User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Polemiche in Germania per il primo allestimento di 70 lavori di Arno Breker.

    L'ira del pittore Stäck: «Esaltata la barbarie»
    La mostra-scandalo dello scultore di Hitler
    Polemiche in Germania per il primo allestimento di 70 lavori di Arno Breker.
    Le sue opere erano finora considerate tabù

    BERLINO (dal nostro corrispondente) - Beveva il tè con Joseph Goebbels, trascorreva le vacanze con Albert Speer, riceveva spesso Heinrich Himmler nel suo atelier. E intanto decorava la follia megalomane del dittatore, popolando con le sue statue gigantesche i luoghi della volontà di rappresentazione nazista: muscoli corazzati, volti vittoriosi, l'ideale ariano fatto scultura. Al culmine del suo successo, in cappotto e bustina delle SS, ebbe il privilegio di accompagnare Hitler nella sua celebre visita a Parigi occupata. Il suo canto del cigno. Caduto il nazismo, un po' troppo generosamente giudicato un semplice compagno di strada, Arno Breker se l'era cavata con una multa di 100 marchi. E fino alla sua morte, avvenuta nel 1991, il più celebre scultore tedesco del XX secolo era rimasto un «non artista». Almeno ufficialmente, visto che in privato il suo studio fu meta di industriali e collezionisti come gli Ötker, i Quandt e i Ludwig, e di politici come Adenauer ed Erhard, che gli commissionarono anche i propri ritratti. Ma nel dopoguerra la sua arte era diventata tabù, i musei non lo consideravano esponibile e chi voleva ammirare le sue sculture doveva avventurarsi all'Olympiastadion di Berlino, dove alla vigilia dei Mondiali qualche stolto aveva proposto di coprirle.
    Sessantuno anni dopo la fine della guerra, una città tedesca dedica a Breker una mostra personale. Si apre stamane alla Schleswig- Holstein Haus di Schwerin, capitale del Meclenburgo, la più completa retrospettiva mai realizzata sull'opera dell'artista di corte di Hitler. Ma già prima di essere svelate agli occhi del pubblico, le 70 sculture (tra originali e copie in scala) dell'allestimento provocano polemiche di fuoco, spaccano trasversalmente il mondo della cultura e della politica tedesca, confermando tutta la carica ancora urticante del passato che non passa. A rendere più incandescente la diatriba è il finanziamento pubblico di 55 mila euro, assicurato alla mostra dal ministero della Cultura del Land, governato da una maggioranza di sinistra composta dai socialdemocratici della Spd e dai post comunisti della Linkspartei.
    «È possibile esporre di nuovo l'artista preferito di Hitler?», si chiedeva ieri la Bild Zeitung. Le risposte e le prese di posizione disegnano due schieramenti piuttosto atipici. L'autorevole Frankfurter Allgemeine Zeitung, in genere piuttosto incline alle revisioni del passato, si esprime negativamente sull'iniziativa: occorrerebbe prima, spiega il giornale, un lavoro critico su Breker, che ancora non c'è stato anche per il rifiuto della famiglia, sostenitrice entusiasta della mostra, di aprire l'archivio privato dell'artista agli studiosi. Più duro il neo-direttore della berlinese Akademie der Künste, il pittore Klaus Stäck, che per protesta ha cancellato una sua mostra, programmata nello stesso museo il prossimo anno: «Breker diede un volto al razzismo nazista, fu il decoratore della barbarie. La mostra di Schwerin non ha un impianto critico ed è un modo per denazificarlo». No, reagisce a sorpresa il premio Nobel Günter Grass, secondo il quale «a condizione di essere documentata e informativa, la mostra può rispondere ad alcune domande».
    E a favore dell'allestimento si dichiara anche Michel Friedman, ex vicepresidente del Consiglio centrale ebraico, secondo il quale le opere di Breker non vanno nascoste, ma presentate al pubblico accompagnate da adeguate spiegazioni sul ruolo avuto dallo scultore durante il nazismo: «Solo così i giovani possono apprendere come venne violentata l'arte e come gli artisti si misero al servizio della dittatura».
    Paolo Valentino
    21 luglio 2006

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Materiali su Arno Breker
    Di Harm Wulf nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 27-02-07, 16:43
  2. Mostra su Arno Breker
    Di Harm Wulf nel forum Arte
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 04-08-06, 15:21
  3. Arno Breker su Art & Dossier n. 208!
    Di Harm Wulf nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-02-05, 23:06
  4. Arno Breker
    Di Harm Wulf nel forum Arte
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 18-04-03, 23:27
  5. Arno Breker
    Di Harm Wulf nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-04-03, 10:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226