User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    ambrosini
    Ospite

    Predefinito L'italia Non Sara' Mai Uno Stato Federale

    da "IL GIORNALE DI VICENZA" lunedì 18/09/2006

    ETTORE BEGGIATO: L'ITALIA NON SARA' MAI UNO STATO FEDERALE
    Dalla lettura degli interventi che si sono succeduti sul “federalismo fiscale” emerge una sostanziale condivisione sulla necessità di attuare la riforma federalista: da Alleanza Nazionale fino ai Democratici di Sinistra con sottolineature, priorità e sensibilità diverse, nel vicentino (e credo di poterlo dire anche nell’intero Veneto) quasi tutti si dicono federalisti e pronti a portare avanti la battaglia federalista. E qui sorge la prima domanda: ma allora perché non si fa? Se sono tutti d’accordo….
    Io invece sulla riforma federalista dello stato mi sono fatto un’altra idea.
    Non c’è nessuna possibilità che l’Italia diventi uno stato federale.
    Nessuna. E lo dico da federalista convinto, da autonomista veneto che ha incominciato a far politica nella prima Liga Veneta nel 1980, che ha cercato in questi anni di far conoscere l’opera di federalisti come Carlo Cattaneo, Silvio Trentin, Daniele Manin e tanti altri.
    Vediamo, schematicamente, la realtà italiana:
    a)in parlamento i veri federalisti sono una netta minoranza (la devolution approvata dall’ultima maggioranza era una patacca clamorosa che non aveva nulla di federalista).
    b)C’è una classe burocratica che controlla il governo (potentissima) che non ne vuol sapere di mollare il potere. Qualcuno si ricorda il referendum per l’abrogazione del ministero dell’agricoltura? Una vittoria schiacciante è servita solo per cambiare il nome del ministero….
    c)La Confindustria e i sindacati, il mondo dell’alta finanza sono centralisti come organizzazione e come ideologia;
    d)Appena c’è uno spiraglio di apertura per le nostre regioni, nel meridione si registrano interventi come quelli del presidente calabro Agazio Loiero che suscita spettri balcanici ogni volta qualcuno tenti di portare avanti un minimo di federalismo. A lui il centralismo e l’assistenzialismo di stato vanno benissimo (e d’altra parte chi ci pensa a ventimila forestali calabresi?).
    e)I mondi della cultura, dell’informazione e della scuola un po’ per convinzione, un po’ per convenienza rimangono ancorati a un modello centralista che spesso viene presentato come l’unico possibile per lo stato italiano.
    E si potrebbe andare avanti ancora a lungo. E allora si domanderà qualcuno, venticinque anni di lotte federaliste sono proprio da buttare?
    No assolutamente e l’esempio ci viene dalla Spagna.
    Lasciamo perdere la riforma federalista dello stato e cerchiamo per il nostro Veneto una autonomia più ampia.
    Proprio come la Catalunya che in questi mesi contrattando con lo stato spagnolo ha ottenuto uno statuto ancora più significativo e proprio come prevede l’articolo 116 della costituzione italiana che al terzo comma parla di “ulteriore forme e condizioni particolari di autonomia” Nella primavera del 1997 con una delegazione di federalisti veneti ebbi l’onore di incontrare Jordi Pujol presidente della Generalitat catalana (regione) e “patriarca” dell’autonomismo catalano.
    Nel corso dell’incontro Pujol sostenne come l’unica realtà dello stato italiano che poteva essere paragonata alla Catalunya era proprio il Veneto, per la storia, la cultura, il modello economico che caratterizzano il popolo veneto, esprimendo una grande ammirazione per la nostra terra.
    “Lo dico sempre ai miei amici, agli imprenditori come a chi fa politica: dobbiamo imparare dal Veneto” ci disse.
    Dopo una decina d’anni, ho l’impressione che siamo noi Veneti a dover imparare, e molto, dai catalani. E credo che uno dei “segreti” del modello e del successo catalano sia dovuto anche al fatto che in Catalunya i partiti politici sono autonomi.
    Perché, caro Direttore, io sono convinto che il federalismo oltre ad essere una dottrina politica sia anche una filosofia di vita. E il federalista si comporta da tale in tutti gli ambiti. E allora, perchè tutti questi veneti, federalisti a parole, non incominciano una battaglia federalista all’interno dei loro partiti? Perchè i veneti che militano nei partiti italiani continuano a subire lo strapotere delle segreterie romane e lombarde? Perché le liste alle ultime politiche sono state fatte in quella maniera vergognosa che tutti conosciamo? E’ possibile che il segretario regionale veneto venga rimosso da Roma (o da Milano) con un fax o con un sms? E’ federalismo questo?
    La battaglia per l’autonomia del Veneto incomincia anche all’interno dei partiti italiani. E quando avremo partiti veneti federati con quelli italiani le cose potranno cambiare. In meglio. Basta guardare a quello che succede in Catalunya e in Baviera.
    Ettore Beggiato

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Obama for president
    Data Registrazione
    10 Apr 2003
    Località
    Venezia
    Messaggi
    29,096
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    non si può non essere d'accordo

  3. #3
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Beggiato al ga rezù de ènt.

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    06 May 2005
    Località
    Bassa Brianza
    Messaggi
    712
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    una giusta analisi

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    17,464
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    perfetta analisi del consigliere provinciale di Progetto Nord Est.

  6. #6
    Armin
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ambrosini Visualizza Messaggio
    La battaglia per l’autonomia del Veneto incomincia anche all’interno dei partiti italiani. E quando avremo partiti veneti federati con quelli italiani le cose potranno cambiare. In meglio. Basta guardare a quello che succede in Catalunya e in Baviera.
    Ettore Beggiato
    Non succederà. Qui c'è un fattore unico al mondo, caro a chi gestisce il potere a livello planetario: si chiama italia.
    L'italia cesserà di esistere quando verrà distrutta dal suo creatore o dai suoi nemici. Ma questi devono essere forti, compatti e uniti.

  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Messaggi
    4,076
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    buon spunto.
    tra l'altro ho eltto che anche in Lombardia molti della margherita si sono espressi per un partito democratico del Nord, autonomo da quello "nazionale".

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 03-07-10, 17:35
  2. Italia: Stato Federale?
    Di Lucio Vero nel forum Destra Radicale
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 28-07-09, 16:07
  3. L'italia Non Sara' Mai Uno Stato Federale
    Di ambrosini nel forum Veneto
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 30-09-06, 18:38
  4. STASERA L'ITALIA NON SARà PIù UNO STATO DI DIRITTO
    Di anton nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 20-07-05, 15:44

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226