User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito PMI venete contro la spedizione prodiana in cina

    LaPadaniaOnline.com

    Secondo un sondaggio, i piccoli imprenditori veneti ritengono che il viaggio non avrà effetti positivi

    PMI CONTRO LA SPEDIZIONE CINESE
    filippo poletti

    Le pmi sono assolutamente insoddisfatte della recente missione istituzionale del Governo in Cina. A rivelarlo è stato un sondaggio di Panel Data, l’istituto veneto di sondaggi di Padova, su un campione di oltre 500 imprese manifatturiere.
    Le piccole imprese venete ritengono che il viaggio cinese del presidente del Consiglio Romano Prodi, dei ministri Emma Bonino, Antonio Di Pietro e Fabio Mussi e del viceministro Sergio D’Antoni abbia avuto successo solo per la grande industria, e che comunque ci si sia mossi troppo tardi. Per contrastare la concorrenza estera - hanno dichiarato gli imprenditori del Nordest - si deve agire su leve interne quali la riduzione del costo del lavoro e sulle politiche a sostegno del made in Italy.
    E pensare che per Prodi «l’Italia - ha dichiarato durante i colloqui avuti con... ...il governatore Liang Baohua e le autorità della provincia di Jiangsu - vuole essere in Europa la porta dell’Asia, grazie ai suoi vantaggi logistici, economici e culturali».
    Di tutt’altra idea sono gli imprenditori: solo uno su cinque ha espresso un giudizio positivo sulla missione economica recentemente conclusa. Ciò che si augurano, in concreto, è che siano stati stabiliti accordi per cui possa diminuire il flusso in ingresso dei prodotti cinesi.
    Oltre un terzo degli intervistati giudica la missione compiuta un aiuto solo alle grandi imprese o quantomeno unicamente a quelle che hanno partecipato agli incontri. Sono elementi, questi, che - commenta Panel Data - devono far riflettere, anche alla luce del fatto che oltre la metà delle piccole imprese venete subisce in maniera abbastanza rilevante la concorrenza dei mercati asiatici.
    Tra le problematiche a cui si devono trovare efficaci soluzioni in tempi rapidi le piccole imprese individuano la delocalizzazione produttiva delle grandi e medie aziende, che rischia di mettere a repentaglio in molti casi la qualità e dunque l’appetibilità dei prodotti made in Italy sui mercati internazionali. In questo senso, la riduzione del costo del lavoro appare per quattro imprese su dieci un intervento indispensabile per porre freno a questo fenomeno, che impoverisce il tessuto locale sia dal punto di vista occupazionale che imprenditoriale.
    Allo stesso tempo, per evitare la fuga delle aziende all’estero, si dovrebbero adottare strumenti per salvaguardare il prodotto made in Italy, adottando politiche protezionistiche che ostacolino la circolazione di merci di scarsa qualità a prezzi bassissimi. Più che di dazi, si parla dunque di definire regolamenti certi, condivisi e approvati a livello internazionale, che mettano tutti gli attori imprenditoriali sullo stesso piano competitivo.
    Di fronte alla presenza sempre più ingombrante dei Paesi asiatici nei mercati internazionali, la differenziazione del prodotto appare la strategia più diffusa e maggiormente percorribile nella piccola impresa, a cui non resta altro che puntare su una maggiore specializzazione produttiva e sul mantenimento del livello elevato della qualità dei prodotti.
    «La denuncia degli imprenditori veneti alle istituzioni - sottolineano i ricercatori di Panel Data - fa perno soprattutto sulla mancata attenzione verso la realtà della piccola impresa e sul ritardo con cui ci si è mossi prima di poter stabilire rapporti commerciali di interesse collettivo. Le strategie che si intendono adottare devono essere dunque accompagnate da interventi interni, che consentano alle imprese italiane di aumentare la competitività a livello internazionale».
    Chi, invece, si è mosso con largo anticipo è stata la grande industria. La prima tappa della visita del Governo - in programma lo scorso 13 settembre - ha avuto un focus fortemente industriale, imperniato sull’apertura del Forum Economico Confindustria-Ice-Abi e sulla firma dell’accordo di costituzione di una joint venture tra Iveco e Nac. Accanto alla delegazione governativa c’era, infatti, quella imprenditoriale guidata dal presidente di Confindustria Luca Cordero di Montezemolo e dal presidente dell’Abi Corrado Faissola, con tra gli altri l’amministratore delegato del gruppo Fiat Sergio Marchionne.
    Non è un caso, infatti, che il premier abbia presenziato alla firma dell’accordo di costituzione della joint venture tra Iveco e Nac che permetterà alla neonata Naveco di acquisire la Yuejin Truck. L’accordo, insieme a quello con la Saic firmato a Pechino lo scorso 18 settembre, è parte di un ampio piano di sviluppo di Iveco in Cina. Lo stesso Prodi, successivamente, si è recato in visita agli stabilimenti Fiat in Cina, dove il gruppo italiano è presente in Jiangsu dagli anni Settanta con investimenti per oltre un miliardo di dollari: nel quartier generale d’Oriente del gruppo piemontese il leader della maggioranza ha assistito alla cerimonia di presentazione del nuovo modello della marca torinese, la Perla, realizzata appositamente per il mercato asiatico. Un omaggio ufficiale, questo, alla grande industria.

    [Data pubblicazione: 23/09/2006]

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    giovanni.fgf
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da FdV77 Visualizza Messaggio
    LaPadaniaOnline.com


    Secondo un sondaggio, i piccoli imprenditori veneti ritengono che il viaggio non avrà effetti positivi

    PMI CONTRO LA SPEDIZIONE CINESE
    filippo poletti

    Le pmi sono assolutamente insoddisfatte della recente missione istituzionale del Governo in Cina. A rivelarlo è stato un sondaggio di Panel Data, l’istituto veneto di sondaggi di Padova, su un campione di oltre 500 imprese manifatturiere.
    Le piccole imprese venete ritengono che il viaggio cinese del presidente del Consiglio Romano Prodi, dei ministri Emma Bonino, Antonio Di Pietro e Fabio Mussi e del viceministro Sergio D’Antoni abbia avuto successo solo per la grande industria, e che comunque ci si sia mossi troppo tardi. Per contrastare la concorrenza estera - hanno dichiarato gli imprenditori del Nordest - si deve agire su leve interne quali la riduzione del costo del lavoro e sulle politiche a sostegno del made in Italy.
    E pensare che per Prodi «l’Italia - ha dichiarato durante i colloqui avuti con... ...il governatore Liang Baohua e le autorità della provincia di Jiangsu - vuole essere in Europa la porta dell’Asia, grazie ai suoi vantaggi logistici, economici e culturali».
    Di tutt’altra idea sono gli imprenditori: solo uno su cinque ha espresso un giudizio positivo sulla missione economica recentemente conclusa. Ciò che si augurano, in concreto, è che siano stati stabiliti accordi per cui possa diminuire il flusso in ingresso dei prodotti cinesi.
    Oltre un terzo degli intervistati giudica la missione compiuta un aiuto solo alle grandi imprese o quantomeno unicamente a quelle che hanno partecipato agli incontri. Sono elementi, questi, che - commenta Panel Data - devono far riflettere, anche alla luce del fatto che oltre la metà delle piccole imprese venete subisce in maniera abbastanza rilevante la concorrenza dei mercati asiatici.
    Tra le problematiche a cui si devono trovare efficaci soluzioni in tempi rapidi le piccole imprese individuano la delocalizzazione produttiva delle grandi e medie aziende, che rischia di mettere a repentaglio in molti casi la qualità e dunque l’appetibilità dei prodotti made in Italy sui mercati internazionali. In questo senso, la riduzione del costo del lavoro appare per quattro imprese su dieci un intervento indispensabile per porre freno a questo fenomeno, che impoverisce il tessuto locale sia dal punto di vista occupazionale che imprenditoriale.
    Allo stesso tempo, per evitare la fuga delle aziende all’estero, si dovrebbero adottare strumenti per salvaguardare il prodotto made in Italy, adottando politiche protezionistiche che ostacolino la circolazione di merci di scarsa qualità a prezzi bassissimi. Più che di dazi, si parla dunque di definire regolamenti certi, condivisi e approvati a livello internazionale, che mettano tutti gli attori imprenditoriali sullo stesso piano competitivo.
    Di fronte alla presenza sempre più ingombrante dei Paesi asiatici nei mercati internazionali, la differenziazione del prodotto appare la strategia più diffusa e maggiormente percorribile nella piccola impresa, a cui non resta altro che puntare su una maggiore specializzazione produttiva e sul mantenimento del livello elevato della qualità dei prodotti.
    «La denuncia degli imprenditori veneti alle istituzioni - sottolineano i ricercatori di Panel Data - fa perno soprattutto sulla mancata attenzione verso la realtà della piccola impresa e sul ritardo con cui ci si è mossi prima di poter stabilire rapporti commerciali di interesse collettivo. Le strategie che si intendono adottare devono essere dunque accompagnate da interventi interni, che consentano alle imprese italiane di aumentare la competitività a livello internazionale».
    Chi, invece, si è mosso con largo anticipo è stata la grande industria. La prima tappa della visita del Governo - in programma lo scorso 13 settembre - ha avuto un focus fortemente industriale, imperniato sull’apertura del Forum Economico Confindustria-Ice-Abi e sulla firma dell’accordo di costituzione di una joint venture tra Iveco e Nac. Accanto alla delegazione governativa c’era, infatti, quella imprenditoriale guidata dal presidente di Confindustria Luca Cordero di Montezemolo e dal presidente dell’Abi Corrado Faissola, con tra gli altri l’amministratore delegato del gruppo Fiat Sergio Marchionne.
    Non è un caso, infatti, che il premier abbia presenziato alla firma dell’accordo di costituzione della joint venture tra Iveco e Nac che permetterà alla neonata Naveco di acquisire la Yuejin Truck. L’accordo, insieme a quello con la Saic firmato a Pechino lo scorso 18 settembre, è parte di un ampio piano di sviluppo di Iveco in Cina. Lo stesso Prodi, successivamente, si è recato in visita agli stabilimenti Fiat in Cina, dove il gruppo italiano è presente in Jiangsu dagli anni Settanta con investimenti per oltre un miliardo di dollari: nel quartier generale d’Oriente del gruppo piemontese il leader della maggioranza ha assistito alla cerimonia di presentazione del nuovo modello della marca torinese, la Perla, realizzata appositamente per il mercato asiatico. Un omaggio ufficiale, questo, alla grande industria.

    [Data pubblicazione: 23/09/2006]
    sono appena tornato da un viaggetto in SudTirol e Trentino , dove ho incontrato gente molto interessante per la lotta dei popoli dell'area Alpina , e vi diro che parlando con loro della diversita con la "bassà" una cosa é stata comune a tutti , che l' imprenditoria ( se non artigianale) e da sempre contro le autonomie , e le lotte che portano avanti sono sempre e solo per loro uso interno...

    con ossequi.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 22-02-12, 14:52
  2. Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 13-09-10, 12:56
  3. Raixe Venete (radici venete)
    Di albertsturm nel forum Fondoscala
    Risposte: 54
    Ultimo Messaggio: 27-05-08, 01:09
  4. Spedizione punitiva naziskin contro immigrato
    Di Kranzler II nel forum Destra Radicale
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 25-05-08, 10:04
  5. A Livorno Il Riveglio : Spedizione Contro Immigrato
    Di TESTUDO nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-11-07, 14:22

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226