User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 33
  1. #1
    figlio di Zeus e Danae...
    Data Registrazione
    07 Aug 2011
    Messaggi
    1,325
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Questo paese fra pochi anni cambierà faccia ..

    Palermo, 25 Luglio 2006

    CLANDESTINI: ARRIVI A RAFFICA A LAMPEDUSA
    Arrivi di immigrati a raffica a Lampedusa, dove da sabato non si interrompe l'affluso scandito da continui sbarchi prevalentemente di gruppi di qualche decina di persone su piccole barche o su gommoni. Gli ultimi a giungere sull'isola sono stati 34 migranti, tra cui una donna, intercettati intorno alle 8,15 a 4 miglia a sud di Lampedusa. La motovedetta della Guardia costiera CP818 ha raggiunto il natante e l'ha trainato sino al porto dell'isola. A segnalare l'imbarcazione era stato un elicottero della Marina militare in servizio di perlustrazione nel Canale di Sicilia. Successivamente, un elicottero della Guardia di Finanza ha avvistato due gommoni a 24 miglia s Sud dell'isola e da Lampedusa e' partito un guardiacoste delle fiamme gialle per l'operazione di soccorso. Nella notte, un gommone con a bordo 22 persone era stato intercettato a poche miglia dal porto dalla Guardia costiera, un altro natante con 33 a bordo era stato soccorso sempre dalla Guardia costiera mentre almeno una cinquantina di altre persone erano state bloccate all'aba gia' a terra dai carabinieri subito dopo uno sbarco avvenuto senza testimoni. Ieri sull'isola erano giunte 108 persone, e 330 tra sabato e domenica. Il centro di accoglienza, dotato di 190 posti, e' di nuovo in emergenza.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    denty
    Ospite

    Predefinito

    pensare che basterebbe mettere l'esercito sulle coste e obbligare le barche a tornare in dietro...

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,591
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    la nuova legge sull'immigrazione prevederà "la ricerca di lavoro" per assicurare l'ingresso all'immigrato;
    in pratica ne potranno entrare decine di milioni anche se qui ci fossero altrettanti milioni di disoccupati..........

    è chiaro che aumenterà a dismisura la forza contrattuale dei lavoratori e con essa le paghe.............

    per la sinistra è chiarissimo il concetto; più alta è l'offerta di manodopera e più crescono le "opportunità" per i lavoratori.............

    stavolta sì, i sinistri lo hanno messo in quel posto all'odiato "padronato".............

    bravi..........


  4. #4
    AnnoPDN
    Ospite

    Predefinito

    Tra qualche hanno? Mi sa che è già tardi

  5. #5
    NO all Multietnico
    Data Registrazione
    13 Jun 2006
    Località
    SENZA LIMITI
    Messaggi
    444
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    se si fanno due conti demografici si scopre che con un afflusso cosi alto di giargianesi e la regolamentazione , quindi la residenza e l' acquisizione dei diritti di cittadino itagliano calcolando l'alto numero di natalità entro il 2025 noi saremo una minoranza etnica alla mercee di islamici puzzolenti ve lo ricordate il kossovo faremo la stessa fine ? meditate gente meditate questo è il regalo dei sinistroidi democristiani chiudiamo le frontiere subito altro che lega nord o fip cazzo lottiamo tutti uniti per difenderci dall' invasione islamica

  6. #6
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,141
    Mentioned
    42 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da gaelico
    se si fanno due conti demografici si scopre che con un afflusso cosi alto di giargianesi e la regolamentazione , quindi la residenza e l' acquisizione dei diritti di cittadino itagliano calcolando l'alto numero di natalità entro il 2025 noi saremo una minoranza etnica alla mercee di islamici puzzolenti ve lo ricordate il kossovo faremo la stessa fine ? meditate gente meditate questo è il regalo dei sinistroidi democristiani chiudiamo le frontiere subito altro che lega nord o fip cazzo lottiamo tutti uniti per difenderci dall' invasione islamica
    Anche da quella itagliana.

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Oggiono (LC)
    Messaggi
    19,186
    Mentioned
    17 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Invasione itagliana è grave quanto quella islamica...

  8. #8
    Registered User
    Data Registrazione
    16 Jun 2004
    Messaggi
    8,880
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da AnnoPDN
    Tra qualche hanno? Mi sa che è già tardi
    Eh si.. è molto tardi.

  9. #9
    Mannysta
    Data Registrazione
    26 Mar 2006
    Messaggi
    2,176
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Proiezioni dell'Istat fino al 2050: 55,8 milioni di abitanti
    contro i 58,6 attuali; 150mila immigrati in più ogni anno
    Siamo di meno, sempre più anziani
    ecco gli italiani del futuro

    ROMA - Popolazione in calo, anziani e immigrati in aumento, lieve ripresa delle nascite. Il quadro disegnato dall'Istat per l'Italia del futuro conferma tendenze già manifestatesi con qualche elemento di novità. Una revisione della popolazione italiana per il periodo 2005-2050, che anticipa i risultati delle previsioni ufficiali che saranno rese note nel corso del 2006. I dati più significativi: 55,8 milioni di abitanti contro i 58,6 del 2005; la vita media che cresce da 77,4 a 83,6 anni per gli uomini, da 83,3 a 88,8 anni per le donne; 150 mila immigrati in più all'anno, dagli attuali 1,3 figli per donna a 1,6.

    POPOLAZIONE: Nei primi anni di simulazione, i residenti aumentano gradualmente da 58,6 milioni nel 2005 a circa 59,2 milioni nel 2014, a un tasso di incremento annuo dell'1,1 per mille. Dopo il 2014 ha avvio un lento e progressivo declino che porterà la popolazione fino a 58,3 milioni nel 2030, a un ritmo del meno uno per mille ogni anno. Nel lungo periodo, una composizione per età della popolazione molto invecchiata e l'esposizione ai livelli predetti delle componenti demografiche conducono la popolazione italiana a diminuire fino a 55,8 milioni nel 2050, a un ritmo del -2,2 per mille l'anno.

    ASPETTATIVA DI VITA: Nella simulazione l'Istat suppone un ulteriore miglioramento dei livelli di sopravvivenza rispetto a quanto già rilevato negli ultimi anni. In particolare, la vita media degli uomini cresce da 77,4 anni nel 2005 a 83,6 nel 2050; quella delle donne da 83,3 anni a 88,8. Si ipotizzano dunque importanti incrementi che, sebbene inferiori a quelli registrati nel più recente passato (rispettivamente +7,6 e +7,7 il guadagno in termini di vita media nel solo trentennio 1974-2004 per uomini e donne), collocano l'Italia ai vertici della graduatoria nell'ambito dei Paesi della Ue. Le ragioni sono rintracciabili nella crescente adozione di stili di vita salutari e nelle terapie sempre più efficaci.

    FECONDITA': Anche per la fecondità Istat ipotizza un aumento, sia pur contenuto, da 1,3 figli per donna nel 2005 a 1,6 figli per donna nel 2050, nel quadro di un processo di convergenza della fecondità nazionale a quella media dei Paesi Ue. In effetti, il trend recente della fecondità è di progressivo incremento: dal 1995, anno di minimo storico per la fecondità nazionale, al 2004, si è passati da 1,19 a 1,33 figli per donna. Tale recupero si è concentrato prevalentemente nel Nord e nel Centro, mentre da un punto di vista generazionale esso è dovuto alla posticipazione della maternità da parte delle donne nella fase matura della loro vita riproduttiva, ossia ben oltre i 30 anni e fino ai 40.

    IMMIGRAZIONE: Si suppongono flussi migratori netti dell'ordine delle 150 mila unità aggiuntive annue per tutto il periodo di previsione. A questo livello si è giunti considerando che la mobilità con l'estero è stata caratterizzata da cambiamenti molto profondi.

    AUMENTA 'FORBICE' NASCITE-DECESSI: Osservando i risultati della simulazione dell'Istat, si rileva come già nei primi anni di previsione la forbice tra nati e morti subisca un'ulteriore dilatazione, con un saldo naturale che supera le meno 100 mila unità nel 2011. Dal 2013 il numero dei nati scende sotto la soglia delle 500 mila unità mentre quello dei morti prosegue la sua crescita ben oltre le 600 mila. Tra il 2020 ed il 2040 il numero di nati si stabilizza intorno alle 460-470 mila unità annue, mentre i morti passano da circa 660 mila ad oltre 730 mila. Nel 2040 il saldo naturale supera la soglia negativa delle 265 mila unità e nel decennio successivo arriva a toccare quasi le 330 mila, alla fine del quale i nati si aggirano intorno alle 450 mila unità mentre i morti superano la soglia dei 770 mila.

    SEMPRE PIU' ANZIANI: In conseguenza di questa dinamica naturale, e nonostante l'ipotesi di un apporto positivo della immigrazione, volta a coprire buchi generazionali sempre più importanti, la struttura per età italiana è destinata a modificarsi gradualmente in direzione di un ulteriore invecchiamento. Infatti, entro il 2030 la proporzione di giovani fino a 14 anni passa dal 14,2% al 12,2% mentre parallelamente aumenta sensibilmente, dal 19,5% al 27%, il peso delle classi di età sopra i 65 anni e, all'interno di questa classe di età, quello degli 85enni e più (i cosiddetti grandi vecchi), dal 2% al 4,7%. In termini pratici, il rapporto tra anziani con più di 65 anni e popolazione complessiva passa da 1 ogni 5 del 2005 a 1 ogni 4 nel 2030. Nello stesso periodo, per quel che riguarda gli over 85, lo stesso rapporto passa da 1 ogni 50 a 1 ogni 20.

    TANTI ANZIANI OGNI GIOVANE: Nel lungo periodo, l'impatto di una prolungata esposizione alle condizioni demografiche previste darà luogo a una popolazione che nel 2050 sarà composta per il 33,6% di over 65enni e soltanto per il 12,7% da giovani fino a 14 anni di età, i quali recuperano peso in questa seconda fase anche grazie a una fecondità che si avvicina gradualmente a 1,6 figli per donna. In questo quadro l'indice di vecchiaia, che misura appunto il rapporto numerico tra anziani e giovani, cresce costantemente per tutto il periodo previsivo, passando da 138 anziani per 100 giovani nel 2005, a 222 nel 2030, fino a raggiungere i 264 anziani per 100 giovani nel 2050.

    (22 marzo 2006)

  10. #10
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Basta guardare MIlano: la faccia l'ha già cambiata, da decenni ed in peggio. Ora se cambiasse nuovamente non sarebbe chissà cosa, visto che difficilmente si può pensare di peggiorare la situazione...

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. "Questo è il paese che non amo" I nostri "trent'anni senza stile"
    Di Rodolfo nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-04-10, 03:13
  2. Questo video cambierà la vostra vita
    Di O'Rei nel forum Fondoscala
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 06-10-07, 12:40
  3. Questo paese di m..d. fra pochi anni....
    Di perseomoderno nel forum Padania!
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 18-02-06, 18:11
  4. Come cambierà lo scenario Europeo nei prossimi 40 anni?
    Di Danny nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 07-11-05, 09:28

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226