User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14
  1. #1
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito In Calabria record delle truffe all’Ue

    AZIENDE FANTASMA NEL 2005, IN ITALIA ACCERTATI 341 MILIONI DI CONTRIBUTI IRREGOLARI: 118 SONO RICONDUCIBILI A PROGETTI PRESENTATI A CATANZARO

    Ferrari e Bot al posto delle fabbriche

    I controlli di Bruxelles sui fondi per lo sviluppo: su 28 ispezioni 28 frodi


    di Marco Sodano

    Dopo non controllano più. Se metti insieme una documentazione poco poco credibile ammettono il progetto al finanziamento e passi alla cassa: un milione o due sono bazzecole. C’è chi è riuscito a farsi assegnare contributi dell’Unione europea per 50 milioni. Un giro sulla giostra del Por (Piano operativo regionale) Calabria è l’occasione per svoltare. Ogni tanto la Regione chiede di vedere la contabilità, ma le fabbriche fantasma rendono così bene che vale la pena di mettere in piedi un giro di fatture false, o rendiconti inventati di sana pianta. A controllare se lo stabilimento c’è davvero non arriverà nessuno. Bruxelles paga la Ferrari. Dei soldi puoi fare quel che vuoi: un dentista s’è comprato una Ferrari Testarossa. Un imprenditore ha intascato il malloppo ed è sparito, lasciandosi alle spalle la prima pietra di uno stabilimento che non vedrà mai la luce e 280 persone che aspettano la chiamata al lavoro. Il Por Calabria è un torrente di denaro profuso a fondo perduto: 4 miliardi finanziati a partire dal 2000 - 1,8 sono già impegnati, il resto arriverà entro il 2013 - per chi avvia un’attività.

    L’unico limite è la fantasia: pannelli fotovoltaici, valvole per il gas, blue jeans, bistecche di soia da esportare in nordafrica, accessori per auto, articoli di cancelleria. Dopo tanta pioggia le imprese spuntano come funghi, almeno sulle carte della Regione. Chi riempie quelle carte fa bene attenzione a non mettere il naso fuori, così non è costretto ad accorgersi che nella piana di Gioia Tauro - per esempio - sono stati finanziati 57 nuovi stabilimenti che dovrebbero impiegare 1600 operai. Però le aziende sono sei e i posti di lavoro meno di 200. E se nel 2005 in Italia sono stati accertati contributi Ue irregolari per 341 milioni, 117 milioni 825 mila euro - quasi un terzo - erano destinati alla Calabria.

    Un tizio di Brescia aveva investito il denaro ottenuto da Bruxelles in titoli di Stato, un altro ha smontato nottetempo la fabbrica, ha denunciato il furto dei macchinari e quando lo hanno arrestato era pronto a ricominciare: aveva chiesto un secondo finanziamento attraverso la Regione Campania per gli stessi macchinari.

    Ispezioni prevedibili. Finché la sezione calabrese della Corte dei conti non ha deciso di controllare i controllori, spulciando l’attività dell’anno 2005. L’esito è in una relazione pubblicata qualche settimana fa. Ispezioni sul campo? «Solo quelle obbligatorie», dunque previste e prevedibili: nel 95% dei casi non se ne fanno. Pungolata dai magistrati contabili, la Regione ha ammesso che per via di «difficoltà organizzative e strutturali dei Dipartimenti regionali le ispezioni presso immobili e cose di proprietà o disponibilità del soggetto che richiede i contributi vengono effettuate su un campione non significativo di progetti (circa il 5%)». Il sistema elettronico di verifica e archivio? Acquistato nel secondo semestre 2005, Rendiconta (si chiama così) è entrato in servizio attivo solo ad ottobre. «Prima di allora - dice la relazione - pochi e confusi strumenti hanno guidato le azioni di controllo». E del periodo 2000-2005 «non ci sono dati certi».

    Immigrati della truffa. Un gruppo di imprenditori di Brescia e Ravenna ha ricevuto più di 50 milioni per produrre accessori per auto. Progetto da 122 dipendenti, accompagnato da perizie taroccate che spacciavano per nuovi macchinari obsoleti: totale 13 assunzioni. Perché la Calabria è diventata la terra promessa dei cacciatori di contributi Ue e la Guardia di Finanza racconta che «dal Nord arrivano imprese organizzate, che si appoggiano a grossi studi associati e ottengono moltissimo in contributi». Gente che anziché correre a comprarsi la barca o la villetta (abusiva) al mare, si mette a fare giochi di prestigio con gli aumenti di capitale e alla fine intasca tutto. A pensar male, tra l’altro, ci si indovina.

    Controprova: dal 14 al 18 marzo del 2005 la Commissione Europea ha organizzato un controllo a tappeto sui fondi strutturali europei, e «tutti i progetti campionati (28) hanno presentato irregolarità diffuse. Circa il 68% presentano irregolarità di tipo sanabile, nel restante 32% le irregolarità non sono sanabili, ossia presentano violazioni dei regolamenti comunitari». Seconda controprova: le Fiamme Gialle hanno passato al setaccio 48 aziende nel corso del 2005, scoprendo 22 casi di irregolarità. A fronte di queste cifre, il controllo regionale - sempre nel 2005 - è approdato appena a 11 denunce.

    I responsabili. E i controllori? Sono i responsabili di misura che, a dispetto del compito delicatissimo al quale sono chiamati, cambiano spesso ufficio: il 29% resta nello stesso posto meno di un anno, un altro 29% non più di due, il 30% non più di tre anni, nessuno più di quattro. «Nessuno - osservano i magistrati contabili - ha gestito i fondi Por 2000-2006 per tutto il periodo di competenza». La Corte ha dato un’occhiata ai loro curriculum: solo il 19,5% è dirigente, il 50% è funzionario, gli altri sono dipendenti che in precedenza hanno avuto la «responsabilità di un ufficio». Il 46% è laureato, il 52% ha un diploma di scuola superiore e «due schede sono tornate in bianco».

    Controllo politico. Meraviglia, osservano i magistrati, che a decidere siano le seconde linee. La Corte aggiunge, tra l’altro, che avrebbe voluto controllare tutti i finanziamenti del 2005 ma «non è stato possibile perché non tutti i responsabili hanno risposto, in palese violazione dei doveri di collaborazione». «Parecchi» hanno fatto orecchie da mercante. Come meraviglia che la Regione non abbia un centro unico di controllo: i fondi sono divisi tra gli assessorati, poi ognuno se la vede da sè. La chiave sta nell’ultima riga della relazione della Corte dei Conti: se vuole una gestione efficiente, la Regione deve «separare il ruolo della politica da quello dei manager». Resta da vedere fino a che punto la politica è disposta a perdere il controllo diretto dei fondi.

    www.lastampa.it

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Si vede che avere il primato dei Forestali inutili non bastava...

  3. #3
    Armin
    Ospite

    Predefinito

    La calafrica, terra di chi ci vuole dare lezioni di civiltà...come agazio loiero.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    08 Apr 2009
    Località
    Ceglie Messapica
    Messaggi
    1,443
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Exclamation Padani al forno

    Tutta colpa vostra Padani schifosi, presto finirete al rogo!

  5. #5
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da decrescenzo2003
    Tutta colpa vostra Padani schifosi, presto finirete al rogo!
    Scusa, mi spiegheresti dov'è che è colpa nostra?

  6. #6
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Colpa nostra che non abbiamo vigilato che il dentista vigilasse su di loro!

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    08 Apr 2009
    Località
    Ceglie Messapica
    Messaggi
    1,443
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Exclamation Risposta

    Citazione Originariamente Scritto da FdV77
    Scusa, mi spiegheresti dov'è che è colpa nostra?
    Certo che è colpa vostra, avete voluta l'unità d'Italia nel 1861, avete conquistato il sud rendendolo una colonia prima d'Italia e poi della padania, adesso pagate le conseguenze!
    Ti consiglio un bel libro: Come ti finanzio il nord di Gennaro Zona

  8. #8
    Registered User
    Data Registrazione
    20 Jul 2005
    Messaggi
    382
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    sembra che il zudde fosse obbiettivo uno (assieme a spagna e irlanda) per i finanziamenti speciali dell'UE. oggi la spagna è il primo paese europeo come crescita economica (3,5 annuo) e l'irlanda segue a breve distanza.
    invece il zudde, a parte qualche lieve oscillazione, non ha registrato significativi passi in avanti (spero di sbagliarmi). certo che se i soldi dei contributi europei fanno questa fine, non c'è da stupirsi che rimangano sempre nella cacca da quelle parti.

  9. #9
    PADANIA LIBERA!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    4,497
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E allora?che problema c'è????
    Fate finta,come sanno fare solo i veri indipendentisti Padani,che noi non abbiamo niente a che vedere con l'itallia...la calabbria è in italia,noi in Padania...siamo già liberi...continuate a sognare come fate!E' tanto semplice!!!
    Saluti Padani

  10. #10
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da pavel_ivanovic
    sembra che il zudde fosse obbiettivo uno (assieme a spagna e irlanda) per i finanziamenti speciali dell'UE. oggi la spagna è il primo paese europeo come crescita economica (3,5 annuo) e l'irlanda segue a breve distanza.
    È proprio così.

    Citazione Originariamente Scritto da Wyatt Earp
    E allora?che problema c'è????
    Fate finta,come sanno fare solo i veri indipendentisti Padani,che noi non abbiamo niente a che vedere con l'itallia...la calabbria è in italia,noi in Padania...siamo già liberi...continuate a sognare come fate!E' tanto semplice!!!
    Saluti Padani
    Cosa ha fatto il signor Calderoli per i forestali calabri? Dopo essersi preso una qualche poltrona in loco e proprio per quel motivo, cosa ha fatto concretamente per risolvere il problema? I post fotocopia da un thread all'altro hanno un'utilità pari a zero.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 19-08-09, 23:32
  2. I record della Regione Calabria
    Di Bèrghem nel forum Padania!
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 12-04-08, 23:24
  3. Italia patria delle truffe
    Di legio_taurinensis nel forum Destra Radicale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 08-10-05, 21:05
  4. Record in Calabria: 12 monopartiti e folla di portaborse
    Di GiorgioB nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-10-02, 00:12
  5. Record in Calabria: 12 monopartiti e folla di portaborse
    Di GiorgioB nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-10-02, 00:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226