User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    Barbudo
    Ospite

    Predefinito U$A vs Korea: prove di guerra mondiale?

    Pronta la lista delle sanzioni stilata da Washington: si parte con l'embargo Nord Corea, si pensa già a intervento militare Asse Giappone - Stati Uniti per una risoluzione Onu che preveda anche l'uso della forza. Pyongyang: siamo pronti a lanciare missili STRUMENTIVERSIONE STAMPABILEI PIU' LETTIINVIA QUESTO ARTICOLO

    Il leader nordcoreano Kim Jong Il con alcuni militari (Ansa)
    NEW YORK (Stati Uniti) - All'indomani del test nucleare effettuato dalla Corea del Nord, la comunità internazionale è sull'orlo di una nuova grande crisi. Dopo le condanne e le prese di posizione contro i programma atomico di Pyongyang, arrivate dai vari continenti, e dopo che il caso è stato affrontato dal consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, già si parla di possibili sanzioni nei confronti del regime di Kim Jong Il. Ma c'è anche chi si spinge oltre: il Giappone, in qualità di presidente di turno del Consiglio di sicurezza dell'Onu, secondo l'agenzia di stampa Kyodo che cita fonti diplomatiche nipponiche al Palazzo di Vetro, intende adoperarsi assieme agli Stati Uniti per aprire la strada a un intervento militare.
    «PRONTI CON I MISSILI» - Dal canto suo la Corea del Nord non resta in silenzio: una fonte governativa citata dall'agenzia sudcoreana Yonhap avrebbe infatti affermato che il suo paese è pronto a lanciare missili con testate nucleari. Le dichiarazioni sono state raccolte a Pechino e attribuite a un funzionario che ha chiesto di non essere identificato, il quale avrebbe auspicato che gli Stati Uniti avviino colloqui diretti con Pyongyang, facendo concludere la crisi «prima dell'infausta situazione in cui la Corea del Nord lanci missili nucleari». «Quel che vogliamo è la sicurezza della Corea del Nord, ivi compresa una garanzia per il nostro regime», ha aggiunto la fonte. Il funzionario ha riproposto la tesi secondo cui il principale obiettivo di Pyongyang è di ottenere contatti con gli Stati Uniti, in un colloquio diretto verso cui Washington ha sempre dimostrato la massima riluttanza.

    Il presidente Usa, George W. Bush, durante le dichiarazioni alla Casa Bianca sui test nordcoreani (Ansa)
    LA RISOLUZIONE ONU - Sul fronte diplomatico internazionale, secondo quanto risulta all'agenzia Kyodo, il Consiglio dovrebbe adottare in tempi brevi una risoluzione di condanna della Corea del Nord contenente un riferimento all'articolo 7 della Carta dell'Onu, che prevede sanzioni internazioni e la possibilità di un intervento armato. Il presidente americano George W. Bush in una dichiarazione video ha definito il test atomico nordcoreano «una provocazione e una minaccia» annunnciano che «la comunità internazionale risponderà a Pyongyang». Anche la Cina, principale ex alleato di Pyongyang, si è pronunciata per una «ferma reazione» al test atomico, pur auspicando che sia ancora possibile mantenere aperta la porta per un dialogo.
    LE PROPOSTE USA - Gli Stati Uniti hanno invece già fatto circolare una bozza del testo da sottopore alle Nazioni Unite che prevede tra l'altro l’embargo commerciale di materiali che potrebbero essere usati per costruire o trasportare armi di distruzione di massa; il divieto per la Corea del Nord di usare il proprio territorio per la proliferazione di attività illecite; l'embargo a transazioni economiche che possano consentire alla Corea del Nord di finanziare i propri programmi di armamento; la richiesta alla comunità internazionale di congelare gli asset collegabili con il programma di armamento e missilistico della Corea del Nord e qualsiasi altra attività illecita. Gli Usa vorrebbero poi che fosse consentita l’ispezione di tutti i cargo diretti o in partenza dalla Corea del Nord per limitare proliferazione di armamenti. Infine Washington chiede l'embargo anche per il commercio di beni di lusso di dispositivi militari.

    Ban Ki Moon, ministro degli Esteri della Corea del Sud e prossimo segretario generale dell'Onu (Ansa)
    DEBUTTO CON CRISI - La crisi nordcoreana sarà la prima questione scottante che sarà chiamato ad affrontare Ban Ki Moon, ministro degli esteri sudcoreano e già designato quale successore di Kofi Annan alla carica di segretario generale dell'Onu. «Per me dovrebbe essere ora un momento di gioia, ma il mio cuore invece è molto gravato dalla crisi», ha dichiarato il ministro dopo avere appreso a Seoul le notizie da New York sulla sua designazione. Ban, che ha 62 anni ed è noto per il suo equilibrio e la sua cautela, ha detto che l'esperimento atomico compiuto ieri da Pyongyang non può non essere considerato un atto provocatorio, una sfida alle intese per la denuclearizzazione della Corea e alla recente condanna dell'Onu per gli ultimi test missilistici nordcoreani. Il ministro ha espresso grave preoccupazione tanto per il programma nucleare nordocreano quanto per quello iraniano, e ha aggiunto che conta di lavorare strenuamente per una soluzione di entrambe le crisi.
    10 ottobre 2006

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Hrodland
    Ospite

    Predefinito

    Fin quando Kim Jong Il non romperà le scatole all'AIPAC ed alla JINSA, potrà starsene in santa pace, che gli USA non gli romperanno le scatole.

    Al massimo potrebbe starci una guerra "locale" con Corea del Sud, Giappone, e/o Cina.

  3. #3
    Barbudo
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Hrodland Visualizza Messaggio
    Fin quando Kim Jong Il non romperà le scatole all'AIPAC ed alla JINSA, potrà starsene in santa pace, che gli USA non gli romperanno le scatole.

    Al massimo potrebbe starci una guerra "locale" con Corea del Sud, Giappone, e/o Cina.

    E sarebbe comunque un dramma, per quanto penso, diversamente da te, che sia molto difficile che cinesi o giapponesi si infilino nel pantano.
    Embargare la Korea o minacciarla di un attacco armato, significa al 90% innescare un detonatore che rischia di incendiare il mondo. Non è l'Iran che non ha nemmeno l'acqua per bere, figuriamoci le armi nucleari, queli i test lì fanno e se non si sentono minacciati non si muovono. Dipende dall'atteggiamento degli alleati.

  4. #4
    Hrodland
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Barbudo Visualizza Messaggio
    E sarebbe comunque un dramma, per quanto penso, diversamente da te, che sia molto difficile che cinesi o giapponesi si infilino nel pantano.
    Embargare la Korea o minacciarla di un attacco armato, significa al 90% innescare un detonatore che rischia di incendiare il mondo. Non è l'Iran che non ha nemmeno l'acqua per bere, figuriamoci le armi nucleari, queli i test lì fanno e se non si sentono minacciati non si muovono. Dipende dall'atteggiamento degli alleati.
    Se cinesi e giapponesi non si infilano nel pantano, tanto meglio: vuol dire che non ci sarà guerra.

    Per il resto, se la Corea del Nord è potenzialmente più pericolosa, nella pratica non potrà far nulla: vicino ha solo nemici, ed al massimo potrà fare la fantasiosa alleanza con Venezuela, Bielorussia ed Iran (il sogno di certuni...), che per essere sconfitte basta il solo Regno Unito...

  5. #5
    RibelleSano
    Ospite

    Predefinito

    Ma le due Coree non vorrebbero riunirsi?

  6. #6
    Hrodland
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da RibelleSano Visualizza Messaggio
    Ma le due Coree non vorrebbero riunirsi?
    Sì, si vorrebbero riunire, la gente (specie nella Corea del Sud) desidera tornare ad una Corea unita.

    Tra l'altro, a differenza dei massonomaniaci, a me non stanno antipatici i coreani del sud (così come desidero che i coreani del nord si liberino finalmente della dittatura); un pò di tempo fa avevo anche scritto un articolo sulla Corea del Sud:

    http://www.liberavox.splinder.com/po...a+Corea+libera

  7. #7
    Pasdar
    Data Registrazione
    25 Sep 2004
    Località
    Padova
    Messaggi
    46,771
    Mentioned
    106 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito

    L'incubo del collasso
    La determinazione di Kim Jong-Il nel dimostrare la sua potenza missilistica e nucleare è segno della sua debolezza.

    Lo scalpore destato dalle prove missilistiche e dalla politica del «rischio calcolato» sul nucleare di Kim Jong-Il offusca la vera minaccia: la prospettiva del collasso catastrofico della Corea del Nord. Il modo con cui si conclude il regime potrebbe determinare l'equilibrio del potere in Asia per decenni. Chi sarebbe il probabile vincitore? La Cina. La determinazione di Kim Jong-Il nel dimostrare la sua potenza missilistica e nucleare è segno della sua debolezza.
    Contrariamente alla percezione popolare negli Stati Uniti, Kim non rimane sveglio la notte per la preoccupazione di cosa gli americani potrebbero fargli; piuttosto, è la Cina a inquietarlo. Lui sa che i cinesi si sono sempre interessati di più della geografia della Corea del Nord — con le sue più numerose aperture verso il mare nelle vicinanze della Russia — che della sopravvivenza a lungo termine del suo regime (come gli Usa, anche quando vogliono che il regime sopravviva, i cinesi hanno per la Corea del Nord progetti che non contemplano il «Caro Leader»). Uno degli obiettivi principali di Kim è di obbligare gli Stati Uniti a negoziare direttamente con lui, facendo così sembrare più forte il suo Stato in realtà infiacchito. Più forte sembrerà Pyongyang, migliore sarà la sua posizione nei negoziati cruciali con Pechino — che è ciò che importa di più a Kim.
    Per lo sbigottimento di Kim, la risposta americana alle sue recenti prove missilistiche non è stata altro che un'alzata di spalle. Il presidente George W. Bush inviò Christopher Hill, il suo vice Segretario di Stato per gli affari nell'Asia dell'Est e nel Pacifico, nella regione invece del Segretario di Stato Condoleezza Rice. Ero nella Corea del Sud quando venivano sparati i missili e c'erano pochi segni di allarme nelle basi Usa in Corea. Ai piloti di diverse squadriglie combattenti fu detto di non eccedere col bere nelle loro giornate libere nel caso dovessero essere richiamati — ma la cosa non andò oltre.
    Ciò che dovrebbe far concentrare gli strateghi americani non sono tanto i test di Kim ma piuttosto che cosa dice della stabilità del suo regime la decisione di effettuarli. Ufficiali Usa dei livelli medi e medio-alti di stanza nella Corea del Sud e in Giappone si stanno preparando per un collasso della Corea del Nord — la qual cosa, entro pochi giorni o persino ore dal fatto, metterebbe il mondo, in verità l'esercito americano, di fronte alla più grande operazione di stabilizzazione dalla Seconda guerra mondiale. «Sarebbe la madre di tutte le operazioni umanitarie di soccorso», mi ha detto il colonnello David Maxwell delle forze speciali dell'esercito. Kim Jong-Il oggi è responsabile di un popolo di 23 milioni sull'orlo della fame; un giorno potrebbe doversene occupare l'esercito statunitense, poi costretto magari a trovare un accordo con l'esercito cinese.

    LE SETTE FASI DEL COLLASSO — Robert Collins, un maresciallo dell'esercito in pensione e attualmente un esperto delle zone civili per l'esercito Usa nella Corea del Sud, mi ha delineato sette fasi del possibile collasso del Nord: 1) impoverimento delle risorse. 2) impossibilità di mantenere le infrastrutture. 3) il formarsi di feudi indipendenti controllati da uomini dell'apparato appartenenti a partiti locali o da signori della guerra, e anche una corruzione molto estesa per aggirare un governo centrale indebolito; 4) la tentata soppressione di tali feudi da parte del regime 5) resistenza attiva nei confronti del governo centrale; 6) crollo del regime; 7) formazione di una nuova leadership nazionale.
    La Corea del Nord probabilmente ha raggiunto la fase 4 a metà degli anni '90 ma venne salvata dai sussidi della Cina e della Corea del Sud, e anche dagli aiuti umanitari degli Stati Uniti. Ora è ritornata alla Fase 3. Kim Jong-Il ha imparato un'importante lezione dalla caduta del regime della famiglia di Ceausescu in Romania: prima di tutto assumere il più completo controllo dell'esercito, ed è ciò che ha fatto. Ci sono state soltanto defezioni individuali di soldati della Corea del Nord verso il Sud; fughe più organizzate, di soldati che si parlino e non abbiano paura di essere denunciati dai compagni, non si sono verificate.
    Un disertore delle forze speciali del Nord mi ha detto che i soldati hanno terrore di parlare di politica con i loro commilitoni. Le forze speciali vivono bene, ma l'estrema povertà dei soldati comuni rende dubbia la loro lealtà a Kim Jong-Il in caso di guerra. Combatterebbero per difendere il regime se ci fosse una ribellione imprevista? L'esempio della Romania fa capire che dipende dalle circostanze: quando gli operai insorsero a Brasov nel 1987, l'esercito rumeno li schiacciò; quando i cittadini di etnia ungherese fecero la stessa cosa due anni dopo a Timisoara, l'esercito abbandonò il regime.

    SE PYONGYANG ATTACCA — Ma se, piuttosto che semplicemente sgretolarsi, il Nord sferrasse un attacco a sorpresa contro il Sud? Era più probabile due decenni fa, quando Kim Il-Sung comandava uno Stato più forte e le forze armate della Corea del Sud erano meno preparate. Tuttavia, il colonnello Maxwell e altri si stanno preparando a questa possibilità.
    Guidare in mezzo a Seul, una delle metropoli più grandi e congestionate del mondo, fa capire bene che un comune attacco di fanteria contro la capitale della Corea del Sud è qualcosa che nemmeno uno stupido potrebbe prendere in considerazione. Se il Nord dovesse attaccare, lo farebbe per «scioccare e creare timore» usando i suoi 13.000 pezzi di artiglieria per far cadere più di 300 mila bombe sulla capitale della Corea del Sud, dove vive quasi la metà dei 49 milioni di abitanti di tutto il Paese. La devastazione diffusa che ciò causerebbe sarebbe ampliata dalle forze di operazioni speciali della Corea del Nord, che si infiltrerebbero nel Sud per sabotare gli impianti idrici e i terminal ferroviari e di autobus. Nel contempo, l'Esercito del Popolo della Corea del Nord marcerebbe sulla città di Uijongbu, a nord di Seul, da dove attraverserebbe il fiume Han girando attorno a Seul ad est. La violenza sarebbe orrenda. Come parte dell'accordo per fermare il bagno di sangue, membri del regime potrebbero provare a negoziare la loro sopravvivenza.

    IL PERICOLO DI UNA REAZIONE MILITARE — Le mie fonti temevano che dopo i test missilistici di Pyongyang a Luglio, l'amministrazione Bush avrebbe potuto commettere l'errore di reagire militarmente - il che potrebbe essere stato proprio ciò che si augurava Kim Jong-Il poiché gli avrebbe permesso di raggiungere un primo obiettivo strategico: scindere l'alleanza fra la Corea del Sud e gli Usa Come potrebbe succedere? Dopo la risposta degli Stati Uniti in modo mirato nei confronti di lanci di missili o qualsiasi altra atrocità futura, il Nord inizierebbe un intensiva serie di tiri di sbarramento ad intervalli di cinque o dieci minuti sopra Seul, facendo morire americani e coreani nelle vicinanze della guarnigione di Yongsan («Dragon Mountain»), la Zona Verde militare americana nel cuore della città. Dal punto di vista politico, saremmo battuti. La sinistra della Corea del Sud darebbe la colpa agli Stati Uniti per la carneficina di Seul. Le Nazioni Unite e i media accuserebbero neanche troppo velatamente Washington per la crisi — e invocherebbero negoziati di pace. Con ciò, il regime acquisirebbe nuova linfa. Il che spiega perché alcuni esperti preferiscono una guerra economica contro il Nord. Smettetela di aiutare il regime con aiuti umanitari, dicono. Il popolo della Corea del Nord è stato sull'orlo della fame per decenni. La gente mangia la corteccia degli alberi. Basta con l'agonia. Date il vostro aiuto per il crollo del regime. Un problema di questa strategia è che potrebbe rendere le tremende opzioni militari della Corea del Nord più probabili: regimi come questo, nelle fasi ultime del collasso, tendono a comportarsi in modo irresponsabile, magari ricorrendo ad armi di distruzione di massa.

    Robert D. Kaplan
    «Non ti fidar di me se il cuor ti manca».

    Identità; Comunità; Partecipazione.

  8. #8
    Barbudo
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Hrodland Visualizza Messaggio
    Se cinesi e giapponesi non si infilano nel pantano, tanto meglio: vuol dire che non ci sarà guerra.

    Per il resto, se la Corea del Nord è potenzialmente più pericolosa, nella pratica non potrà far nulla: vicino ha solo nemici, ed al massimo potrà fare la fantasiosa alleanza con Venezuela, Bielorussia ed Iran (il sogno di certuni...), che per essere sconfitte basta il solo Regno Unito...

    A dirti il vero l'alleanza Bielorussia-Iran-Corea del Nord, in funzione anti-U$A , piace anche a me. Ovviamente io contesto l'utilizzo di armi nucleari come mezzo per fronteggiare lo stra-potere americano.

  9. #9
    Hrodland
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Barbudo
    A dirti il vero l'alleanza Bielorussia-Iran-Corea del Nord, in funzione anti-U$A , piace anche a me. Ovviamente io contesto l'utilizzo di armi nucleari come mezzo per fronteggiare lo stra-potere americano.
    Questa alleanza può essere simpatica, ma nella pratica non può portare a nulla. Bielorussia, Iran e Corea del Nord, in caso di guerra, avrebbero possibilità di vittoria solo se la Russia si alleasse con loro, o lasciasse passare le loro truppe (ma anche con questo la vittoria sarebbe difficile...). In caso contrario, l'alleanza sarebbe del tutto inutile a fini bellici.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-01-11, 00:52
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-12-10, 01:26
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-05-08, 00:34
  4. Prove Tecniche Per Un Governo Unico Mondiale
    Di Jenainsubrica nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-08-06, 19:29
  5. Prove tecniche di guerra mondiale...
    Di Totila nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 07-12-03, 16:39

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225