User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Dev’essere il caldo… dove sono i pacifinti?

    Domenico Savino
    24/07/2006
    Dev’essere certamente colpa del caldo: 38° a Bologna, 37° a Milano, 37° anche a Firenze… afa, ozono, sudore.
    Eppure nello scenario surreale che ci stanno propinando, con un genocidio in atto del popolo palestinese, con l’invasione senza neppure una preventiva dichiarazione di guerra di un Paese sovrano, quale è il Libano, io - sinceramente - magari in orario serale, magari andando ad un concerto, magari dopo una birra gelata, ma una capatina di qualche corteo pacifista me l’aspettavo.
    Invece nulla: neanche uno straccio di bandiera della pace, una spilletta esibita sul bavero della giacca, un braccialetto iridato, niente di niente.
    Neanche un arcobaleno… per forza non piove!
    Mi domandavo dove sono finiti tutti i marciatori della pace, quelli che con i loro cortei colorati erano scesi in piazza contro le guerre in Afghanistan ed in Iraq, quei «gioiosi» e colorati ragazzi tutti «peace and love», tamburi, fischietti, spinelli, piercing e ombelichi al vento?

    Dove sono quei sensibili ragazzi dei Centri Sociali che nel 2001 hanno messo a ferro e fuoco Genova?
    Dove sono le «donne in nero», le donne per la pace, quelli delle bandiere ai balconi?
    Dove sono finiti i don Ciotti, i Gino Strada, gli Alex Zanotelli, i Medici senza frontiere, le Mani Tese, i Pax Christi, i Coordinamenti per la pace, le Comunità di sant’Egidio?
    E i verdi, i comunisti, i post-comunisti, gli ambientalisti … !
    Già, dove sono finiti?
    Al mare, probabilmente… o in piscina, o in qualche locale estivo a tirar l’alba e qualcuno magari pure qualcos’altro.
    E poi le scuole sono chiuse.
    Si sa l’impegno politico e la sensibilità pacifista sono fortemente motivati dalla possibilità concreta di «fare focaccia», spacciandola per nobile ideale.


    Tuttavia qualche organizzazione avrebbe dovuto montar su, alzare un po’ la voce, organizzare qualcosa… magari un sit-in… non dico bruciare una bandiera di Israele che - si sa - è una colpa gravissima, anzi un male assoluto!
    Ma insomma, un vagito di protesta… che dico… di dissenso.
    Invece niente.
    Zitti.
    Sembra una congiura del silenzio.
    E forse lo è.
    Finché si trattava di alzare la voce contro la politica estera americana in Iraq e Afghanistan e le subalterne e scellerate posizioni del governo Berlusconi, tutto bene: la macchina era già oliata, la base già preparata dai tempi della guerra fredda.
    Oggi, che è in campo Israele, tutto tace.
    Nessuno si azzarda a contestare pubblicamente Israele.
    Come dire: finché c’era da protestare contro il servo e questo consentiva di far cassa sul mercato interno della politica, tutti pronti.
    Ora che è sceso in campo il padrone e bisogna rendere conto delle proprie azioni, perché altrimenti si paga cara, tutti zitti.

    Incredibile, ma il più coraggioso è stato il vecchio inossidabile Andreotti, che ha stupito tutti, solo perché ha detto la verità.
    Intervenendo a Palazzo Madama in un dibattito sulla guerra ha ricordato che «nel ‘48, l’ONU ha creato lo Stato di Israele e lo Stato arabo. Lo Stato di Israele esiste, lo Stato arabo no».
    Poi ha piazzato il destro: «Credo che ognuno di noi, se fosse nato in un campo profughi (l’articolo sulla pagina Web de La stampa dice però ‘di concentramento’!) e non avesse da 50 anni nessuna prospettiva da dare ai figli, sarebbe un terrorista».
    Per il resto si è arrivati al massimo a parlare di reazione eccessiva di Israele.
    Ci avevano insegnato ad inorridire per la pratica nazionalsocialista della rappresaglia dieci a uno, cioè dieci giustiziati per ogni soldato tedesco ucciso!
    Oggi ci limitiamo a qualche colpetto di tosse di disappunto per un rapporto che a fronte di due soldati rapiti fa seguire centinaia di morti ammazzati, oltre alla distruzione di interi quartieri di città, oltre a ponti, strade, infrastrutture.
    Qualcuno vuole per cortesia evocare via Rasella e Marzabotto, oppure il sangue dei libanesi è meno nobile di quello partigiano o israelita?
    E quelle ragazzine ebree che scrivevano messaggi sui missili lanciati contro i libanesi che effetto vi fanno?
    Vi ricordate quante volte ci hanno fatto vedere i ragazzini palestinesi indottrinati nelle scuole all’odio antisemita?




    Qualcuno, nei sette giorni che Israele si è preso per «ultimare il lavoro», cioè distruggere il Libano con le bombe che stanno arrivando dall’America, vuole trovare il tempo per chiedere alla «ex-ministra» israeliana Livor Livnat se quelle ragazzine ebree scrivevano sui missili qualcosa magari appreso a scuola?
    Qualcuno vuole chiedere conto del sistema educativo impartito negli ultimi anni in Israele, in seguito alla «riforma» dei programmi scolastici, fatta all’insegna della parola d’ordine
    «più sionismo, più bibbia», eliminando dai manuali di storia ogni traccia del cosiddetto «disfattismo», proibendo quelli in cui cominciava a farsi sentire l’influenza dei «nuovi storici» e sopprimendo i corsi dedicati alla pace?
    Quanta prudenza nel condannare la macelleria che Israele sta facendo in Libano!
    Quanta attenzione all’equi-vicinanza, quanta a non turbare il mondo israelita anche nostrano!
    Sarà calcolo politico?
    Eppure gli israeliti in Italia sono qualche decina di migliaia, non un bacino elettorale consistente. Gli islamici, anche cittadini italiani, sono molti di più.
    Forse allora è prudenza?
    O magari timore?
    Forse i nostri politici e i capi dei «movimenti spontanei» per la pace sanno che taluni gruppi «religiosi» sono più influenti di altri a fronte della loro esiguità numerica?
    Forse sanno che molti dei direttori di giornali e televisioni, molti uomini della finanza, molti esponenti della politica e della cultura fanno parte di questa minoranza numerica?
    C’è quasi il sospetto, che chi sgarra, questa volta la pagherà cara.
    D’Alema l’ha capito subito.

    Ha fatto «a mmuina» con quella faccenda dell’equi-vicinanza, ma poi si è messo subito allineato e coperto.



    La sortita di Baffino in effetti non è piaciuta all’UCEI, l’Unione delle comunità ebraiche italiane.
    Gianni Vernetti, sottosegretario agli Esteri, deputato della Margherita e sponsorizzato dalle Comunità ebraiche glielo deve avere spiegato bene e Baffino - che non è fesso - ha capito.
    Adesso «flirta» con Condoleezza che è una bellezza.
    A proposito, con il centrosinistra al governo l’informazione doveva essere un po’ più «europea».
    Invece oggi i telegiornali RAI sembravano tutti diretti da Emilio Fede: la notizia che un autobus con a bordo dei profughi in fuga verso la Siria era stato distrutto e gli occupanti erano morti è stata data dopo quella dei razzi katiuscia che martellano Haifa, sicché poteva sembrare che la responsabilità fosse degli hezbollah, anziché degli F16 israeliani.



    Grande risalto poi alla notizia che Roberto Punzo, capitano dell’esercito, bersagliere e pilota di elicotteri, osservatore dell’ONU in missione di pace in Libano, nella cittadina di Raf, nel sud del paese, è stato ferito.
    Praticamente taciuta la notizia secondo cui - come ha specificato il sottosegretario agli Esteri con delega ai rapporti con le Nazioni Unite, Bobo Craxi - «l'osservatore italiano dell’ONU potrebbe essere stato colpito dall’esercito israeliano mentre faceva rifornimento di carburante per la base UNIFIL».
    Reazione stizzita di Tel Aviv.
    Il giovane Craxi - al contrario di D’Alema - non ha capito.
    O forse voleva emulare il padre… o forse - anche per lui - è colpa del caldo.
    In ogni caso le uniche due voci discordanti in questi giorni sono state quelle di un Craxi e di Andreotti.
    Sembra di essere tornati ai tempi di Sigonella.
    La pagheranno cara…



    Domenico Savino

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    kalashnikov47
    Ospite

    Predefinito

    Già che fine hanno fatto i disubbidienti & co?

  3. #3
    Non sono d'esempio in nulla
    Data Registrazione
    25 May 2003
    Località
    Firenze
    Messaggi
    8,665
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  4. #4

  5. #5
    SatanFascista
    Data Registrazione
    19 Sep 2004
    Località
    Oltretomba
    Messaggi
    14,331
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sinistri tutti zitti , la prova della loro ipocrisia , io penso che dovremmo coniare un nuovo termine per smascherarli , cosi come esiste il neoconservatorismo USA che si appoggia sulla leva culturale del cristianesimo evangelico , una forma spuria protestante ma sostanzialmente fantoccia
    perchè manovrata teo-psicologicamente dai burattinai sionisti.
    In fondo anche il comunismo fun prodotto del giudaismo che purtroppo fece presa su tante menti tarate europee , non dovrebbe essere irragionavole pensare che pure i loro cascami odierni come verdi , gay e pacifistoidi vari siano segretamente (finanziariamente) supportati da qualche gruppo filo-Israeliano...

    ...

    ...


    trovato!

    sono i SIONISTRI

 

 

Discussioni Simili

  1. Io mi sono rotto di sto caldo!!!
    Di Immanuel nel forum Fondoscala
    Risposte: 83
    Ultimo Messaggio: 19-09-11, 22:36
  2. Dove sono i pacifinti?
    Di pincopallino (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 09-04-08, 14:13
  3. Birmania:dove sono i pacifinti?
    Di Dragonball (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 121
    Ultimo Messaggio: 29-09-07, 16:37
  4. Sono stanco,sono stufo,ho caldo,ho sete,ho sonno...
    Di FalcoConservatore nel forum Fondoscala
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 31-07-06, 13:33
  5. Cattolici, attenti: i pacifinti sono contro Cristo!
    Di Dreyer nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 12-06-04, 19:26

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226