User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11

Discussione: Estrema Unzione?

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Messina
    Messaggi
    18,415
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Estrema Unzione?

    Gentili amici, scusate per il disturbo ma avrei una domanda per voi: è vero che, attualmente, non è più somministrato ai moribondi il Sacramento dell'Estrama Unzione bensì il Sacramento degli Infermi (in situazioni molto serie, ma non soltanto fatali)? Vi ringrazio.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    30 Jan 2005
    Località
    Roma
    Messaggi
    53
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Forse ti riferisci all'"Unzione degli infermi" che è poi la stessa cosa dell'"Estrema unzione", anche se oggi si preferisce, mi pare, chiamarla col primo modo.
    Riporto l'art. 316 del Compendio al Catechismo della Chiesa Cattolica: <<Lo può ricevere il fedele che si trova in pericolo di morte per malattia o vecchiaia>>.
    Ciao, Maurizio

  3. #3
    più arcipreti, meno arcigay
    Data Registrazione
    03 Jun 2004
    Località
    Tra la verità e l'errore non c'è nessuna via di mezzo, tra questi due poli opposti non c'è che un immenso vuoto. Colui che si pone in questo vuoto è altrettanto lontano dalla verità di colui che è nell'errore (J. Donoso Cortes)
    Messaggi
    19,845
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    oggigiorno la "estrema unzione" viene chiamata "unzione degli infermi" per renderne meglio la finalità: essa non serve solo ai moribondi, ma a tutti i malati gravi.

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Messina
    Messaggi
    18,415
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Perfetto, è proprio quello che intendevo... Vi ringrazio anche per le precisazioni terminologiche.

  5. #5
    Forumista junior
    Data Registrazione
    14 Jun 2006
    Messaggi
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ciao a tutti, approfitto del topic per fare una domanda...vorrei sapere se l'estrema unzione viene fatta per perdonare i peccati del malato in modo che non muoia fuori dalla grazia di Dio e quindi essere riconciliato a lui o per una sorta di benedizione diciamo "generale". grazie

  6. #6
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    24 Aug 2009
    Messaggi
    5,381
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Una brevissima catechesi

    Il testo biblico di riferimento è sicuramente la lettera di Giacomo dove leggiamo:

    Chi è malato, chiami a sé i presbiteri della Chiesa e preghino su di lui, dopo averlo unto con olio, nel nome del Signore. E la preghiera fatta con fede salverà il malato: il Signore lo rialzerà e se ha commesso peccati, gli saranno perdonati
    (Gc 5,14-15 ).

    In breve possiamo dire che il sacramento dell'Unzione degli infermi ha lo scopo di conferire una grazia speciale al cristiano che sperimenta le difficoltà inerenti allo stato di malattia grave o alla vecchiaia. Questa grazia speciale ha come effetti:

    - l'unione del malato alla passione di Cristo, per il suo bene e per quello di tutta la Chiesa;

    - il conforto, la pace e il coraggio per sopportare cristianamente le sofferenze della malattia o della vecchiaia;

    - il perdono dei peccati, se il malato non ha potuto ottenerlo con il sacramento della Penitenza;

    - il recupero della salute, se ciò giova alla salvezza spirituale;

    - la preparazione al passaggio alla vita eterna.

  7. #7
    VINCIT OMNIA VERITAS!
    Data Registrazione
    13 Sep 2002
    Località
    "O voi che avete gli intelletti sani, mirate la dottrina che s'asconde sotto'l velame de li versi strani."
    Messaggi
    2,120
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Aggiungo....

    Definitur: Sacramentum a Chr. Domino institutum ad salutem animae et etiam corporis, conferendum infirmis de vita periclitantibus per unctionem olei benedicti et orationem sacerdotis.

    Materia: remota est oleum ex olivis ad episcopo benedictum; proxima est unctio.

    Forma: Per istam Sancta Unctionem et suam piissimam misericordiam, indulgeat tibi Dominus quidquid per visum (vel auditum, odoratum, tactum, gressum et lumborum delectationem) deliquisti. Amen. [O altre equivalenti come da Rituali in uso e conformi]

    Subiectum: est homo baptizatus, rationis usu preditus, infirmus, graviter periclitans, qui tamen sit dispositus (sacramento Poenitentiae refectus vel saltem contritus vel attritus et si fieri potest sacra Sinaxsi confortatus).

    Effectus: animi corroboratio; gratia sanctificans; abstersio reliquiarum peccati; remissio peccatorum (secundario et per accidens); sanitas corporis, si animae expediat.
    "In girum imus nocte et consumimur igni"

  8. #8
    Ministrare non Ministrari
    Data Registrazione
    26 Sep 2004
    Località
    Non mortui laudabunt te Domine: neque omnes qui descendunt in infernum. Sed nos qui vivimus, benedicimus Domino, ex hoc nunc et usque in sæculum.
    Messaggi
    868
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    COSTITUZIONE APOSTOLICA

    SACRAM UNCTIONEM INFIRMORUM

    IL SACRAMENTO DELL'UNZIONE
    DEGLI INFERMI

    PAOLO VESCOVO
    SERVO DEI SERVI DI DIO
    A PERPETUA MEMORIA



    La sacra Unzione degli infermi, come professa e insegna la Chiesa Cattolica, è uno dei sette Sacramenti del Nuovo Testamento, istituito da Cristo Nostro Signore, «adombrato come tale nel Vangelo di Marco (Mc 6, 3) e raccomandato ai fedeli e promulgato da Giacomo, Apostolo e fratello del Signore. Chi è malato, - egli dice, - chiami a sé i presbiteri della Chiesa e preghino su di lui dopo averlo unto con olio nel nome del Signore; e la preghiera fatta con fede salverà il malato; il Signore lo rialzerà e se ha commesso peccati, gli saranno perdonati (Gc 5, 14-15)» (CONC. TRID., Sess. XIV, De extr. unct., cap. I (cf ibid. can. 1): CT VII, 1, 355-356: Denz.-Schön. 1965, 1716).

    Prime testimonianze sull'Unzione degli infermi

    Testimonianze relative all'Unzione degli infermi si trovano fin dai tempi antichi, nella Tradizione della Chiesa, segnatamente in quella liturgica, sia in Oriente che in Occidente. Sono da ricordare in proposito, a titolo speciale, la Lettera scritta dal Pontefice Innocenzo I, Nostro Predecessore, a Decenzio, Vescovo di Gubbio (Lett. Si Instituta Ecclesiastica, cap. 8: PL 20, 559-561: Denz.-Schön. 216), e il testo della veneranda preghiera usata per benedire l'Olio degli infermi: «Effondi, o Signore, il tuo Spirito Santo paraclito», la quale fu inserita nella Prece Eucaristica (Liber Sacramentorum Romanae Ecclesiae Ordinis Anni Circuli, ed. L. C. MOHLBERG (Rerum Ecciesiasticarum Documenta, Fontes, IV), Roma 1960, P. 61: Le Sacramentaire Grégorien, ed. J. DΕMUSSES (Spicilegium Friburgense, 16), Fribourg 1971, p. 172; cf La tradition apostolique de Saint Hippolyte, ed. B. BOTTE (Liturgiewissenschafiiche Quellen und Forschungen, 39), Münster in W. 1963, pp. 18-19; Le Grand Euchologe du Monastère Blanc, ed. E. LANNE (Patrologia Orientalis XXVIII, 2), Paris 1958, pp. 392-395) ed è tuttora conservata nel Pontificale Romano (Cf Pontificale Romanum: Ordo benedicendi Oleum Catechumenorum et Infirmorum et conficiendi Chrisma, Città del Vaticano 1971, pp. 11-12).

    Unzioni e formule

    Col passare dei secoli, nella Tradizione liturgica furono più esattamente precisate, pur se in vario modo, le parti del corpo dell'infermo che dovevano essere unte con l'Olio santo, e furono aggiunte più formule per accompagnare con la preghiera le unzioni: queste formule sono appunto contenute nei libri rituali delle varie Chiese. Durante il medioevo, nella Chiesa Romana invalse la consuetudine di ungere gli infermi nelle sedi degli organi di senso, con l'uso di questa formula: «Per questa santa Unzione e per la sua misericordia pietosa, il Signore ti perdoni tutto ciò che hai commesso di male», formula che veniva adattata a ciascuno dei sensi (Cf M. ANDRIEU, Le Pontifical Romain au Moyen-Age, t. 1, Le Pontifical Romain du XIe siècle (Studi e Testi, 86), Città del Vaticano 1938, pp. 267-268; t. 2, Le Pontifical de la Curie Romaine au XIIe siècle (Studi e Testi, 87), Città del Vaticano 1940, pp. 491-492).

    Dottrina sul Sacramento del Concilio di Firenze e Concilio di Trento

    La dottrina circa la Sacra Unzione è, inoltre, esposta nei documenti dei Concili Ecumenici, cioè del Concilio Fiorentino, e soprattutto del Tridentino e del Vaticano II.

    Dopo che il Concilio Fiorentino ebbe descritto gli elementi essenziali dell'Unzione degli infermi (Decr. pro Armeniis, G. HOFMANN, Conc. Florent., I-II, p. 130: Denz.-Schön. 1324s.), il Concilio di Trento ne proclamò la divina istituzione, indicando tutto ciò che intorno alla Sacra Unzione è tramandato dall'Epistola di san Giacomo, per quanto riguarda soprattutto la realtà e l'effetto del Sacramento: «Questa realtà è, infatti, la grazia dello Spirito Santo, la cui unzione lava i delitti, che siano ancora da espiare, toglie i residui del peccato e reca sollievo e conforto all'anima del malato, suscitando in lui una grande fiducia nella misericordia del Signore, per cui l'infermo, così risollevato, sopporta meglio i fastidi e i travagli della malattia e più facilmente resiste alle tentazioni del demonio che gli insidia il calcagno (Gn 3, 15) e riacquista talvolta la stessa salute del corpo, quando ciò convenga alla salute dell'anima» (CONC. TRID., Sess. XIV, De extr. unct., cap. II: CT VII, 1, 356: Denz.-Schön. 1696). Il medesimo Concilio proclamò, altresì, che con quelle parole dell'Apostolo è chiaramente indicato «che questa unzione deve esser fatta agli infermi, e soprattutto a coloro i quali si trovano in una condizione di tale pericolo, che sembrano essere in fin di vita, per cui essa è chiamata anche Sacramento dei moribondi» (Ibid., cap. III: CT ibid.: Denz.-Schön. 1698). Da ultimo, per quanto riguarda il ministro competente, dichiarò che ne è ministro il presbitero (Ibid., cap. III, can. 4: CT, ibid.: Denz.-Schön. 1697, 1719).

    Concilio Vaticano II

    Da parte sua, il Concilio Vaticano II contiene queste ulteriori affermazioni: «"L'Estrema Unzione", la quale può esser chiamata anche, e meglio, "Unzione degli infermi", non è il Sacramento soltanto di coloro che si trovano in estremo pericolo di vita. Perciò, il tempo opportuno per riceverlo ha certamente già inizio quando il fedele, per malattia o per vecchiaia, comincia ad essere in pericolo di morte» (Cf CONC. VAT. II, Cost. sulla Sacra Liturgia Sacrosanctum Concilium, n. 73: AAS 56 (1964), pp. 118-119). E che l'uso di questo Sacramento rientri nelle sollecitudini di tutta la Chiesa, è dimostrato da queste parole: «Con la sacra unzione degli infermi e con la preghiera dei presbiteri tutta la Chiesa raccomanda gli ammalati al Signore sofferente e glorificato, perché rechi loro sollievo e li salvi (cf Gc 5, 14-16), anzi li esorta a unirsi spontaneamente alla passione e alla morte di Cristo (cf Rm 8, 17; Col 7, 24; 2 Tm 2, 11-12; 1 Pt 4, 13), per contribuire così al bene del Popolo di Dio» (Cf Cost. dogm. Lumen gentium, 11: AAS 57 (1965), p. 15).

    Tutti questi elementi dovevano esser tenuti ben presenti nella revisione del rito della Sacra Unzione, al fine di adattar meglio alle odierne circostanze quelli che erano soggetti a mutamento (Cf CONC. VAT. II, Cost. sulla Sacra Liturgia Sacrosanctum Concilium, n. 1: AAS 56 (1964), p. 97).

    Formula

    Abbiamo, anzitutto, ritenuto di modificare la formula sacramentale in maniera tale, che, tenendo presenti le parole di san Giacomo, fossero più chiaramente espressi gli effetti del Sacramento.

    Olio

    Dato, poi, che l'olio d'oliva, quale fino ad ora era prescritto per la validità del Sacramento, in alcune regioni manca del tutto o può essere difficile procurarlo, abbiamo stabilito, su richiesta di numerosi Vescovi, che possa essere usato in futuro, secondo le circostanze, anche un olio di altro tipo, che tuttavia sia stato ricavato da piante, in quanto più somigliante all'olio d'oliva.

    Numero delle Unzioni

    Per ciò che riguarda il numero delle unzioni e le membra da ungere, ci è sembrato opportuno procedere ad una semplificazione del rito.

    Pertanto, poiché questa revisione tocca in alcune parti anche lo stesso rito sacramentale, con la Nostra Autorità Apostolica decretiamo che, per l'avvenire, sia osservato nel Rito Latino quanto segue:

    IL SACRAMENTO DELL'UNZIONE DEGLI INFERMI SI CONFERISCE A QUELLI CHE SONO AMMALATI CON SERIO PERICOLO, UNGENDOLI SULLA FRONTE E SULLE MANI CON OLIO D'OLIVA, O, SECONDO L'OPPORTUNITÀ, CON ALTRO OLIO VEGETALE, DEBITAMENTE BENEDETTO E PRONUNCIANDO, PER UNA VOLTA SOLTANTO, QUESTE PAROLE: «PER QUESTA SANTA UNZIONE E PER LA SUA MISERICORDIA PIETOSA IL SIGNORE TI AIUTI CON LA GRAZIA DELLO SPIRITO SANΤΟ E LIBERATO DAI PECCATI TI SALVI E TI GUARISCA».

    Tuttavia, in caso di necessità, è sufficiente compiere un'unica unzione sulla fronte oppure, a motivo di particolari condizioni dell'infermo, in un'altra parte più adatta del corpo, pronunciando integralmente la formula anzidetta.

    Questo Sacramento può essere ripetuto, qualora l'infermo, dopo aver ricevuto l'Unzione, si sia ristabilito e sia poi ricaduto nella malattia, oppure se, perdurando la medesima infermità, il pericolo diviene più grave.

    Promulgazione ed entrata in vigore del nuovo rito

    Stabiliti e dichiarati questi elementi relativi al rito essenziale del Sacramento dell'Unzione degli infermi, Noi approviamo con la Nostra Autorità Apostolica anche l'Ordo concernente l'Unzione degli infermi e la cura pastorale di essi, quale è stato rivisto dalla Sacra Congregazione per il Culto Divino, derogando, nello stesso tempo, se sarà necessario, alle prescrizioni del Codice di Diritto Canonico o alle altre leggi finora vigenti, o anche abrogandole, mentre conservano stabile valore le prescrizioni e le leggi, che non sono abrogate o mutate dal medesimo Ordo. L'edizione latina di tale Ordo, contenente il nuovo rito, andrà in vigore non appena sarà pubblicata, mentre le edizioni in lingua volgare, preparate dalle Conferenze Episcopali e approvate dalla Sede Apostolica, andranno in vigore dal giorno che sarà deciso dalle medesime singole conferenze; il vecchio Ordo potrà essere usato fino al 31 dicembre dell'anno 1973. Tuttavia, dal 1° gennaio 1974, tutti gli interessati dovranno fare uso soltanto del nuovo Ordo.

    Vogliamo che tutto quanto Noi abbiamo deciso e prescritto abbia, ora e in avvenire, piena efficacia nel Rito Latino, nonostante - per quanto è necessario - le Costituzioni e gli Ordinamenti Apostolici, emanati dai Nostri Predecessori, e le altre disposizioni, anche se degne di speciale menzione.

    Dato a Roma, presso S. Pietro, il 30 novembre 1972, anno decimo del Nostro Pontificato.

    PAOLO PP. VI

  9. #9
    Registered User
    Data Registrazione
    18 Nov 2005
    Messaggi
    69
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lepanto
    - il perdono dei peccati, se il malato non ha potuto ottenerlo con il sacramento della Penitenza;
    Non ho capito, se un malato è in grado di ottenere l'unzione dal prete perchè mai non dovrebbe essere in grado di ottenere la confessione dal prete medesimo??

    p.s. forse si riferisce a casi in cui il malato non puo parlare e quindi non puo confessarsi?

  10. #10
    VINCIT OMNIA VERITAS!
    Data Registrazione
    13 Sep 2002
    Località
    "O voi che avete gli intelletti sani, mirate la dottrina che s'asconde sotto'l velame de li versi strani."
    Messaggi
    2,120
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Forgive_me
    Non ho capito, se un malato è in grado di ottenere l'unzione dal prete perchè mai non dovrebbe essere in grado di ottenere la confessione dal prete medesimo??

    p.s. forse si riferisce a casi in cui il malato non puo parlare e quindi non puo confessarsi?
    Prendi uno in coma ad esempio, o un terminale che non ha che pochi secondi di lucidità ogni tanto e non riesce a parlare, o un vecchio moribondo....

    Certo deve esserci o deve esserci stata l'intenzione di confessarsi (da parte del malato) o almeno contrizione o attrizione.
    Ma alla fine questo dovrebbe valere -ripeto: dovrebbe, non vorrei sbagliarmi- anche se uno non riceve l'unzione. Così se cadi da un monte e ti rendi conto che stai per morire e ti penti sinceramente.... si dice, dopotutto, che ciò che vuoi fare ma sei impossibilitato a fare ti viene contato come se l'avessi fatto. E questo sia in bene che in male.

    Ma alla fine siamo tutti nelle mani della Misericordia di Dio.....
    "In girum imus nocte et consumimur igni"

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Unzione carismatica di massa.
    Di ventunsettembre nel forum Padania!
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 03-08-11, 10:13
  2. L'esproprio del TFR - al posto della pensione, l'estrema unzione?
    Di Ottobre Nero nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 16-02-11, 19:01
  3. L'esproprio del TFR - al posto della pensione, l'estrema unzione?
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 19-12-06, 15:02
  4. Battesimo ed Estrema Unzione
    Di nikky nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 27-04-06, 16:34
  5. Cile, Pinochet: dopo ictus ha ricevuto estrema unzione
    Di gb1984 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 21-12-04, 22:05

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226