User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 15
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Talking Ducario! Oggi è il 16/09/2006..novità?

    http://www.ducario.org/

    Perchè Ducario?

    Perchè Ducario è il solo nome di un nostro antenato celta, che non fosse un re o un condottiero, che ci è pervenuto grazie a un suo atto di eroismo in battaglia. Era un cavaliere insubre, un guerriero qualsiasi, che alla battaglia del Trasimeno aveva riconosciuto nel console romano Caio Flaminio Nepote uno dei capi di quelli che avevano pochi anni prima massacrato la sua gente, depredato la sua comunità e distrutto il suo villaggio. Non abbiamo altre notizie di lui, non sappiamo che fine abbia fatto, se abbia in seguito combattuto a Canne o in altre battaglie. Sappiamo solo che era un giovane combattente insubre, che aveva un cavallo, che si è comportato con coraggio e che ha combattuto per liberare la propria terra e vendicare i propri connazionali massacrati.

    Era un giorno del mese di giugno del 217 a.C., quando l’esercito comandato da Annibale e composto in buona parte da suoi alleati celti cisalpini si è scontrato sulle rive del lago Trasimeno con le legioni romane. Così descrive l’episodio Tito Livio (XXII, 6, 1-5):

    “Si combatté per quasi tre ore e dovunque ferocemente; tuttavia, la battaglia fu più violenta e minacciosa intorno al console. Lo seguiva il fiore dei soldati, mentre egli stesso era attivo nel soccorrere i suoi in qualunque punto li scorgesse oppressi ed in grave disagio. I nemici si scagliavano con grande violenza contro di lui, che si distingueva per l’armatura, mentre i suoi concittadini lo proteggevano, finché un cavaliere insubre, che si chiamava Ducario, riconoscendo il console anche dal volto, rivolto ai suoi connazionali: “Ecco – disse - è proprio costui che fece strage delle nostre legioni e saccheggiò i nostri campi e la nostra città! Io consacrerò questa vittima come un’offerta alle anime dei concittadini indegnamente uccisi”. Cacciati gli sproni nel ventre del cavallo, si gettò impetuosamente in mezzo alla foltissima schiera dei nemici ed abbattuto prima lo scudiero che si era lanciato incontro a lui che avanzava minaccioso, trafisse il console con l’asta; i triari, opponendo gli scudi, tennero lontano l’assalitore che bramava di spogliarne il corpo. Cominciò allora la fuga di gran parte dell’esercito ed ormai nè il lago nè i monti si opponevano più allo sgomento; i Romani tentavano di fuggire come ciechi per ogni luogo su per dirupi e precipizi, mentre le armi e gli uomini precipitavano gli uni sugli altri”.

    Oggi ci piace ricordare quel nostro antenato perchè non era un capo, forse non era neppure un uomo importante nella sua comunità, era una persona qualsiasi. Quando però si devono difendere libertà e ideali sono proprio le persone qualsiasi che si devono alzare in piedi e fare sentire le loro ragioni. Ducario è il simbolo del cittadino comune che vuole difendere la propria libertà, la propria gente, le sue proprietà e i suoi diritti. Oggi, che le nostre libertà e identità sono calpestate dai nemici ma anche da finti amici, ciascuno di noi deve diventare come Ducario. Ognuno di noi è Ducario. Ognuno deve poter dire: “Ducario sono io”.


    Presentazione
    Da più di quattro anni non viene convocato alcun Congresso della Lega Nord. In questo tempo sono successe molte cose, alcune delle quali realmente drammatiche per il Movimento, come la malattia di Bossi, il crack della CrediEuroNord, la connessa difesa di Fazio e le ultime sconfitte elettorali.


    Ci sembra estremamente necessario che la base del Movimento – che ne costituisce l’essenza vitale – debba confrontarsi per chiarire quali siano i futuri indirizzi politici e come debba essere gestita la struttura. Oggi il Segretario Federale non è palesemente più in grado di sopportare tutto il carico di impegni e il ruolo che lui stesso aveva impostato e attorno al quale girava l’intera macchina leghista. È piuttosto evidente che gli debba essere affiancato un nucleo operativo di grande efficienza e che goda della fiducia della militanza. Oggi un certo numero di persone parla a suo nome senza averne alcuna legittimità statutaria: non può bastare nè il comprensibile affetto che il Segretario dimostra per le persone che gli stanno attorno nè l’assiduità con cui alcune di esse ne interpretano il pensiero a sostituire un mandato di delega democraticamente espressa.


    Il momento politico è estremamente delicato, la rappresentanza parlamentare del partito è ridotta di numero e di capacità operative, l’imminenza di un referendum cruciale e lo sbandamento della Base richiedono misure drastiche per riportare il Movimento nella rotta indicata dalla sua storia e dall’idealità delle donne e degli uomini che lo compongono.

    Per questo diventa urgente la convocazione di un Congresso assolutamente straordinario per le modalità del confronto e per i problemi che vanno affrontati e risolti.

    La raccolta di firme che viene iniziata non ha riscontro nella prassi statutaria ma è la risposta più efficace e generosa alla gravità del momento.

    Si richiede che il Congresso nomini un gruppo di persone gradite alla Base che affianchi il Segretario nel difficile compito di eseguire una serie di operazioni di risanamento che vengono elencate nella richiesta e sulle quali vale la pena di soffermarsi.


    Sono anni che la militanza sempre più disorientata assiste alla diffusione di notizie di stampa sull’assegnazione di incarichi di vario tipo a uomini designati dalla Lega. Molti di questi incarichi sono prestigiosi e molto ben retribuiti, e spesso vengono assegnati a gente estranea alla vita del Movimento, oppure a nomi che ricorrono con inquietante frequenza. Le notizie che circolano tentano di mettere la Lega sullo stesso piano degli altri partiti dediti alle peggiori politiche spartitorie e clientelari. Proprio per evitare questa calunnia, per dimostrare la nostra diversità e per rassicurare la Base è opportuno, per rispettare il principio di trasparenza, che tutti gli incarichi vengano resi pubblici e che si faccia sapere a chi rispondono del loro operato gli incaricati, chi li coordina e valuta, e anche se e quanto l’operazione aiuta in termini economici il Movimento, fermo restando che in futuro la Lega Nord non dovrà più interferire nell’assegnazione di incarichi operativi in aziende ed enti. Le selezioni dovranno essere fatte da “cacciatori di teste” sulla base delle qualifiche professionali necessarie e indipendentemente dalle simpatie politiche dei candidati.
    La vicenda della nostra banca è veramente dolorosa e anche in questo caso la Base è costretta ad apprendere le notizie da organi di comunicazione che non ci sono amici. È pertanto improcrastinabile che vengano rivelati tutti i retroscena della storia, che si dica chi ha preso i soldi, chi li ha sprecati e chi è responsabile della cattiva gestione. Tutto questo deve avvenire prima che se ne occupi la magistratura italiana o – peggio – che tutto finisca sotto silenzio. Se qualcuno ha sbagliato è giusto che paghi, indipendentemente dalla sua posizione nell’organigramma del partito. Soprattutto si deve pensare di risarcire fino all’ultimo centesimo tutti i militanti che sono stati defraudati: non importa se questo debba rendere necessario ricorrere agli stipendi dei parlamentari e degli incaricati, ai rimborsi elettorali o alla vendita del patrimonio immobiliare. Di fronte a una azione decisa, è certo che anche la Base saprà fare la sua parte per aiutare i fratelli danneggiati.
    Occorre che i bilanci del Movimento e di tutte le sue emanazioni vengano resi pubblici e trasparenti. Il bilancio ufficiale, predisposto nel rispetto della legge, non è sufficiente: è necessario sia redatto e reso pubblico il bilancio consolidato, nel quale siano incluse tutte le attività e tutte le passività riconducibili al Movimento e da esso controllate, direttamente, indirettamente o per interposta persona, sia in Italia che in ogni altra parte del mondo. La Base vuole conoscere quanti soldi sono stati incassati e come sono stati spesi. In questa operazione di trasparenza rientra la necessità di fare conoscere la situazione delle varie società collegate e, in particolare, della Pontidafin comunicandone l’assetto azionario. La nostra gente ha il diritto di sapere a chi appartengono gli immobili del partito (a cominciare da Via Bellerio), quale sia la vera situazione del Prato di Pontida e che destino abbia avuto il Palazzo del Governo di Venezia o i soldi ricavati dalla sua vendita.
    Da troppo tempo si assiste alla formazione di movimenti politici che si rifanno all’autonomismo regionalista o padanista, e spesso si tratta di parti che si staccano dalla Lega per ragioni che poco hanno a che vedere con idealità profonde, ma molto con contrapposizioni personali. Si tratta in ogni caso di gruppi che perseguono in tutto o in parte i nostri stessi obiettivi e con i quali bisogna cominciare a convivere. In tutti gli altri paesi in cerca di autonomia esistono numerosi partiti che si fanno concorrenza ma che – quando serve – si possono anche alleare contro il comune nemico. È venuto il momento che la Lega cerchi un dialogo con tutti i fratelli separati che non siano pregiudizialmente ostili, per studiare comuni azioni che sono rese necessarie anche dalle attuali leggi elettorali. Se alle ultime elezioni la Lega avesse trovato un accordo con i più importanti di questi gruppi, oggi avrebbe una ventina di parlamentari padani in più e la Casa delle Libertà sarebbe al governo. Lo stesso spirito di collaborazione va ricercato con tutti i movimenti autonomisti europei con i quali i rapporti sono invece piuttosto difficili a causa di certe posizioni poco autonomiste assunte dalla Lega in varie occasioni.
    Da anni il Movimento ha rinunciato alla forza delle immagini identitarie limitandosi a sostenere lucidate baggianate come Miss Padania o tenendo in vita numerose associazioni, alcune delle quali in realtà sono solo scatole vuote. Si è rinunciato a puntare con fermezza sulla necessità di cultura, discussioni, idee e anche di linguaggi in grado di caratterizzare i nostri obiettivi di autonomia, di federalismo e di libertà. Invece si sono trasformati i nostri organi di informazione in patetici bollettini parrocchiali. I migliori giornalisti e collaboratori sono stati cacciati, il quotidiano è ridotto al ruolo di “Pravdania” (così ormai lo chiama la Base) senza il necessario dibattito nè spirito critico. Il risultato sono alcuni baracconi che sopravvivono con i contributi dello Stato e che ormai solo in pochi guardano, leggono o ascoltano. É necessario dare una radicale ripulita tagliando – se necessario – gli organi inutili. I mezzi di informazione devono tornare a essere diffusori di idee e di cultura, e fucine di dibattito e confronto di idee all’interno del mondo autonomista, federalista, liberista e identitario.
    Il Parlamento di Chignolo e il Governo Provvisorio non avevano solamente una forte e intelligente valenza simbolica. Infatti essi avevano anche – prima che il loro ruolo fosse svilito e svuotato – una insostituibile funzione di fabbrica di idee e di dibattito democratico. Sarebbe estremamente indicativo oggi riconvocarli ritrovando l’unità di intenti e la concordia fra le varie componenti geografiche, identitarie e ideologiche che vi erano rappresentate. Sia il Parlamento che il Governo avrebbero potuto e dovuto essere il luogo più adatto alla formazione e alla selezione della classe dirigente leghista e delle candidature ai ruoli istituzionali. Le scelte sono invece state fatte sulla base di criteri ignoti o discutibili e questo spiega non solo le continue perdite di voti ma anche lo scarso affetto e la limitata considerazione che la Base ha nei confronti di alcuni degli attuali parlamentari e dei quadri più elevati delle gerarchie del partito.
    La raccolta delle adesioni a questa richiesta coinvolge tutti coloro che sono attualmente Soci Ordinari Militanti della Lega Nord ma è estesa anche a tutti quelli che lo sono stati e che per qualche ragione – dal fatidico 1996 in poi – si sono o sono stati allontanati. Sono naturalmente esclusi coloro che sono stati cacciati per indegnità o che si sono in seguito intruppati in qualche partito italiano.

    Sono invitati ad aderire all’iniziativa tutte le donne e gli uomini che credono negli ideali di libertà e di indipendenza dei popoli padano-alpini e che hanno riposto per anni le loro speranze e la loro fiducia nella Lega Nord, che hanno lavorato e che intendono ancora farlo, ma che hanno bisogno di sentirsi parte di una comunità umana e ideale onesta e coesa.
    Viva la Padania libera!


    Testo della Richiesta
    DUCARIO

    Visto l’art. 9 dello Statuto della Lega Nord per l’indipendenza della Padania, che prevede che il Congresso Federale sia convocato ogni tre anni in via ordinaria;
    Preso atto che l’ultimo Congresso Federale si è svolto in data 1-3 marzo 2002;
    Considerato che, in ossequio a quanto stabilito dall’art. 12 del sopracitato Statuto, il Consiglio Federale (il quale determina le linee politiche del Movimento) dura anch’esso in carica tre anni;
    Consci del fatto che in un Movimento popolare come la Lega Nord i militanti costituiscono la vera forza vitale;
    I sottoscrittori del presente documento


    Chiedono

    l'immediata convocazione di un Congresso Straordinario della Lega Nord. Visto il momento critico in cui versa il Movimento, in occasione del Congresso, in deroga allo Statuto vigente, dovranno avere diritto di parola e di voto tutti coloro che sono o sono stati soci militanti ordinari dal settembre 1996, con l'eccezione di chi abbia aderito a partiti italiani.In sede di Congresso, inoltre, si dovrà mettere ai voti un emendamento di modifica transitoria dello Statuto vigente affinchè il Segretario Federale venga temporaneamente affiancato da un Direttorio eletto in sede di Congresso. Il Segretario Federale e il Direttorio si impegnano a mettere ordine nel partito e a indire, entro una scadenza decisa dal Congresso Straordinario, un Congresso Federale Ordinario nel quale rinnovare tutte le cariche sulla base dei principi di massima rappresentatività e libertà. Detto Direttorio si impegnerà, in collaborazione con il Segretario Federale, anche a:
    1. Rendere pubbliche tutte le cariche elettive e gli incarichi assegnati e fatti assegnare dal partito, con i nomi dei beneficiari, le funzioni, gli emolumenti percepiti e le quote versate al partito.

    2. Indagare sulle vicende legate alla CrediEuroNord, con l'individuazione degli errori e delle malversazioni e l'indicazione dei responsabili. Studiare un completo piano di rimborso di tutte le somme impegnate dagli azionisti.

    3. Rendere pubblica la situazione patrimoniale e immobiliare del Movimento.

    4. Prendere contatto con tutte le formazioni autonomiste padano-alpine per studiare un fronte comune. Ricostruire rapporti normali con tutti i movimenti autonomisti europei.

    5. Rifare l'immagine del movimento, con la revisione dei simboli identitari e del linguaggio mediatico. Ristrutturare radicalmente i mezzi di informazione. Attivare momenti di confronto fra le varie componenti del mondo autonomista e federalista.

    6. Convocare il Parlamento di Chignolo e il Governo Provvisorio della Padania.

    Il Direttorio si deve anche impegnare a riproporre con chiarezza al Congresso gli obiettivi originari del Movimento e cioè:

    1. Riforma federalista dello Stato sulla base del Progetto di Assago.

    2. Attuazione di un vero federalismo fiscale basato sulla più completa autonomia impositiva e di spesa degli enti locali. Limitazione della presenza pubblica nell’economia.

    3. Difesa dei valori culturali e identitari delle comunità.

    4. Scrupolosa difesa delle libertà individuali. Lotta per l'eliminazione dei reati di opinione, vilipendio, eccetera.

    5. Blocco dell’immigrazione e rigorosa difesa dell' ambiente.

    I firmatari dichiarano di essere o di essere stati Soci Militanti Ordinari della Lega Nord

    Le adesioni al Progetto Ducario possono essere formulate in due modi.


    1

    Mediante la sottoscrizione dei moduli per la raccolta delle firme, compilati di nome e cognome e comune di residenza. I moduli vanno poi consegnati ai responsabili dei Comitati regionali o di zona che verranno indicati anche su questo sito.

    Nel caso i moduli si rivelassero irreperibili o insufficienti, essi possono essere fotocopiati da quelli esistenti o scaricati da questo sito.


    2

    Mediante adesione diretta a questo sito. È sufficiente inviare una mail contente nome e cognome e comune di residenza con il testo: “Aderisco al Progetto Ducario”. L’adesione per via telematica può anche essere fatta collettivamente da un gruppo di persone purchè siano riportati i dati di tutti i sottoscrittori.


    La scheda Scaricabile
    PROGETTO DUCARIO

    Richiesta

    Visto l’art. 9 dello Statuto della Lega Nord per l’indipendenza della Padania, che prevede che il Congresso Federale sia convocato ogni tre anni in via ordinaria;Preso atto che l’ultimo Congresso Federale si è svolto in data 1-3 marzo 2002;Considerato che, in ossequio a quanto stabilito dall’art. 12 del sopracitato Statuto, il Consiglio Federale (il quale determina le linee politiche del Movimento) dura anch’esso in carica tre anni; Consci del fatto che in un Movimento popolare come la Lega Nord i militanti costituiscono la vera forza vitale; I sottoscrittori del presente documento Chiedono l'immediata convocazione di un Congresso Straordinario della Lega Nord. Visto il momento critico in cui versa il Movimento, in occasione del Congresso, in deroga allo Statuto vigente, dovranno avere diritto di parola e di voto tutti coloro che sono o sono stati soci militanti ordinari dal settembre 1996, con l'eccezione di chi abbia aderito a partiti italiani. In sede di Congresso, inoltre, si dovrà mettere ai voti un emendamento di modifica transitoria dello Statuto vigente affinchè il Segretario Federale venga temporaneamente affiancato da un Direttorio eletto in sede di Congresso. Il Segretario Federale e il Direttorio si impegnano a mettere ordine nel partito e a indire, entro una scadenza decisa dal Congresso Straordinario, un Congresso Federale Ordinario nel quale rinnovare tutte le cariche sulla base dei principi di massima rappresentatività e libertà.

    Detto Direttorio si impegnerà, in collaborazione con il Segretario Federale, anche a:

    1. Rendere pubbliche tutte le cariche elettive e gli incarichi assegnati e fatti assegnare dal partito, con i nomi dei beneficiari, le funzioni, gli emolumenti percepiti e le quote versate al partito.

    2. Indagare sulle vicende legate alla CrediEuroNord, con l'individuazione degli errori e delle malversazioni e l'indicazione dei responsabili. Studiare un completo piano di rimborso di tutte le somme impegnate dagli azionisti.

    3. Rendere pubblica la situazione patrimoniale e immobiliare del Movimento.

    4. Prendere contatto con tutte le formazioni autonomiste padano-alpine per studiare un fronte comune. Ricostruire rapporti normali con tutti i movimenti autonomisti europei.

    5. Rifare l'immagine del movimento, con la revisione dei simboli identitari e del linguaggio mediatico. Ristrutturare radicalmente i mezzi di informazione. Attivare momenti di confronto fra le varie componenti del mondo autonomista e federalista.

    6. Convocare il Parlamento di Chignolo e il Governo Provvisorio della Padania.

    Il Direttorio si deve anche impegnare a riproporre con chiarezza al Congresso gli obiettivi originari del Movimento e cioè:

    1. Riforma federalista dello Stato sulla base del Progetto di Assago.

    2. Attuazione di un vero federalismo fiscale basato sulla più completa autonomia impositiva e di spesa degli enti locali. Limitazione della presenza pubblica nell’economia.

    3. Difesa dei valori culturali e identitari delle comunità.

    4. Scrupolosa difesa delle libertà individuali. Lotta per l'eliminazione dei reati di opinione, vilipendio, eccetera.

    5. Blocco dell’immigrazione e rigorosa difesa dell' ambiente.

    I firmatari dichiarano di essere o di essere stati Soci Militanti Ordinari della Lega Nord

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    22,024
    Mentioned
    60 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    si aspetta e spera

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ....dove sono le centinaia di migliaia di firme?

    ...quello che non ho capito (diciamo così... ) è il "perchè occulto" di questa operazione inconcludente...spaccare le forze che si erano trovate a Brescia nell'aprile 2006? Fare da sponda moderata ?
    ..Cmq. è stato UN FALLIMENTO!

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    22 Aug 2006
    Messaggi
    471
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Ducario : Insubre o romano??


    leggo:
    finché un cavaliere insubre, che si chiamava Ducario, riconoscendo il console anche dal volto, rivolto ai suoi connazionali...
    e commento:
    questo nome Ducario pare più un romano che un Insubre. Qualcuno riesce a dirmi l'etimologia Galo celtica di Ducario??
    Romanamente invece potrebbe derivare da Dux-Arius cioè "il condottiero Ario" che non vuol dire cittadino qualsiasi....

    Si parla del Trasimeno. Ma in altra parte Livio sostiene che alleati di Annibale erano i Liguri Apuani (NON gli Insubri). Dunque quando Ducario parla al suo popolo, di quale popolo si tratta?
    Tito Livio ha dimostrato di essere un grosso bugiardo in più parti dei suoi Annales!!!
    Forse dice la verità quando dice che gli insubri erano al fianco di Annibale??
    La storia lo nega.
    Forse Oneto dovrà rileggersi meglio Tito Livio?

    Unici alleati come popolo intero di Annibale in Cislpinia furono i Liguri Montani o Liguri Apuani o Sengauni,Taluni altri sporadici gruppi tribali furono al fianco di Annibale, specie al'atto di scendere dalle Alpi con i sui elefanti, forse anche fino alla Trebbia, ma sul Trasimeno e sul Metauro c'erano rimasti solo gli Apuani.
    Mi dispiace dover scrivere queste precisazioni, ma se si vuole "rifondare la Lega" che almeno la si rifondi in modo ideologicamente corretto.
    Sennò si parte già col piede sbagliato.
    Ripeto!!!! Gli unici che NON furono MAI sconfitti dai romani fuorno gli Apuani che per tale ragione venero tutti catturati con l'inganno (50.000!!!) NON con le armi e deportati nel Sannio dove successivamente sotto il nome di Saniti, vennero tutti sgozzati da Silla nell'80 a.C.
    salucc.

  5. #5
    Iscritto
    Data Registrazione
    30 Mar 2006
    Località
    Milano
    Messaggi
    181
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da montecristo2006 Visualizza Messaggio

    ...Unici alleati come popolo intero di Annibale in Cislpinia furono i Liguri Montani o Liguri Apuani o Sengauni,Taluni altri sporadici gruppi tribali furono al fianco di Annibale, specie al'atto di scendere dalle Alpi con i sui elefanti, forse anche fino alla Trebbia, ma sul Trasimeno e sul Metauro c'erano rimasti solo gli Apuani.
    Mi dispiace dover scrivere queste precisazioni, ma se si vuole "rifondare la Lega" che almeno la si rifondi in modo ideologicamente corretto.
    Sennò si parte già col piede sbagliato.
    Ripeto!!!! Gli unici che NON furono MAI sconfitti dai romani fuorno gli Apuani che per tale ragione venero tutti catturati con l'inganno (50.000!!!) NON con le armi e deportati nel Sannio dove successivamente sotto il nome di Saniti, vennero tutti sgozzati da Silla nell'80 a.C.
    salucc.
    "Prima della discesa di Annibale la frontiera italica di Roma arrivava infatti a malapena sotto al Po. Il suo confine settentrionale andava da Pisa a Rimini, attraverso Lucca, Pistoia e Fiesole: una demarcazione che ritornera' spesso nelle vicende travagliate della storia italiana, fino agli ultimi casi della seconda guerra mondiale che videro le forze alleate attestarsi per lungo tempo su quel medesimo fronte, noto nelle cronache militari come >linea gotica<. Ma al di la' delle propaggini appenniniche, oltre Ravenna dal lato adriatico e oltre la Lunigiana da quello tirrenico, risiedevano popolazioni non considerate italiche e quasi tutto il vasto territorio padano non era tributario della potenza romana.
    Al contrario, gra parte delle tribu' che lo abitavano erano ritenute ostili a Roma, piu' volte minacciata dalle loro improvvise calate verso sud e addirittura invasa e messa a sacco centocinquant'anni prima dai Galli Senoni che, come Annibale, avevano attraversato le Alpi per irrompere in Italia. SOLTANTO NEL SETTORE ORIENTALE DELLA VALLE PADANA I ROMANI POTEVANO GUARDARE CON UNA CERTA TRANQUILLITA' AL FAVOREVOLE ATTEGGIAMENTO DEI VENETI, da Verona al mare, e dei Cenomani insediati intorno al lago di Garda.
    Mai i Boi da Bologna a Piacenza, i Lingoni a nord di Rimini, gli Insubri tra Bergamo e Alessandria, i Liguri nei territori occidentali verso il Tirreno, e una certa misura anche i Taurini nelle valli piemontesi erano piuttosto compatti nell'odio verso Roma, da antica data e per tradizione ininterrotta.
    Tuttavia i Taurini, come primo incontro, furono diffidenti nei riguardi di Annibale e del suo esercito. Forse arivando dopo tanti stenti tra terre opime e villaggi ben forniti di granai e magazzini i Cartaginesi ne profittarono troppo. Forse si diedero troppo presto ad insidiare le donne, di cui non assaporavano i piaceri da molte setimane. Fatto sta che i Taurini si sentirono piuttosto invasi che liberati. E richiesta da Annibale di dargli prova d'amicizia tergiversarono. Per cui il grande generale dovette comportarsi come si comporta un militare in guerra in simili casi: prese Torino, che era la capitale della tribu' scontrosa, con la forza. Non vi fu bisogno d'assedio. In tre giorni Torino cadde nelle mani dei Cartaginesi. Tutti gli uomini della guarnigionre vennero massacrati sul posto.
    Inaugurare la campagna d'Italia con il terrore non fu, del resto, un debutto sgradito all'animo di Annibale. Doveva dar prova della sua forza e dimostrare d'essere un nemico spietato per tutti coloro che non fossro venuti spontaneamente e senza esitazioni sotto l'ala della sua protezione. La presa di Torino, dove fece sosta per una decina di giorni al fine di riposare e rifornire le truppe, l'aveva rinvigorito. Cosi' si erano rinfrancati i suoi uomini, venuti giu' dalle Alpi inselvatichiti, sporchi, cenciosi, con le lunghe barbe incolte; ed ora, passati dalla carestia alla dovizia, in breve volgere di tempo rimessi in baldanza. Adesso si poteva fare sul serio.
    E' la fine di novembre e Annibale avanza lungo la valle del Po. Il clima e' autunnale ma salvo le nebbie notturne e qualche piovasco l'aria e' ancora tiepida, con un pallido sole che riesce a risplendere sulla pianura.. Quel generale inglese, Sir Gavin de Beer, che dedico' la vita intera a studiare le mosse di Annibale sulle Alpi afferma che nel 218 avanti Cristo >la temperatura era forse un po' piu' calda ma certamnte non piu' fredda dei nostri tempi<. Buon per gli africani che venivano da tante traversie e da tanto gelo. Perdevano per strada gli elefanti, uno ad uno, tramortiti in ritardo dalla innaturale scalata tra le nevi. Le gigantesche creature piegavano le ginocchia sull'erba e non si muovevano piu'. Ma gli uomini erano gagliardi e i cavalli, la grande forza di Annibale, felici nell'abbondanza dei pascoli, galoppavano di sprone all'avanguardia della marcia.
    Dove si dirigevano ? Annibale aveva premura di RICONGIUNGERSI CON GLI INSUBRI, IL PRIMO ALLEATO SICURO CHE AVREBBE INCONTRATO SULLA SUA STRADA. Li doveva trovare verso Vercelli, verso Novara. Si teneva dunque in alto sulla riva sinistra del Po, che ancora non aveva attraversato. L'avanzata dei Cartaginesi procedette in direzione di Casale, poi da Casale a Mortara. Qui, a un dipresso, incontrarono gli Insubri. Erano gia' in armi e in grado di unire le loro truppe a quelle di Annibale."

    Gianni Granzotto - Annibale - Oscar Mondadori

    Moss

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    22 Aug 2006
    Messaggi
    471
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Dal Ticino fino alla Trebbia (218 a.C.) molte tribù cisalpine erano con Annibale.
    Sul Trasimeno tali tribù si erano già sfilacciate, solo i Liguri Apuani rimasero al completo (217 a.C.)
    Tra i 217 a.C. ed il 207 a.C. Annibale scorazza per la penisola trascurando Roma e subisce Canne. In questo periodo gli ex alleati Cisalpini ed anche i Liguri di Ponente si avvicinano ai Romani lasciando Annibale.
    Nella battaglia del Meaturo (207 a.C.) soli alleati di Annibale sono i Liguri Apuani (apoggiati dai cugini Friniati) che si pongono al centro dello schieramento davanti agli elefanti (Dunque almeno alcuni elefanti c'erano!!!)
    I Liguri Apuani vivevano sui monti (attualmente Appennino Tosco Emiliano) tra il Passo del Bracco (Boron sulla carta Peutingeriana) ed il Monte Cimone (PT).
    Confinavano ad Ovest con i Tigulli a Nord Est con i Boi a Sud Est con i Friniati dell'attuale provincia di Modena (Frignano).
    A quel tempo (un pò come adesso) gli Insubri pensavano più ai loro problemi che a debellare Roma.
    Gli Apuani ed i Friniati invece avevano capito che il problema dei secoli futuri sarebe stata proprio Roma.
    I Romani a loro volta capirono che gli Apuani sarebbero stati troppo duri da convincere e li sterminarono tutti in due tempi.
    Dapprima li deportarono in 50.000 Nel Sannio, ove assunsero il nome di Sanniti, poi nell'80 li sgozzarono tutti ad uno ad uno. (ovviamente non quei 50.000 del 180 a. C., ma i loro nipotini...).
    Pare invece che (Ducario o non Ducario) tutte le altre tribù si sottomisero ai Romani.
    L'elenco preciso di quelli che si sottomisero ad Augusto è riportato nel "Trionfo di Augusto" collocato in località Turbie sopra Montecarlo in territorio francese.
    Vedere per credere!!!!

    Ergo, se oggi un mercenario insubre della Legione Straniera Francese si lanciasse contro un generale Vietnamita nel corso di una battglia, non si potrebbe certo dire che gli Insubri lottarono contro i Vietnamiti.
    Un conto è un individuo casuale ed isolato, un conto è la volontà di un intero popolo.
    Questo la dice lunga sul perchè il federalismo nord italiano non attecchisce nella popolazione. Perchè (Ducario o non Ducario) le popolazioni Cislpine, solitamente hanno sempre fatto "ognuno per sè", litigando fra loro più che allearsi. Proprio come sta accadendo anche ai giorni nostri, quando ciascuno "tira l'acqua al suo mulino" sostenendo di essere il più puro che ci sia.
    Lo vediamo con i nostri occhi, la Lega si sfalda e si corrompe, i Cisalpini se ne vanno ciascuno per suo conto, senza pensare a quel che succederà domani ai loro figli.
    Basta leggere questi forum per capire che tutti i partecipanti solitamente vantano "purezze di razza" che non servono a nulla, chiacchierano e sproloquiano, senza fare uno straccio di fatti reali.
    Sognano. E mentre loro sognano, i Romani "magnano"...

    salucc

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    22,024
    Mentioned
    60 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da montecristo2006 Visualizza Messaggio
    . E mentre loro sognano, i Romani "magnano"...

    salucc
    Hai dimenticato di dire che quando stanno assieme poi si fidano di pessimi elementi che fanno il gioco di roma e magari hanno la moglie itagliana

  8. #8
    Registered User
    Data Registrazione
    22 Aug 2006
    Messaggi
    471
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito dimenticai!!!!

    Citazione Originariamente Scritto da Ken il warriero Visualizza Messaggio
    Hai dimenticato di dire che quando stanno assieme poi si fidano di pessimi elementi che fanno il gioco di roma e magari hanno la moglie itagliana
    ebbene sì dimenticai!!! ma in questo fortunatamente (?????) ci pensano i Cisalpini stessi a ricordarmelo giorno per giorno piegando la schiena ai romani per 24 ore al giorno.
    salucc

  9. #9
    Registered User
    Data Registrazione
    13 May 2006
    Messaggi
    154
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sulla storia dei Liguri

    www.terrafriniate.com/articoli4.htm

  10. #10
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non ciurliamo... Ducario e mò che fai?
    Attendiamo fiduciosi

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Tutte le novità di oggi in parlamento!
    Di Alessandro Calvo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-01-14, 15:39
  2. Novità editoriali Raido - Solstizio d'Inverno 2006
    Di herrenklub (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 22-12-06, 20:33
  3. Ducario! Oggi è il 16/09/2006..novità?
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 18-09-06, 10:44
  4. Novita’ Del 2006
    Di AldoVincent nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 10-01-06, 12:15

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226