User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 17
  1. #1
    denty
    Ospite

    Predefinito dissidenti afghanistan anche alla camera

    Afghanistan, «ribelli» anche alla Camera
    Oggi in Aula il rifinanziamento della missione a Kabul. Cannavò e altri tre deputati Prc contrari. Al Senato decisivi gli 8 dissidenti






    ROMA — L'ultimo appello lo ha lanciato la vicecapogruppo dell'Ulivo Marina Sereni, che ha invitato i ribelli a non tradurre il dissenso in un voto contrario al disegno di legge del governo. Ma i pacifisti non arretrano e oggi pomeriggio, in diretta tv, grideranno il loro no al rifinanziamento della missione in Afghanistan. Non sono molti rispetto ai 348 deputati del centrosinistra, non sono decisivi come gli otto senatori che da settimane fanno tremare la maggioranza, ma il segnale politico che si preparano a inviare è forte: sulla politica estera l'Unione è divisa, Rifondazione è lacerata e il 24 luglio il provvedimento che turba i sonni di Romano Prodi arriverà al Senato.

    RIFONDAZIONE DIVISA - «Votare sì? Ma come faccio, mi vergogno...» confessa l'onorevole no global Francesco Caruso, così combattuto tra istanze arcobaleno e richiami di Bertinotti da aver delegato la sua scelta ai centri sociali: «Deciderà il movimento». Più netto il no di Salvatore Cannavò, primo firmatario di due emendamenti in cui si chiede di autorizzare la missione Isaf solo in funzione della sua fine e di sopprimere la missione a guida Usa Enduring Freedom. «Io la guerra non la voto» è il leitmotiv di Cannavò, che ha convinto alla causa i colleghi Burgio e Pegolo. Alberto Burgio ha apprezzato D'Alema su Israele, eppure non si smuove: «Tra Israele e Afghanistan non c'è nesso». Quindi dirà sì alla mozione dell'Unione (che Cannavò invece non voterà) e no al disegno di legge sull'Afghanistan, «Paese devastato da una guerra di aggressione».
    SANZIONI AI DISSIDENTI - Il segretario del Prc Franco Giordano ha promesso sanzioni disciplinari, e Burgio replica duro: «Fondamentalismo, grave tono di intolleranza. Siamo tutti sotto minaccia». C'è una deputata, Mercedes Frias, che porta scritto negli occhi il suo travaglio: «È una vera sofferenza. Il no lascerebbe spazio a geometrie variabili, ma il sì sarebbe un tradimento di me stessa». Che fare, dunque? «Alla fine, forse, voterò sì. Ma ai miei figli, come lo spiego?». Franco Russo (come Paolo Cacciari) ha trovato una sua personale via d'uscita, il non voto. Ha apprezzato «la giusta presa di distanza di D'Alema da Israele», ma il suo dissenso non è scalfito: «Non vedo atti di discontinuità nel sistema della guerra». Gianluigi Pegolo voterà no, insofferente alle pressioni di Bertinotti e Giordano: «Semmai un provvedimento disciplinare dovrebbe essere applicato al gruppo dirigente del Prc, che prima di andare al governo ha sempre votato contro». Eppure il capogruppo Gennaro Migliore spera ancora di recuperare «una posizione unitaria».
    MAGGIORANZA GARANTITA - La tenuta della maggioranza, che ha più di trenta voti di scarto, non è in discussione. Il Pdci, dopo tanto gridare, voterà compatto. «È una missione di guerra, ma non metteremo in difficoltà il governo» è la linea di Diliberto e anche i maldipancia di Verdi e sinistra Ds guariranno al momento del voto. Questa mattina i capigruppo dell'Unione decideranno il voto contrario alle due mozioni della Cdl, che ricambierà la cortesia bocciando la mozione che ha unito la maggioranza: portare nelle sedi internazionali una riflessione sull'Afghanistan, valutare la possibilità di concludere Enduring Freedom e istituire un comitato parlamentare di monitoraggio sulle missioni. Via libera sofferto, ma scontato. Lo scoglio è il Senato, dove lunedì i dissidenti torneranno a riunirsi. Hanno apprezzato il j'accuse di D'Alema su Israele, ma il dissenso è intatto. «La nostra posizione critica — gela le speranze del governo Fosco Giannini — non cambia».

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    denty
    Ospite

    Predefinito

    diciamo invece che sono gli unici coerenti dei loro partiti comunisti...sono i potenti di rifondazione e dei comunisti italiani che da pacifisti ora sono diventati favorevolialle missioni in afganistan...

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    24 Feb 2006
    Località
    Genova
    Messaggi
    2,269
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ma dimmi te se dobbiamo rischiare di cadere sull'AFGHANISTAN... sarebbero da prendere tutti a calci in culo... e poi non votare più... ma così facendo si farebbe un favore alla Casa delle Impunità... aaaarrggh!!!

  4. #4
    denty
    Ospite

    Predefinito

    lo sapevate che l'alleanza con quei partiti avrebbe portato più casini che altro...ora ve li tenete...

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    16 Apr 2009
    Località
    vicino Roma
    Messaggi
    20,329
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da denty
    diciamo invece che sono gli unici coerenti dei loro partiti comunisti...sono i potenti di rifondazione e dei comunisti italiani che da pacifisti ora sono diventati favorevolialle missioni in afganistan...
    Ora mi dovete dire perchè anche la missione in Afghanistan è "una missione di guerra"!

    Dobbiamo renderci conto che TUTTE le missioni di pace che comportano la presenza di militari e quindi richiedano l'uso della forza possono essere considerate di guerra.

    Capisco che si possa essere anti militaristi ma non si può non riconoscere che in molte occasione per motivi di carattere difensivo della pace, per tutelare la popolazione civile dalla voglia di prepotenti armati di imporre con la forza le proprie volontà è necessario ricorrere alle armi!

    Da questo non ci si può esimere!

    Semmai si può discutere sulla opportunità di essere presenti in certi scenari ove gli interessi della popolazione e della pace non sono così ben definiti come ad esempio in Irak dove la nostra presenza può facilmente apparire come sostegno all'invasione degli USA.

    In particolare in Afghanistan c'è stata una precisa richiesta da parte di un governo insidiatosi con la occupazione delle truppe del nord che hanno avuto il sostegno militare dei bombardamenti USA. Un governo pienamente leggittimo.

    In questo caso si tratta di vedere se la nostra presenza sia destabilizzante sugli equilibri interni ma questo non configura la nostra presenza come "forza di guerra"!

    Lo stesso vale per tutte le altre presenze militari nel mondo.

    Saluti

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    25 Apr 2002
    Messaggi
    6,582
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da antonio
    se votano no, otterranno nulla...
    l'espulsione dai rispettiti partiti di sicuro.
    la condanna definitiva alla marginalita'.
    sa che problema, ahi che dolor.....non si vive di solo pane.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    25 Apr 2002
    Messaggi
    6,582
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da il Pasquino
    Ora mi dovete dire perchè anche la missione in Afghanistan è "una missione di guerra"!

    Dobbiamo renderci conto che TUTTE le missioni di pace che comportano la presenza di militari e quindi richiedano l'uso della forza possono essere considerate di guerra.

    Capisco che si possa essere anti militaristi ma non si può non riconoscere che in molte occasione per motivi di carattere difensivo della pace, per tutelare la popolazione civile dalla voglia di prepotenti armati di imporre con la forza le proprie volontà è necessario ricorrere alle armi!

    Da questo non ci si può esimere!

    Semmai si può discutere sulla opportunità di essere presenti in certi scenari ove gli interessi della popolazione e della pace non sono così ben definiti come ad esempio in Irak dove la nostra presenza può facilmente apparire come sostegno all'invasione degli USA.

    In particolare in Afghanistan c'è stata una precisa richiesta da parte di un governo insidiatosi con la occupazione delle truppe del nord che hanno avuto il sostegno militare dei bombardamenti USA. Un governo pienamente leggittimo.

    In questo caso si tratta di vedere se la nostra presenza sia destabilizzante sugli equilibri interni ma questo non configura la nostra presenza come "forza di guerra"!

    Lo stesso vale per tutte le altre presenze militari nel mondo.

    Saluti
    se poteva esserci una ragione prima ora non c'è piu. via dall'afganistan, gli aiuti umanitari, se vogliamo, si possono fare senza soldati in armi.
    del resto in pieno regime talebano mi pare che organizzazioni umanitarie già operavano li.

  8. #8
    denty
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da alfonso
    se poteva esserci una ragione prima ora non c'è piu. via dall'afganistan, gli aiuti umanitari, se vogliamo, si possono fare senza soldati in armi.
    del resto in pieno regime talebano mi pare che organizzazioni umanitarie già operavano li.
    e secondo te cm potrebbero lavorare i medici e tutte le altre persone se nn ci saranno soldati a proteggerli??????

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    25 Apr 2002
    Messaggi
    6,582
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da denty
    e secondo te cm potrebbero lavorare i medici e tutte le altre persone se nn ci saranno soldati a proteggerli??????
    prima delol' invasione lavoiravano e non erano protetti.
    i costi della protezione assorbono oltre il 90% delle risorse investite...fai te.

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 Jun 2004
    Messaggi
    16,607
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da RobyGe82
    Ma dimmi te se dobbiamo rischiare di cadere sull'AFGHANISTAN... sarebbero da prendere tutti a calci in culo... e poi non votare più... ma così facendo si farebbe un favore alla Casa delle Impunità... aaaarrggh!!!
    ve lo meritate, in pieno; per anni avete seguito i pacifinti in tutte le loro follie, non certo solo sull'Iraq. Tutte le precisazioni che fate ora prima non le facevate, per non "turbarli". Nel programmone di 300 pagine avete combinato una cosa fantastica: non avete "trovato" lo spazio per parlare di afghanistan, visto che non c'era accordo. Ma prima o poi il nodo sarebbe venuto al pettine. Era ovvio.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. A rischio il quorum anche alla Camera
    Di buran (POL) nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-04-08, 19:43
  2. Fiducia anche alla Camera
    Di Floyd nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 20-12-06, 16:09
  3. Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 24-05-06, 12:36
  4. anche alla camera ci sarebbe incertezza
    Di Libero (POL) nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 10-04-06, 21:00
  5. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 03-04-02, 19:10

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226