User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11
  1. #1
    Tornare tra la gente
    Data Registrazione
    28 Nov 2009
    Messaggi
    37
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Italia in crisi. Istat e Eurispes: Disoccupazione da record e salari da fame

    L’Italia è in crisi. Una crisi grave, profonda e strutturale. Con gli ultimi dati Istat sul tasso di disoccupazione salito alle stelle nello scorso mese di dicembre e con l’indagine presentata dall’Eurispes sui salari italiani, ridotti a poco più di un’elemosina, sarà difficile raccontare ancora una volta la storia del Paese dei Balocchi. Dei balocchi, infatti, non vi è traccia ed il paese è sull’orlo di un collasso. Con buona pace del Cavaliere e del prode Tremonti.

    Istat: disoccupazione a livelli massimi
    L’ultimo mese del 2009 ha registrato un tasso di disoccupati dell'8,5%. Un record dal 2004 che, in numero di persone alla disperata ricerca di un impiego, si traduce in più di due milioni di italiani a spasso. A dicembre vi è stato un incremento di questo dato del 2,7% rispetto a novembre (+57mila unità) e del 22,4% nel confronto con lo stesso mese dell'anno prima (+392mila).
    La disoccupazione – rileva l’Istat - è arrivata quindi all'8,5% dall'8,3% di novembre (+1,5 punti percentuali rispetto a dicembre del 2008), raggiungendo il valore massimo almeno da gennaio del 2004. Un tasso particolarmente elevato fra i giovani sotto i 25 anni (26,2% di disoccupati) e fra le donne (10%), mentre gli uomini sopra i 25 anni senza lavoro sono il 7,5%.

    L’Eurispes: l’Italia è un Paese immobile con i salari tra i più bassi d’Europa
    “Non abbiamo timore di essere accusati di eccessivo allarmismo, ma dal nostro osservatorio cogliamo segnali preoccupanti di disagio, di distacco, quando non di ostilità nei confronti delle Istituzioni che aspiranti capipopolo vorrebbero cavalcare”. Ad affermarlo è il presidente dell’centro di studi politici, economici e sociali, Gian Maria Fara, presentando l’ultima ricerca su alcuni aspetti particolari della vita del nostro Paese. Dati, forse, ancor più allarmanti di quelli forniti dall’Istat, perché tratteggiano una crisi non solo economica, ma anche culturale, politica, psicologica e sociale dell’ex Bel Paese.
    “Mentre tutto ciò accade – continua Fara – la nostra classe dirigente appare interessata solo agli equilibri di potere, a costruire e smontare alleanze, ad operare per il proprio esclusivo tornaconto, ad imbastire lucrosi affari, a difendere privilegi e vantaggi senza rendersi conto che l'intero sistema si sta progressivamente sfaldando”.
    Si parte dai salari, bassissimi, degli italiani. Il 17% in meno della media dei Paesi Ocse, 19% in meno della media europea contata su 19 Paesi, riporta lo studio Eurispes. L'Italia occupa infatti il ventitreesimo posto della classifica stilata dall’istituto di ricerca su un campione di trenta nazioni industrializzate. Il salario medio annuo, al netto, ammonterebbe infatti a 21.374 dollari, pari a poco più di 14.700 euro.

    Immigrati, lavoro e informazione. La crisi economica diventa sociale
    “Gli immigrati rubano il lavoro agli italiani”. Ne è convinto quasi un italiano su quattro, con un campione di intervistati pari al 24,8%. Una formula parecchio usata in tempi di guerra tra poveri e che ha anche delle precise coordinate politiche. Questa convinzione diviene, infatti, via via più accentuata quanto più a destra si collocano gli intervistati: dal 17,3% dei soggetti di sinistra, si passa al 33,3% dei soggetti di destra. E se la lotta per un posto di lavoro sta all’origine di molte discriminazioni, il rapporto Eurispes 2010 sottolinea inoltre la responsabilità dei mezzi d’informazione su questo versante. Il 31,7% degli italiani ritiene, a tal proposito, i media responsabili dell'ondata di xenofobia nel Paese.

    L’istruzione è “inutile”. Affidiamoci alla magia
    Nonostante la strategicità del settore, soprattutto in chiave anti-crisi, l’istruzione pubblica italiana continua a boccheggiare a fronte di un esodo di studenti verso le scuole private (“più facili da cui uscire più in fretta”) e a fronte di un mercato del lavoro che sfavorisce soprattutto chi è in possesso di un titolo di laurea. Rispetto alla media fatta registrare dall'insieme dei paesi Ocse (32%), in Italia, infatti, solo il 16% degli occupati tra i 25 e i 34 anni è laureato. E per la popolazione tra i 15 e i 24 anni, il rischio di rimanere disoccupato "aumenta al crescere del titolo di studio".
    Così ci si affida sempre di più ai maghi, agli astrologi ed ai cartomanti (155.000 nel Paese) per risolvere problemi di cuore e di salute, ma soprattutto per questioni legate alla lavoro. Per ottenere un "consiglio" del genere le spese affrontate dagli italiani si sono mediamente aggirate sotto ai 50 euro (74,1%). Ma c'è anche chi è arrivato a pagare cifre sbalorditive: tra 501 e mille euro (il 4,7%) o addirittura più di 3mila euro (1,2% dei casi). E chissà che con l’ottimismo di Berlusconi e qualche talismano magico non si risolvano tutti i problemi del Paese. Come d’incanto.

    Adusbef e Federconsumatori: ci chiediamo cosa aspetti il Governo ad intervenire
    Non si rivolgono ai maghi, bensì al governo, le associazioni dei consumatori guidate da Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti. Adusbef e Federconsumatori sottolineano, infatti, come questi “dati drammatici sulla situazione” che attraversa il Paese, incidono direttamente “sulla qualità della vita delle famiglie che, nel 2009, hanno conosciuto una caduta verticale dei propri redditi, in media del -1,9%, ma addirittura del -3,2% per le famiglie a reddito fisso e del -12% per le famiglie direttamente colpite dalla cassa integrazione”. A questo grave scenario si aggiunge poi una pressione fiscale che “è aumentata dello 0,6%”.
    “I dati parlano da soli – dicono congiuntamente Trefiletti e Lannutti – ci chiediamo cosa aspetti il Governo ad intervenire”. Ecco, appunto, cosa aspetta?


    Italia in crisi. Istat e Eurispes: Disoccupazione da record e salari da fame

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    29 Jun 2009
    Località
    Tv
    Messaggi
    15,938
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Rif: Italia in crisi. Istat e Eurispes: Disoccupazione da record e salari da fame

    ci pensa lui .. :giagia:

    http://www.repubblica.it/esteri/2010...zione-2139506/



    Occupazione, l'appello del Papa
    "Fare il possibile per Fiat e Alcoa"
    Ultima modifica di luca18; 31-01-10 alle 19:08

  3. #3
    In un CD degli 883
    Data Registrazione
    08 May 2005
    Località
    Emilia-Romagna
    Messaggi
    44,308
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Italia in crisi. Istat e Eurispes: Disoccupazione da record e salari da fame

    Nooo, disfattisti... la crisi non c'è...
    Il problema non è il problema. Il problema è il tuo atteggiamento rispetto al problema, comprendi?

    Mangio sempre i bambini bolliti.

  4. #4
    Abbi Dubbi
    Data Registrazione
    01 Sep 2002
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    15,342
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Italia in crisi. Istat e Eurispes: Disoccupazione da record e salari da fame

    Al prossimo che dice "il peggio è alle spalle" gli do un calcio nei denti.
    Fermate l'Italia, voglio scendere.

  5. #5
    In un CD degli 883
    Data Registrazione
    08 May 2005
    Località
    Emilia-Romagna
    Messaggi
    44,308
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Italia in crisi. Istat e Eurispes: Disoccupazione da record e salari da fame

    Citazione Originariamente Scritto da Crack! Visualizza Messaggio
    Al prossimo che dice "il peggio è alle spalle" gli do un calcio nei denti.
    Lo dicono da quando la crisi è iniziata... e pensa che abbiamo davanti ancora mesi e mesi di crisi occupazionale... alla faccia del peggio alle spalle.
    Il problema non è il problema. Il problema è il tuo atteggiamento rispetto al problema, comprendi?

    Mangio sempre i bambini bolliti.

  6. #6
    Tornare tra la gente
    Data Registrazione
    28 Nov 2009
    Messaggi
    37
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito CRISI PROFONDA

    Un uragano, segno di una crisi economica profonda: da ottobre 2008 a dicembre dell’anno scorso sono state autorizzate 634.699.339 ore di cassa integrazione ordinaria e 370.384.779 di straordinaria, per un totale di 1.005.084.118 ore di Cig.

    La striscia rossa - l'Unità.it

  7. #7
    Can che abbaia morde
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    13,573
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Italia in crisi. Istat e Eurispes: Disoccupazione da record e salari da fame

    Il peggio l'abbiamo davanti.
    Una breve occhiata allo specchio dovrebbe fugare molti dubbi.
    Riproviamoci.
    La Repubblica l'ho rispettata, ma non sono stato rispettato.
    Restauriamo la Monarchia.
    Voglio tornare a casa e se non ci fosse più una casa, beh la ricostruiremo.

  8. #8
    Forumista storico
    Data Registrazione
    09 Feb 2005
    Messaggi
    35,528
    Mentioned
    18 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Rif: Italia in crisi. Istat e Eurispes: Disoccupazione da record e salari da fame

    occhio però a considerare gli stipendi italiani bassi perchè una buona parte della popolazione dichiara un decimo di quanto guadaga

  9. #9
    Tornare tra la gente
    Data Registrazione
    28 Nov 2009
    Messaggi
    37
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Italia in crisi. Istat e Eurispes: Disoccupazione da record e salari da fame

    Il lavoratore dipendente dichiara tutto quello che guadagna. Ed è il suo lo stipendio da fame di cui si sta parlando. Non del gioelliere che guadagna meno

  10. #10
    Missiroli Presidente
    Data Registrazione
    01 May 2009
    Località
    Lost Island
    Messaggi
    36,026
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Italia in crisi. Istat e Eurispes: Disoccupazione da record e salari da fame

    Citazione Originariamente Scritto da Gualerz Visualizza Messaggio
    Lo dicono da quando la crisi è iniziata... e pensa che abbiamo davanti ancora mesi e mesi di crisi occupazionale... alla faccia del peggio alle spalle.
    Abituatevi al 10% di disoccupazione come un dato costante.
    Erano i dati precedenti ad essere alterati.
    Questa non è una crisi economica.
    O per lo meno non è solo economica.
    Lo dico quassù da diversi mesi, questo è un cambiamento di stato dell'intero sistema sociale.
    Figliolo, lei è un asino...
    (D.Pastorelli, cit.)


 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Istat, disoccupazione nuovo record negativo
    Di POL nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 08-01-14, 19:43
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 04-12-13, 22:38
  3. Istat, disoccupazione record
    Di stefaboy nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 24-06-10, 19:38
  4. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 29-01-10, 15:00
  5. Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 24-01-10, 21:02

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226