User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 16
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    23 Mar 2005
    Località
    veneto
    Messaggi
    236
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito stefani sulla fallaci, non è farina del suo sacco

    [B][Riflessioni e testimonianze su una voce libera dell’occidente
    In ricordo di Oriana

    Stefano Stefani

    Non so in quanti avranno la sensibilità o il coraggio di rendere omaggio a Oriana Fallaci perché temo che il conformismo che sembra condizionare, ormai in modo esasperato, il cosiddetto “mondo occidentale” forse non lo consentirà. Alla scrittrice e giornalista che ha voluto impegnarsi in una durissima battaglia in prima persona, vorrei fare giungere il mio ricordo, fatto soprattutto di ammirazione per chi ha avuto la forza di lasciarsi alle spalle un passato ricchissimo di gloria e soddisfazioni per impegnarsi in una durissima querelle sullo “scontro”, non solo ideologico, tra Islam e il resto del pensiero moderno.
    Il discorso pronunziato da Benedetto XVI a Ratisbona, che, al di là delle puntualizzazioni, mi sembrava riguardare essenzialmente il tasso di aggressività insito nei dettami dell’Islam, ha dato il via ad una serie di reazioni a dir poco preoccupanti, e cercherò di spiegarne i motivi. Il primo è abbastanza evidente. L’Islam - e non parlo solo delle masse, che spesso non hanno mai nemmeno frequentato una madrassa e quindi guardano alla religione solo per quello che di essa dicono loro gli imam - non tollera che verso di esso si muovano critiche o solo anche semplici appunti perché, dimenticando la tolleranza che pure era predicata da Maometto, si ritiene al di sopra di ogni critica.
    Se, quindi, come ha fatto Benedetto XVI, si fa un’analisi delle motivazioni che sono poste alla base della Jihad, della Guerra Santa (anche se la traduzione del vocabolo dall’arabo non è proprio questa, definendosi con questo termine la determinazione a raggiungere un obiettivo e gli sforzi che lo connotano), questa viene presa come un insulto. Quasi che nessuno possa dire dell’Islam cose che i chierici musulmani non condividano.
    Un altro motivo che deve indurre a più d’una riflessione è che anche Paesi ufficialmente laici, ma a stragrande maggioranza islamica, non sembrano capaci di neutralizzare il radicalismo. Ne è una prova la Turchia - dove, peraltro, il Pontefice si recherà tra qualche mese per quella che appare una delicatissima visita di Stato - che sembra ormai un lontano ricordo di quella laica lasciata in eredità da Ataturk e che oggi è fortemente condizionata, nella sua vita pubblica e quindi nella politica, dalle pulsioni estreme alimentate dall’Islam.
    Un quadro che definirei preoccupante e che deve necessariamente indurre a considerare con estrema freddezza e realismo l’Islam e cosa esso oggi possa significare per quella parte di mondo che non è musulmano.
    Una preoccupazione che nasce anche dalla considerazione che ormai, nell’Islam, la battaglia tra i moderati e i radicali sembra pendere verso i secondi, che, ricordiamo bene tutti, sono quelli che alimentano un proselitismo esasperato, in cui l’aspetto per così dire aggressivo - basta leggere le trascrizioni dei sermoni di alcuni imam che vivono anche nel nostro Paese - è latente, per non dire incoraggiato.
    A questo dato obiettivo l’Occidente non ha saputo contrapporre nulla, anzi segnando dei pericolosi passi indietro, come nel caso del silenzio imbarazzante davanti a massacri di cristiani da parte di milizie musulmane in nazioni che, evidentemente, non riscuotono nell’Occidente nessun interesse o perché povere o perché prive di ricchezze naturali su cui mettere le mani.
    A questo problema ne aggiungerei un altro, che nasce in casa nostra. Quello, cioè, di una serie infinita di fallimenti cui stanno andando incontro i tentativi di trovare una forma di convivenza accomodante con l’Islam ufficiale, nello sforzo di non apparire oltranzisti o razzisti. Qui, e lo dico a tutti, a cominciare da coloro che come me siedono in Parlamento, il problema non è quello di convincere, ma piuttosto di sopravvivere perché, analizzando - come fanno i politologi e i sociologi - il medio-lungo periodo, la previsione è di una Italia destinata a essere sempre meno nazione e sempre più luogo di residenza.
    Un Paese dove il Cristianesimo (quindi, non mi limito a parlare solo del Cattolicesimo) è destinato ad arretrare sempre di più sotto la spinta ideologica dell’Islam e demografica dei musulmani. A tutti chiedo di non fare spallucce (“tanto se ne occuperanno i figli dei nostri figli”), ma di guardare con attenta preoccupazione al futuro dell’Italia. A tutti chiedo di non cadere in pericolose fughe in avanti, perché Paesi che del multiculturalismo hanno fatto una bandiera quando non addirittura un elemento caratterizzante (come il Canada), stanno riconsiderando con una analisi rigorosa se i costi anche in termini ideologici e sociali di questa scelta sono pareggiati dai ricavati in termini di civile convivenza.
    L’Islam, lo dico nel timore di essere male interpretato, non è una religione che muove gli attentatori suicidi o i padri che uccidono le figlie troppo occidentali. Però, purtroppo, a prevalere sono i suoi aspetti più estremi. E questo è un problema con il quale tutti, prima o poi, saremo costretti a confrontarci.
    [Data pubblicazione: 17/09/2006]

    SECONDO VOI STEFANI E' IN GRADO DI SCRIVERE UN ARTICOLO COSI'. SECONDO ME COME AL SOLITO QUALCUNO LO HA SCRITTO PER LUI/B]

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    21,956
    Mentioned
    48 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    certo la cosa fa pensare

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Messaggi
    4,076
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ma ve lo vedete???

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    31 Mar 2005
    Località
    venezia
    Messaggi
    1,511
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Ken il warriero Visualizza Messaggio
    certo la cosa fa pensare
    la cosa fa pensare? tu sprechi il tuo pensiero per così poco? Ma qualcuno lo ha mai sentito parlare sto SS? La Padania? certo avrà qualche giornalista leccaculo che scrive per lui come è sempre stato del resto. Una volta i pezzi glieli scriveva Max Parisi, poi Moncalvo ora chissà? Comunque scrivere pezzi per SS serve, eccome se serve...il tuo futuro è assicurato in Rai. Ora non so visto che la Lega è all'opposizione ma ricordate che in Lega più sono imbecilli e più occupano i posti di comando

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    21,956
    Mentioned
    48 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da grilloparlante Visualizza Messaggio
    la cosa fa pensare? tu sprechi il tuo pensiero per così poco? Ma qualcuno lo ha mai sentito parlare sto SS? La Padania? certo avrà qualche giornalista leccaculo che scrive per lui come è sempre stato del resto. Una volta i pezzi glieli scriveva Max Parisi, poi Moncalvo ora chissà? Comunque scrivere pezzi per SS serve, eccome se serve...il tuo futuro è assicurato in Rai. Ora non so visto che la Lega è all'opposizione ma ricordate che in Lega più sono imbecilli e più occupano i posti di comando
    non dovevi dirlo adesso vedi che corsa di gente ad inscriversi in lega

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    28 Mar 2006
    Messaggi
    270
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito lo avra' scritto pappagone

    Citazione Originariamente Scritto da bulldozer Visualizza Messaggio
    [b][Riflessioni e testimonianze su una voce libera dell’occidente
    In ricordo di Oriana

    Stefano Stefani

    Non so in quanti avranno la sensibilità o il coraggio di rendere omaggio a Oriana Fallaci perché temo che il conformismo che sembra condizionare, ormai in modo esasperato, il cosiddetto “mondo occidentale” forse non lo consentirà. Alla scrittrice e giornalista che ha voluto impegnarsi in una durissima battaglia in prima persona, vorrei fare giungere il mio ricordo, fatto soprattutto di ammirazione per chi ha avuto la forza di lasciarsi alle spalle un passato ricchissimo di gloria e soddisfazioni per impegnarsi in una durissima querelle sullo “scontro”, non solo ideologico, tra Islam e il resto del pensiero moderno.
    Il discorso pronunziato da Benedetto XVI a Ratisbona, che, al di là delle puntualizzazioni, mi sembrava riguardare essenzialmente il tasso di aggressività insito nei dettami dell’Islam, ha dato il via ad una serie di reazioni a dir poco preoccupanti, e cercherò di spiegarne i motivi. Il primo è abbastanza evidente. L’Islam - e non parlo solo delle masse, che spesso non hanno mai nemmeno frequentato una madrassa e quindi guardano alla religione solo per quello che di essa dicono loro gli imam - non tollera che verso di esso si muovano critiche o solo anche semplici appunti perché, dimenticando la tolleranza che pure era predicata da Maometto, si ritiene al di sopra di ogni critica.
    Se, quindi, come ha fatto Benedetto XVI, si fa un’analisi delle motivazioni che sono poste alla base della Jihad, della Guerra Santa (anche se la traduzione del vocabolo dall’arabo non è proprio questa, definendosi con questo termine la determinazione a raggiungere un obiettivo e gli sforzi che lo connotano), questa viene presa come un insulto. Quasi che nessuno possa dire dell’Islam cose che i chierici musulmani non condividano.
    Un altro motivo che deve indurre a più d’una riflessione è che anche Paesi ufficialmente laici, ma a stragrande maggioranza islamica, non sembrano capaci di neutralizzare il radicalismo. Ne è una prova la Turchia - dove, peraltro, il Pontefice si recherà tra qualche mese per quella che appare una delicatissima visita di Stato - che sembra ormai un lontano ricordo di quella laica lasciata in eredità da Ataturk e che oggi è fortemente condizionata, nella sua vita pubblica e quindi nella politica, dalle pulsioni estreme alimentate dall’Islam.
    Un quadro che definirei preoccupante e che deve necessariamente indurre a considerare con estrema freddezza e realismo l’Islam e cosa esso oggi possa significare per quella parte di mondo che non è musulmano.
    Una preoccupazione che nasce anche dalla considerazione che ormai, nell’Islam, la battaglia tra i moderati e i radicali sembra pendere verso i secondi, che, ricordiamo bene tutti, sono quelli che alimentano un proselitismo esasperato, in cui l’aspetto per così dire aggressivo - basta leggere le trascrizioni dei sermoni di alcuni imam che vivono anche nel nostro Paese - è latente, per non dire incoraggiato.
    A questo dato obiettivo l’Occidente non ha saputo contrapporre nulla, anzi segnando dei pericolosi passi indietro, come nel caso del silenzio imbarazzante davanti a massacri di cristiani da parte di milizie musulmane in nazioni che, evidentemente, non riscuotono nell’Occidente nessun interesse o perché povere o perché prive di ricchezze naturali su cui mettere le mani.
    A questo problema ne aggiungerei un altro, che nasce in casa nostra. Quello, cioè, di una serie infinita di fallimenti cui stanno andando incontro i tentativi di trovare una forma di convivenza accomodante con l’Islam ufficiale, nello sforzo di non apparire oltranzisti o razzisti. Qui, e lo dico a tutti, a cominciare da coloro che come me siedono in Parlamento, il problema non è quello di convincere, ma piuttosto di sopravvivere perché, analizzando - come fanno i politologi e i sociologi - il medio-lungo periodo, la previsione è di una Italia destinata a essere sempre meno nazione e sempre più luogo di residenza.
    Un Paese dove il Cristianesimo (quindi, non mi limito a parlare solo del Cattolicesimo) è destinato ad arretrare sempre di più sotto la spinta ideologica dell’Islam e demografica dei musulmani. A tutti chiedo di non fare spallucce (“tanto se ne occuperanno i figli dei nostri figli”), ma di guardare con attenta preoccupazione al futuro dell’Italia. A tutti chiedo di non cadere in pericolose fughe in avanti, perché Paesi che del multiculturalismo hanno fatto una bandiera quando non addirittura un elemento caratterizzante (come il Canada), stanno riconsiderando con una analisi rigorosa se i costi anche in termini ideologici e sociali di questa scelta sono pareggiati dai ricavati in termini di civile convivenza.
    L’Islam, lo dico nel timore di essere male interpretato, non è una religione che muove gli attentatori suicidi o i padri che uccidono le figlie troppo occidentali. Però, purtroppo, a prevalere sono i suoi aspetti più estremi. E questo è un problema con il quale tutti, prima o poi, saremo costretti a confrontarci.
    [Data pubblicazione: 17/09/2006]

    SECONDO VOI STEFANI E' IN GRADO DI SCRIVERE UN ARTICOLO COSI'. SECONDO ME COME AL SOLITO QUALCUNO LO HA SCRITTO PER LUI/B]
    lo avra scritto pappagone perche' un ignorante cosi' che vuoi che scriva al massimo sa fare la sua firma!

  7. #7
    Hanno assassinato Calipari
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    "Il programma YURI il programma"
    Messaggi
    69,195
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La fallaci era una partigiana e una compagna, e ora tentano di cancellare il resto della sua vita strumentalizzando una sua battaglia recente.

    Che schifo.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    21,956
    Mentioned
    48 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da yurj Visualizza Messaggio
    La fallaci era una partigiana e una compagna, e ora tentano di cancellare il resto della sua vita strumentalizzando una sua battaglia recente.

    Che schifo.
    suvvia non prendertela , capisco che non sia bello un passato da partigiana
    fatti forza

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    26 Sep 2010
    Messaggi
    1,542
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da bulldozer Visualizza Messaggio
    [b]

    SECONDO VOI STEFANI E' IN GRADO DI SCRIVERE UN ARTICOLO COSI'. SECONDO ME COME AL SOLITO QUALCUNO LO HA SCRITTO PER LUI/B]
    Chiunque abbia conosciuto Stefani, anche solo per un minuto, sa perfettamente che non è in grado né di formulare un'analisi, né di unire due pensieri, né tantomeno di scrivere quattro righe.

  10. #10
    Lo Zelota
    Ospite

    Predefinito

    State diventando come i pennivendoli romani: date dell'ignorante a un leghista, solo perché è leghista.

    A proposito di legami tra studi non conclusi e presunta incapacità di mettere nero su bianco idee e concetti in una forma accettabile: Moravia aveva la licenza ginnasiale, ma scriveva meglio di Giovanni Sartori (una prosa orrenda) che è plurilaureato.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 10-09-10, 00:18
  2. La controinchiesta della Fallaci sulla morte di Pasolini
    Di Bianca Zucchero nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 46
    Ultimo Messaggio: 18-10-05, 14:12
  3. Stefani, aufwiedersehen...
    Di Herr Mann nel forum Padania!
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 14-07-03, 10:47
  4. Stefani e i massoni !!!!!!!
    Di padus996 (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 12-07-03, 14:24
  5. Stefani e i massoni !!!!!
    Di padus996 (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-07-03, 14:22

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226