Tripudio rosanero al ‘Barbera’, dove il Palermo gioca una gara perfetta e si impone sul West Ham con un indiscutibile 3-0 (doppietta di Simplicio e gol di Di Michele) che, unito alla vittoria di misura dell’andata, vale il passaggio del turno per gli uomini di Guidolin.
Serata di passione ed emozioni per i ventimila del ‘Barbera’, accorsi per aiutare i rosanero a difendere il prezioso 1-0 conquistato ad ‘Upton Park’. Guidolin manda in campo l’undici ‘tipo’, sostituendo l’infortunato Biava con Zaccardo, il cui posto sulla fascia è preso da Cassani, e Pardew risponde con la formazione annunciata alla vigilia, con la sola sorpresa di Cole al posto di Zamora. La gara è frizzante sin dai minuti iniziali e le squadre si affrontano a viso aperto: Tevez, Di Michele, Konchesky, Simplicio e Harewood regalano le prime emozioni, ma la più forte al 22’ la procura l’arbitro che non sanziona un dubbio intervento di Carroll su Di Michele al termine di una ubriacante serpentina dell’attaccante di Guidonia. Le proteste degli uomini di Guidolin e del pubblico non fanno cambiare idea al direttore di gara greco, ma svegliano i rosa che per qualche minuto pressano nella loro metà campo gli inglesi; gli Hammers reagiscono con veemenza e, intorno al 28’, fanno venire i brividi a Fontana con due conclusioni di Cole e Konchesky. Al 30’ Caracciolo prova a rispondere scaldando le mani a Carroll in rovesciata su un cross dalla destra di Bresciano, quindi Harewood, Cole e Collins costringono l’esperto estremo rosa agli straordinari. Quando il Palermo sembra soffrire arriva il colpo di scena: Diana al 35’ guadagna una punizone che Corini appoggia centralmente a Simplicio, il brasiliano conclude rasoterra e fulmina Carroll, portando la squadra di casa in vantaggio per l’1-0 nel tripudio generale. Da segnalare nei restanti minuti del primo tempo un’entrata assassina a palla lontana di Cole su Zaccardo, che l’arbitro sanziona con l’ammonizione (inspiegabilmente comminata anche a Corini, reo di avere protestato per il fallo), e un fuorigioco inesistente fischiato a Di Michele, che si era involato da solo verso la porta.
Nel secondo tempo il Palermo scende in campo arrabbiato per i torti subiti e si fa vedere già al 3’ con Bresciano e all’8 con Zaccardo, a cui risponde Carroll, quindi dà il via ai giochi pirotecnici: al 17’ Di Michele sulla destra supera un avversario e serve al centro Simplicio che, con un preciso pallonetto, supera Carroll portando il risultato sul 2-0, poi Diana impensierisce l’estremo londinese da pochi passi, infine al 23’ Di Michele, imbeccato da Corini, scatta sul filo del fuorigioco e trafigge il portiere degli ‘Hammers’ con un preciso rasoterra dopo trentacinque metri di fuga. Sul 3-0 il Palermo gioca sul velluto e contiene i pochi sprazzi degli inglesi, tra cui quelli di Spector al 36’ e del neo entrato Sheringham al 41’, facendosi vedere con qualche puntatina dalle parti di Carroll, come al 44’ con la conclusione di Caracciolo, che manca di poco la porta. Ma il risultato non cambia: i rosanero sconfiggono il West Ham per 3-0 e accedono così alla fase a gironi della Coppa Uefa, che prenderà il via giovedi 19 ottobre. Sorteggio il 3 ottobre alle 13 a Nyon.

http://www.ilpalermocalcio.it/it/060...da.jsp?id=5928