User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    24 Dec 2005
    Località
    "Bisogna fare Comunità cristiane come la Sacra Famiglia di Nazareth che vivano nell'Umiltà , nella Semplicità e nella Lode , dove l'altro è CRISTO"
    Messaggi
    3,220
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Preoccupazione per la Domus Galilaeae

    DAL SITO SPAGNOLO DEL CAMMINO NEOCATECUMENALE NOTIZIE SULLO STATO DI GUERRA IN ALTA GALILEA

    La Domus Galilaeae vive con tensión el fuego cruzado entre Israel y el Líbano



    (CAMINEO.INFO) - La Domus Galilaeae, así como las comunidades neocatecumenales de Israel y el Líbano viven con cierta tensión el desarrollo de las hostilidades entre el ejercito Israelí y las milicias terroristas de Hamas y otros grupos que buscan desestabilizar la zona aprovechando el cambio de gobierno israelí después de la retirada de Ariel Sharon del cargo.
    Después que Hamas anunciara su intención de bombardear Haifa, la tercera ciudad israelí, la Marina del ejercito hebreo ha sido movilidaza para detener los ataques de misiles tierra-aire que desde el líbano buscan asestar contra la poblcación civil, aún sabiendo que en dichas ciudades existe un elevado porcentaje de palestinos que viven como ciudadanos de Israel.

    La Casa de Galilea, situada en el monte de las bienaventuranzas y en la zona norte de Israel, cercana por tanto al Líbano, aunque no es un objetivo de los terroristas no se puede ignorar que pueda ser alcanzada por algún tipo de misil. Al respecto, y preveyendo altercados en la zona, se proyectó dentro de la Casa una especie de bunker con el que poder dar refugio a los inquilinos.

    Desde camineo.info queremos expresar nuestra preocupación por lo que está sucendiendo en la zona, e intentaremos mantener informados sobre cualquier novedad que se produzca. Pedimos oraciones por todos aquellos inocentes que están sufriendo las consecuencias de esta guerra y por los que viven en la Domus Galilaeae, al servicio de la Iglesia, especialmente por el Padre Rino Rossi, rector de la casa, y que recientemente participó en el EMF de Valencia. ¡Que el Señor los cuide y los proteja!
    Para contactar con la Domus:
    www.domusgalilaeae.org

    Domus Galilaeae
    P.O. Box 909
    Tiberias 14105
    ISRAEL
    tel. +972 (0) 4 - 680 9100
    fax. +972 (0) 4 - 680 9111
    email: domusgal@netvision.net.il



    Hizbulá intenta alcanzar el centro de Israel
    LA RAZÓN - Los misiles de las milicias chiíes dejan 11 heridos en Haifa mientras Tel Aviv bombardea Beirut
    María González-Úbeda

    Ramala- Cuando se cumple el sexto día de la enésima crisis que sacude a Oriente Próximo los ataques tanto de Hizbulá como de Israel se suceden a pesar de los llamamientos internacionales para un alto al fuego.

    El norte de Israel, y en especial la ciudad de Haifa, han sufrido una nueva ofensiva de Hizbulá que ha lanzado, al menos, 14 cohetes Katyusha contra el norte del país. La localidad más afectada ha sido, una vez más, Haifa, donde en la mañana del domingo morían ocho personas como resultado del lanzamiento de Katyushas. La mañana de ayer, otro de estos cohetes hizo blanco en un edificio de viviendas con el resultado de 11 personas heridas. Ante la gravedad de la situación el ministro hebreo de Transportes decidió clausurar el puerto industrial de la ciudad, el más importante del país. Las milicias de Hizbulá han declarado que en los ataques de la mañana de ayer sobre Haifa fueron utilizados también cohetes de tipo Raed-2 y Raed-3.

    Por otro lado la ofensiva israelí en Líbano también continuó sin descanso. Más de 60 objetivos fueron alcanzados con el resultado de, al menos, 30 personas muertas, entre ellos soldados libaneses que se encontraban en dependencias militares bombardeadas.

    El Ejército israelí atacó en especial, como en días anteriores, infraestructuras civiles reconstruidas en los últimos diez años tras la devastadora guerra civil del Líbano que asoló el país durante 15 años. Aunque todavía no se han dado cifras de muertos en los ataques de ayer, los medios de comunicación libaneses cifraban en 141 los fallecidos durante el fin de semana debido a los ataques del vecino hebreo.

    A lo largo de ayer, diversas fuentes informaron sobre el posible derribo de una aeronave israelí sobre Beirut, en un punto cercano al sur de la ciudad, bastión de Hizbulá. Pero este hecho fue desmentido por el Ejército israelí a pesar de la insistencia de diversos medios libaneses e internacionales en reconocer el avión abatido. El primer ministro libanés declaró que los ataques israelíes están costando billones de dólares al país.

    Un paso hacia la tregua. El despliegue de tropas internacionales propuesto por el primer ministro británico Tony Blair y el secretario general de la ONU Kofi Annan fue desestimado por Israel que aboga, sin embargo, por el despliegue del Ejército libanés en el sur del país con el fin de evitar los ataques de las milicias a territorio israelí. Esta sugerencia es difícil de cumplir ya que, desde el fin de la guerra civil de Líbano, esta zona del país del cedro ha estado controlada por estos grupos y está considerada como el gran bastión de Hizbulá como se demostró en las pasadas elecciones.

    Por su parte, Hizbulá calificó las propuestas internacionales para un alto el fuego con Israel de «condiciones israelíes» y acusó a los enviados extranjeros de dar tiempo a Israel para que continúe con su ofensiva militar y forzar a Líbano a la sumisión. Los enviados internacionales han transmitido las condiciones israelíes. Estas condiciones son rechazadas», dijo el diputado de Hizbulá Hussein Haj Hassan. «Aceptaremos lo que asegure los intereses de nuestro país, su orgullo y su dignidad y no las condiciones para rendirse a Israel», dijo el parlamentario en la cadena árabe Al Yazira.

    El ministro de Sanidad libanés, Muhamad Jawad, cifró ayer en 175 muertos y 500 heridos el balance dejado en los seis últimos días por los bombardeos realizados por Israel. Jawad denunció los problemas con que se están encontrando para asistir a las víctimas en el sur de Líbano. «Estamos experimentando dificultades en el acceso a zonas afectadas para ayudar a los heridos». El director del centro médico Hammoud, en Sidón (45 kilómetros al sur de Beirut), Abdel Rahim Hennawi, expresó su preocupación por la falta de tratamiento de diálisis. «Teníamos las mejores instalaciones para diálisis del sur de Líbano y ahora carecemos de soluciones sanguíneas porque las carreteras están cerradas y los pacientes siguen llegando», explicó, precisando que han recibido 48 heridos del sur. El director del Sindicado de Doctores Libaneses, Mario Aoun, hizo un llamamiento a los miles de doctores y personal sanitario del país para que se presenten en los hospitales.



    Enviado el Martes, 18 julio a las 15:427 por kicanti

    __________________________________________________ _________________



    Preoccupazione per la Domus Galilaeae
    Si trova nella zona di guerra


    La situazione di guerra tra Israele e gli Hezbollah, al confine nord del paese con il Libano, riguarda tutta l'alta Galilea, compresa la zona del Lago di Tiberiade sulle cui sponde sorge,presso il Monte delle Beatitudini , la Domus Galilaeae, il Centro internazionale costruito e gestito dal Cammino neocatecumenale.
    Numerosi razzi lanciati da oltre frontiera dai guerriglieri sciiti libanesi di Hezbollah hanno colpito la citta' di Tiberiade, situata nel nord d'Israele. Si tratta del secondo attacco diretto contro una localita' dello Stato ebraico dal territorio del Libano, e di quello finora penetrato maggiormente in profondita': due giorni fa era infatti stato raggiunto il porto di Haifa, che dista dal confine circa 30 chilometri;
    Tiberiade si trova invece a 35. La notizia dell'attacco e' stata fornita da fonti ospedaliere locali, anche se al momento non si sa se vi siano state vittime o danni materiali di particolare entita'. Tiberiade sorge sulle rive dell'omonimo lago, in un'area dove le tensioni sono particolarmente elevate: non e' infatti lontana dalle alture contese del Golan, occupate da Israele durante la Guerra dei Sei Giorni nel '67, e rivendicate tuttora dalla Siria.
    La preoccupazione per l'incolumità di quanti prestano servizio presso la Domus, diretta da Padre Rino Rossi, è molto forte.
    Tutti dobbiamo pregare il Signore perchè preservi e protegga questa opera che tanto sta contribuendo al dialogo ebraico-cristiano e apra i cuori, oggi induriti dalle reciproche violenze,all'ascolto dell'invito di pace e riconciliazione che il Papa ha rivolto a tutti.

    A.S. - catechumenium.it


    Nella foto: Padre Rino Rossi a dx nella foto il giorno della inaugurazione della Domus Galilea da parte di Giovanni Paolo II, Marzo 2000.

    Sito della Domus Galilaeae in Israele

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    20 Jun 2010
    Messaggi
    7,877
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    spero che non venga centrata da un razzo .
    spero che ritornino tutti a casa al piu presto .

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Jan 2006
    Località
    Bisogna camminare molto nel buio della notte per trovare la luce del giorno.
    Messaggi
    1,035
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito



    Domus Galilaeae dal satellite.

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Jan 2006
    Località
    Bisogna camminare molto nel buio della notte per trovare la luce del giorno.
    Messaggi
    1,035
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Alcune foto messe in rete da un'amico di Trieste








    speriamo poterci andare e trovare tutti quanti la gestiscono.

  5. #5
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    20 Jun 2010
    Messaggi
    7,877
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Spariamo che non sia centrata a un missile e neocatecumenali se la cavino rientrando in italia solo con un po di paura

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    24 Dec 2005
    Località
    "Bisogna fare Comunità cristiane come la Sacra Famiglia di Nazareth che vivano nell'Umiltà , nella Semplicità e nella Lode , dove l'altro è CRISTO"
    Messaggi
    3,220
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    24 Dec 2005
    Località
    "Bisogna fare Comunità cristiane come la Sacra Famiglia di Nazareth che vivano nell'Umiltà , nella Semplicità e nella Lode , dove l'altro è CRISTO"
    Messaggi
    3,220
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Custode di Terra Santa: incredulità per la rapida degenerazione dello scontro Israele-Libano

    GERUSALEMME, lunedì, 17 luglio 2006 (ZENIT.org).- In questi giorni in Terra Santa si vive tra la preoccupazione e l’incredulità per il violento scontro tra Israele e Libano, ha affermato il Custode francescano dei Luoghi Santi, padre Pierbattista Pizzaballa.

    Prosegue la spirale di violenza scoppiata mercoledì scorso, quando il movimento armato (fondamentalista) sciita libanese Hezbollah ha sequestrato due soldati israeliani e ne ha assassinati altri otto.

    Israele ha iniziato allora a bombardare punti strategici del Libano; Hezbollah ha risposto lanciando razzi contro obiettivi israeliani.

    Israele ha lanciato nuovi attacchi, come quello al quartiere sciita di Beirut – ritenuto la roccaforte di Hezbollah –, dopo la nuova offensiva del movimento armato libanese contro Haifa, terza città israeliana per importanza.

    L’emittente pontificia sottolinea che il numero delle vittime di questi giorni non è inferiore a 170 e che il Governo israeliano si è mostrato contrario alla proposta del G8 (riunito fino a questo lunedì a San Pietroburgo) volta a dispiegare una forza internazionale di pace lungo la frontiera meridionale del Libano.

    Il Segretario generale dell’ONU, Kofi Annan, ha chiesto un immediato “cessate il fuoco”; i Ministri degli Esteri dell’Unione Europea chiedono a Hezbollah di fermare gli attacchi contro Israele, e a questo di evitare reazioni sproporzionate.

    Da parte sua – aggiunge –, il leader di Hezbollah, Hassan Nasrala, ha dichiarato domenica pomeriggio alla televisione del suo movimento armato che lo “scontro è solo all’inizio”, ed ha aggiunto che i guerriglieri sciiti hanno utilizzato finora solo “poche delle loro armi”, sottolineando che la loro forza risiede nel fatto che Israele “ignora la vera capacità militare” del movimento libanese.

    Domenica pomeriggio alcuni razzi sono caduti per la prima volta nella bassa Galilea, raggiungendo la periferia di Nazareth. Nei giorni precedenti erano arrivati vicino a Tiberiade.

    Il Custode di Terra Santa, padre Pierbattista Pizzaballa, è stato interpellato circa i rischi per la comunità cattolica locale e i pellegrini.

    “La sicurezza assoluta – devo essere sincero – non c’è; credo, comunque, che i pellegrini siano quasi completamente fuori pericolo”, ha spiegato il francescano ai microfoni della “Radio Vaticana”.

    “Non credo che Nazareth sarà un obiettivo dei guerriglieri libanesi perché è abitata da arabi. Penso, invece, che gli Hezbollah colpiranno soprattutto zone abitate da israeliani e non da arabi”, ha osservato.

    Ad ogni modo, ha ammesso, la comunità locale vive di ora in ora la situazione “con molta apprensione, come tutti, naturalmente”.

    “Siamo ancora increduli che la situazione stia degenerando così in fretta e in questo modo estremamente negativo – ha commentato –. Ma speriamo! Ancora ci sono tutte le possibilità che ci si fermi e che il buon senso prevalga. Però, per il momento assistiamo ad una violenza che sta esplodendo senza limiti”.

    “La popolazione civile, soprattutto nel nord, sembra un po’ rassegnata, spaventata e incredula. La popolazione è divisa tra coloro che ritengono vicina la fine degli scontri e quanti, invece, sono molto preoccupati e si stanno preparando al peggio”.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    24 Dec 2005
    Località
    "Bisogna fare Comunità cristiane come la Sacra Famiglia di Nazareth che vivano nell'Umiltà , nella Semplicità e nella Lode , dove l'altro è CRISTO"
    Messaggi
    3,220
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Obiettivo Galilea

    Da Nazareth a Tiberiade, dal Monte Carmelo di Haifa all'antica Tolemaide: la mappa dei Luoghi Santi colpiti dalla guerra...

    Sulle sponde del lago ove Gesù chiamò gli apostoli si trovano Cafarnao e il Monte delle Beatitudini. Nei pressi anche Cana e il Monte Tabor

    Di Giorgio Bernardelli

    «Da Nazareth può forse venire qualcosa di buono?», si chiede scettico Natanaele nel celebre brano evangelico. È forse la frase migliore per inquadrare il grande paradosso della Galilea. Zona da sempre sinonimo di periferia, eppure ancora una volta in queste ore vero e proprio crocevia del mondo. Non è Gerusalemme, la Città Santa. Ma nemmeno le dinamiche Tel Aviv, Damasco o Beirut. Con un eufemismo classico a ogni latitudine per lo Stato di Israele è tuttora un'«area di sviluppo». Eppure qui si trovano alcuni tra i luoghi più significativi per la storia dell'umanità. C'è, intanto, la Galilea cristiana, che vuol dire anzitutto Nazareth: la città dell'Annunciazione e dei trent'anni della «vita nascosta» di Gesù. Città antichissima (studi archeologici dicono che il villaggio originario era abitato già nel secondo millennio avanti Cristo), araba, un tempo cristiana, oggi con una maggioranza islamica tra i suoi 60mila abitanti. L'altra sera è stata sfiorata dai missili degli Hezbollah che sono andati a colpire, Nazareth Illìt, la «Nazareth superiore» diremmo noi, cioè la vicina città ebraica che si trova sulla collina di fronte e di abitanti ne fa 44mila. Il cuore di Nazareth è la sagoma bianca della basilica dell'Annunciazione, la moderna chiesa costruita negli anni Sessanta sopra la grotta venerata fin dai tempi delle comunità giudeo-cristiane (qui si trova il celebre graffito in greco Kaire Maria, la più antica testimonianza del saluto dell'Angelo alla Vergine). Altro importante luogo biblico toccato dalle devastazioni è il Monte Carmelo ad Haifa. Zona che nell'Antico Testamento rimanda alla figura di Elia: la vetta del monte, qualche chilometro a sud dell'odierna città, è la sede della celebre «sfida» coi profeti di Baal, raccontata dal capitolo 18 del Primo libro dei Re. Ma proprio sopra all'abitato di Haifa si trova il complesso della Stella Maris, cuore dell'ordine carmelitano, sorto qui a partire dalla tradizione eremitica fiorita in queste grotte nel solco di El ia. E qui si venera la Madonna del Carmelo. L'altro grande centro della Galilea colpito dagli Hezbollah, Tiberiade, è invece molto meno legato di quanto possa sembrare alla storia cristiana. I riferimenti che spesso si trovano nei Vangeli non sono alla città, ma al lago omonimo che la bagna; e i principali santuari cristiani si trovano sulla sponda Nord. Innanzi tutto Cafarnao, la città di Pietro, il sito più importante dell'archeologia cristiana in Terra Santa. Poi Tabgha con la piccola chiesa del Primato («Tu sei Pietro...») e quella che ricorda il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci. E il Monte delle Beatitudini, la collina affacciata sul Lago di Tiberiade (per gli israeliani Lago Kinnerèt), santuario che ricorda il più celebre dei discorsi di Gesù. Tornando invece alla città di Tiberiade la sua importanza storica è legata soprattutto alla cultura ebraica. Perché quando dopo la rivolta di Bar Kokhba, nel II secolo d.C., Gerusalemme fu rasa al suolo dai romani e gli ebrei banditi da Aelia Capitolina (la città costruita ex novo), fu Tiberiade a divenire il centro che permise al giudaismo di sopravvivere. Qui sorsero le più importanti scuole rabbiniche, dalle cui riflessioni nacque il Talmud palestinese o di Gerusalemme, così chiamato per distinguerlo dall'altra grande summa ebraica che, nello stesso periodo, veniva elaborata a Babilonia dalla più significativa delle comunità della diaspora. Non a caso a Tiberiade sono sepolti Yohanan ben Zakkai, il Rabbi per eccellenza del Talmud, e il grande filosofo Mosè Maimonide. Città importante per l'ebraismo è anche Safed, altro centro della Galilea dolorosamente ricorrente nelle cronache di queste ore. Si tratta infatti della capitale della Kabbalà, la corrente spirituale fiorita intorno alla ricerca dei significati allegorici della Torah. Un movimento fiorito nel 1500, al tempo degli ottomani, non privo di commistioni con la mistica persiana e turca. Ancora oggi a Safed si possono visitare le sinagoghe dei kabbalisti e la tomba dell'altro grande rabbino del Talmud, Shimon bar Yohai. Tornando invece ai luoghi cristiani della Galilea, meritano di essere citati altri due centri che si trovano tra Nazareth e Tiberiade: il villaggio di Cana, dove una chiesa ricorda il miracolo dell'acqua trasformata in vino, e soprattutto il Monte Tabor, con i suoi 588 metri di altitudine la montagna più caratteristica della regione. La tradizione cristiana vi ha identificato l'«alto monte» su cui Gesù condusse Pietro, Giacomo e Giovanni nell'episodio della Trasfigurazione. Infine una parola va certamente spesa per Akko, altro centro costiero carico di storia, colpito in queste ore. Si tratta infatti dell'antica Tolemaide, cuore ebraico della rivolta dei Maccabei. Conquistata dagli arabi divenne la città di Akko, poi francesizzata in Acre (Acri) quando nel 1104 arrivarono i crociati. Trasformata in uno dei principali porti del Mediterraneo, i Cavalieri di San Giovanni vi edificarono una grande chiesa. Poi nel 1291 cadde, espugnata dal sultano Malik el-Ashraf. Dopo secoli di declino fu il pascià turco Asmhed el-Giazzar, alla fine del XVIII secolo, a riportarla all'antico splendore, costruendo una grande moschea sulle rovine della chiesa di San Giovanni. Proprio ad Akko si infranse la campagna d'Egitto di Napoleone, che non riuscì a conquistarla. Oggi la storia torna di nuovo a passare da qui.

    Avvenire 18 luglio 2006

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    24 Dec 2005
    Località
    "Bisogna fare Comunità cristiane come la Sacra Famiglia di Nazareth che vivano nell'Umiltà , nella Semplicità e nella Lode , dove l'altro è CRISTO"
    Messaggi
    3,220
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Domus Galilaeae :tutto continua
    In un clima di serenità e di attenzione allo svolgersi degli eventi

    Non sono molte le informazioni che ci giungono dalla Domus Galilaeae circa l'attuale situazione ambientale dovuto allo stato di guerra tra Israele e gli Hezbollah libanesi. E questo è un buon segno.Per quanto ci è dato di conoscere attraverso i contatti personali di alcuni fratelli con coloro che attualmente prestano servizio presso la Domus, le attività quotidiane proseguono con regolarità e tutto si svolge in un clima ovviamente di attenzione verso gli eventi che, purtroppo tragicamente, si svolgono a poche decine di chilometri di distanza , ma anche di un sereno e fiducioso abbandono alla volontà del Signore.
    In particolare, ci è dato di conoscere, prosegue senza interruzioni lo svolgimento delle visite alla Domus da parte di gruppi di ebrei durante il Sabato, gruppi che vengono guidati da seminaristi ormai "addestrati" in modo specifico per questa particolare attività. Sembra infatti che la fama della Domus Galilea sia sempre più estesa in Israele ed essa stia assumendo sempre più un ruolo di riferimento per le cosiddette "visite culturali" di vari gruppi ed associazioni israeliane.
    Ugualmente prosegue il turn-over dei fratelli che si avvicendano alla Domus per le attività di servizio collaterali all'attività principale, ma altrettante preziose per il buon funzionamento della Domus, come le manutenzioni agli impianti e all'edificio, il servizio alla mensa, le pulizie, etc.
    Già da questo scarno ma essenziale panorama ambientale che abbiamo in qualche modo potuto ricostruire, possiamo comunque trarre motivo di ringraziamento al Signore per come sta permettendo alla Domus Galilea di esistere (non dimentichiamo che l'edificio è ampiamente alla portata dei razzi che partono dalla zona di confine con il Libano e che a Tiberiade, circa 15 Km dalla Domus, hanno già provocato vittime e ingenti danni) , e a coloro che vi operano di vivere "in umiltà, semplicità e lode, dove l'altro è Cristo".

    A.S. - catechumenium.it

 

 

Discussioni Simili

  1. Domus Galilae
    Di trilex nel forum Cattolici
    Risposte: 251
    Ultimo Messaggio: 16-01-12, 01:33
  2. Domus Gens Octavia
    Di Danny nel forum Res Publica di POL
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 14-10-07, 12:23
  3. Domus Gentis Calpurniae
    Di er uagh nel forum Res Publica di POL
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 30-09-07, 23:32
  4. L'Epifania alla Domus Galilaeae
    Di niocat55 (POL) nel forum Cattolici
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-01-07, 00:21
  5. domus propria domus optima
    Di rockenrolle nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-04-06, 09:55

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226