User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: L'Altra estate

  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Jan 2006
    Località
    Bisogna camminare molto nel buio della notte per trovare la luce del giorno.
    Messaggi
    1,035
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito L'Altra estate

    L’ALTRA ESTATE
    «Datti un’opportunità» è il tema dell’iniziativa promossa dalla Gifra che ha preso il via ieri con la Messa presieduta dall’arcivescovo di Pisa, Alessandro Plotti, e l’adorazione eucaristica
    Ragazzi di Parola sul lido di Viareggio
    Gioventù francescana, è partita la «Missione giovani»
    In 400 fra spiagge e ombrelloni per incontrare i turisti

    Suddivisi in «équipe di spiaggia», ciascuna col proprio gazebo, vanno fra i villeggianti per portare una parola
    d’amicizia e speranza
    Da Viareggio (Lucca)Marco Bennici
    Costruire sulla roccia. Lasciando le proprie orme sulla sabbia. Non è un gioco di parole con la celebre espressione evangelica. È il luogo - le spiagge della Versilia - scelto dalla missione della Gioventù francescana (Gifra Minori) nazionale, che ha preso finalmente il via. Sorrisi, zaini, volantini e Vangelo: solo di questo sono "armati" i ragazzi della Gifra che da ieri hanno iniziato a «peregrinare» lungo il litorale di Viareggio. Dopo la Messa celebrata al mattino dall'arcivescovo di Pisa, Alessandro Plotti, si è aperta ufficialmente l'avventura di questi 400 «missionari». Il cielo un po' velato ha dato tregua soprattutto ai ragazzi ai quali sono state affidate le spiagge libere della Darsena di Viareggio, alcuni chilometri di sabbia da battere a piedi ombrellone per ombrellone.
    La prima mattina di missione - come tutte quelle che seguiranno - si è aperta con la celebrazione eucaristica. Ieri Plotti, nell'omelia, ha ricordato ai ragazzi l'urgenza dell'annuncio. Di fronte a tanti «vuoti di senso» in cui ci imbattiamo continuamente, Cristo è l'unica vera risposta. Tra le panche della chiesa di Sant'Antonio il colpo d'occhio permetteva di distinguere i missionari gifrini</B> tutti in maglia celeste da altre decine di fedeli che stavano partecipando all'Eucarestia.
    I ragazzi durante la Messa hanno cantato alzando le mani; hanno inarcato le braccia quasi a volersi riscaldare per affrontare le prossime giornate di missione, sorridendo, si sono abbracciati. Hanno chiaro il senso di poter portare Cristo al prossimo solo restando tutti uniti.
    Al termine della Messa un momento di adorazione eucaristica. Il silenzio dei giovani in preghiera era interrotto solo dalla voce che chiamava le varie équipe di spiaggia per partire. I ragazzi si sono alzati dai loro posti, si sono inginocchiati davanti al Santissimo, e in ordine sono usciti per raggiungere i pullman che li hanno accompagnati sul mare. Solo quanti vanno in missione sui bagni della passeggiata, si recano a piedi fino alla loro destinazione.
    Ogni équipe di spiaggia ha il proprio gazebo. Sotto, zaini e scatole di volantini da distribuire ai bagnanti. Alcuni volantini attaccati sui quattro lati di queste «tende di servizi» richiamano l'attenzione dei passanti. Colpiscono i colori e lo slogan. «Datti un'opportunità», è il titolo della missione. Ed è proprio di un'opportunità che parlano i missionari avvicinando alcune persone stese al sole. «Noi in questi giorni siamo qua», dice ad alcuni ragazzi Laura, «siamo sotto il gazebo che vedete laggiù. Se vi facesse piacere incontrarci, parlare della Chiesa e di Dio, veniteci a trovare». A seguire, l'invito alla festa di ieri sera, un concerto con Francesco Sportelli e i Cometha. Una festa, certo. Ma i missionari non sono andati lì solo per divertirsi.
    La raccomandazione di Giovanni Turiano, presidente nazionale della Gifra, è quella di cogliere l'opportunità di questi momenti organizzati in piazza per incontrare la gente. Per raccontare loro un mondo che forse per molti è sconosciuto oppure letto secondo una serie di pregiudizi che tutti questi missionari vorrebbero sfatare.
    La spiaggia ha le sue regole. Per alcuni d'estate diventa un'estensione dei propri domicili privati. Dopo pranzo allora si abbassa il volume dell'annuncio. La testimonianza si fa silenziosa, discreta, ma comunque vigile. Verso mezzogiorno l'ingresso dei missionari invece è fantasioso, movimentato, colorito. Entrano al ritmo delle canzoni che caratterizzano i loro incontri e le loro fraternità durante l'anno. Che sia un convento o il cielo aperto delle spiagge d'estate non importa. L'annuncio è sempre quello. Qualcuno alza la testa guardando di sbieco questi piedi che danzano sulla sabbia bollente. Altri mormorano qualcosa sottovoce e riabbassano la testa. Non mancano i sorrisi. Tanti, sinceri, luminosi. Finalmente un po' di allegria. Sotto il sole ci si annoia facilmente.
    Dopo un panino all'ombra dei gazebo bianchi, i ragazzi a coppie prendono un mazz o di volantini con il programma di questi giorni. Nel rispetto della pennichella quotidiana, vanno a presentarsi ai giovani che trovano svegli.
    Raccontano di sé, della Gioventù francescana. Si soffermano sul perché hanno scelto di dedicare alcuni giorni delle loro estati a questa forma di annuncio. Alcuni si piegano sulle gambe per parlare più da vicino con le persone che chiedono maggiori informazioni. Le danno e salutano sempre, anche nell'ipotesi in cui sia «andata buca», con il sorriso sulla bocca.
    «Sta andando bene», dicono alcuni missionari entusiasti. I mazzi di volantini perdono sempre più spessore. Nelle scatole sotto il gazebo si infilano tante mani a prenderne altri. Ieri era il primo giorno di missione, ancora si deve rompere il ghiaccio. Nei prossimi giorni sotto il sole ci saranno vecchie e nuove facce. Alcune di queste diventeranno familiari. «Nel 2003 a Ortona - racconta Marco - al terzo giorno la gente cominciava a salutarmi, non me lo sarei proprio aspettato».
    Con ieri siamo solo al primo giorno di missione. Un dialogo, specialmente quello sui valori fondamentali della nostra esistenza, ha sempre bisogno di tempo, pazienza ed entusiasmo. A questi ragazzi non sembra mancare proprio nessuna di queste tre variabili.

    http://www.db.avvenire.it/avvenire/e...lo_674603.html

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Jan 2006
    Località
    Bisogna camminare molto nel buio della notte per trovare la luce del giorno.
    Messaggi
    1,035
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Missione in spiaggia
    Ogni stagione è buona per evangelizzare


    “Ti scongiuro davanti a Dio e a Cristo Gesù che verrà a giudicare i vivi e i morti, per la sua manifestazione e il suo regno: annunzia la parola, insisti in ogni occasione opportuna e non opportuna, ammonisci, rimprovera, esorta con ogni magnanimità e dottrina” (2 Tim 4,1-2).


    Questa notissima esortazione di San Paolo al suo diletto discepolo Timoteo è stata applicata alla lettera dai fratelli delle Comunità neocatecumenali della Parrocchia Nostra Signora della Salute al Poetto di Cagliari, domenica 20 Agosto scorso.
    Dopo aver partecipato alla Liturgia Eucaristica delle 18,30, presieduta dal Vescovo Mons. Giuseppe Mani, i fratelli hanno ricevuto dal Vescovo il mandato per realizzare questa missione popolare destinata al cosiddetto “popolo dei baretti”, che si ritrova ogni sera presso i locali dislocati sulla spiaggia “dei Centomila”.
    Oltre 250 fratelli si sono recati, dopo la liturgia, a questo classico luogo di incontro serale per moltissime persone , giovani e meno giovani. Il gruppo, scortato dai vigili urbani, si è mosso in processione dalla Chiesa, guidato dalla Croce Gloriosa accompagnata “dai canti di gioia di una moltitudine in festa” (Sal 42,5) e dall’icona della “Vergine del Cammino”.
    Raggiunta la spiaggia l’azione di evangelizzazione si è svolta con le consuete modalità, ormai ben collaudate dai pellegrinaggi e dalle missioni popolari, dove il punto centrale è la testimonianza personale delle vittorie del Signore nella storia di ciascuno, la proclamazione della sua misericordia e bontà verso i peccatori, il kerigma della sua Morte e Resurrezione per la salvezza di tutti.
    Reazioni?
    Da quanto viene riportato in un articolo di un quotidiano locale ( vedi foto in alto) l’esperienza è stata “in qualche caso di insulti e parolacce”, ma questo non ha assolutamente scoraggiato i fratelli, anzi “l’insulto, spiega Renato Versace, neocatecumenale da venticinque anni, ci ha identificato in Gesù Cristo.In fondo il cristianesimo, si sa, è un annuncio scomodo”.
    E’ questo il nuovo modo di evangelizzare “anche perché , aggiunge Renato, la gente ormai non và più in chiesa e la pastorale dei “chioschetti del Poetto” non è mera propaganda, ma un modo per portare Gesù Cristo ai lontani”.
    Insomma, come sempre, l’incontro con Gesù Cristo scuote le persone dal loro torpore spirituale e lascia un segno:
    in qualcuno di ascolto silenzioso e meditazione, in qualcun altro di rifiuto e di reazione.
    Sicuramente di gioia e pace in quelli che si sono esposti in prima persona per amore a Cristo e alla Chiesa.

    A.S. – catechumenium.it



    Nella foto: il "popolo dei chioschetti" della spiaggia del Poetto che ha ricevuto la visita del Signore, qualcuno avrà ascoltato?

 

 

Discussioni Simili

  1. Un'altra settimana, un'altra balla di Berlusconi
    Di Fritz nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 13-09-10, 00:18
  2. Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 06-12-08, 09:23
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 10-10-08, 22:34
  4. Un'altra Italia, Un'altra politica
    Di catartica nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 16-09-08, 12:32

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226