User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Apr 2006
    Località
    Palermo. Non rinnegare. Non restaurare. AL FIANCO DEGLI STATI UNITI E DELLO STATO DI ISRAELE DIFENDIAMO L'OCCIDENTE LIBERO E CRISTIANO DALLE BARBARIE DEL TERRORISMO ISLAMICO. NO EURABIA, MAI ISLAM !
    Messaggi
    876
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito A 5 anni dall' 11 settembre

    «La nostra libertà in mano ai futuri carnefici»


    Ha indubbiamente ragione chi sostiene che oggi il mondo è meno sicuro rispetto alla vigilia dell'11 settembre. E' un fatto oggettivo che, cinque anni dopo, sono aumentati gli attentati, i Paesi colpiti e le vittime del terrorismo. Così come è vero che tale deterioramento è la conseguenza dell'atteggiamento prevalentemente militarista finora assunto dai governi occidentali e musulmani nei confronti di Al Qaeda, degli Stati canaglia e dell'estremismo islamico. Ebbene l'errore di fondo è la paura — per ignoranza, ingenuità, viltà, cinismo politico o collusione ideologica — di affrontare la radice del male: la «fabbrica del terrore» che trasforma le persone in robot della morte e che ha ormai messo radici ovunque nel mondo.
    Oggi rassomigliamo a un novello Don Chisciotte che rincorre le punte dell'iceberg quando emergono, anziché confrontarsi con la realtà dell'iceberg che ingloba una catena di montaggio che, partendo dalla predicazione violenta promossa da moschee, televisioni, siti Internet e altri media radicali, pratica un letale lavaggio del cervello inculcando la fede nel cosiddetto «martirio» islamico. Senza comprendere che il terrorismo è soltanto il sintomo più deleterio di un'ideologia dell'odio che ci ha a tal punto pervaso e avvelenato da produrre ormai terroristi suicidi con cittadinanza occidentale anche tra gli autoctoni convertiti all'islam. E che al contempo ha permesso agli estremisti islamici di consolidare il loro potere in diverse parti del mondo, monopolizzando il controllo delle moschee, di istituti scolastici, giuridici, finanziari e sociali, trasformandosi in uno stato nello stato.
    Ebbene questa ideologia dell'odio è preesistente all'11 settembre. Probabilmente è connaturata alla realtà storica dell'islam che non riconosce e non rispetta la pluralità che fisiologicamente lo contraddistingue come religione basata sul rapporto diretto tra il fedele e Dio e, ancor più, come comunità di fedeli distribuiti ovunque nel mondo con differenze talvolta significative tra un Paese e l'altro. Certamente essa si alimenta del rifiuto pregiudiziale di Israele, dell'ostilità politica all'America e della condanna della civiltà occidentale. In questo contesto il più clamoroso attacco terroristico al cuore della superpotenza mondiale ha rappresentato l'apice di un processo di crescita del potere degli estremisti islamici, iniziato all'indomani della sconfitta degli eserciti arabi nella guerra del giugno 1967. Ma è necessario ricordarsi che il terrorismo islamico era più che virulento anche prima (basti pensare ai 150 mila algerini massacrati dal Gia e dal Gspc negli anni Novanta), e che è stato del tutto illusorio credere che dopo l'11 settembre sarebbe iniziata automaticamente la china discendente.
    Sicuramente l'Occidente, in particolar modo gli Stati Uniti, ha commesso clamorosi errori nella lotta al terrorismo. Ma sbaglia assai chi afferma che si stava meglio, ad esempio nell'Iraq di Saddam o nell'Afghanistan dei taliban prima dell'11 settembre, così come si illude non meno chi immagina un mondo più sicuro qualora lasciassimo i musulmani al loro destino. Pensate forse che se gli americani si ritirassero dall'Iraq, dall'Afghanistan e dall'insieme dei Paesi arabi del Golfo, oppure se gli israeliani si ritirassero da tutti i territori palestinesi, siriani e libanesi occupati, il Medio Oriente sarebbe più stabile e prospero e tutti noi saremmo più sicuri e in pace?
    La risposta è no. Per una ragione semplicissima: questo terrorismo islamico globalizzato non è reattivo ma aggressivo. Eppure l'Occidente sembra non vedere e non capire, accecato e obnubilato da una cappa di mistificazione della realtà. Che lo porta a mettere sullo stesso piano Bush e Bin Laden, Olmert e Ahmadinejad. Finendo per immaginare di poter sconfiggere Bin Laden, la punta dell'iceberg, alleandosi con i Fratelli musulmani, Hamas, Hezbollah, Siria e Iran, ovvero l'iceberg. La tragedia, a cinque anni dall'11 settembre, è che per salvare la pelle oggi, stiamo consegnando i nostri valori e civiltà, la nostra vita e libertà, ai nostri futuri carnefici.
    Magdi Allam

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    schwarzewolf
    Ospite

    Predefinito

    Moderatoooooooooooooooriiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii iiiiii?????
    Lo chiudiamo subito o aspettiamo un paio di insulti giornalieri?

  3. #3
    Alvise
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da DiDestra Visualizza Messaggio
    [B] La tragedia, a cinque anni dall'11 settembre, è che per salvare la pelle oggi, stiamo consegnando i nostri valori e civiltà, la nostra vita e libertà, ai nostri futuri carnefici.
    Magdi Allam
    Tipico di molti opinionisti neo-cons è questo generico riferisci a "i nostri valori" senza specificare MAI quali.

    L'allogeno Magdi Allam non fa eccezione, e non pochi cadono nel tranello.

  4. #4
    Vittima del kali yuga
    Data Registrazione
    25 Feb 2006
    Località
    Il desiderio, è come un fuoco insaziabile. Grazie alla barca della conoscenza certamente varcherai tutto l'oceano del male (b. gità)
    Messaggi
    13,956
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    già: quali valori? ormai l'occidente ha accettato l'idea neoliberale, che lo scopo della società è aumentare il pil. Valori non sono accetti, provate a parlare di valori sul forum liberale, e vedrete. Non si possono accettare, ufficialmente con la nobile scusa, in cui credetti a lungo anch'io, che è necessario mettere al riparo l'individuo, dai voleri delle masse, e questo è sacrosanto.
    Il problema, è che proprio cose come elezioni, produzione di massa e tutto il resto, smuovono le masse 'all'attacco' dell'individuo: senza tutto ciò, non esisterebbero nemmeno i totalitarismi.
    Quindi, il motivo, meno confessabile, è un altro: far si appunto, che nulla ostacoli la produzione di nuova ricchezza, che andrà a produrre nuocva ricchezza etc

  5. #5
    SubZero
    Ospite

    Predefinito

    un bel autoattentato, non c'è che dire...

 

 

Discussioni Simili

  1. A 10 anni dall'11 settembre: credete alla versione ufficiale?
    Di Imperium nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 14-09-11, 12:00
  2. Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 09-01-08, 17:47
  3. Dall'11 settembre in poi
    Di FLenzi nel forum Politica Estera
    Risposte: 41
    Ultimo Messaggio: 13-09-06, 21:44
  4. 20 settembre 2005: 135 anni dall'occupazione itagliana di Roma
    Di Il Patriota nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 21-09-05, 17:08
  5. 17 senatori USA indagati dall'FBI per l'11 Settembre...
    Di Totila nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 26-08-02, 02:26

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226