User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 16
  1. #1
    Padania libera dai padioti
    Data Registrazione
    14 Jun 2002
    Messaggi
    2,329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Un delinquente dei nostri

    Ho sempre provato una certa "simpatia" per il Renè e ritengo che la grazia per Renato vallanzasca in un mondo dove spesso i veri farabutti vengono dipinti come persone recuperate alla società , dove l' impunità la mancanza di dignità e la disonestà intellettuale sono all' ordine del giorno, sia una richiesta assolutamente legittima e umana.

    Lo so , il Renè ha ucciso e ha lasciato famiglie nella disperazione ma credo che abbia pesantemente pagato il suo debito con la giustizia italiana (il che è tutto dire).

    Lo ritengo un delinquente per bene , uno che non abbassa la testa davanti a chi gli rompe i c... e che secondo me per certi aspetti dovrebbe essere imitato da molti suoi conterranei.




    La madre di Renato Vallanzasca ha scritto due lettere, una al Presidente della Repubblica, l'altra al ministro della Giustizia. La donna, che ha novant'anni ed è ricoverata in ospedale per vari malanni, ma è descritta, da chi l'ha visitata, ancora perfettamente lucida "con lo sguardo fresco e attento come quello di una bimba", non chiede la grazia per il figlio, ma una risposta, positiva o negativa che sia, alla domanda che è stata presentata in tal senso un anno fa e la chiede possibilmente in tempi ragionevoli perchè sente che la vita le sfugge e vorrebbe morire col cuore in pace, sapendo qual'è il destino definitivo di quello che chiama ancora "il mio ragazzo". Scrive, fra l'altro: "Per me la vita è vicina alla fine e ho diritto di sapere se mio figlio può avere un domano o se il suo domani è senza speranza. Non è giusto che io muoia senza avere una risposta". Sono lettere estremamente dignitose, come dignitoso, benchè criminale, è sempre stato suo figlio.
    La grazia chiesta da Renato Vallanzasca è stata seguita con scarsissimo interesse dai giornali. "Il bel Renè", come veniva chiamato ai suoi tempi, non ha santi in Paradiso, non può contare su potenti ed arroganti lobbies, è sempre stato un "chevalier seul", un "border line", un ribelle, un bandito sostanzialmente solitario anche se a capo di una temibile banda.Eppure se c'è un detenuto che merita la grazia questi è Renato Vallanzasca. Per due motivi: primo è essenzialmente giuridico. Ha alle spalle un curriculum criminale vertiginoso, con rapine fini te nel sangue e un sequestro di persone che gli sono valsi quattro ergastoli. Ma ha fatto anche 36 anni di galera di cui venti in isolamento totale (non sette anni con la possibilità di fare il moralista sui maggiori giornali italiani e la star televisiva), secondo la pena ha anche la finalità di rieducazione e di riabilitazione del condannato, se non è, come il nostro Codice non vuole che sia, una condanna a vita più crudele di una sentenza di morte, come nota sua madre, Vallanzasca il suo conto con la società l'ha pagato.
    L'altro motivo è umano (che si interseca anche con quello giudiziario) e riguarda proprio la personalità del Vallenzasca criminale e detenuto. Vallanzasca è, a modo suo, un bandito leale. Se ha ucciso dei poliziotti lo ha fatto sempre a viso aperto, in scontri a fuoco ("mors tua vita mea"), non in vili agguati sotto casa mascherati da impegno politico.
    Si è sempre assunto le proprie responsabilità e le ha sempre riconosciute. Il giorno del suo primo arresto, alla cena dei giornalisti sociologizzanti, sinistrossi, sessantottini avidi di demagogia dell'epoca (si era nel 1977), che gli chiedeva, querela e speranzosa, se non si ritenesse una vittima della società, rispose dal famoso balconcino: "Non diciamo cazzate" (e Dio l'abbia in gloria almeno per questo). Concetto ribadito successivamente in un'intervista: "Sono nato per fare il delinquente, il resto sono balle. Non sono una vittima della società. Non mi reputo tale. Sono un ragazzo che poteva avere la possibilità di studiare. Anche se non ero di una famiglia benestante, non ci mancavano i mezzi, eravamo in una condizione agiata. Ma fin da piccoli mi piaceva rubare i soldatini".
    In una società dove è ormai costume generalizzato scaricare le responsabilità sugli altri, Vallanzasca si è sempre assunto le proprie. Anche quando avrebbe potuto benissimo farne a meno. Sono innumerevoli le volte che ha scagionato degli innocenti attribuendosi i reati per i quali erano fini ti in galera e fornendo ai magistrati, che non ci pensavano più, le prove che era stato lui a commetterli. Allo stesso modo gli si può tranquillamente credere quando dice: "No, quella rapina non è mia". Ed è singolare che in un Paese di gentiluomini si possa fare più affidamento sulla parola di un bandito. Anche per questo, comunque, un Vallanzasca libero, oggi non costituirebbe alcun pericolo per la società. Perchè si può essere certi che rispetterebbe il patto che ha implicitamente fatto con chi gli ha concesso la grazia. Ha un suo codice d'onore, una sua etica, sia pur malavitosa cui non ha mai derogato. Non ha mai spacciato. Ha detto: "Naturalmente non giudico chi lo fa. Ma non è una cosa che mi va di fare. "Emanuela Trapani lo trattò con garbo e quando le gazzette, avide di gossip, cominciarono a insinuare che fra lui e la ragazza era nata una "love story" tagliò corto e a chi lo interrogava in proposito ripondeva seccamente: "Sono tutte balle, inventate da voi giornalisti". Questo mentre nella società delle cosiddette persone perbene, tutti cercano di far capire di essere stati a letto con ragazze che non hanno nemmeno sfiorato (ne abbiamo esempi recentissimi) e a domande del genere rispondo con sorrisetti d'intesa e frasi allusivi, tipo: "Non fatemi parlare, sono un gentiluomo".
    In trentasei anni di reclusione, di cui venti di isolamento durissimo, Vallanzasca non si è mai lamentato. Aveva pericolosamente giocato a "guardie e ladri", più per una personalità guascona, ribelle e un po' infantile che per un'autentica malvagità, che anzi mi sentirei di escludere nel suo caso, alla fine aveva perduto e riconosceva alla società il diritto di punirlo (il che naturalmente non gli impediva di tentare mille evasioni, alcune rocambolesche).
    Durante questi lunghissimi trentasei anni è stato più volte picchiato selvaggiamente dalle guardie di ogni carcere (tanto chi avrebbe mai preso le difese di un Renato Vallanzasca?). Nemmeno di questo si è mai lagnato. Solo una volta lo ha fatto, negli ultimi anni, dopo un pestaggio particolarmente pesante. Ma al giornalista che, durante una pausa dei tanti processi, gli chiedeva: "Vallanzasca, lei è stato torturato?" ha risposto, ridendo: "Beh, adesso non esageriamo".
    Il fatto è che, per qualche straordinario accidente, si sono conservati in Renato Vallanzasca, nonostante la sua vita violenta e criminale, alcuni valori propri della vecchia Milano, la Milano della Comasina di affari da cui proviene, la Milano della sua limpida "mammetta" come ancora la chiama: lealtà appunto, dignità e un popolano "sense of humor" che gli impedisce di sbracare (posseggo alcune sue lettere, recenti, di un'incredibile freschezza, come gli occhi di sua madre novantenne). E soprattutto rispetto di quelle regole del gioco che oggi tutti bella società civile violano e quindi anche in quel suo riflesso malato che è la malavita. Se infatti oggi mafia, camorra, criminalità organizzata, quella finanziaria ed economica, sono ormai giungle disordinate e caotiche senza regole d'onore, nemmeno malavitose, è perchè non son altro che lo specchio della società civile (una malavita senza dignità e senza onore può essere solo il prodotto di una società senza dignità e senza onore).
    Vallanzasca è invece un bandito che riflette una società d'altro tempi, ottocentesca, è, se mi si passa il termine, un bandito "liberale". È - è stato - un bandito onesto in una società dove troppo spesso gli onesti sono dei banditi.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    X me un delinquente è un delinquente, indipendentemente da razza, nazionalità o religione.
    Sta bene lì dov'è... dia lezioni di padanità ai suoi compagni di cella

  3. #3
    Rifondazione Leghista
    Data Registrazione
    25 Jun 2006
    Messaggi
    1,028
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sono d'accordo. Mandiamogli un po' di libri di Miglio e qualche cassetta di Ferrari (non lo spumante)....

  4. #4
    Padania libera dai padioti
    Data Registrazione
    14 Jun 2002
    Messaggi
    2,329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Beh se invece di essere nati nei vostri bei quartierini da fighetti, foste nati e vissuti nella comasina anni 60-70 magari sareste un pò più comprensivi nei confronti del Renato.Uno che si faceva rispettare anche dai nuovi arrivati

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    18 Dec 2004
    Messaggi
    4,622
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non ho capito...l'ira di Dio per la grazia a Sofri, che peraltro non ha mai partecipato a eventi di sangue, ha vissuto un periodo storico particolare ed ha avuto un processo che, si dica quel che si dica, non ha brillato per imparzialita', e invece Vallanzasca libero? PEr me puo' pure uscire, non sono per la galera ad libitum se una persona si e' ravveduta, ma un minimo di coerenza...

    Cristiano

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    09 Jun 2006
    Messaggi
    533
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Infatti quello str**** di Sofri spero ci lasci le penne prima di poter girare libero e allegro pe ril paese, e onestamente anche Vallanzasca se ne resti in carcere. Un conto è essere in galera perché si è un patriota, un eroe, un rivoluzionario; un altro è perché si è un delinquente e basta. Vallanzasca è e resta un criminale, nel suo modo di agire forse non c'era solo volontà criminale, ma qualsiasi altra cosa ci fosse stata era parecchio risicata.... Uno stato civile deve garantire severità e certezza della pena per tutti (padani e non). Una Padania senza (anche) questi presupposti per me è impensabile!!!

  7. #7
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Un criminale merita la galera, indipendentemente dal pedegree. Un criminale assassino e stupratore merita il cappio.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,215
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Son d'accordo con LosVonRom. Se pensate alla "giustizia itagliana"..in altre latitudini hanno scarcerato chi ha sciolto i bambini nell'acido..e non aggiungo altro..ecc. ecc. Chissà quanti altri di quella risma sono fuori a seguito di strane sentenze..tipo .."prescrizione, scaduti i termini." e altro.

  9. #9
    Armin
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Bigas
    Non ho capito...l'ira di Dio per la grazia a Sofri, che peraltro non ha mai partecipato a eventi di sangue, ha vissuto un periodo storico particolare ed ha avuto un processo che, si dica quel che si dica, non ha brillato per imparzialita', e invece Vallanzasca libero? PEr me puo' pure uscire, non sono per la galera ad libitum se una persona si e' ravveduta, ma un minimo di coerenza...

    Cristiano
    Sofri è un criminale incallito che non ha mostrato alcun segno di ravvedimento. Anzi.
    Deve crepare in cella. A pane e acqua.

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    18 Dec 2004
    Messaggi
    4,622
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Armin
    Sofri è un criminale incallito che non ha mostrato alcun segno di ravvedimento. Anzi.
    Deve crepare in cella. A pane e acqua.
    Criminale incallito? Cambia pusher

    Cristiano

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226