User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14

Discussione: Vento di guerra

  1. #1
    Colui che è.
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    They Live, We Sleep.
    Messaggi
    5,699
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Vento di guerra

    DI WEBSTER G. TARPLEY
    voltairenet.org/

    Nel regolamento dei conti tra Google e il governo cinese, i mezzi di comunicazione dipingono Google come un difensore della libertà su internet e un sostenitore dei diritti umani del popolo cinese. Una totale ipocrisia, se si considera che Google fa parte di un cartello di società operanti in internet, che complottano assieme all’apparato d’intelligence statunitense, anche per la destabilizzazione di governi stranieri. Ci si può stupire, allora, se le autorità cinesi percepiscono Google come un canale di propaganda nera? Comunque sia, l’attuale alterco non è altro che un elemento in un più ampio tiro alla fune geopolitico ed economico tra i due Paesi, in cui la Cina sembra avere la meglio.

    L’escalation nel conflitto tra Google e la Repubblica Popolare Cinese interviene nel contesto del rapido deterioramento delle relazioni tra i due Paesi su molti fronti. Google fa parte di un cartello di società operanti in internet che, notoriamente, lavorano a stretto contatto con l’intelligence statunitense per scopi politici, ivi inclusi sovversione e rovesciamento di governi stranieri. Basta ricordare il ruolo centrale di Twitter nel tentato colpo di stato della CIA in Iran la scorsa estate [1]. La manipolazione politica per mezzo di Internet è una componente indispensabile della ricetta della CIA per condurre rivoluzioni colorate, rivoluzioni di velluto, golpe popolari e golpe postmoderni [2].

    Quando internet viene introdotto in Paesi precedentemente autoritari, è spesso possibile abbindolare, manipolare e fomentare un gran numero di giovani entusiasti e politicamente poco sofisticati. I risultati sono spesso disastrosi. In Georgia, una rivoluzione colorata ha portato al potere quel pazzo di Sakaashvili, che ha già dato inizio ad una guerra [3]. Yushenko, beneficiario della Rivoluzione Arancione del 2004, è appena stato pesantemente ripudiato dagli elettori dopo una presidenza catastrofica. I postumi della sbornia e la disillusione che circondano Obama sono legati al fatto che egli, in un certo senso, ha preso il potere nella stessa maniera. Per queste ragioni, il governo cinese ritiene che ci siano validi motivi per cui è necessario impedire che le agenzie di intelligence occidentali iniettino enormi quantità di propaganda nera in Cina attraverso internet. In ogni caso, questa questione riguarda puramente gli affari interni cinesi e gli Americani in particolare dovrebbero mettere ordine a casa propria prima di fare prediche al resto del mondo.

    La mattina del 4 gennaio, il Los Angeles Times ha riferito che la Grande Firewall con cui il governo cinese filtra i contenuti online era momentaneamente venuta a mancare. Era opera degli Stati Uniti? O forse la Cina credeva che fosse opera degli Stati Uniti? Circa dieci giorni dopo, Google, Adobe, e Northrop Grumman hanno accusato hacker cinesi di accesso ai propri siti per raccogliere informazioni. Il governo cinese ha informato Google che, se avesse insistito nel violare la legge cinese, la società non avrebbe potuto continuare ad operare e Google ha annunciato la propria imminente dipartita dal mercato cinese. Negli uffici di Google in Cina girano voci di spionaggio.

    Molti resoconti giornalistici asseriscono che Google si oppone alla censura per principio. Balle allo stato puro. Google sostiene la censura nella misura in cui essa è dettata dall’intelligence degli Stati Uniti. Gli analisti e ricercatori che hanno esaminato a fondo le questioni relative agli attacchi dell’11 settembre e agli attentati del 7 luglio 2005 a Londra conoscono bene i molti modi in cui Google ha tentato di ostacolare l’accesso pubblico a dati ed analisi che non erano in linea con la narrazione ufficiale. Google è stata fondamentalmente ostile nei confronti di chiunque criticasse le versioni ufficiali del governo statunitense in merito a queste provocazioni terroristiche sotto falsa bandiera. Dire che Google sia contraria alla censura è quindi un atto di ipocrisia monumentale.

    Le relazioni sino-statunitensi si stanno deteriorando rapidamente verso una nuova Guerra Fredda o qualcosa di ancora peggiore. L’intera politica estera degli Stati Uniti è fortemente motivata da fattori anti-cinesi. Il Pakistan è fatto bersaglio di distruzione principalmente perché potrebbe costituire un corridoio energetico tra Iran e Cina a beneficio di quest’ultima [4]. Le azioni degli Stati Uniti in Yemen [5], Somalia, Sudan, Zimbabwe, Birmania, e in molti altri punti del pianeta sono fondamentalmente dettate dal desiderio di dare scacco matto alla Cina. Fatto sta che la Cina sta contrastando tutto questo in modo molto più efficace. Alla recente conferenza di Copenhagen sul clima, la strategia di U.S.A. e Gran Bretagna si è basata sulla grande menzogna del riscaldamento globale per istituire una dittatura mondiale degli idrocarburi da usare poi per strangolare lo sviluppo economico di Cina, India e altre nazioni in via di sviluppo. Come segnalato da resoconti sul Guardian britannico, il primo ministro cinese Wen ha diretto con successo un’operazione di bloccaggio con l’aiuto di Paesi come Sudan, Venezuela, Cuba, Bolivia e altri ancora, e nel mentre ha personalmente snobbato Obama diverse volte. In merito alle sanzioni contro l’Iran, i Cinesi avvertono che le bloccheranno nel Consiglio di Sicurezza dell’ONU, e le stanno anche eludendo in vari modi.

    Ora la Cina ha superato la Germania diventando il maggiore esportatore del mondo, e si stima che possieda circa 2,5 trilioni di dollari in valuta estera, gran parte della quale denominata in dollari. Una guerra commerciale tra Cina e U.S.A. su questioni come pneumatici e acciaio è divenuta una chiara possibilità. Gli Stati Uniti continuano con l’incessante lagna sulla presunta fluttuazione sporca della valuta cinese, il renminbi. Gli Stati Uniti sono sull’orlo di un’imponente vendita di armi alla Repubblica di Cina (Taiwan), cosa cui Beijing non potrà non opporsi. Persino peggiore sarà la visita del Dalai Lama alla Casa Bianca di Obama, che viene ora data come imminente. Sebbene sia idoleggiato da un branco di degenerati holliwoodiani, il Dalai Lama è in realtà un famigerato asset dell’intelligence occidentale, nonché il simbolo di un brutale regime di oppressione feudale che teneva la maggior parte della popolazione in stato di servitù della gleba e una significativa minoranza in schiavitù. Il governo statunitense continua a trasferire significative somme di denaro alla sinistra Rebiya Kadeer e al suo World Uighur Congress, che il governo Cinese accusa di essere responsabili dei bagordi omicidi avvenuti in Xinjiang (Turkestan cinese) nel luglio del 2009 [6], per cui sono state ora pronunciate due dozzine di condanne a morte. Un cittadino britannico accusato di essere uno spacciatore di droga è appena stato giustiziato dai Cinesi, che non hanno dimenticato le tre Guerre dell’Oppio dichiarate contro di loro da Londra allo scopo di introdurre con la forza nel mercato cinese narcotici letali.

    Più importante, forse, di qualsiasi altro singolo disaccordo su questioni concrete, è stato il nuovo senso di sicurezza, fiducia in sé e autoaffermazione del governo cinese, emerso dopo la bancarotta dei sistemi bancari statunitense e britannico nell’autunno del 2008. Per molti decenni, la diplomazia cinese è stata tipicamente molto cauta, mantenendo un bassissimo profilo e un approccio moderato. Il successo delle operazioni del primo ministro Wen a Copenhagen è una chiara indicazione dei grandi cambiamenti in corso in questo ambito. Evidentemente i Cinesi vedono Google come un simbolo di arroganza ed egemonismo che non sono più disposti a tollerare.

    Webster G. Tarpley è scrittore, giornalista, conferenziere e critico delle politiche estere ed interne statunitensi(TARPLEY.net ). Tra i suoi libri più recenti: Obama, The Postmodern Coup, The Making of a Manchurian Candidate , Barack Obama: The Unauthorized Biography e 9/11 Synthetic Terror . È un componente della conferenza Axis for Peace.

    Fonte: Réseau Voltaire
    Link: Google Attacks China as Washington-Beijing Hostility Deepens [Voltaire]
    21.01.2010

    Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ORIANA BONAN

    [1 ] The CIA and the Iranian experiment , di Thierry Meyssan, Voltaire Network; 19 giugno 2009.
    [2 ] The Technique of a Coup d’État , di John Laughland, Voltaire Network; 5 gennaio 2010.
    [3] The Secrets of the Georgian Coup, an ex-Soviet Republic , di Paul Labarique, Voltaire Network; 7 gennaio 2004.
    [4 ] Obama Declares War on Pakistan , di Webster G. Tarpley, Voltaire Network; 15 dicembre 2009.
    [5] Yemen: Behind Al-Qaeda Scenarios, a Geopolitical Oil Chokepoint to Eurasia , di F. William Engdahl, Voltaire Network; 6 gennaio 2010.
    [6] Washington is Playing a Deeper Game with China , di F. William Engdahl, Voltaire Network; 13 luglio 2009.
    Ogni uomo scambia i limiti della sua prospettiva con i limiti del mondo intero. A. Schopenhauer

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Colui che è.
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    They Live, We Sleep.
    Messaggi
    5,699
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Vento di guerra

    Armi americane in vendita a Taiwan Cina sospende relazioni militari con gli Usa - Repubblica.it

    La decisione di Washington ha scatenato la reazione del Paese asiatico: protesta formale e rapporti interrotti
    Sanzioni anche per le aziende statunitensi che decideranno di commerciare con l'isola
    Armi americane in vendita a Taiwan
    Cina sospende relazioni militari con gli Usa

    Armi americane in vendita a Taiwan Cina sospende relazioni militari con gli Usa

    Un lancio di un missile americano Patriot, durante un'esercitazione a Taiwan
    PECHINO - La Cina sospenderà gli scambi e le relazioni sul piano militare con gli Stati Uniti, in risposta alla decisione di Washington annunciata ieri di vendere armamenti a Taiwan. I cinesi imporranno anche sanzioni alle aziende americane che riforniranno di armi l'isola. Lo riferisce l'agenzia di stampa Nuova Cina. "Considerato il grave danno e il disgustoso effetto della vendita di armamenti da parte degli Stati Uniti a Taiwan, la parte cinese ha deciso di sospendere le previste visite militari reciproche", afferma il ministero della Difesa cinese.

    Secondo il portavoce del ministero della Difesa di Pechino, Huang Xueping, la decisione di Washington, oltre a violare "i tre comunicati congiunti tra Cina e Stati Uniti, in particolare quello del 17 agosto del 1982" con cui Washington si impegnava "a ridurre gradualmente la sua vendita di armi a Taiwan", è in contrasto anche con "i principi della dichiarazione congiunta" emessa durante la visita del presidente americano Barack Obama durante la sua visita in Cina nel novembre scorso.

    "La decisione degli Stati Uniti - attacca ancora il portavoce - mette seriamente a rischio la sicurezza nazionale cinese e danneggia gli interessi vitali della Cina. Il piano americano creerà seri problemi alle relazioni tra i due Paesi e tra le loro Forze armate e danneggerà la situazione generale della cooperazione tra Stati Uniti e Cina e la pace e la stabilità negli Stretti di Taiwan". Ancora, per rimarcare l'indignazione, già espressa ieri dal vice ministro degli Esteri He Yafei, nei confronti di Washington, Huang ha tenuto a sottolineare che "su tale questioni non cederemo mai a comporomessi" e che "ulteriori azioni saranno prese" sulla base degli sviluppi della situazione.

    (30 gennaio 2010)
    Ogni uomo scambia i limiti della sua prospettiva con i limiti del mondo intero. A. Schopenhauer

  3. #3
    PIANIFICAZIONE TOTALE
    Data Registrazione
    02 Sep 2009
    Messaggi
    3,787
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Vento di guerra

    Gli accordi in Asia centrale e il nuovo fronte bilaterale Cina/Russia potrebbero veramente sorprenderci. L'indebolimento statunitense comincia da ora. Per la guerra dovremo attendere. Quel che è appurato è che gli Usa sia internamente che esternamente stanno perdendo il loro dominio per la prima volta dopo venti anni dalla caduta del Muro.
    Ultima modifica di Stalinator; 30-01-10 alle 15:53

  4. #4
    Colui che è.
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    They Live, We Sleep.
    Messaggi
    5,699
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Vento di guerra

    Citazione Originariamente Scritto da Stalinator Visualizza Messaggio
    Gli accordi in Asia centrale e il nuovo fronte bilaterale Cina/Russia potrebbero veramente sorprenderci. L'indebolimento statunitense comincia da ora. Per la guerra dovremo attendere. Quel che è appurato è che gli Usa sia internamente che esternamente stanno perdendo il loro dominio per la prima volta dopo venti anni dalla caduta del Muro.
    Oltre a quei due paesi, e a quelli classici additati dagli States come "radice di tutti i mali", vanno aggiunti paesi come il Giappone, l' India ed il Brasile, persino la Turchia ed addirittura l' Italia sembrano essere in procinto di abbandonare la barca che affonda, ma stai pur certo che gli USA non si arrenderanno tanto facilmente, e che la guerra sia così lontana io non ci giurerei troppo, o almeno non lo è nelle intenzioni americane (speriamo che la Russia a le Cina se la giochino più furba)... all'america è rimasto poco tempo prima del crack economico e che la guerra sia il modo con cui in genere si tolgono dagli impicci lo han capito anche i liberaldemocratici.

    In ogni caso, quando accadrà, o se ci si arriverà vicini, attenti a cosa farà l' ONU.
    Ogni uomo scambia i limiti della sua prospettiva con i limiti del mondo intero. A. Schopenhauer

  5. #5
    Visitors Addicted
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    We are everywhere
    Messaggi
    33,333
    Mentioned
    99 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: Vento di guerra

    Gli USA siamo così sicuri che possano sopportare una guerra vera? Secondo me no, storicamente non hanno mai avuto un esercito all'altezza (al limite hanno una buona aeronautica ma non basta per combattere). Inoltre con il debito che hanno (molto di questo nelle mani dei cinesi) ma dove pensano di andare? Come pensano di pagare i costi di una guerra (vera)?
    L'unica cosa che potrebbero fare è adottare una strategia di ritirata strategica riposizionandosi e cercando di riunire pochi ma validi alleati e cercare l'egemonia su questi.
    O fanno così o perdono tutto.

  6. #6
    Colui che è.
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    They Live, We Sleep.
    Messaggi
    5,699
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Vento di guerra

    Citazione Originariamente Scritto da WalterA Visualizza Messaggio
    Gli USA siamo così sicuri che possano sopportare una guerra vera? Secondo me no, storicamente non hanno mai avuto un esercito all'altezza (al limite hanno una buona aeronautica ma non basta per combattere). Inoltre con il debito che hanno (molto di questo nelle mani dei cinesi) ma dove pensano di andare? Come pensano di pagare i costi di una guerra (vera)?
    L'unica cosa che potrebbero fare è adottare una strategia di ritirata strategica riposizionandosi e cercando di riunire pochi ma validi alleati e cercare l'egemonia su questi.
    O fanno così o perdono tutto.
    In Vietnam, perchè non hanno vinto? In Afghanistan perchè nonostante tutta la tecnologia americana i talebani scorrazzano ancora tutto intorno a Kabul? In Iraq, perchè non sono riusciti a sconfiggere il "terrorismo"?

    Sostanzialmente perchè non dovevano vincere, e nemmeno ci erano andati per vincere. Loro lo sanno bene: ORDO AB CHAOS.

    Gli USA sono tra l'altro un mezzo e non un fine... un mezzo di un qualcosa che sta sopra di loro, e che presto se ne sbarazzerà, quando avranno assolto il loro compito storico.

    Per questo dico "attenti a quello che farà l'ONU", non solo se ci sarà la guerra, ma anche solo se arriveranno vicini.
    Ogni uomo scambia i limiti della sua prospettiva con i limiti del mondo intero. A. Schopenhauer

  7. #7
    Visitors Addicted
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    We are everywhere
    Messaggi
    33,333
    Mentioned
    99 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: Vento di guerra

    Citazione Originariamente Scritto da Antitesi Visualizza Messaggio
    In Vietnam, perchè non hanno vinto? In Afghanistan perchè nonostante tutta la tecnologia americana i talebani scorrazzano ancora tutto intorno a Kabul? In Iraq, perchè non sono riusciti a sconfiggere il "terrorismo"?

    Sostanzialmente perchè non dovevano vincere, e nemmeno ci erano andati per vincere. Loro lo sanno bene: ORDO AB CHAOS.

    Gli USA sono tra l'altro un mezzo e non un fine... un mezzo di un qualcosa che sta sopra di loro, e che presto se ne sbarazzerà, quando avranno assolto il loro compito storico.

    Per questo dico "attenti a quello che farà l'ONU", non solo se ci sarà la guerra, ma anche solo se arriveranno vicini.

    Gli Usa di guerre ne hanno vinte davvero poche perchè sono inadatti alla guerra.
    Il loro compito non so quale sia e se vi sia un'entità superiore che li comanda, di sicuro come tutti gli imperi sono destinati a morire.

  8. #8
    Cancellato
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    55,426
    Inserzioni Blog
    4
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Vento di guerra

    Citazione Originariamente Scritto da WalterA Visualizza Messaggio
    se vi sia un'entità superiore che li comanda
    scusa?

  9. #9
    Visitors Addicted
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    We are everywhere
    Messaggi
    33,333
    Mentioned
    99 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: Vento di guerra

    Citazione Originariamente Scritto da Feliks Visualizza Messaggio
    scusa?
    scuse accettate


    apparte scherzi, riportavo quello che ha scritto Antitesi
    Ultima modifica di WalterA; 31-01-10 alle 04:27

  10. #10
    Cancellato
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    55,426
    Inserzioni Blog
    4
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Vento di guerra

    Citazione Originariamente Scritto da WalterA Visualizza Messaggio
    scuse accettate


    apparte scherzi, riportavo quello che ha scritto Antitesi
    ho capito, ti sei fritto il cervello pure te...

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. X Vento
    Di Rio81 nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-05-06, 13:45
  2. Risposte: 44
    Ultimo Messaggio: 01-11-05, 16:21
  3. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 08-06-05, 22:44
  4. Via col vento?
    Di Davide (POL) nel forum Energia, Ecologia e Ambiente
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-02-04, 15:29
  5. Via con il vento???
    Di JoelRodriguez nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-07-02, 14:08

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226