User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 29
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Jun 2003
    Località
    Umbria. Dove regna "Il Capitale" oggi più spietatamente. Votano la guerra, parlano di pace... sinistra "radikale", sei peggio dell'antrace ! Breaking news: (ri)nasce il partito dell'insurrezione !
    Messaggi
    8,772
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Elezioni di Pol - Esmor e PSN

    Invito chi fosse interessato a votare Esmor (il sottoscritto) candidato nella lista del partito socialista nazionalitario per le elezioni di Pol.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    .
    Data Registrazione
    13 Sep 2006
    Località
    I marxisti al potere significherà sempre: gli anarchici in prigione.
    Messaggi
    73
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    io questa cosa delle elezioni non la capisco a parte che invitare degli anarchici a votare..........mah
    ma cmq a che servono ste elezioni? cioè che fate? mica l'ho capito.....cmq per chi partecipa la trovo una gran perdita di tempo boh

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    11,189
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lucrezia666 Visualizza Messaggio
    io questa cosa delle elezioni non la capisco a parte che invitare degli anarchici a votare..........mah
    ma cmq a che servono ste elezioni? cioè che fate? mica l'ho capito.....cmq per chi partecipa la trovo una gran perdita di tempo boh
    Lucrezia delle volte mi chiedo se tu abbia mai provato ad approfondire la storia del movimento anarchico in ogni sua forma e aspetto. Bisogna distinguere tra voto democratico rappresentativo e voto democratico diretto. Sono due cose diverse. Capisco l'idealizzazione del termine anarchia ma quando l'anarchia cala sulla terra diventa anarchismo ed è tutta un altra cosa.
    E comunque Lucrezia è un cazzo di gioco, non è la vita.

    A luta continua

  4. #4
    .
    Data Registrazione
    13 Sep 2006
    Località
    I marxisti al potere significherà sempre: gli anarchici in prigione.
    Messaggi
    73
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    eeeeeeee infatti ho chiesto a cosa servono ste elezioni e che cosa fate???? se magari qualcuno me lo spiega.........cmq non esiste anarchia dove si votano persone........in anarchia si votano idee non persone

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    11,189
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lucrezia666 Visualizza Messaggio
    eeeeeeee infatti ho chiesto a cosa servono ste elezioni e che cosa fate???? se magari qualcuno me lo spiega.........cmq non esiste anarchia dove si votano persone........in anarchia si votano idee non persone
    nell'anarchia forse, nell'anarchismo si votano persone o pensi di poter dire in una democrazia diretta alle idee cosa debbano fare? Non essere retorica. Cerchiamo di essere anche concreti. Nelle fabbriche autogestite argentine i lavoratori eleggono degli organi collegiali formati da persone non da idee, e così nel Chiapas zapatista o a Porto Alegre.

    Per quanto riguarda le elezioni di POL non so che dirti. Io non ho mai preso parte al gioco.

    A luta continua

  6. #6
    .
    Data Registrazione
    13 Sep 2006
    Località
    I marxisti al potere significherà sempre: gli anarchici in prigione.
    Messaggi
    73
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    in argentina mica cè l'anarchia che casso dici
    in anarchia non si vota nessun rappresentante ci sono dei collettivi dove si votano le regole leggi chiamale come vuoi,se fosse come dici tu allora che differenza ci sarebbe tra l'anarchia o il comunismo o il socialismo etc? nessuno quindi no ga senso quello che dici

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    11,189
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lucrezia666 Visualizza Messaggio
    in argentina mica cè l'anarchia che casso dici
    in anarchia non si vota nessun rappresentante ci sono dei collettivi dove si votano le regole leggi chiamale come vuoi,se fosse come dici tu allora che differenza ci sarebbe tra l'anarchia o il comunismo o il socialismo etc? nessuno quindi no ga senso quello che dici

    Ma tu conosci la realtà delle fabbriche autogestite dell'Argentina post-Menem o no? Perchè altrimenti non ha senso parlare. C'è un film-documentario molto istruttivo a riguardo, si intitola the take-la presa.
    Ed ora ecco un articolo tratto da anarchism in action sui rapporti tra anarchia, zapatismo e democrazia diretta:

    La democrazia diretta è diversa dalla democrazia parlamentare sotto molti aspetti importanti:
    • La democrazia diretta riguarda tanto esprimere idee quanto approvarle. Nella democrazia parlamentare al popolo non viene mai chiesto quali idee abbia: viene solo richiesto alla gente di “approvare” o “disapprovare” idee già preparate per loro. In questo senso la democrazia diretta è radicalmente diversa. La democrazia diretta si basa sulla nozione realistica che “il popolo sa come occuparsi al meglio della propria condizione”. Non abbiamo bisogno di specialisti che ci dicano come gestire i nostri luoghi di lavoro o le nostre comunità. Gli anarchici ritengono che siamo capaci di farlo noi stessi. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno sono le risorse e il diritto di comportarci in questo modo. La democrazia diretta è il metodo.
    • La democrazia diretta si basa sulla delega e non sulla rappresentatività. La differenza cruciale tra delega e rappresentatività è che i delegati sono eletti solo per realizzare specifiche decisioni. I delegati non hanno il diritto di cambiare una decisione presa in precedenza da un’assemblea popolare. I delegati (a differenza dei rappresentanti) possono essere immediatamente revocati e sostituiti se non adempiono alla specifica funzione attribuita loro.
    • La democrazia diretta riguarda i luoghi di lavoro quanto la comunità. Nella democrazia parlamentare, il luogo di lavoro è “immune” dalla democrazia (eccetto per i diritti che i lavoratori hanno conquistato tramite i loro sindacati). Nella democrazia diretta il funzionamento di una fabbrica, di uno stabilimento o di un ufficio è gestito attraverso un’assemblea generale di tutti i lavoratori. Questa assemblea deciderà sulle condizioni di lavoro, eleggerà dirigenti revocabili e organizzerà il lavoro. Eleggerà anche delegati che si coordineranno con gli altri luoghi di lavoro e con la comunità esterna. Le organizzazioni regionali saranno gestite da una federazione de luoghi di lavoro tramite una struttura per delegati.
    Gli Zapatisti, l’anarchia e la “democrazia diretta”

    Letteralmente la democrazia diretta (al contrario del consenso, che a volte è confuso con la democrazia diretta) è un metodo per prendere decisioni dal basso che usa il voto come mezzo per arrivare alla decisione. La democrazia diretta su piccola scala può essere semplice, come un gruppo di persone che votano per alzata di mano o votano su delle schede per arrivare a una decisione. Le decisioni su larga scala nella democrazia diretta di solito sono prese sotto forma di “consigli” dei delegati diretti: il compito dei delegati è di rappresentare al consiglio la volontà del loro gruppo. Questi delegati sono revocabili, e possono in genere essere revocati per qualsiasi motivo che il gruppo di cui i delegati sono portavoce ritenga sufficiente.
    In democrazia diretta il risultato di voto che determina chi “vince” o “perde” è tipicamente a maggioranza (soprattutto quando si tratta di piccola scala). Ma per modificare le procedure di voo possono essere usati altri metodi, come forme di rappresentanza proporzionale o usare il voto per ottenere la maggioranza e poi utilizzare il consenso per incorporare i dissensi nella decisione finale. Nella democrazia diretta, chiunque può chiedere di votare su un determinato argomento e chiunque può chiedere la convocazione di un’assemblea, tuttavia un gruppo o un consiglio possono decidere e approvare delle linee guida per chiamare al voto e convocare le assemblee. L’articolo che segue descrive come gli Zapatisti hanno utilizzato la democrazia diretta.
    Dal 1994 il movimento Zapatista ha costruito un sistema di democrazia diretta. Hanno formato una rete organizzativa e decisionale che coinvolge centinaia di migliaia di persone. Ci sono 32 municipalità dei ribelli, ognuna che comprende dalle 50 alle 100 comunità. Più di 500.000 persone partecipano a questa rete decisionale. Ci sono cinque gruppi linguistici e ciò, aggiunto all’alta montagna, alla giungla e alle strade dissestate, rende difficile ogni forma di organizzazione libertaria. Eppure gli Zapatisti sembrano esserci riusciti.

    Assemblee di villaggio

    Le aree che gli Zapatisti organizzano apertamente sono rurali e estremamente povere. Tipiche sono le piccole comunità che vanno da una dozzina a oltre 100 famiglie, costrette a vivere lavorando la terra senza l’ausilio dei moderni macchinari agricoli. Molti uomini devono lavorare fuori dal villaggio, nelle città vicine o addirittura negli Usa. Nei villaggi le uniche presenze politiche sono quelle della Chiesa cattolica, nella variante locale della “teologia della liberazione”, e dello stesso EZLN.
    Diez de Abril è una nuova comunità nata nei territori espropriati nel 1995. Ne fanno parte le stesse persone che lavoravano quella terra prima della ribellione. Si ono riuniti in assemblea prima di prendere possesso della terra, hanno deciso come dividersi la terra e hanno sceltodi chiamare la nuova comunità “Diez de Abril” in riferimento al giorno (il 10 aprile 1919) in cui Zapata venne assassinato.
    La consueta assemblea settimanale avviene dopo o durante la messa domenicale. E’ aperta a tutti e chiunque abbia più di 12 anni ha diritto di parola e di voto, anche se le votazioni sono molto rare. Questi incontri possono andare avanti per ore e in genere risolvono le questioni pratiche che riguardano il lavoro nella comunità o la spesa dei fondi comuni. Ci possono essere lunghissime discussioni per decidere se comprare un trattore o un camion. Se necessario si tengono altre assemblee durante la settimana. L’assemblea elegge dei delegati chiamati “responsibles” per coordinare il lavoro in particolari settori. Questi delegati sono a termine (da uno a due anni) e sono soggetti a revoca nel corso del mandato se si ritiene che non sguano il principio del “dirigere obbedendo” (lo slogan Zapatista che riguarda il mandato che hanno ricevuto).
    Ci sono anche dei collettivi che adempiono a particolari compiti nell’ambito della comunità. Sonoistituiti dall’assemblea, alla quale rispondono, ma sono autonomi. Tra i collettivi di Diez ce ne sono per il caffè, il bestiame, l’orticoltura, il pane, la sartoria e il pollame. Una parte della produzione di ogni collettivo va ai suoi membri, il sovrappiù va a un fondo comune centrale controllato dall’assemblea.

    CCRI

    Il Comitato Clandestino Rivoluzionario Indigeno è l’organismo che di fatto comanda l’esercito. Questo organismo(o meglio questi organismi, dato che ci sono anche dei CCRI regionali) è composto dai delegati delle comunità. Di per sé non è una struttura militare.
    A livello regionale può prendere decisioni che riguardano le comunità locali. Per esempio quando una comunità nella regione di Morella voleva occupare la terra poco dopo la ribellione “il locale” CCRI ordinò ai contadini di aspettare, in attesa di una definizione del problema della terra su scala regionale dopo il dialogo del 1994.
    In sé questo non è necessariamente un problema, se il CCRI è un organismo genuinamente per delegati. In molte situazioni rivoluzionarie è ragionevole bloccare settori di militanti se delle azioni premature potrebbero portare alla soppressione del movimento. In quel caso forse si può non essere d’accordo con la decisione presa, ma il problema è come e da chi è stata presa. Dalle popolazioni locali o da qualche incomprensibile organismo che agisce in loro nome?
    Un mese dopo l’insurrezione, il giornale liberale messicano “La Jornada”, che si occupa ampliamente degli Zapatisti, ha intervistato alcuni membri del CCRI. Uno di nome Isacc ha spiegato le responsabilità del CCRI:
    “ se la gente dice che un compagno membro del CCRI non sta facendo niente, che noi non rispettiamo il popolo o non facciamo quel che il popolo dice, allora significa che vuole sostituici…In questo senso, se qualche membro del CCRI non fa il suo lavoro, se non rispetta il popolo, beh compagni, qello non è il suo posto. E allora ci scuserà, ma dobbiamo mettere un altro al suo posto”.

    Quindi ora devo chiederlo io a te: che cazzo dici?

    A luta continua

  8. #8
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    08 May 2009
    Messaggi
    9,426
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il concetto di delega è applicato anche dalla Federazione Anarchica Italiana (celeberrima la sua Commissione di Corrispondenza).

    Differenza principale è che una democrazia parlamentare ti obbliga a delegare, altrimenti perdi il tuo diritto ad intervenire nella gestione della "cosa pubblica". Nel modello anarchico la delega non è fine a sè stessa, ma è solo un mezzo. I delegati possono infatti essere tolti dai propri posti ed è possibile in ogni momento adottare, se ritenuto migliore nell'ambito della "libera sperimentazione" di cui parla Fabbri, un modello decisionale non delegato.
    Ma il principio è che se io voglio delegare liberamente a qualcuno, non me lo si può impedire, così come se io non voglio delegare.
    Per non parlare poi di chi giustamente si vuol fare i cazzi propri.

  9. #9
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    11,189
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Mat Kava Visualizza Messaggio
    Il concetto di delega è applicato anche dalla Federazione Anarchica Italiana (celeberrima la sua Commissione di Corrispondenza).

    Differenza principale è che una democrazia parlamentare ti obbliga a delegare, altrimenti perdi il tuo diritto ad intervenire nella gestione della "cosa pubblica". Nel modello anarchico la delega non è fine a sè stessa, ma è solo un mezzo. I delegati possono infatti essere tolti dai propri posti ed è possibile in ogni momento adottare, se ritenuto migliore nell'ambito della "libera sperimentazione" di cui parla Fabbri, un modello decisionale non delegato.
    Ma il principio è che se io voglio delegare liberamente a qualcuno, non me lo si può impedire, così come se io non voglio delegare.
    Per non parlare poi di chi giustamente si vuol fare i cazzi propri.
    Ecco in questo sono perfettamente daccordo.

    A luta continua

  10. #10
    RenzoAudisio
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lucrezia666 Visualizza Messaggio
    io questa cosa delle elezioni non la capisco a parte che invitare degli anarchici a votare..........mah
    ma cmq a che servono ste elezioni? cioè che fate? mica l'ho capito.....cmq per chi partecipa la trovo una gran perdita di tempo boh
    Queste elezioni non servono ad un cacchio, è una pura esercitazione di democrazia virtuale, a fini educativi... PUAH!
    come lessi anni fa' su un muro di Beausoleil, scritta sicuramente da Anarchici Francesi:

    Élections pièges à cons !
    (elezioni trappole per minchioni)

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Esmor-democrazia
    Di Esmor nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 09-07-06, 01:01
  2. Buon compleanno Esmor
    Di pensiero nel forum Fondoscala
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 17-08-05, 13:40
  3. Esmor Grazie mille
    Di italianuova2 nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 22-12-04, 00:52
  4. x Winston/Esmor...
    Di Skarm nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-07-04, 17:55
  5. X Esmor/Winston...
    Di Skarm nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-07-04, 16:37

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225