User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 24
  1. #1
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    51,092
    Mentioned
    53 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Il saccheggio del Nord sta azzoppando il Paese

    Il saccheggio del Nord sta azzoppando il Paese
    di Luca Ricolfi

    Ogni anno 50 miliardi lasciano ingiustificatamente le regioni settentrionali diretti al Sud. È questa la palla al piede che frena l’Italia. È la tesi dell’ultimo libro del sociologo : Il sacco del Nord.

    Il saccheggio del Nord sta azzoppando il Paese - Interni - ilGiornale.it del 27-01-2010

    In vendita dal 28 gennaio 2010.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    51,092
    Mentioned
    53 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il saccheggio del Nord sta azzoppando il Paese

    Il saccheggio del Nord azzoppa il Paese
    di Luca Ricolfi

    Certo qualcuno potrà dire che il «sacco del Nord» non è affatto un saccheggio ma è un doveroso tributo ai territori meno fortunati. E qualcuno potrà persino sostenere che «si dovrebbe fare di più», come se il trasferimento forzoso di risorse da Nord a Sud fosse un imperativo etico, e l’uso dissennato di tali risorse non fosse un problema. Ognuno è libero di pensarla come desidera, quando si entra nel campo minato delle opinioni. Entrare nel campo delle opinioni è anche quello che, prima di chiudere questo lavoro, vorrei fare io stesso, con alcune riflessioni che la nostra radiografia può forse suggerire, ma che non sono certo le uniche che da essa si possono ricavare.
    Intanto vorrei esplicitare quel che penso del futuro dell’Italia. A mio parere esiste uno scenario che è indesiderabile ma molto più probabile degli altri: lo chiamerò scenario A. Sotto tale scenario l’Italia è destinata a proseguire sul sentiero di declino che ha imboccato nell’ultimo decennio: la produttività ristagna, l’occupazione aumenta solo nella componente straniera, la pressione e l’evasione fiscale restano fra le più alte del mondo, i servizi pubblici permangono inefficienti, il welfare continua a privilegiare i padri e penalizzare i figli, carceri e centri di raccolta dei clandestini scoppiano, i consumi reali pro capite diminuiscono lentamente, le risorse per le infrastrutture scarseggiano. L’Italia, in altre parole, perde terreno non solo rispetto agli altri Paesi sviluppati (declino relativo), ma anche rispetto agli standard raggiunti da se stessa alla fine degli anni Novanta (declino assoluto). Lo scenario A mi pare altamente probabile innanzitutto perché, a leggere criticamente le statistiche, è semplicemente quel che sta già succedendo da almeno sette anni, e in secondo luogo perché l’immobilismo è la cifra di tutto il ceto politico, di destra e di sinistra. Vale per Berlusconi, che non ha mai onorato le due promesse fondamentali dei suoi governi, abbassare drasticamente le aliquote Irpef (al 23% e al 33%) e abbattere il tasso di criminalità. E vale per la sinistra, che dopo l’ingresso in Europa (1997) ha completamente smarrito la bussola, paralizzata dai propri conflitti interni e alla fine imbattibile in una sola arte, quella del non governo. Né di questo immobilismo ci si può stupire più di tanto: nel breve periodo, annunciare molto e fare poco è il comportamento elettoralmente più redditizio, perché minimizza le tensioni sociali ed evita i rischi delle decisioni impopolari. Tanto il conto non lo si paga mai. L’opinione pubblica è quella che è, e da quando siamo passati al bipolarismo è anche diventata salomonica: brontola per tutta la legislatura contro il governo in carica, e a fine legislatura, senza convinzione, si decide a provare «gli altri».
    Di fronte a questo scenario, tanto triste quanto realistico, ne esiste un secondo - lo chiameremo scenario B - basato sull’ipotesi che nel corso di questa legislatura parta effettivamente il federalismo fiscale, con la serie di decreti delegati previsti dalla legge 42 del 2009, definitivamente approvata a maggio 2009. Solo che in questo caso lo scenario alternativo non è uno scenario unico, bensì uno spettro di scenari, che - per comodità espositiva - possiamo immaginare ordinati su un continuum, da quello più statico o «continuista», a quello più dinamico o innovativo.

    Nello scenario B in versione continuista, che ritengo più probabile di quella innovativa, i ceti politici dei territori meno virtuosi - buona parte del Sud, ma anche parecchie realtà del Centro-nord - riescono ad aumentare le funzioni a essi delegate, e quindi ad attrarre maggiori risorse pubbliche, in cambio della promessa di usarle meglio in futuro. Il governo, in sostanza, accetta la diagnosi della Banca d’Italia secondo cui il Sud e il Nord del Paese non hanno problemi qualitativamente diversi, che richiedono politiche distinte, ma semplicemente un comune problema di crescita insufficiente. Come conseguenza di questa impostazione, la spesa pubblica complessiva aumenta un po’, le coperture vengono cercate con piccoli aumenti delle tasse locali e qualche iniziativa dell’Agenzia delle entrate, ad esempio misure per il rientro dei capitali parcheggiati all’estero, restrizioni nelle compensazioni Iva, controlli sulle pensioni di invalidità. Il risultato netto è un ulteriore aumento dell’interposizione pubblica - più tasse e più spesa - esattamente come avvenne trent’anni fa con il decentramento regionale. Questo scenario continuista è realistico perché conviene alla maggior parte del ceto politico, di destra e di sinistra, che non ha alcun interesse a razionalizzare la spesa: vorrebbe dire segare il ramo su cui si è seduti. Più che uno scenario veramente alternativo, lo scenario B nella versione continuista è una radicalizzazione dello scenario A, di mera prosecuzione del declino.
    Ma è importante, perché segnala un rischio molto concreto: un federalismo mal fatto, pasticciato o di bandiera può essere peggio di nessuna riforma federalista, perché il suo unico effetto rilevante sarebbe di far lievitare la spesa pubblica.
    Nello scenario B «innovativo», assai meno probabile, le cose vanno diversamente. Il ceto politico si rende conto che l’unica possibilità che ha l’Italia di fermare il declino è di rimettere in movimento le sue locomotive, ossia i territori più produttivi, e che i problemi del Nord e del Sud sembrano uguali (bassa crescita) ma sono intrinsecamente diversi. Se l’Italia non cresce e il Sud sta perdendo risorse, è perché l’interposizione pubblica ha soffocato i produttori, e quindi è rimasto ben poco da redistribuire. Detto in altre parole, quel che non va bene nel parassitismo dei territori più spreconi non è la sua evidente iniquità, ma il fatto che soffoca la crescita, fino al punto di bloccarla e trasformarla in decrescita, così distruggendo le basi stesse della redistribuzione. Un concetto spesso richiamato dal pensiero liberale, e di recente riproposto da Alessandro Vitale in un bel saggio sul parassitismo politico, che si chiude con questa splendida citazione di Vilfredo Pareto: «La spoliazione non incontra spesso una resistenza molto efficace da parte degli spogliati; ciò che finisce talvolta per arrestarla è la distruzione di ricchezza che ne consegue e che può portare la rovina del paese. La storia ci insegna che più di una volta la spoliazione ha finito con l’uccidere la gallina dalle uova d’oro» (Pareto, 1902).
    Noi a quel punto siamo arrivati. I territori che vivono di trasferimenti hanno finito per soffocare i territori che producono. Il problema, però, è che per uscirne avremmo bisogno di una classe politica coraggiosa, capace di prendere atto del nocciolo del problema. E il nocciolo del problema, come abbiamo cercato di mostrare con la nostra ricostruzione, è che il divario Nord-Sud è solo un divario di produzione, non di consumi e di tenore di vita. Detto brutalmente: il Mezzogiorno non ha alcun interesse immediato a cambiare uno stato di cose che, finora, gli ha permesso di vivere largamente al di sopra dei propri mezzi. Il vittimismo del Mezzogiorno è perfettamente giustificato se guardiamo alla prima parte della storia d’Italia, quando la politica del Regno - attenta ai soli interessi del Nord - ha creato la questione meridionale, generando un divario che nel 1861 probabilmente non c’era, e se c’era era di proporzioni modeste, in ogni caso molto minori di quelle attuali. Ma quel medesimo vittimismo è largamente fuori luogo se guardiamo alla storia dell’Italia repubblicana, nella quale il Mezzogiorno non solo ha in parte risalito la china (specie fra il 1951 e il 1975), ma è diventato il principale beneficiario dell’immenso apparato burocratico- clientelare che ha spento le energie produttive del Paese. Ecco perché considero altamente improbabile lo scenario innovativo. Anche immaginando un «federalismo lento», che desse ai territori che ne hanno bisogno il tempo di rimettersi in carreggiata, le resistenze e le tensioni sarebbero fortissime. Non si può semplicemente chiudere i rubinetti della spesa, far pagare le tasse agli evasori, commissariare le amministrazioni che non funzionano. Avremmo le rivolte nelle piazze, il crollo dell’occupazione, la recrudescenza della criminalità organizzata (che spesso preferisce i politici locali ai commissari governativi). Il vero problema di una classe politica che avesse la volontà di fermare il declino è di convincere l’opinione pubblica che il cambiamento è necessario, perché è l’unica alternativa allo scenario A, quello di un lento ma inesorabile arretramento del nostro tenore di vita.

    Il saccheggio del Nord azzoppa il Paese - Cultura - ilGiornale.it del 27-01-2010
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    20 Apr 2009
    Messaggi
    2,908
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il saccheggio del Nord sta azzoppando il Paese

    Il saccheggio del Nord, la mafia che azzoppa e ricatta in modo mafioso il Nord


    Fiat, Scajola: «Blocco inopportuno»
    Bonanni: «E' un ricatto»

  4. #4
    phasing out
    Data Registrazione
    08 Nov 2009
    Messaggi
    1,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il saccheggio del Nord sta azzoppando il Paese

    Di nuovo un'argomentazione ridicola. La Fiat è una grande impresa privata assistita che nei decenni ha da sola recato più danno al nord di un esercito di lanzichenecchi. L'impianto di termini imerese è stato concepito in omaggio alla logica assistenziale: inserire un impianto di ASSEMBLAGGIO (non di produzione) su un territorio che in 160 anni di unità d'idaglia non ha saputo darsi da solo alcun tipo di tessuto civile, imprenditoriale, produttivo FUNZIONALE. Seguendo una logica di profitto e redditività industriale la Fiat nn avrebbe MAI fatto partire Termini Imerese, ma lo ha fatto per ragioni geopolitche con i soldi del pantalone padano decerebrato.

    Evviva Ricolfi, Meridionale di sinistra e, ciononostante, intellettuale onesto.
    Ultima modifica di semipadano; 27-01-10 alle 12:30
    L'occasione fa l'uomo italiano

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,215
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs down Rif: Il saccheggio del Nord sta azzoppando il Paese

    Grazie Eridano. Questo articolo è stato citato dal "grandissimo, serio professionale Giulio Cainarca" nella rassegna stampa, da diffondere, me accomandi! Questo è il nostro PRINCIPALE unico vero problema., che tutti, dai media alla scuola, ecc. ecc. hanno sempre nascosto ..co stu ssole e costo mmare e triccheballacche....E' una vergona..siamo da sempre in un regime

  6. #6
    phasing out
    Data Registrazione
    08 Nov 2009
    Messaggi
    1,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il saccheggio del Nord sta azzoppando il Paese

    Dopo anni insisto imperterrito: giù il cappello davanti a Giulo Cainarca.
    Ultima modifica di semipadano; 27-01-10 alle 12:59
    L'occasione fa l'uomo italiano

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Località
    Brèsa
    Messaggi
    2,808
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il saccheggio del Nord sta azzoppando il Paese

    Devo ancora leggerlo tutto,ma il titolo promette bene!

  8. #8
    phasing out
    Data Registrazione
    08 Nov 2009
    Messaggi
    1,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il saccheggio del Nord sta azzoppando il Paese

    Mi pareva strano...
    Ricolfi è un nome Piemontese.
    L'occasione fa l'uomo italiano

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il saccheggio del Nord sta azzoppando il Paese

    Citazione Originariamente Scritto da x_alfo_x Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    Il saccheggio del Nord, la mafia che azzoppa e ricatta in modo mafioso il Nord


    Fiat, Scajola: «Blocco inopportuno»
    Bonanni: «E' un ricatto»
    LA Fiat oltre 50 anni or sono ha fatto un patto con lo stato.

    La Fiat avrebbe pompato centinaia di migliaia di operai dal Sud con relative famiglie.
    Pertanto la Fiat accettava di mettere tante fabbriche in poche centinaia di Km quadrati intorno a Torino, pur essendo consapevole che tale concentrazione sarebbe stata negativa per la produzione.
    Ed inoltre la nuova cultura importata avrebbe sconvolto la mentalità manifatturiera del luogo,
    Mentalità autoctona che la Fiat ha saputo egregiamente profittare per molti decenni dall'inizio dello secolo scorso.

    L'operazione Fiat fu una delle maggiori prime esperienze riuscite di mescolamento di culture differenti.
    Ed è per questo che lo stato si è sempre dimostrato riconoscente alla Fiat.

    Ma adesso la Fiat non serve più per questo lavoro.
    Oggi vi è un governo che è in grado di far arrivare uomini da altri continenti alla grande.

    La Fiat ha cessato il suo compito politico.
    La situazione della tassazione sul lavoro non permette lo svilupparsi del sistema manifatturiero.
    Costo del lavoro elevato con relativo poco denaro in tasca al prestatore d'opera.

    Pertanto il sistema non tiene.

    La Fiat sembra l'esercito tedesco che dopo lo sbarco degli Alleati in Sicilia, si era ritirato e poco alla volta abbandonava le piazzeforti, per poi finire nel 1945 grazie a pochi partigiani.

    Come una delle coincidenze storiche che inspiegabilmente si verificano, sbarcano le truppe della globalizzazione al Sud e la Fiat si ritira.

    Non può sopravvivere una industria in un sistema dove vi è una partitocrazia che manda tutta la ricchezza prodotta al macero, e dove le tasse uccidono ogni sana impresa.

    O lo stato sgancia gli aiuti alla Fiat secondo il vecchio patto, oppure si molla tutto.

    Nessuna organizzazione produttiva di un certo livello può vivere.

    Esempio: se si volesse distruggere l'impero cinese sarebbe sufficiente mandargli la nostra partitocrazia con il suo bagaglio di leggi e di sfruttamento della ricchezza.

    La Fiat forse ha già compreso che bisogna abbandonare il Sud.

    Noi non lo capiamo ancora.
    Ma lo capiremo.
    Ultima modifica di jotsecondo; 27-01-10 alle 18:13

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,963
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il saccheggio del Nord sta azzoppando il Paese

    l' articolo di ricollfi e' interessante perche ' mostra un cambiamento del punto di vista della ( idiota) elite padana che finalmente dopo tanto abbuffo si rende conto che incomincia anchessa ad iessere fottuta...

    ma OVVIAMENTE e' tardi .. questi discorsi " il giornale" li doveva pubblicare 20 anni fa..... ora e' GAME OVER...

    . nel senso che siamo tutti fottuti ..." poveri& ricchi" " polentoni&terroni" ... Non sappiamo come finira' ma sappiamo che l' italia e' gia' finita
    iaociao:
    vulgus vult decipi

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226