User Tag List

Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 54
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    29 Jan 2003
    Località
    Insubria
    Messaggi
    764
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Guerriglia a Padova nel nome della fede

    28 luglio 2006

    Scontri con spranghe e coltelli tra nigeriani e arabi

    Gruppi rivali si affrontano di notte come due eserciti: armati anche di machete. Gli ultimi italiani in fuga dalla zona di via Anelli

    PADOVA — Tenute in ostaggio dalla povertà, che impedisce loro di trovare un'altra casa, la Livia e la Giovanna non sapevano che cosa fare, l'altra sera, allo scoppio della battaglia tra i neri e gli arabi. Così, serrati i catenacci, hanno detto un pateravegloria e aspettato che gli scontri, giù per i pianerottoli, i cortili e le strade adiacenti, si sedassero. Cinque ore di guerriglia. Con i due «eserciti» armati di bastoni, machete, coltelli, spranghe... Di qua i nigeriani decisi a devastare anche il sottoscala eletto dai musulmani a moschea, di là i maghrebini decisi a vendicare l'offesa verniciata di motivi più o meno religiosi. E decine di poliziotti che tentavano di sedare la gigantesca rissa (21 arresti e 50 espulsioni) sparando in aria, lanciando candelotti lacrimogeni, circondando l'area fra latrati di sirene.

    Vita durissima per le ultime italiane sopravvissute negli anni all'invasione di via Anelli, il block padovano diventato sinistramente famoso in tutta Italia come l'esempio massimo della cattiva integrazione. Il caso esemplare cavalcato dai razzisti come la prova che «i negri e i marocchini fanno i padroni a casa nostra» e paventato dagli anti-razzisti come la prova di quanto possa essere disastroso consentire la nascita dei ghetti. Durissima la vita loro e durissima quella delle decine di famiglie degli immigrati regolari e perbene che tirano su i figli in una situazione di degrado, violenza, pericolo. E chiedono aiuto ai carabinieri e non vedono l'ora di andarsene, esattamente come la Livia e la Giovanna. Era un quartierino a modo, una volta, quello di via Anelli, prima cinta della periferia, dietro il centro commerciale «Giotto». I 273 appartamentini di pochi metri quadrati delle sei palazzine erano abitati da avvocati, giornalisti, architetti, medici... E studenti, soprattutto studenti. Una bella atmosfera, ricordava la signora Rita, dopo anni di prigionia «liberata» dal Comune che le ha trovato un'altra casa: «Quando qualche ragazzo si laureava tutta la scala si dava da fare: e chi portava la pasta e chi il secondo e chi il contorno e tutti insieme si faceva una gran festa in cortile».

    Quando cominciò il degrado è difficile da ricostruire. Certo è che via via che i muri si scrostavano e gli ascensori si fermavano per sempre e i campanelli venivano sventrati, gli avvocati, i giornalisti, gli architetti, i medici e gli studenti italiani se ne sono andati e al posto loro si sono ammucchiati immigrati in larghissima parte africani. Disposti, per sopravvivere, a fare i lavori più duri, discutibili e spesso illegali. Ma soprattutto disposti a pagare, per 28 metri quadrati, denuncia il sindaco Flavio Zanonato, «anche mille euro al mese». Spartiti a volte tra sette o addirittura nove o più persone, costrette a scambiarsi lo stesso letto a turno per dividere la spesa. Una storia che noi italiani dovremmo conoscere. Esattamente uguale a quella, per esempio, fotografata un secolo fa dal grande Jacob Riis a Bayard Street, nella Little Italy di New York, dove in un block di 132 stanze vivevano 1.324 napoletani e veneti, romagnoli e siciliani. E che faceva scrivere al nostro Adolfo Rossi, inorridito: «A New York c'è quasi da vergognarsi di essere italiani».

    Se avessimo studiato un po' la nostra emigrazione avremmo evitato l'errore: ogni ghetto generava una crescente ostilità degli abitanti locali. E l'ostilità generava l'isolamento, il rancore, l'odio, la violenza. E ogni ghetto finiva per diventare un fortino della criminalità. Così è andata, in via Anelli. Giorno dopo giorno, il travaso di diffidenza, insofferenza, ostilità fra chi stava «dentro» e chi si sentiva via via «invaso» ha creato una tensione insostenibile.

    E il quartierino, man mano che gli italiani svendevano a prezzi stracciati, è diventato un mondo inospitale: corridoi anneriti dalle carbonelle, porte scardinate, water divelti, ascensori murati con cemento e mattoni, muri interni pericolosamente abbattuti senza manco una putrella, sacchi di pattume sui pianerottoli... E dentro, un'umanità disperata, indifferente all'igiene, violenta. Via via ostaggio della prostituzione, della piccola criminalità, dello spaccio. «Sistemeremo noi le cose», promise Giustina Destro quando fu eletta sindaco alla guida di una giunta di destra: «Useremo anche i cani, lo sapete che i musulmani hanno paura dei cani?». Macché: zero, accusa Paolo Manfrin, alla testa di un comitato di cittadini stremati. Spiega che sì, certo, lo sanno anche loro, i padovani, che «il problema di via Anelli non è chi ci abita, perché in buona parte sono brava gente ostaggio di pochi violenti. Certo è che noi non viviamo più». Don Pietro Rota, il parroco di San Pio X, conferma: «I cristiani, soprattutto nigeriani della tribù Ibu, affollano la domenica la messa in inglese. E mostrano una religiosità straordinaria. Alla scuola materna abbiamo 75 bambini di 13 nazionalità. E i parrocchiani sanno benissimo che anche loro, quelli che vivono in via Anelli, sono prigionieri. Ma quella casbah è diventata purtroppo la sentina di troppi spacciatori». Nigeriani e maghrebini. «Vengono da fuori, spacciano 24 ore su 24 e usano il caos di via Anelli come rifugio in caso di bisogno», spiega Zanonato. Ogni tanto la polizia e la nettezza urbana danno una ripulita. E portano via pusher, lavatrici rotte, montagne di pattume, prostitute, droga, teste di capra mozzate... Poi tutto torna come prima. «Alla luce del sole», ride amaro Manfrin, «Torni a casa col finestrino aperto e ti infilano la mano: "Capo, roba buona buono prezzo capo!". Il più sfrontato di tutti, tempo fa, arrivò a mettere un banchetto con le bustine allineate, il bilancino...». «Fuori tutti!», strilla qualcuno. Facile... «Contro gli sgomberi si sono sempre ribellati per primi, scatenando ricorsi al Tar, i proprietari degli alloggi che non vogliono perdere le galline dalle uova d'oro», dice Daniela Ruffini, assessore alla Casa e all'immigrazione.

    E dove li trovano, certi investitori padroni di decine di monolocali, inquilini da mille euro al mese per 28 metri quadrati? Per uscirne il Comune è diventato proprietario di un centinaio di appartamentini, presi a 27 o 30 mila euro l'uno. Ha «liberato» tre palazzine, trovato un'altra casa a ogni famiglia sloggiata, sparpagliato gli immigrati un po' qua e un po' là («Vincendo le diffidenze nonostante i volantini della destra: mai più avuto problemi con le famiglie reinserite», rivendica il sindaco) e sigillato con le inferriate i tre stabili evacuati perché non fossero di nuovo occupati. Prossima evacuazione prevista: a ottobre, quando anche la Lidia e la Giovanna e un'altra trentina di famiglie dovrebbero essere «liberate». Chiusura del «caso via Anelli» con lo sgombero delle ultime due palazzine: prima della prossima estate. Auguri. Sperando che questa passi in fretta. Il caldo, nell'inferno di quelle palazzine, tira fuori il peggio del peggio. Se poi la devastazione della moschea fosse usata per scatenare anche una guerra religiosa...

    Gian Antonio Stella

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,748
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'antonino stella....ovvero uno dei giornalisti + ammirati dal "babbo di minchia"
    salucc

  3. #3
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,319
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Liutprando
    Il caldo, nell'inferno di quelle palazzine, tira fuori il peggio del peggio. Se poi la devastazione della moschea fosse usata per scatenare anche una guerra religiosa...

    Gian Antonio Stella
    Scusa, caro Stella: ma nigeriani e arabi, non dovrebbero essere abituati al caldo?

  4. #4
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Da notare comunque la malafede del solito Stella dove cerca con una pericolante operazione lingiustica di farli passare come "vittime del sistema".
    No ai ghetti dice...ma state tranquilli che il vicino senegalese lui non ce l'ha.

    Come al solito poi,vuol far passare la teoria che la stragrande maggioranza degli extra sono angioletti,mentre solo una minoranza di 4 gatti spaccia,ruba ecc...,mentre sappiamo che invece è il contrario.

  5. #5
    Presidente Default
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Messaggi
    1,603
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Cosa ne pensate dei locatori? Sono tutti terroni, comunisti o extracomunitari?

  6. #6
    giovanni.fgf
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da 1-1-1948
    Cosa ne pensate dei locatori? Sono tutti terroni, comunisti o extracomunitari?
    no , molto peggio ..sono itagliani.

    con ossequi.

  7. #7
    Presidente Default
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Messaggi
    1,603
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Esatto, sono gli stessi "itagliani" che poi si incazzano e si battono contro gli immigrati itagliani ed extra-itagliani, ma non si incazzano quando possono realizzare enormi guadagni con le locazioni fatte anche agli iregolari

  8. #8
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,319
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da 1-1-1948
    Esatto, sono gli stessi "itagliani" che poi si incazzano e si battono contro gli immigrati itagliani ed extra-itagliani, ma non si incazzano quando possono realizzare enormi guadagni con le locazioni fatte anche agli iregolari

  9. #9
    Registered User
    Data Registrazione
    29 Jan 2003
    Località
    Insubria
    Messaggi
    764
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da 1-1-1948
    Esatto, sono gli stessi "itagliani" che poi si incazzano e si battono contro gli immigrati itagliani ed extra-itagliani, ma non si incazzano quando possono realizzare enormi guadagni con le locazioni fatte anche agli iregolari
    Se gli extra non ci fossero il quartiere sarebbe ancora decoroso e le case potrebbero essere affittate in maniera normale. E poi si sa che è nella natura umana approfittare di qualunque occasione.

  10. #10
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,376
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Liutprando

    28 luglio 2006


    Se avessimo studiato un po' la nostra emigrazione avremmo evitato l'errore:
    se avessimo studiato un po' la nostra emigrazione, non avremmo dovuto permettere che si ripetesse quel processo al contrario nel nostro territorio..........

    perché?

    perché siamo in troppi e stiamo morendo di inquinamento, perché le risorse primarie come l'acqua scarseggiano e le falde sono avvelenate, perché l'aria è irrespirabile, perchè.............


 

 
Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 198
    Ultimo Messaggio: 26-09-08, 16:21
  2. Primi effetti della manifestazione della Moratti: guerriglia a Milano
    Di Ezechiele (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 422
    Ultimo Messaggio: 16-04-07, 11:45
  3. la cassazione assolve in nome della fede
    Di anton nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 15-12-06, 13:13
  4. Le armi della guerriglia
    Di Perseo nel forum Politica Estera
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 23-05-04, 13:16
  5. La canzone della guerriglia
    Di cornelio nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-01-04, 12:47

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226