User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 15
  1. #1
    Mannysta
    Data Registrazione
    26 Mar 2006
    Messaggi
    2,176
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Londra: sventati attentati su diversi aerei

    Livello di allerta al massimo. Heathrow chiuso ai voli in arrivo Londra: sventati attentati su diversi aerei
    «Sarebbe stata una strage inimmagimabile»
    Arrestate 21 persone. Progettavano di far esplodere bombe «liquide» su voli per gli Usa. Proibiti tutti i bagagli a mano

    LONDRA - Avrebbe dovuto essere «l'11 settembre» inglese. La divisione anti-terrorismo di Scotland Yard e dei servizi di sicurezza britannici hanno fatto sapere di aver sventato un piano «di dimensioni mondiali» per far esplodere diversi aerei in partenza dal Regno Unito verso gli Stati Uniti. Non solo da Londra, ma anche da Manchester e Glasgow. Obiettivo del complotto terroristico sventato dalla polizia britannica erano voli delle linee aeree United, American e Continental diretti ai principali aeroporti di New York, Washington e California.Il numero degli aerei interessati rimane ancora imprecisato, sembra una decina. L'intenzione dei terroristi sarebbe stata quella di far detonare ordigni contenuti nei bagagli a mano, non si sa ancora se in pieno volo o sulle città di partenza o di arrivo. Gli attacchi in preparazione erano «chimici»: gli attentatori mancati intendevano usare esplosivo liquido realizzato in Gran Bretagna per passare i controlli al metal detector, da portare a bordo clandestinamente. STRAGE «INIMMAGINABILE» - Nella notte nelle zone di Londra e Birmigham sono state fermate 21 persone, per la maggior parte musulmani britannici. Le indagini duravano da diversi mesi. a livello internazionale e proseguono, ha detto Peter Clarke, capo dell'unità anti-terrorismo. Sono tuttora in corso perquisizioni in diverse zone della Gran Bretagna. «Sarebbe stata una mattanza di massa» ha detto un portavoce di Scotland Yard. «Siamo convinti di aver sventato un piano terroristico che mirava a una strage di massa su scala inimmaginabile». Non si sa se gli attentati fossero previsti per oggi. «Abbiamo seguito per mesi i movimenti di molte persone. L'indagine ha raggiunto un punto critco la scorsa notte quando abbiamo deciso di intevenire urgentemente per proteggere la popolazione » ha fatto sapere Scotland Yard. «Sarà un'indagine molto lunga. Ora inizia la seconda fase». Il primo ministro britannico Tony Blair e il presidente americano George Bush sono in contatto ed erano al corrente da tempo dell'operazione. Fonti Usa parlano di «impronta Al Qaeda» nel piano.
    LIVELLO DI ALLERTA DA «GRAVE» A «CRITICO» - Il sito Internet del ministero dell'Interno britannico ha fatto sapere che è stato deciso di portare il livello di allerta negli aeroporti a «critico». La decisione significa che il Paese si aspetta un attacco imminente. La Gran Bretagna ha cinque livelli diversi con cui viene definita la minaccia per la sicurezza del paese.
    I livelli vanno da basso a critico, che è il grado più alto. Anche gli Usa hanno alzato il livello di allerta. «Crediamo che questi arresti abbiano sventato la min accia più importante, ma non è detto che abbiano eliminato del tutto il pericolo» ha detto Michael Chertoff, segretario della U.S. Homeland Security , annunciando che il livello di allerta negli aeroporti è stato portato al livello massimo.

    HEATHROW CHIUSO A VOLI IN ARRIVO -
    L'aeroporto londinese di Heathrow è stato chiuso a tutti i voli in arrivo, salvo quelli già in avvicinamento. Lo ha riferito la BBC. Intanto la Baa, che gestisce l'aeroporto, ha chiesto la cancellazione temporanea di tutti i voli in provenienza dall'Europa.
    NUOVE PROCEDURE DI SICUREZZA SUI VOLI - Tutti gli aeroporti britannici hanno stretto le maglie della sorveglianza e sono previsti ritardi su tutti i voli. I passeggeri non saranno autorizzati a portare alcun bagaglio in volo. Sarà ammesso a bordo solo ciò che è strettamente indispensabile e unicamente in borse trasparenti.
    La scheda: quello che si può portare a bordo
    JOHN REID «SAREBBERO STATE PERSE MOLTE VITE» - «Il complotto terroristico sventato oggi in Gran Bretagna mirava a abbattere diversi aerei in volo, provocando la perdita di un considerevole numero di vite» ha detto il ministro dell'Interno britannico John Reid. La polizia ha fatto «una grande operazione antiterroristica per bloccare quella che noi pensiamo sia una grave minaccia contro il Regno Unito e i suoi partner internazionali». «Noi vogliamo che la gente prosegua fintanto che è possibile le loro attività in modo normale», ha aggiunto Reid. Il ministro dell'interno John Reid proprio ieri aveva rilanciato l'allarme terrorismo come «la minaccia più duratura dalla seconda guerra mondiale».
    METROPOLITANA - Intanto sono stati alzati i livelli di allerta in tutti i possibili bersagli di attacchi terroristici, compresa la metropolitana di Londra, già oggetto di gravi attentati.
    ITALIANI DA LONDRA «SENSAZIONE PERICOLO» - Sono diverse le sensazioni dei pochi passeggeri sbarcati con il volo AZ 227 proveniente da Londra, giunto a Malpensa poco dopo le 10,30. La maggior parte dei viaggiatori era in transito verso altre destinazioni. Una ragazza, uscendo, mostra evidenti i segni della tensione, parla di situazione di «grande pericolo», di controlli ferrei al momento dell'imbarco. Un altro passeggero, invece, dice di non essersi accorto di nulla di particolare. Disagio e un po' di timore ci sono anche fra coloro che dovevano partire e che si trovano a terra, in attesa di capire quale sarà la loro destinazione. Una famiglia italiana che doveva raggiungere Londra, ha optato per andare a Manchester e poi raggiungere la destinazione con voli interni, se la situazione si sbloccherà.

    10 agosto 2006
    http://www.corriere.it/Primo_Piano/E...10/aereo.shtml

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    16 Jul 2006
    Messaggi
    100
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ovviamente gli attentatori erano integrati...

  3. #3
    NO all Multietnico
    Data Registrazione
    13 Jun 2006
    Località
    SENZA LIMITI
    Messaggi
    444
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Certo Islamici Inglesi. Ma Quale Integrazione?

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    16 Jul 2006
    Messaggi
    100
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    la cosa che più mi fa ridere è che gli altri paesi hanno fallito mentre noi non sappaimo come, riusciremo a integrarli...
    grande mortadella!!!

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    12 Apr 2002
    Località
    parma
    Messaggi
    3,105
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da soran
    la cosa che più mi fa ridere è che gli altri paesi hanno fallito mentre noi non sappaimo come, riusciremo a integrarli...
    grande mortadella!!!
    Non te la prendere , il fatto è che non siamo noi a integrare loro , sono loro ad integrare noi. per lo meno ci stanno provando , e forse ce la fanno.

  6. #6
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Più facile che sia qualcosa per distrarre da quello che sta accadendo in Libano
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  7. #7
    Sempre Avanti
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Bologna
    Messaggi
    74,329
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Shaytan
    Più facile che sia qualcosa per distrarre da quello che sta accadendo in Libano
    Meno male che c'è chi lo capisce. Non solo distrarre, aggiungerei, ma ravvivare la convinzione dell'opinione pubblica a stare dalla parte di Israele.

  8. #8
    Registered User
    Data Registrazione
    03 Apr 2002
    Località
    TAUR-IM-DUINATH
    Messaggi
    1,425
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da parmigiano
    Non te la prendere , il fatto è che non siamo noi a integrare loro , sono loro ad integrare noi. per lo meno ci stanno provando , e forse ce la fanno.

    Hai sbagliato un termine: sono loro a DISINTEGRARE noi
    G

  9. #9
    Mannysta
    Data Registrazione
    26 Mar 2006
    Messaggi
    2,176
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il reportage
    Londra ha paura del Londonistan
    Tra la pacifica e integrata comunità islamica si nasconde una minoranza piena d’odio Ruota attorno alla moschea di Finsbury Park e occupa i quartieri a nord e a nord-est
    LONDRA — Il quartiere più grande dell’ex capitale dell’Impero di Sua Maestà è una città invisibile e trasversale in espansione costante, dove vivono più di 700 mila persone. È un quartieremanon è segnato su nessuna delle mappe cittadine bianche rosse e blu (come l’Union Jack, la bandiera britannica) che si comprano in edicola, e non ci sono cartelli utili a raggiungerlo. Nel megaquartiere musulmano di Londra, che in realtà attraversa tanti quartieri ufficiali della metropoli, da nord a nord-est, da Brixton a Regent’s Park a Brick Lane passando per Bethnal Green, ci sono banche, ristoranti, mercati, luoghi di culto, ospedali e cimiteri. È la Londra dei musulmani, quasi tutti immigrati dal dopoguerra in poi, che ha impiegato decenni a diventare più grande, più popolosa, più ricca e sempre meno recinto di una minoranza. Per decenni è stata l’orgoglio della Gran Bretagna tollerante e il simbolo dell’integrazione razziale e religiosa dell’ex Impero di Sua Maestà. Le bombe del 7 luglio hanno sporcato di sangue il sogno multiconfessionale di cui parlavano in continuazione sia il primo ministro Tony Blair sia il suo predecessore conservatore John Major (che invocava davanti ai Tories «una società senza classi e senza barriere tra le razze e le religioni»).
    Così la città invisibile adesso è stata marchiata come «Londonistan » (fa rima con Afghanistan, quello dei talebani però), soprannome reso famoso da un libro bestseller di un islamista francese, Dominique Thomas, sulla comunità estremista musulmana volontariamente finora tollerata — almeno questa è l’accusa di Thomas—per calcolo dalle autorità britanniche. Perché, almeno dagli anni 90, nella Londra musulmana pacifica e integrata nella vita democratica del Paese si è inserita una presenza oscura, una città assai più piccola ma colma di odio implacabile e intolleranza crescente. Che sono esplosi tre giorni fa. È la Londra che ruota intorno alla moschea estremista di Finsbury Park, nella parte nord della città (tra Islington, Harigney e Hackney), la palude dei mullah tifosi di Osama e assetati di sangue innocente, autori di sermoni agghiaccianti colmi di rabbia contro Israele, l’America e il mondo laico, illustrati da volantini che festeggiano l’11 settembre con foto delle torri che esplodono. Èla Londra da cui è partito Richard Reid, che con una bomba nascosta nella scarpa voleva far saltare un jumbo American Airlines Parigi-Miami carico di passeggeri, è la Londra dei ragazzi in kefiah che sorridono alle belve di Beslan. È la residenza, per nove anni, di Zacarias Moussaui, presunto «ventesimo dirottatore » dell’11 settembre arrestato prima dell’attacco. Sembra impossibile che si tratti della stessa città in cui, a Bethnal Green, poco lontano dal grande tempio buddista, si compra taboulé nelle rosticcerie allegre e rumorose facendo la coda accanto a donne di colore dell’Africa subsahariana, coperte dal velo per rispettare la regola coranica della modestia (hijab), e a turisti giapponesi firmati da capo a piedi diretti alla vicina fabbrica della Burberry, dove c’è uno spaccio con merce scontatissima.
    A Brick Lane (quartiere a cui la scrittrice Monica Ali ha dedicato un libro cult della nuova narrativa giovane britannica) si mangia carne hallal nei ristoranti insieme a uomini maghrebini in djellaba (la tunica tradizionale) e a studentesse tatuate e con raffiche di piercing provenienti dalla vicina scuola di arte e design Colchester, le cui chiome asimmetriche sono state scolpite all’apprezzatissimo coiffeur delle modelle Nasir di «Kung Fu Cuts». Alla fermata del metrò di Hackney ci sono liceali pakistane in tacchi a spillo che aspettano il treno per andare al cinema in centro con gli amici, lontane un universo dalle loro coetanee a cui, nel Pakistan più intollerante, viene negata perfino l’istruzione nelle madrasse. Spesso, nella Londra musulmana, accanto al misterioso negozietto con le insegne solo in arabo dove si affetta kebab, c’è un inglesissimo botteghino che vende efferate porzioni di anguilla in gelatina e patate fritte grondanti aceto avvolte nel tabloid del giorno prima. Con lo scontro tra civiltà ridotto a semplice guerra del colesterolo. La rotta di collisione tra la Londra dell’Islam tollerante e quella, minoritaria, dell’odio in stile Finsbury Park, era stata prevista da tempo. Con i servizi francesi e algerini che avevano più volte chiesto misure di massima sorveglianza alle autorità britanniche — con conseguenti accuse di passività contro il pericolo «Londistan ». Finora, politicamente, nel Regno Unito e soprattutto a Londra, la linea dura cont r o l ’ Islam estremista non sempre aveva pagato. Perché 8,5 per cento della popolazione a Londra (3,5 su scala nazionale) significa anche che i musulmani hanno un peso. Grazie al quale hanno eletto il primo parlamentare islamico, ma soprattutto hanno fatto trionfare alle ultime elezioni l’ex laburista (espulso per pacifismo) George Galloway. Il tribuno della plebe anglo-musulmana, fustigatore dell’intelligence fallace di Blair e Bush sulle armi irachene, irridente ospite del Senato americano con l’insulto pronto e l’accento scozzese spesso come un maglione di Shetland. L’altra sera, con le ceneri dei bombardamenti ancora calde, Galloway, ex supporter di Saddam Hussein, in tv sferzava il presentatore con frasi tipo «per me i morti dalla pelle bianca a Londra e quelli dalla pelle scura in Iraq contano allo stesso modo ». E giù insulti a Tony Blair, firmati George Galloway, deputato di Bethnal Green e Bow, Londonistan, Regno Unito.

    Matteo Persivale
    10 luglio 2005
    Corriere.it

  10. #10
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Leader
    La rotta di collisione tra la Londra dell’Islam tollerante e quella, minoritaria, dell’odio in stile Finsbury Park, era stata prevista da tempo.
    La collisione fra gli estremisti (minoritari per quel che riguarda la scelta di mezzi violenti, ma non necessariamente quando si tratta di imporre l'ideologia) e "la Londra dell’Islam tollerante" non c'e' ancora stata.... quella che stata urtata non e' la Londra dell’Islam tollerante bensi' la Londra tollerante dell’Islam.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 15-02-07, 19:06
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11-08-06, 14:31
  3. Sventati 2 attentati.
    Di Medsim nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 07-04-06, 02:11
  4. Sventati attentati di terroristi islamici
    Di Ashmael nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 06-04-06, 23:30
  5. Possibili attentati con aerei di linea
    Di BRUFCO-AZ nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 19-07-04, 15:09

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226