User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Forumista
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Umbria, Terni
    Messaggi
    875
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Red face Lettera a Socialismo&Sinistra

    Cari amici e compagni,
    in qualità di libero interlocutore/osservatore di quanto si muove nell'area della sinistra lombardiana, ho avuto modo solo alcune settimane fa di denunciare in una lettera i rischi che vedevo progressivamente sorgere all'orizzonte a detrimento dell'intransigenza e delle posizioni teoriche della vostra corrente: troppa illusione in SEL, rischio che il contenuto (socialismo) passasse in secondo piano rispetto al contenitore che si andava a costruire, rischi di riemergente culto della personalità.
    A distanza di alcune settimane, avrei voluto accorgermi di essermi sbagliato. Al contrario devo tristemente constatare l'adempimento ed il concretizzarsi dei rischi che percepivo allora.
    1) Partiamo da SEL: la mia totale mancanza di fiducia nei confronti della formazione politica denominatasi "Sinistra e Libertà" prima, e "Sinistra Ecologia e Libertà" poi, nasceva dal constatarne l'origine e la ragione della sua esistenza quale risultante di un tentativo da parte dei vecchi tromboni dirigenziali della sinistra radicale, con dirette e gravi responsabilità di governo nell'ultimo esecutivo Prodi (guerre imperialiste, devastazioni ambientali, politiche antisociali), di autoriciclarsi e di rifarsi una verginità politica (Giordano, Peggiore, Mussi, eccetera).
    Seguendo le vicende dei lombardiani, e del loro entusiasmo nel "progetto SEL", ho voluto dall'esterno analizzare passo dopo passo fino a che punto fossero essi in grado di cambiare radicalmente l'originaria natura di SEL ed il suo stato di cose presenti, se fossero in sostanza in grado di attuare un "colpo di mano" nella nuova forza politica, trasformandola veramente in un'esperienza partecipata da tanta gente comune della cosiddetta "sinistra diffusa", con prospettive ed aspirazioni diverse dai dirigenti ufficiali, che avrebbe messo in minoranza la stessa classe politica dalla quale SEL aveva preso origine. Una prospettiva del genere si è nel corso della storia talvolta fortuitamente realizzata, basti pensare alla radicalizzazione politica di forze quali il vecchio PSI in alcuni suoi periodi storici così come del Socialist Labor Party americano rispetto alle sue origini. Non altrettanto è avvenuto o sta avvenendo con SEL, provando la correttezza della mia posizione di scetticismo vigile. Non vi è stata alcuna irruzione di quella gente della sinistra diffusa in contrapposizione all'originaria classe dirigente. Il congresso fondativo di SEL ha rinnegato le sue stesse regole congressuali di fronte alla necessità di garantire un'equa rappresentanza alle tre o quattro forze fondatrici rimaste: non si è votato democraticamente o per mozioni, ma all'unanimità un testo e un consiglio nazionale bloccati. Il consiglio nazionale è così andato ad essere composto dai soliti dirigenti autoriciclantisi provenienti dalle esplose frange della sinistra radicale. E in un'inesistente ma plausibile dialettica tra "nuova militanza" (che secondo Socialismo&Sinistra sarebbe affluita numerosa) e "vecchia dirigenza", quest'ultima ha avuto la meglio, anzi, l'unicità. A tutt'oggi non si capisce come e dove SEL sarebbe a livello di militanza anche qualcosa di diverso dai Vendola, Giordano, Peggiore.
    2) Di fronte al fallimento dell'illusorio tentativo di portare ad essere SEL qualcosa di diverso dalla mera espressione dell'autoriciclantesi classe politica dirigenziale della sinistra radicale con gravi responsabilità di governo ed in cerca di una nuova verginità politica, non solo non si è riconosciuto il fallimento di tale prospettiva politica, e non si è fatto un passo indietro abbandonando il progetto come sarebbe stato logico, ma si è andati incontro ad un processo di progressiva integrazione con l'espressione maggioritaria di SEL. Socialismo&Sinistra non è più ravvisabile quale corrente organizzata di minoranza interna a SEL, adottando i punti di vista del resto del partito. Intendo dire con questo più precisamente due cose: la partecipazione di S&S a SEL è sembrata inizialmente avvenire in modo critico ; oggi non si ravvedono dichiarazioni, prese di posizioni o altro che facciano presupporre un'autonomia di strategia politica di S&S rispetto alla maggioranza dirigenziale di SEL. Socialismo&Sinistra si è in un primo momento dichiarata fredda verso le precedenti esperienze di governo dell'Ulivo e del centrosinistra, giustamente criticandone i limiti ascritti. Ha al contempo correttamente polemizzato con la dirigenza nenciniana del PSI (già PS) e con i fuoriusciti verso Zavettieri criticandone la ricerca di connubi con il Partito Democratico, PD visto invece come fumo negli occhi e tomba delle aspirazioni di rinascita del socialismo. Poi, da un certo punto in avanti, le cose sembrano cambiare. L'ufficializzazione del sostegno di Nichi Vendola alle primarie in Puglia (cioè sostegno pieno ed acritico ad uno degli esponenti di quella classe dirigenziale autoriciclatisi in cerca di una nuova verginità politica della sinistra radicale con gravi responsabilità di governo... a colui, insomma, che dentro SEL avrebbe dovuto rappresentare la controparte dirigenziale alla nuova militanza in afflusso dal basso). Agli strali contro il PD, che differenziavano S&S dal resto di SEL, all'epoca in cui alla scissione da Rifondazione dei vendoliani sembrava esserci dietro D'Alema intento a garantire al Partito Democratico una gamba sinistra (come cambiano le cose!), ha oggi preso il posto l'invito "Lavoriamo alacremente insieme al PD", nonostante poco prima e poco dopo viene dispregiativamente apostrofato come "bolscevico", con la consueta mescolanza di analisi storico-politica e di considerazioni a carattere partitico-contingente, come è solito vedere negli scritti della corrente. Ed ecco quindi che ora "lottiamo per vincere, per affermare non solo su scala regionale ma nazionale, un nuovo modello di democrazia partecipativa": e pensare che in alcune dichiarazioni precedenti si guardava con distanza le precedenti esperienze di governo con l'Ulivo: ora no, ecco invece una nuova riproposizione della necessità di un grande carrozzone, che sia di volta in volta una desistenza, un accordo tecnico, un accordo organico, un'alleanza per la Costituzione data da contingenze particolari o chissà quant'altro ancora. Cambia la falsa coscienza che la sostanzia e l'ideologia a cui i militonti continuano ad abboccare, l'ammucchiata di centrosinistra ogni volta si riaggrega come il mercurio in precedenza disperso.
    3) Ulteriori considerazioni su Vendola ed alleanze: le ultime considerazioni fatte nel punto 1 su SEL potrebbero essere riprese osservando come SEL sia diventato, ancor più di qualche mese fa, il "partito di Vendola" per antonomasia. Capitando sul sito di SEL, in questi momenti non si parla d'altro che di Vendola e delle primarie in Puglia, a dimostrazione che SEL e Vendola sono esattamente la stessa cosa. Anche SEL, dunque, affetta dalla personalizzazione della politica, non dissimile da IDV quale "partito di Di Pietro", Lega quale "partito di Bossi", e via dicendo. La retorica vittimistica di Nichi Vendola quale di "povero outsider del popolo osteggiato dai cattivoni del PD" non è la struggente trama di Philadelphia, ma la posizione ufficiale di SEL, fatta propria pienamente anche da S&S. La conseguente (auto)retorica intorno a NichiVendola/SEL (appurato che siano la stessa cosa) uscito/a vincitore/trice dalle primarie quale "credibile alternativa al PD" e "sogno del popolo che si realizza" è ripresa oggi dagli stessi media e sicuramente porterà un incremento dei voti a livello nazionale alla formazione politica fin'ora data intorno solo al 2%. Ma non trova riscontri oggettivi nella realtà: se Vendola è così "altro" rispetto al PD, perché ha governato cinque anni in coalizione con lo stesso PD? Perché, anziché candidarsi per il proprio partito di cui è leader supremo, deve ricorrere alle primarie per poter essere anche candidato dell' "avversario immaginario" PD? Come mai, a primarie vinte, nega a differenza dei suoi stessi sostenitori, che la sua vittoria non si tratti di una sconfitta del PD, ma che lavoreranno "tutti insieme appassionatamente"? Come mai in prospettiva non chiude la porta neppure all'UDC?
    Il patetico autocommiseramento del povero Nichi "osteggiato dai suoi neAmici piddini e vittima di un complotto sulla sua pelle", la ridicola retorica di "Nichiobama che contro i poteri forti fa sognare la sua gente" e di "Vendola unica credibile alternativa ad un PD cattivo ed allo sbando", hanno rappresentato semplicemente la strenua lotta di Vendola per assicurarsi la rielezione e quindi la conservazione della poltrona.
    Altrimenti, se si è realmente alternativi al Partito Democratico, i "cattivoni del PD", definiti addirittura spregiativamente "bolscevichi" nell'articolo "La rivoluzione gentile e il tramonto del bolscevismo", li si combatte contrapponendovisi alle elezioni vere, non alle primarie per farseli poi alleati; li si combatte auspicando non solo la sconfitta del PD, ma anche quella di tutti i suoi alleati, non apparentandovisi. Mi dispiace che neanche Socialismo&Sinistra sia in grado di cogliere queste banali verità.
    4) Il bolscevismo immaginario. Pur non essendo chiaramente bolscevico, spezzo una lancia, in nome della veridicità storica, a favore dei bolscevichi: non è del tutto vero che fossero un blocco compatto al loro interno. Sicuramente Nel Comitato Centrale del PCUS Lenin finì in minoranza più volte di quante Vendola finirà mai all'interno di SEL. Da socialista libertario rivoluzionario, aderente a livello internazionale al Sindacato Industriale Internazionale dei Lavoratori, ed a livello nazionale a Nuova Italia Unita, personalmente rispetto ad una SEL connotata come sopra mi rimane più facile e naturale interloquire e confrontarmi con i "bolscevichi" del Segretariato Unificato: da Kronstadt di tempo ne è passato, e nei documenti per il loro XVI Congresso si parla di socialismo autogestionario, ecosocialismo, unità nella pluralità... un po' eterodossi questi bolscevichi!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    05 Jan 2010
    Messaggi
    29,276
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Rif: Lettera a Socialismo&Sinistra

    La sinistra, specie quella comunista,s'é caratterizzata nel corso degli anni come un cervello e milioni di arti.
    In unione sovietica ci stava lenin, stalin, krusciov, breznev , andropov, gli altri? Emarginati quando addirittura fucilati.

    Dal dopoguerra i italia ci si comportò in maniera simile : comandava il "migliore" e chi si prendeva l briga di pensare in modo diforme dal grande capo? Si aveva un'idea di comunismo alla Re sole.

    L'ideologia é cosa nefasta, antidemocratica e portatrice di nefandezze.

    Il PSI, almeno quello di cui io mi fidavo era un po diverso,più democratico ed un po meno macchiavellico : nenni era un galantuomo anche se di errori ne ha fatto nell'arco della sua vita politica e craxi,ora sembrano accorgersene pure i comuisti ,quelli non dipietristi, era uno che sapeva pensare, non uno che prendeva le idee a prestito.

    Nel terzo millennio non si può pensare la politica come ad schieramenti fissi
    mica si gioca a scacchi; pensare a destra e sinistra é fuorviante.

    Non esiste un nemico da combattere ma delle idee colle quali si ci deve confrontare; se fosse ritenuta buona quella dell'avversario si concorra a realizzarla che,alla fine, quel che conta non é prendere una manciata di voti in più ma fare in modo che le prospettive del paese migliorino.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    18 Sep 2009
    Messaggi
    172
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Lettera a Socialismo&Sinistra

    Citazione Originariamente Scritto da yure22 Visualizza Messaggio
    La sinistra, specie quella comunista,s'é caratterizzata nel corso degli anni come un cervello e milioni di arti.
    In unione sovietica ci stava lenin, stalin, krusciov, breznev , andropov, gli altri? Emarginati quando addirittura fucilati.

    Dal dopoguerra i italia ci si comportò in maniera simile : comandava il "migliore" e chi si prendeva l briga di pensare in modo diforme dal grande capo? Si aveva un'idea di comunismo alla Re sole.

    L'ideologia é cosa nefasta, antidemocratica e portatrice di nefandezze.

    Il PSI, almeno quello di cui io mi fidavo era un po diverso,più democratico ed un po meno macchiavellico : nenni era un galantuomo anche se di errori ne ha fatto nell'arco della sua vita politica e craxi,ora sembrano accorgersene pure i comuisti ,quelli non dipietristi, era uno che sapeva pensare, non uno che prendeva le idee a prestito.

    Nel terzo millennio non si può pensare la politica come ad schieramenti fissi
    mica si gioca a scacchi; pensare a destra e sinistra é fuorviante.

    Non esiste un nemico da combattere ma delle idee colle quali si ci deve confrontare; se fosse ritenuta buona quella dell'avversario si concorra a realizzarla che,alla fine, quel che conta non é prendere una manciata di voti in più ma fare in modo che le prospettive del paese migliorino.
    compagno yure22, nenni e craxi sono stati grandi compagni socialisti iaociao:

 

 

Discussioni Simili

  1. Lettera a Socialismo&Sinistra
    Di Scapigliato" nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-01-10, 00:55
  2. La sinistra, Berlusconi e il socialismo
    Di Florian nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 15-05-09, 11:33
  3. Socialismo, socialdemocrazia, sinistra.
    Di Egol nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-08-06, 18:03
  4. il socialismo è morto, ma la sinistra no
    Di benfy nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 29-08-06, 10:30

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226