti umani, sulla cui concessione e riconoscimento decid e tuttora, e di volta in volta, Washington. Di qui, quel ril! ievo sac ramentale, frutto quasi di un riflesso pavloviano, che viene conferito all'alleanza con gli Stati Uniti, dalle classe dirigenti europee, in larghissima parte ormai americanizzate
    L' americanizzazione morale, economica, militare e culturale europea implica - ecco il problema - l'assoluto rispetto per il Primo Alleato degli Stati Uniti: Israele. Attualmente, siamo giunti al punto, che chiunque osi criticare Israele non solo viene considerato immediatamente un nemico politico dell'America, ma un nemico tout court del genere umano.
    Ora, una volta capito perché l'Europa tace, restano però da risolvere due difficilissimi problemi: chi sveglierà, e come, la sonnambula?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Zero Sen
    Ospite

    Predefinito

    L'Europa tace perche tutti se la fanno sotto temendo di prendersi di antisemiti.
    Poi ci sono anche i servi di Sion che si sbracciano, sbavando verso Israele come un certo dentista e la sua banda di venduti.

  3. #3
    RUS
    RUS è offline
    Sopra il Nord
    Data Registrazione
    04 Dec 2005
    Località
    Europa autogenocida.
    Messaggi
    8,988
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    gli inferiori al commando.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da .SOVIET.
    gli inferiori al commando.

    E' il risultato della giudeodemocrazia...

 

 

Discussioni Simili

  1. Atene brucia, il mondo tace.
    Di Zefram_Cochrane nel forum Politica Europea
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 05-09-10, 11:25
  2. Fn Piemonte: Il Libano Brucia, L'europa Tace. Perche'?
    Di Trevigi nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 28-07-06, 20:40
  3. Perchè si tace su Enipower?
    Di MrBojangles nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-09-04, 21:53
  4. Perchè Prodi tace?
    Di O'Rei nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 42
    Ultimo Messaggio: 22-05-04, 12:01
  5. Perche' Ora Il Mondo Cattolico Tace?
    Di marylory nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 02-04-04, 08:55

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226