User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 29
  1. #1
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs down E' più conveniente fare lo straniero e non lavorare

    LaPadaniaOnline.com

    L’ULTIMA FOLLIA DEL GOVERNO REGALA 3.000 MILIARDI AGLI IMMIGRATI

    carlo passera L’ultima trovata in ordine di tempo è quella del ministro Paolo Ferrero: «A ogni immigrato (senza differenza tra clandestino e regolare: anzi, i clandestini non “esisteranno” nemmeno più, ndr) servirà una quota di denaro, che gli permetterà di stare bene durante il permesso di soggiorno». In spiccioli, il ministro della Solidarietà sociale, unico esponente governativo di Rifondazione Comunista, quantifica in 2 o 3mila euro la somma necessaria pro capite. Poiché certo non vorrà escludere da questo beneficio nessuno dei circa 500mila clandestini presenti in Italia (stime Caritas, probabilmente per difetto) ne deriva un “regalo” inatteso dallo Stato agli irregolari di 3mila miliardi di lire, alla faccia dell’austerità invocata da Tommaso Padoa-Schioppa, che pure di Ferrero è collega.
    Ancora più pesanti sarebbero ovviamente i costi sociali: perché è facile previsione pensare che il ritorno dell’Italia-Bengodi nell’immaginario dei disperati al di là del Mediterraneo fungerebbe da attrazione fatale. La possibilità “facile” di entrare nel nostro Paese, potendo cercare in tranquillità un posto di lavoro per un anno intero, al di fuori dalla clandestinità, e in più col grazioso omaggio di sei milioni delle vecchie lire, spingerebbe praticamente... ...chiunque allo sbarco frettoloso sulle nostre coste, magari anche solo per accaparrarsi una somma che, in altri lidi, rappresenta il guadagno complessivo di qualche anno di duro lavoro. E come poi stabilire chi ha già beneficiato dell’omaggio e chi ancora no? Sulla base di quale documentazione di identità? Come comportarsi, inoltre, con chi facesse continuamente la spola avanti-indietro, allettato dalla danarosa promessa? Come garantire che la somma concessa sarà davvero investita nella scrupolosa ricerca di occupazione e non per consumi goderecci? Sono tutte domande destinate a rimanere senza risposta.
    Finiremmo, è facile prevederlo, nel caos più totale, e solo la mancanza di soldi nelle casse dello Stato sembra rassicurare chi, come noi, trova inapplicabile l’ipotesi di Ferrero. Eppure tanta irragionevolezza la dice lunga sull’atteggiamento del governo in materia; spazzato via ogni tentativo di regolamentazione rigida - seppur imperfetta - tentata con l’applicazione troppo desultoria della legge Bossi-Fini, il segnale chiaro è: “Liberi tutti”. È già peraltro giunto in Nord Africa e lo confermano i continui sbarchi di questi giorni. Come non comprendere tutto ciò? In uno scenario europeo di controlli sempre più severi, con lo stesso idolo della sinistra-sinistra José Luis Zapatero che in materia usa il pugno di ferro, è logico che i flussi si indirizzino verso l’anello buonista della catena, il Paese dove pare tornare il più completo lassismo. Dove gli immigrati appena sbarcati non li respingono: anzi li pagano.
    Eppure il nostro Paese ha dovuto già affrontare forti costi per fronteggiare il fenomeno immigratorio. Non parliamo solo di quelli, incalcolabili, di tipo sociale, testimoniati in qualche modo dai circa 20mila extracomunitari che si trovano a soggiornare nelle nostre carceri (molti per la verità le abbandoneranno nelle prossime ore grazie all’indulto; è “immigrato” più di un reato su tre). Ma anche spese puramente economiche.
    Premessa doverosa: l’immigrazione è un fenomeno planetario dovuto a squilibri oggettivi, senza appianare i quali l’Occidente diventa necessariamente una ridotta presa d’assalto da una moltitudine affamata. Ma se è questo il quadro, un singolo Stato ha perlomeno il dovere e la necessità di regolamentare al meglio tale assalto, perché sia il più ordinato e il meno drammatico possibile, sia per chi ne è attore che per chi lo subisce. I costi di tutto questo rischiano ora di decuplicare, ma nemmeno fino a oggi sono stati particolarmente bassi.
    I dati parlano chiaro. Una prima “voce” che viene a incidere sul maggiore costo per lo Stato derivante dall’immigrazione nel nostro Paese è quella relativa alla spesa sanitaria, in una situazione giuridica in base alla quale cure urgenti e interventi preventivi non sarebbero de iure a titolo gratuito, ma lo sono de facto (sentenze della Corte Costituzionale hanno peraltro chiarito che il diritto alla salute si configura come finanziariamente condizionato, ovvero come un diritto che può essere rivendicato nel limite delle risorse disponibili, sempre limitate rispetto ai bisogni emergenti. Ciò vale per gli italiani - da questo ad esempio deriva l’introduzione dei ticket - e tanto più per gli stranieri, in particolar modo se clandestini).
    Bene, per tutti gli interventi di assistenza sanitaria agli stranieri irregolari la legge prevede un particolare capitolo del Fondo sanitario nazionale, che ultimamente è sempre stato finanziato con risorse di poco inferiori ai 62 miliardi di lire l’anno (30.990.000 euro nell’ultima delibera Cipe, 22 marzo 2006). Non è poco, ma solo una goccia nel mare rispetto allo stanziamento necessario per provvedere a erogare i “livelli essenziali di assistenza agli stranieri regolarizzati” (anno 2004): sono quasi 579 milioni di euro, dunque ben più di 1.100 miliardi di lire all’anno, secondo un dato per difetto imposto dallo Stato centrale alle Regioni, che erano ben meno ottimistiche, tanto che il loro calcolo aveva in realtà sforato quota 900 (si parlava di 975 milioni di euro l’anno, somma ottenuta moltiplicando la quota di 1.300 euro pro capite per il numero totale degli stranieri regolarizzati).
    Un altra spesa dell’immigrazione (parliamo di costi non sociali ma puramente economici; e, tra questi ultimi, parliamo solo di quelli quantificabili direttamente, e non ad esempio del costo che grava sullo Stato per il mantenimento di un adeguato apparato di forze dell’ordine, dell’aggravio di spesa per la macchina processuale, per la detenzione eccetera) è quella relativa ai Cpt, i Centri di permanenza temporanea. Costruirli, in base alla vecchia legge Turco-Napolitano, ci è costato 500 milioni di euro (dati 1999-2004); mantenerli tutti e 14 (tanti sono dislocati sul territorio nazionale: 12 Cpt e 2 Cpta, Centri di permanenza temporanea e accoglienza) peserà sul nostro bilancio 2005-2006 per 300mila euro. Da queste somme sono ovviamente esclusi i costi per il “soggiorno” dei loro “ospiti” (82mila tra il 1999 e il 2004): si tratta di circa 71 euro giornalieri pro-capite in media, quanto occorre per una camera singola in un discreto hotel, anche in luogo di villeggiatura. In realtà tale cifra non tiene conto dei picchi (in certi Cpt lo Stato arriva anche a rimborsare 90 euro al giorno, sempre pro capite), né dei costi accessori (trasporti, forse dell’ordine eccetera), tanto che qualcuno ha azzardato un calcolo globale che sfiora quota 200 euro: un conto da hotel a cinque stelle. Il trattamento effettivo degli immigrati, peraltro, è da ostello degradato (non vale più di 10 euro secondo il quotidiano Liberazione): resta la spesa folle e lo spreco di denaro. Che diventa ancor più inaccettabile se leggiamo i dati relativi alle espulsioni effettive (non i semplici fogli di via, che finiscono presto nel cestino della carta straccia), che nei sei anni considerati sono state 32mila. Ossia, facendo due calcoli, rimpatriare ogni singolo clandestino ci è venuto a costare circa 15mila euro, 30 milioni delle vecchie lire. Qualcuno utilizza questi numeri (così come i 328 milioni di euro stanziati dal governo per le politiche dell’immigrazione tra il 2004 e il 2006) per chiedere una svolta e la chiusura di quegli stessi Cpt pur voluti dall’allora governo ulivista. Ma l’argomentazione “ci costano troppo” pare poco convincente se a sostenerla è quella stessa sinistra che vorrebbe dare soldi a tutti i clandestini giunti del nostro Paese e che auspica un allargamento delle maglie alla frontiera, così da decuplicare il costo economico e sociale dell’ondata immigratoria sulla Penisola. Servirebbe, in sintesi, una politica responsabile, in grado di coniugare fermezza e solidarietà, integrando chi è già nel nostro Paese, accogliendo chi vi giunge con un preciso sbocco lavorativo e respingendo tutti gli altri. Tale politica non ce la darà di certo il ministro Ferrero.
    [email protected]

    [Data pubblicazione: 01/08/2006]


    ... e tu lavora, Padano imbecille, che qualcuno dovrà pur mantenerli... come se non bastassero i terroni. E la Lega che fa? Per ora non ho sentito reazioni serie...

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non ho sentito commenti in questi giorni su un' altra perla del governo:
    visto che lo stato itaglano non ha personale per vigilare i detenuti scarcerati con l' indulto, tutti questi galantuomini stono stati affidati in sorveglianza ai servizi sociali dei nostri poveri comuni.
    Loro rubano e io pago! Intanto dei nostri vecchietti chi se ne occupa?

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 May 2009
    Messaggi
    3,847
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il Padano è un'imbecille che continui pure a subire, i perdenti non hanno mai fatto strada c'è è poco da dire

  4. #4
    www.noterdechedelada.net
    Data Registrazione
    16 Mar 2005
    Località
    al di qua dell'adda
    Messaggi
    2,196
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Wolf 86
    Il Padano è un'imbecille che continui pure a subire, i perdenti non hanno mai fatto strada c'è è poco da dire
    Questo è Vangelo Wlof, puro Vangelo.

    Sperem nel tanto peggio tanto meglio.

    Cmq se fanno davverosta politica pro EC sono veramente dei pazzi totali.
    Valtrumplino sicuramente

    Lombardo forse

    Padano..per quel che resta

    Italiano MAI!

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 May 2009
    Messaggi
    3,847
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sperem nel tanto peggio tanto meglio.
    SPEROM!

  6. #6
    horst tappert
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Wolf 86
    Il Padano è un'imbecille che continui pure a subire, i perdenti non hanno mai fatto strada c'è è poco da dire
    Questo secondo me è l'inizio della fine, quelli della Lega troppo spesso in questo periodo tendono a dire che la gente del Nord non sostiene la Lega perchè è imbecille (su radiopadania lo dicono anche i conduttori)... La Lega è un'oligarchia di pochi illuminati che hanno capito tutto e che quindi pretendono di imporre la propria visione delle cose al popolo bue, come fatto da quelli del risorgimento e dell'unione europea, o vuole essere un movimento che mira alle esigenze del popolo? Una volta lo era, ed una buona parte del popolo la seguiva. Evidentemente la Lega deve trovare leader migliori, persone che per spiegare il fallimento attuale non dicano: "la gente è scema e noi siamo gli intelligenti che hanno capito tutto". Forse molta gente si è stancata della Lega anche perchè c'è tanta schifezza nella Lega attuale, poltronismo ed imbrogli statali degni della peggiore democrazia cristiana.

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 May 2009
    Messaggi
    3,847
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non sono della lega non proccuparti.

    Mi riferivo alla ns gente

  8. #8
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da horst tappert
    Forse molta gente si è stancata della Lega anche perchè c'è tanta schifezza nella Lega attuale, poltronismo ed imbrogli statali degni della peggiore democrazia cristiana.
    Diciamo che fai prima a contare i sani, gli onesti e quelli preparati, piuttosto che il contrario. E forse te la cavi con due sole mani.

  9. #9
    Registered User
    Data Registrazione
    16 Jul 2006
    Messaggi
    100
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    dalla banda dell'indulto questo e altro

    soran

  10. #10
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E' troppo chiedere che la pappagonia riesca un giorno a capire la differenza fra fatti, interpretazioni e propaganda?

    Titolo: L’ULTIMA FOLLIA DEL GOVERNO REGALA 3.000 MILIARDI AGLI IMMIGRATI

    Fatti: niente. Non e' un progetto del governo, non e' stato speso neanche un centesimo (a proposito, quanti anni ancora prima che i leghisti si accorgano che le lire itagliane non esistono piu'?), non verra' speso niente. E' una dichiarazione a ruota libera di un ministro che non ha neanche il potere di stanziare quei soldi. Quando tale idea fosse adottata dal governo, allora l'articolo avrebbe un senso, ma per ora e' semplicemente una notizia falsa. Allo stesso modo in cui le stronzate a ruota libera di Calderoli non erano il programma del governo Berlusconi (per fortuna!) cosi' le stronzate di Ferrero non sono i provvedimenti del governo, sono solo espedienti tattici per far sentire la voce di rifondazione nella coalizione. Un conto e' dire a titolo personale che "bisognerebbe fare qualcosa", un conto e' se il governo lo fa davvero. Da un giornale serio, anche se di parte, mi aspetto che si capisca la differenza. Se non si sa neanche descrivere i fatti correttamente, figuriamoci che credibilita' possono avere le interpretazioni.

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 26-11-12, 21:03
  2. Risposte: 60
    Ultimo Messaggio: 24-02-12, 21:17
  3. Sacconi: «Fare il professore? Sempre meglio che lavorare»
    Di Zdenek nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 137
    Ultimo Messaggio: 02-09-08, 13:13
  4. Lavorare negli USA - Come fare?
    Di Squalo nel forum Americanismo
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 12-01-08, 21:17
  5. E' più conveniente fare lo straniero...
    Di FdV77 nel forum Fondoscala
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 04-08-06, 08:37

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226