User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11

Discussione: La Turchia è Europea?

  1. #1
    l'ultimo immortale
    Data Registrazione
    02 Sep 2005
    Località
    Scozia
    Messaggi
    1,264
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    La Turchia è Europea?

    La Turchia è Europea ?

    di Kostas E. Tsiropulos

    Fonte: Razon Espanola n. 129 www.legionario.org

    Nell'attuale dibattito di carattere paneuropeo circa la valutazione della realtà politica, sociale e culturale della Turchia con riferimento alla sua multiforme esigenza di entrare a far parte - essa, paese asiatico - della Comunità Europea, ho avuto modo di constatare come, da un lato, si affermino grandi inesattezze e, dall'altro, si tenda ad ignorare completamente la presenza della Grecia all'interno di tale Comunità in qualità di membro a tutti gli effetti già da parecchi anni, nonché la sua stessa storia in relazione alla Turchia. Mi si conceda innanzitutto di rettificare alcune delle inesattezze a cui ho sopra accennato: a) la Turchia esiste, in quanto tale, a partire dal XII secolo d.C. (nonostante il Dizionario Larousse la faccia risalire al XIII secolo) ed è costituita da un popolo originario dell'Asia. L'Europa acquista coscienza a partire dal VIII secolo, all'epoca di Carlo Magno. Di conseguenza, non è corretto affermare che la Turchia sia stata "una delle culle della civiltà europea", a meno che la Commissione "Indipendente" dei "saggi" non ritenga che l'Impero Bizantino sia stato turco piuttosto che ellenico; b) la Turchia è un paese asiatico e, nell'intero corso della sua esistenza - persino quando, durante le sue incursioni in Europa, giunse fino alle porte di Vienna - ha sempre tenuto a sottolineare sotto molteplici aspetti (statali, culturali e religiosi) questa sua "asiaticità", peraltro con pieno diritto e orgoglio; c) la Turchia è caratterizzata da una strutturazione dei suo fondamenti - famiglia, educazione, società, cultura - completamente differente da quella europea; d) La Turchia è il paese più indebitato all'interno del Fondo Monetario Internazionale e, dal momento che non può pagare i suoi debiti, è comprensibile che cerchi qualcuno (l'Unione Europea) che lo faccia al suo posto, poiché attraverso i prestiti non è in grado di migliorare il livello di vita della propria popolazione - in special modo di quello che si riscontra al di là di Ankara - se non applica una politica di influenza in qualità di potenza islamica in Europa. (L'arco ottomano-mussulmano parte dalla Tracia orientale; attraversa la Bulgaria, dove è attivo un partito politico turco; prosegue per Skopje, città nella quale il Ministro della Difesa turco, nel corso di una recente visita, ha sottoscritto vari accordi e ha offerto aiuti economici per la costruzione di una fabbrica di armamenti; percorre il nord mussulmano dell'Albania, dove alcuni anni fa la Turchia ha "preso in affitto" un porto ad uso delle sue navi di guerra dislocate nell'Adriatico e arriva infine in Bosnia. Per ironia della Storia, l'arco turco si avvicina un'altra volta a Vienna). Adesso sarà opportuno ricordare la storia della Grecia moderna: a) in seguito alla caduta di Costantinopoli, la Grecia ha vissuto quattrocento anni sotto il dominio turco. I turchi ottomani, originari di tribù guerriere dell'Asia la cui istituzione più importante era l'Esercito, non presentavano alcuna somiglianza con gli arabi invasori della penisola iberica - i quali, portatori di una grande eredità culturale, diedero un notevole impulso alle discipline umanistiche e scientifiche - dal momento che i primi non possedevano alcun tipo di cultura. In ragione di ciò, i greci vissero quattro secoli subendo diversi martiri, tra cui il rapimento dei loro bambini da parte dei dominatori con lo scopo di convertirli in fedeli soldati mussulmani, feroci torturatori dei greci stessi (i giannizzeri, famosi per la loro estrema crudeltà). Nel corso di quei secoli di tenebre e oscurità, i turchi non lasciarono la terra greca nessuna traccia di cultura, nessun monumento, ma solo il ricordo dei supplizi; b) anche dopo la liberazione di una parte della Grecia nel 1821, i turchi perpetuarono la loro inimicizia nei confronti dei greci (se è più che comprensibile che chi viene schiavizzato e torturato odi il suo aguzzino, non c'è dubbio che il fatto che quest'ultimo non smetta di odiare la sua vittima rappresenti un caso di interesse psichiatrico). è per questo motivo che, tralasciando il genocidio dei greci del Ponto Eusino (1915) e degli armeni (1917), si deve tener conto dei seguenti elementi: 1) il genocidio dei greci espulsi dall'Asia Minore (1922), dove essi avevano vissuto fin da prima dell'era cristiana coltivando l'Arte e al Filosofia. 2) Dopo la persecuzione dei curdi (1931) e degli arabi (1939), si verificano gli atti di vandalismo e l'espulsione ai danni dei greci di Costantinopoli (1955 e 1964). 3) Successivamente, ha luogo l'invasione turca di Cipro (1974), con l'occupazione fino ai nostri giorni di un terzo dell'isola, nella parte settentrionale. 4) Allo stesso modo, si deve menzionare l'incidente relativo all'isolotto Imia, che ha avuto come conseguenza la morte di due greci. Con un simile percorso della Turchia moderna come prova della sua "europeizzazione", è lecito chiedersi molto ragionevolmente: come possono i politici e gli specialisti europei affermare che questo paese asiatico sia "pronto" per entrare nell'Unione Europea? Intrappolati in interessi puramente economici, essi dimenticano ciò che continua a significare l'idea di Europa per il mondo intero, forse per obbedire alla volontà di forze extra-europee.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,700
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Conner Macleod Visualizza Messaggio
    La Turchia è Europea ?

    di Kostas E. Tsiropulos

    Fonte: Razon Espanola n. 129 www.legionario.org

    Nell'attuale dibattito di carattere paneuropeo circa la valutazione della realtà politica, sociale e culturale della Turchia con riferimento alla sua multiforme esigenza di entrare a far parte - essa, paese asiatico - della Comunità Europea, ho avuto modo di constatare come, da un lato, si affermino grandi inesattezze e, dall'altro, si tenda ad ignorare completamente la presenza della Grecia all'interno di tale Comunità in qualità di membro a tutti gli effetti già da parecchi anni, nonché la sua stessa storia in relazione alla Turchia. Mi si conceda innanzitutto di rettificare alcune delle inesattezze a cui ho sopra accennato: a) la Turchia esiste, in quanto tale, a partire dal XII secolo d.C. (nonostante il Dizionario Larousse la faccia risalire al XIII secolo) ed è costituita da un popolo originario dell'Asia. L'Europa acquista coscienza a partire dal VIII secolo, all'epoca di Carlo Magno. Di conseguenza, non è corretto affermare che la Turchia sia stata "una delle culle della civiltà europea", a meno che la Commissione "Indipendente" dei "saggi" non ritenga che l'Impero Bizantino sia stato turco piuttosto che ellenico; b) la Turchia è un paese asiatico e, nell'intero corso della sua esistenza - persino quando, durante le sue incursioni in Europa, giunse fino alle porte di Vienna - ha sempre tenuto a sottolineare sotto molteplici aspetti (statali, culturali e religiosi) questa sua "asiaticità", peraltro con pieno diritto e orgoglio; c) la Turchia è caratterizzata da una strutturazione dei suo fondamenti - famiglia, educazione, società, cultura - completamente differente da quella europea; d) La Turchia è il paese più indebitato all'interno del Fondo Monetario Internazionale e, dal momento che non può pagare i suoi debiti, è comprensibile che cerchi qualcuno (l'Unione Europea) che lo faccia al suo posto, poiché attraverso i prestiti non è in grado di migliorare il livello di vita della propria popolazione - in special modo di quello che si riscontra al di là di Ankara - se non applica una politica di influenza in qualità di potenza islamica in Europa. (L'arco ottomano-mussulmano parte dalla Tracia orientale; attraversa la Bulgaria, dove è attivo un partito politico turco; prosegue per Skopje, città nella quale il Ministro della Difesa turco, nel corso di una recente visita, ha sottoscritto vari accordi e ha offerto aiuti economici per la costruzione di una fabbrica di armamenti; percorre il nord mussulmano dell'Albania, dove alcuni anni fa la Turchia ha "preso in affitto" un porto ad uso delle sue navi di guerra dislocate nell'Adriatico e arriva infine in Bosnia. Per ironia della Storia, l'arco turco si avvicina un'altra volta a Vienna). Adesso sarà opportuno ricordare la storia della Grecia moderna: a) in seguito alla caduta di Costantinopoli, la Grecia ha vissuto quattrocento anni sotto il dominio turco. I turchi ottomani, originari di tribù guerriere dell'Asia la cui istituzione più importante era l'Esercito, non presentavano alcuna somiglianza con gli arabi invasori della penisola iberica - i quali, portatori di una grande eredità culturale, diedero un notevole impulso alle discipline umanistiche e scientifiche - dal momento che i primi non possedevano alcun tipo di cultura. In ragione di ciò, i greci vissero quattro secoli subendo diversi martiri, tra cui il rapimento dei loro bambini da parte dei dominatori con lo scopo di convertirli in fedeli soldati mussulmani, feroci torturatori dei greci stessi (i giannizzeri, famosi per la loro estrema crudeltà). Nel corso di quei secoli di tenebre e oscurità, i turchi non lasciarono la terra greca nessuna traccia di cultura, nessun monumento, ma solo il ricordo dei supplizi; b) anche dopo la liberazione di una parte della Grecia nel 1821, i turchi perpetuarono la loro inimicizia nei confronti dei greci (se è più che comprensibile che chi viene schiavizzato e torturato odi il suo aguzzino, non c'è dubbio che il fatto che quest'ultimo non smetta di odiare la sua vittima rappresenti un caso di interesse psichiatrico). è per questo motivo che, tralasciando il genocidio dei greci del Ponto Eusino (1915) e degli armeni (1917), si deve tener conto dei seguenti elementi: 1) il genocidio dei greci espulsi dall'Asia Minore (1922), dove essi avevano vissuto fin da prima dell'era cristiana coltivando l'Arte e al Filosofia. 2) Dopo la persecuzione dei curdi (1931) e degli arabi (1939), si verificano gli atti di vandalismo e l'espulsione ai danni dei greci di Costantinopoli (1955 e 1964). 3) Successivamente, ha luogo l'invasione turca di Cipro (1974), con l'occupazione fino ai nostri giorni di un terzo dell'isola, nella parte settentrionale. 4) Allo stesso modo, si deve menzionare l'incidente relativo all'isolotto Imia, che ha avuto come conseguenza la morte di due greci. Con un simile percorso della Turchia moderna come prova della sua "europeizzazione", è lecito chiedersi molto ragionevolmente: come possono i politici e gli specialisti europei affermare che questo paese asiatico sia "pronto" per entrare nell'Unione Europea? Intrappolati in interessi puramente economici, essi dimenticano ciò che continua a significare l'idea di Europa per il mondo intero, forse per obbedire alla volontà di forze extra-europee.
    Riusciranno a trovare prove anche a favore dell'appartenenza della Turchia all'Europa.

  3. #3
    Forumista
    Data Registrazione
    03 Dec 2005
    Località
    Italia
    Messaggi
    136
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sono 40 anni che Turchia e l’Europa hanno iniziato a stabilire contatti e relazioni ufficiali. Nel 1964 la Cee (Comunità economica europea) e il governo turco firmarono una ‘Association Agreement’ (Convenzione di associazione) che prevedeva la realizzazione di un’unione commerciale fra Europa e Turchia da attuarsi in 3 fasi nell’arco di 13 anni. Nel 1970 l’accordo veniva aggiornato e si stabilivano le date per la creazione di accordi commerciali, uno per beni industriali (da realizzare nel 1982), un altro per i beni alimentari (1992).
    Le difficoltà economiche interne della Turchia durante gli anni ’70 impedirono l’applicazione degli accordi. Nel 1980 si decise un aggiornamento dei patti economici, ma nel settembre di quell’anno la salita al potere dei militari congelò i rapporti Europa-Turchia e i negoziati vennero bloccati.
    Nel 1986 i colloqui turco-europei vennero ristabiliti, ma il partito conservatore di matrice islamica, condizionava la politica turca in direzione anti-europea.
    Nel 1987 Ankara presentò per la prima volta la richiesta ufficiale per far parte della Comunità europea: la prima risposta nel 1989 di Bruxelles fu evasiva, ma l’allora presidente turco Ozal la giudicò positiva rispetto a un netto rifiuto.
    Nel 1999 la Turchia venne riconosciuta in modo ufficiale candidato ad entrare nella Comunità europea. La svolta avvenne nel 2002 quando Recep Tayyip Erdogan, leader del partito islamico moderato Giustizia e Sviluppo (AKP), divenne primo ministro, vincendo le elezioni con un programma di riforme e modernizzazione. Erdogan faceva dell’entrata della Turchia in Europa entro il 2012 uno dei punti di forza della sua politica. Secondo il ministro delle Finanze turco, Kemal Unakitan, la Turchia potrà soddisfare i parametri di Maastricht nel giro di 5 anni.
    La Turchia conta 70 milioni di abitanti, al 99% musulmani. I cristiani sono lo 0,6% della popolazione. I cattolici sono circa 30mila. La crescita economica prevista per il 2004 è del 7,9%, l’inflazione è al 25,3% e la disoccupazione al 10,5% (dati del 2003).

  4. #4
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,700
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    L'Europa diventerà turca e islamica.
    A meno che...

  5. #5
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Conner Macleod Visualizza Messaggio
    La Turchia è Europea ?

    di Kostas E. Tsiropulos

    Fonte: Razon Espanola n. 129 www.legionario.org

    Nell'attuale dibattito di carattere paneuropeo circa la valutazione della realtà politica, sociale e culturale della Turchia con riferimento alla sua multiforme esigenza di entrare a far parte - essa, paese asiatico - della Comunità Europea, ho avuto modo di constatare come, da un lato, si affermino grandi inesattezze e, dall'altro, si tenda ad ignorare completamente la presenza della Grecia all'interno di tale Comunità in qualità di membro a tutti gli effetti già da parecchi anni, nonché la sua stessa storia in relazione alla Turchia. Mi si conceda innanzitutto di rettificare alcune delle inesattezze a cui ho sopra accennato: a) la Turchia esiste, in quanto tale, a partire dal XII secolo d.C. (nonostante il Dizionario Larousse la faccia risalire al XIII secolo) ed è costituita da un popolo originario dell'Asia. L'Europa acquista coscienza a partire dal VIII secolo, all'epoca di Carlo Magno. Di conseguenza, non è corretto affermare che la Turchia sia stata "una delle culle della civiltà europea", a meno che la Commissione "Indipendente" dei "saggi" non ritenga che l'Impero Bizantino sia stato turco piuttosto che ellenico; b) la Turchia è un paese asiatico e, nell'intero corso della sua esistenza - persino quando, durante le sue incursioni in Europa, giunse fino alle porte di Vienna - ha sempre tenuto a sottolineare sotto molteplici aspetti (statali, culturali e religiosi) questa sua "asiaticità", peraltro con pieno diritto e orgoglio; c) la Turchia è caratterizzata da una strutturazione dei suo fondamenti - famiglia, educazione, società, cultura - completamente differente da quella europea; d) La Turchia è il paese più indebitato all'interno del Fondo Monetario Internazionale e, dal momento che non può pagare i suoi debiti, è comprensibile che cerchi qualcuno (l'Unione Europea) che lo faccia al suo posto, poiché attraverso i prestiti non è in grado di migliorare il livello di vita della propria popolazione - in special modo di quello che si riscontra al di là di Ankara - se non applica una politica di influenza in qualità di potenza islamica in Europa. (L'arco ottomano-mussulmano parte dalla Tracia orientale; attraversa la Bulgaria, dove è attivo un partito politico turco; prosegue per Skopje, città nella quale il Ministro della Difesa turco, nel corso di una recente visita, ha sottoscritto vari accordi e ha offerto aiuti economici per la costruzione di una fabbrica di armamenti; percorre il nord mussulmano dell'Albania, dove alcuni anni fa la Turchia ha "preso in affitto" un porto ad uso delle sue navi di guerra dislocate nell'Adriatico e arriva infine in Bosnia. Per ironia della Storia, l'arco turco si avvicina un'altra volta a Vienna). Adesso sarà opportuno ricordare la storia della Grecia moderna: a) in seguito alla caduta di Costantinopoli, la Grecia ha vissuto quattrocento anni sotto il dominio turco. I turchi ottomani, originari di tribù guerriere dell'Asia la cui istituzione più importante era l'Esercito, non presentavano alcuna somiglianza con gli arabi invasori della penisola iberica - i quali, portatori di una grande eredità culturale, diedero un notevole impulso alle discipline umanistiche e scientifiche - dal momento che i primi non possedevano alcun tipo di cultura. In ragione di ciò, i greci vissero quattro secoli subendo diversi martiri, tra cui il rapimento dei loro bambini da parte dei dominatori con lo scopo di convertirli in fedeli soldati mussulmani, feroci torturatori dei greci stessi (i giannizzeri, famosi per la loro estrema crudeltà). Nel corso di quei secoli di tenebre e oscurità, i turchi non lasciarono la terra greca nessuna traccia di cultura, nessun monumento, ma solo il ricordo dei supplizi; b) anche dopo la liberazione di una parte della Grecia nel 1821, i turchi perpetuarono la loro inimicizia nei confronti dei greci (se è più che comprensibile che chi viene schiavizzato e torturato odi il suo aguzzino, non c'è dubbio che il fatto che quest'ultimo non smetta di odiare la sua vittima rappresenti un caso di interesse psichiatrico). è per questo motivo che, tralasciando il genocidio dei greci del Ponto Eusino (1915) e degli armeni (1917), si deve tener conto dei seguenti elementi: 1) il genocidio dei greci espulsi dall'Asia Minore (1922), dove essi avevano vissuto fin da prima dell'era cristiana coltivando l'Arte e al Filosofia. 2) Dopo la persecuzione dei curdi (1931) e degli arabi (1939), si verificano gli atti di vandalismo e l'espulsione ai danni dei greci di Costantinopoli (1955 e 1964). 3) Successivamente, ha luogo l'invasione turca di Cipro (1974), con l'occupazione fino ai nostri giorni di un terzo dell'isola, nella parte settentrionale. 4) Allo stesso modo, si deve menzionare l'incidente relativo all'isolotto Imia, che ha avuto come conseguenza la morte di due greci. Con un simile percorso della Turchia moderna come prova della sua "europeizzazione", è lecito chiedersi molto ragionevolmente: come possono i politici e gli specialisti europei affermare che questo paese asiatico sia "pronto" per entrare nell'Unione Europea? Intrappolati in interessi puramente economici, essi dimenticano ciò che continua a significare l'idea di Europa per il mondo intero, forse per obbedire alla volontà di forze extra-europee.
    Basta volerlo e si troverebbe legami "europei" anche per il sudafrica e la mongolia. La politica fa questo ed altro, alla faccia delle reali storie dei popoli.

  6. #6
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,700
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da FdV77 Visualizza Messaggio
    Basta volerlo e si troverebbe legami "europei" anche per il sudafrica e la mongolia. La politica fa questo ed altro, alla faccia delle reali storie dei popoli.
    Non solo la politca.

  7. #7
    NO all Multietnico
    Data Registrazione
    13 Jun 2006
    Località
    SENZA LIMITI
    Messaggi
    444
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    la turchia non puo diventare europa assolutamente e questo cè lo insegna la storia nei secoli scorsi turki hanno sempre tentato di invadere l'europa e l'europa ha sempre difeso i suoi territori quindi non vedo perchè dovremmo aprire le portre ai turki puzzoni è assurdo nessuno in europa li ha mai voluti e adesso 4 sfigati politici europei la vorrebbero terra comunitaria. che schifo

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Che fine hanno fatto le firme raccolte dalla Lega contro l' ingresso della Turchia in EU?

  9. #9
    Forumista
    Data Registrazione
    01 Dec 2009
    Messaggi
    782
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Una volta erano i nostri più acerrimi nemici, la Cristianità riuscì a bloccare il grande balzo del Gran Turcoverso l'europa, con la battaglia di Lepanto in cui la flotta della Lega Santa composta da galee Spagnole, Veneziane, Genovesi, con equipaggi nella maggior parte provenienti dal centro nord dello stivale, annientò la flotta turca della quale facevano parte tra gli altri, molti rinnegati calabresi.
    Evidentemente i nostri politici seduti a Bruxelles non hanno studiato la storia, oppure in nome del commercio se ne fregano altamente.

  10. #10
    moderatore di bachelite
    Data Registrazione
    12 Aug 2002
    Località
    Germania
    Messaggi
    44,146
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    salve amici. Date una bella guardata al mio avatar

    e poi pensate la cosa più importante di tutte, che voi non avete detto: la Turchia è membro della Nato.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Turchia europea
    Di carlomartello nel forum Politica Europea
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 15-11-09, 04:33
  2. La Turchia è Europea?
    Di Conner Macleod nel forum Destra Radicale
    Risposte: 849
    Ultimo Messaggio: 22-01-07, 18:11
  3. La Turchia è Europea?
    Di Conner Macleod nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 40
    Ultimo Messaggio: 21-09-06, 18:04
  4. La Turchia è Europea?
    Di Conner Macleod nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-09-06, 18:45
  5. La Turchia è Europea?
    Di Conner Macleod nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-09-06, 18:43

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226