   Domenica scorsa verso le 19, alla Comasina, sono volate tre pallottole. Sparate per regolareun conto tra malviventi, rimasto in sospeso dal giorno prima. Due extracomunitari, allora, avevano aggredito - in seguito ad una lite - degli italiani. Ventiquattr'ore dopo, la ritorsione: botte contro Sayed R., immigrato egiziano di 42 anni, regolare, percosso e colpito al volto con una mazza da baseball, e il suo connazionale Abdel A., 28 anni, anch'egli regolare. Quest'ultimo è quello che ha avuto la peggio: i primi due spari lo hanno mancato ma il terzo, un calibro 22, l'ha centrato a un gluteo. Inoltre, una testata in piena faccia gli ha causato serie ferite a un occhio. Dal quale, forse, il ragazzo non vedrà più. All'origine di tutto sembrerebbe esserci lo sconfinamento degli africani in piazza Gasparri, " territorio" esclusivo degli italiani.