User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    10 Oct 2005
    Messaggi
    152
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito In Occidente il futuro demografico è dei conservatori

    In Occidente il futuro demografico è dei conservatori

    di Guglielmo Piombini

    Il Domenicale, 22 luglio 2006


    Le statistiche demografiche confermano un dato che molti avevano già intuito: la mappa dell’infertilità coincide esattamente con quella della secolarizzazione. I paesi dove il calo delle nascite determinerà nei prossimi anni un crollo della popolazione, infatti, sono quelli che facevano parte dell’ex impero sovietico, dove l’ateismo di Stato ha regnato per generazioni: secondo le proiezioni delle Nazioni Unite tra cinquant’anni la Russia e la Romania avranno perso il 22 % degli abitanti, la Bielorussia il 28 %, la Bulgaria il 34 %, l’Ucraina addirittura il 43 %. La situazione è solo leggermente migliore nei paesi dell’Europa occidentale investiti dalla secolarizzazione a partire dalla fine degli anni Sessanta, che con un tasso di natalità di circa 1,4 figli per donna dovrebbero perdere, nello stesso arco di tempo, percentuali variabili dal 4 % al 12 % della popolazione.

    Il confronto con l’alta natalità del mondo musulmano, in piena rinascita religiosa e solo marginalmente toccato dalla modernità, è eclatante. Non meno interessante, però, è il paragone con gli Stati Uniti d’America, dove la pratica religiosa è molto più diffusa che in Europa.

    Lì la natalità è attualmente prossima a quello che in gergo tecnico si chiama tasso di rimpiazzo generazionale pari a 2,1 figli per donna e tutto indica che la popolazione continuerà a crescere, raggiungendo nel 2050 i 400 milioni di abitanti. Di questo passo fra cinquant’anni gli europei saranno cento milioni in meno, gli statunitensi cento milioni in più. Eppure solo trent’anni fa gli Stati Uniti, che erano stati all’avanguardia nella “rivoluzione sessuale”, avevano una natalità inferiore all’Europa: nel 1976 le donne americane avevano in media 1,7 figli, contro i due delle donne europee. A partire dagli anni Ottanta, tuttavia, mentre l’Europa accelerava sulla via della secolarizzazione, negli USA cominciava una inaspettata controrivoluzione conservatrice, che ha portato ad un risveglio religioso e ad una lenta ma costante ripresa della natalità.

    Non tutti gli USA sono USA
    L’esistenza di due americhe molto diverse tra loro, quella delle aree abitate in maggioranza dai cristiani born again e dai cattolici osservanti, che alle ultime elezioni hanno votato per Bush, e quella delle aree più laicizzate e simili all’Europa che hanno votato per Kerry, trova conferma anche dal punto di vista demografico. Il cuneo tra queste due americhe sembra destinato ad allargarsi, giacché gli americani maggiormente credenti che abitano gli stati “rossi” (così vengono contrassegnati tradizionalmente gli Stati che votano per il Partito Repubblicano) continuano ad avere più figli degli americani secolarizzati che abitano gli stati “blu” (regno del Partito Democratico).

    Lo Stato più liberal d’America, il Vermont, che è rappresentato al Congresso addirittura da un socialista, Bernie Sanders, ha il più basso tasso di natalità: solo 1,57 figli per donna. All’opposto, lo Stato socialmente più conservatore, lo Utah dei mormoni, ha un numero di nascite di 2,71 figli per donna, il più alto del paese. Con questi tassi di natalità, se lo Utah e il Vermont avessero oggi la stessa popolazione e non ci fosse immigrazione o emigrazione, in due generazioni i bambini dello Utah diventerebbero il triplo di quelli del Vermont.

    Il fatto che una rivista abbia proclamato New York come “la capitale americana del figlio unico” dimostra con evidenza come le aree metropolitane e costiere “europeizzate” siano destinate a perdere influenza politica rispetto alle più prolifiche zone rurali ed interne della cosiddetta Bible-Belt. Tra vent’anni la maggioranza religiosa potrebbe quindi diventare una super-maggioranza ad ogni livello di governo.

    Il socialismo contro i figli
    Un processo simile è avvenuto in Israele, dove gli ebrei ortodossi hanno tassi di natalità superiori a quelli degli ebrei laici. I fondatori dello Stato d’Israele, infatti, erano per la stragrande maggioranza ebrei socialisti provenienti dall’Europa. Le loro idee erano così di sinistra, che il partito di destra likud di Menachen Begin perse le prime otto elezioni generali. Nell’ultimo quarto di secolo, tuttavia, la base demografica dei laburisti è andata scemando, mentre la destra conservatrice è diventata competitiva grazie all’apporto elettorale delle famiglie ebraiche originarie del Nordafrica e del Medio Oriente, più numerose ed osservanti.

    Il Canada multiculturalista, da parte sua, sembra voler seguire l’Europa e gli stati blu americani sulla strada della secolarizzazione e della sterilità. Emblematico è il caso della provincia francofona del Quebec, che nel 1960 era la terra cattolica più fervente e feconda del mondo. La messa domenicale era seguita dall’80-90 % percento degli abitanti, e i tassi di natalità erano di ben quattro figli per donna. Dalla fine di quel decennio, tuttavia, il Quebec ha conosciuto un brusco abbandono della pratica religiosa, e i suoi tassi di natalità si sono allineati a quelli attuali dell’Europa.

    Il problema è che nella distopia sociale prospettata dai social-progressisti non c’è spazio per i figli, perché se si disprezza e si rifiuta la propria eredità religiosa o culturale, non c’è più ragione per tramandarla. A ciò si aggiunga che nelle moderne socialdemocrazie assistenziali la trasmissione della vita ha perso ogni valore economico, perché a mantenere e assistere i genitori durante la vecchiaia provvederà comunque la burocrazia dello Stato sociale. In ultima analisi, il test decisivo per valutare una civiltà potrebbe davvero essere il seguente: i suoi meccanismi sociali permettono alla società di autoriprodursi, o contengono un vizio fatale che porta alla decadenza e all’estinzione?

    L’evoluzione sociale degli ultimi decenni sembra confermare che la socialdemocrazia laicista, nella quale la famiglia e i figli non servono più perché è lo Stato a prendersi cura dell’individuo “dalla culla alla bara”, abbia il destino segnato perché contiene in sé i germi della propria dissoluzione. Gli attuali sistemi sociali europei, che coniugano statalismo politico e progressismo culturale, sono minati da una contraddizione, perché tendono a distruggere quella larga base demografica necessaria a finanziare gli imponenti apparati assistenziali.

    Gli europei secolarizzati che hanno orgogliosamente voltato le spalle al cristianesimo e alla famiglia tradizionale possono anche credere di essere all’avanguardia del progresso umano, ma in verità le culture e gli stili di vita che determinano la sparizione della società in poche generazioni hanno qualcosa di patologico, che contrasta profondamente con le leggi naturali, e vanno considerati fallimentari.

    Sono queste le ragioni per cui Mark Steyn, uno dei più corrosivi giornalisti canadesi, ha affermato che le vere persone razionali e ragionevoli del mondo contemporaneo sono i cattolici ferventi, i born again americani, gli ebrei ortodossi e financo i fondamentalisti islamici, mentre gli occidentali secolarizzati seguono un sistema di idee cieco e irrazionale, che li condannerà a scomparire.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Monarchico Conservatore
    Data Registrazione
    21 May 2006
    Località
    La celeberrima Sanremo
    Messaggi
    478
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Gli Europei hanno dimenticato la loro origine Cristiana, ahinoi, e sono divenuti laici e molti atei.
    Dio salvi l'Europa!

  3. #3
    The darkness inside...
    Data Registrazione
    26 Sep 2005
    Località
    Cambria, Kingdom of THULE - God save the British Empire! - Anglomane, Rinascente, Monarchico, Conservatore, Aristocratico, Imperialista, Colonialista, Crociato: insomma, il Male Assoluto
    Messaggi
    5,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ne avevo letto un mese circa fa. Questo solleva una certa speranza, almeno per gli USA.
    Andrea I Nemesis
    Rinascente
    Affiliato a Azione Conservatrice Nazionale

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Jun 2003
    Località
    Umbria. Dove regna "Il Capitale" oggi più spietatamente. Votano la guerra, parlano di pace... sinistra "radikale", sei peggio dell'antrace ! Breaking news: (ri)nasce il partito dell'insurrezione !
    Messaggi
    8,772
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Fatto sta che se non vi fosse la diminuzione demografica che fortunatamente è in atto, l'aumento della popolazione mondiale sarebbe non aritmetica ma esponenziale, non vi sarebbero risorse per tutti e vi sarebbe maggiore sfruttamento della natura. E questo con buona pace delle due chiese cattolica e marxista per le quali le risorse si troverebbero comunque.

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Mar 2006
    Messaggi
    174
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Esmor
    Fatto sta che se non vi fosse la diminuzione demografica che fortunatamente è in atto, l'aumento della popolazione mondiale sarebbe non aritmetica ma esponenziale, non vi sarebbero risorse per tutti e vi sarebbe maggiore sfruttamento della natura. E questo con buona pace delle due chiese cattolica e marxista per le quali le risorse si troverebbero comunque.
    Caro Esmor... forse non sai una cosa esplicita: per gli anarcocapitalisti, che si rifanno al biblico "popolate la terra e soggiogatela" la Terra non mai abbastanza sfruttata.
    Non c'è, in questa (pseudo) dottrina politica, la minima riflessione sull'ambiente, e tutti i capitalisti nella media sono dei responsabilissimi gestori del proprio giardino. Fa un po' Disneyland, non fosse che loro ci credono. Per fortuna sono quattro gatti, purtroppo al soldo dei Bush d'ogni nazione.

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    10 Oct 2005
    Messaggi
    152
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Esmor
    Fatto sta che se non vi fosse la diminuzione demografica che fortunatamente è in atto, l'aumento della popolazione mondiale sarebbe non aritmetica ma esponenziale, non vi sarebbero risorse per tutti e vi sarebbe maggiore sfruttamento della natura. E questo con buona pace delle due chiese cattolica e marxista per le quali le risorse si troverebbero comunque.
    In realtà più aumentano le persone sulla terra, più aumentano le risorse naturali a nostra disposizione. E' sempre stato così: gli uomini primitivi erano pochissimi ma erano anche privi di risorse naturali, perchè non sapevano usare il rame, il ferro, il carbone, il petrolio, il silicio e tutto il resto. Oggi siamo miliardi, e abbiamo a disposizione molte più risorse naturali di loro. Perché?

    Perché più persone significano più idee e più forza-lavoro. Grazie al nostro maggior numero, possiamo utilizzare nuove risorse, o con modi diversi dal passato. Fra qualche anno, ad esempio, potremo sfruttare con più successo le infinite risorse presenti nel ventre della terra o nella spazio.

    Possiamo essere pochi, poveri e selvaggi oppure tanti, ricchi e civilizzati. Non esiste una terza alternativa.

  7. #7
    the dark knight's return
    Data Registrazione
    06 Jul 2006
    Località
    Gotham City
    Messaggi
    26,970
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'Europa ha bisogno di nuove leve

  8. #8
    Registered User
    Data Registrazione
    24 Jun 2002
    Messaggi
    337
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Luca D.
    L'Europa ha bisogno di nuove leve
    Hai ragione. E’ fondamentale a mio avviso porsi questa domanda: cosa potrebbe succedere dopo la metà del secolo quando i musulmani, per effetto delle attuali dinamiche demografiche, inizieranno a diventare maggioranze numeriche nei paesi europei?

    È facile prevedere che non rimarranno tranquilli a farsi dissanguare economicamente per tenere in piedi gli stati sociali sulla via della bancarotta, utili solo per assistere e mantenere legioni di anziani (e forse detestati) europei senza figli. Tenteranno piuttosto di imporsi politicamente, come sempre è avvenuto nella logica e nella tradizione islamica.

    Sarebbe dunque da imprevidenti escludere, tra gli scenari futuri, un conflitto di civiltà che abbia il proprio epicentro in Europa. Il rischio è che a fronteggiarsi si trovino da un lato gli europei invecchiati, ridotti di numero, spiritualmente fiaccati dalle tutele assistenziali, rovinati economicamente dal crollo degli insostenibili welfare state, demotivati e inebetiti da decenni di propaganda “politicamente corretta”; e dall’altro masse di giovani musulmani, combattivi ed esaltati, desiderosi di rivincita dopo secoli di sconfitte.

    saluti

  9. #9
    The darkness inside...
    Data Registrazione
    26 Sep 2005
    Località
    Cambria, Kingdom of THULE - God save the British Empire! - Anglomane, Rinascente, Monarchico, Conservatore, Aristocratico, Imperialista, Colonialista, Crociato: insomma, il Male Assoluto
    Messaggi
    5,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Paleo
    Sarebbe dunque da imprevidenti escludere, tra gli scenari futuri, un conflitto di civiltà che abbia il proprio epicentro in Europa. Il rischio è che a fronteggiarsi si trovino da un lato gli europei invecchiati, ridotti di numero, spiritualmente fiaccati dalle tutele assistenziali, rovinati economicamente dal crollo degli insostenibili welfare state, demotivati e inebetiti da decenni di propaganda “politicamente corretta”; e dall’altro masse di giovani musulmani, combattivi ed esaltati, desiderosi di rivincita dopo secoli di sconfitte.
    Giusto, Paleo. Questo è lo scenario che più dobbiamo temere: anche perchè, in una situazione del genere, non si assisterebbe più ad uno scontro di civiltà, ma alla morte di una civiltà: la nostra!
    Andrea I Nemesis
    Rinascente
    Affiliato a Azione Conservatrice Nazionale

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Apr 2005
    Messaggi
    3,906
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    [QUOTE=Paleo]Hai ragione. E’ fondamentale a mio avviso porsi questa domanda: cosa potrebbe succedere dopo la metà del secolo quando i musulmani, per effetto delle attuali dinamiche demografiche, inizieranno a diventare maggioranze numeriche nei paesi europei?

    È facile prevedere che non rimarranno tranquilli a farsi dissanguare economicamente per tenere in piedi gli stati sociali sulla via della bancarotta, utili solo per assistere e mantenere legioni di anziani (e forse detestati) europei senza figli. Tenteranno piuttosto di imporsi politicamente, come sempre è avvenuto nella logica e nella tradizione islamica.

    Sarebbe dunque da imprevidenti escludere, tra gli scenari futuri, un conflitto di civiltà che abbia il proprio epicentro in Europa. Il rischio è che a fronteggiarsi si trovino da un lato gli europei invecchiati, ridotti di numero, spiritualmente fiaccati dalle tutele assistenziali, rovinati economicamente dal crollo degli insostenibili welfare state, demotivati e inebetiti da decenni di propaganda “politicamente corretta”; e dall’altro masse di giovani musulmani, combattivi ed esaltati, desiderosi di rivincita dopo secoli di sconfitte.





    dubito fortemente che masse giovani e fanatizzate dell'islam saranno disposti a farsi dissanguare econ dai pensionati europei
    x i pensionati europei la vedo dura..........
    cmq , penso che il giorno in cui gli islamici saranbno > , l'europa sara una rep islamica

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. La Sardegna e il suo futuro demografico
    Di Cattivo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 02-04-12, 15:06
  2. Crollo demografico e ritorno alla fede. Ne va del nostro futuro
    Di carlomartello nel forum Cattolici in Politica
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 02-09-09, 22:36
  3. Il futuro di Berlusconi: auspici e previsioni dei Conservatori
    Di FalcoConservatore nel forum Conservatorismo
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 04-07-09, 16:29
  4. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 02-05-09, 17:22
  5. Quale Futuro per i Cristiano Conservatori?
    Di merello nel forum Conservatorismo
    Risposte: 83
    Ultimo Messaggio: 22-06-07, 06:41

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226