User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Amato e Ferrero: quando l’ideologia fa danni

    LaPadania.com

    Amato e Ferrero: quando l’ideologia fa danni

    Da via Anelli al Tossic Park di Torino: tutte nostre le colpe degli immigrati


    ALESSANDRO MONTANARI

    Nel caos primordiale che sembra governare le scelte dell’esecutivo un dato emerge con chiarezza: Giuliano Amato e Paolo Ferrero stanno gestendo le politiche migratorie secondo una visione personale, e talvolta personalistica, del tutto indipendente dal consenso popolare.
    Il problema, però, è che quando si assumono provvedimenti drastici destinati a cambiare il volto e i costumi sociali di una nazione, una certa sintonia con gli umori della gente sarebbe auspicabile, quando non doverosa. È sempre più evidente, invece, che oltre a non aver mai espresso una volontà comune all’intero Paese, la linea di condotta adottata dal Governo non accontenta nemmeno più quella risicata maggioranza dell’elettorato che ne decretò la vittoria. Giorno dopo giorno, intervista dopo intervista, consiglio dei ministri dopo consiglio dei ministri lo scollamento tra i titolari dei due dicasteri-chiave e gli italiani va progressivamente dilatandosi e di questo passo è facile prevedere che lo strappo arrivi a manifestarsi, prima o poi, con una fragorosa rottura. Quando? Se il Governo non dovesse cadere prima, quando gli elettori saranno chiamati ad abrogare la legge sulla cittadinanza breve che l’Unione sarà eventualmente riuscita a far approvare dal Parlamento. Lì la frattura tra l’elite di palazzo e il paese reale acquisirà la visibilità che oggi, purtroppo, non può avere. C’è da scommettere, infatti, che fino a quando non si arriverà alle urne il ministro degli Interni e il ministro della Solidarietà Sociale continueranno ad ignorare il malcontento popolare che grava su parecchi loro provvedimenti. Pur discordi su molte cose, Amato e Ferrero hanno individuato un minimo comun denominatore politico nella volontà di spazzare via la Bossi-Fini. Il primo, a dire il vero, usa preferibilmente il verbo “cambiare”, mentre il secondo non si fa scrupoli retorici di sorta e l’odiata legge che porta la firma dei leader della Lega e di An vuole fermamente “cancellarla”, “abolirla”, “superarla”. Al di là della coloritura del linguaggio, i due ministri che stanno aprendo le porte del Paese agli extracomunitari condividono sul complesso fenomeno una prospettiva di fondo che rovescia i canoni di pensiero tradizionali: benché irregolare, e quindi fuorilegge, l’extracomunitario per loro è “presunto innocente”, mentre “presunto colpevole” dei loro reati e della loro irregolarità è sempre l’italiano, gretto, sfruttatore, oppressore. «Buona parte della nostra edilizia - spiegava al Corriere della Sera il Dottor Sottile Giuliano Amato al Corriere - vive di lavoro nero immigrato. Costano molto meno. Si denuncia la loro presenza nel cantiere solo quando hanno un incidente, per evitare guai. E sono i più fortunati. Altri ricevono una somma cash purché spariscano. E non voglio generalizzare il caso di quelli che vengono gettati dal camion dopo aver avuto un incidente e vengono trovati morti...».
    Non vorrà generalizzare, ma intanto generalizza dipingendo l’edilizia nazionale come quella egiziana che produsse le Piramidi sulla pelle degli schiavi. Tuttavia basta proseguire nell’intervista per rendersi conto che, come accennavamo prima, è proprio una questione di prospettive: che si tratti di lavoro nero, di lavavetri, di spacciatori o di prostituzione quello da punire è sempre l’italiano. La tossic park di Torino? «Consumiamo meno droga e ci sarà meno offerta». Il muro di via Anelli eretto per proteggere i padovani onesti dalle gang di stranieri? «Questi fenomeni sono creati dall’ingordigia di alcuni proprietari di immobili i quali all’affitto di una famiglia preferiscono sei studenti o ancor meglio sedici immigrati che vengono messi a centimetri quadrati, realizzando un profitto fuori di misura». Strade di periferia invase da nigeriane e ragazze dell’Est? «Non ho alcuna obiezione a prendersela con i clienti». Lavavetri e accattoni ai semafori? «Quasi tutti sono sfruttati».
    Per la cronaca, poi, il titolare del Viminale ci informa che è sua abitudine farsi pulire il parabrezza ai semafori e che considera la moneta allungata al lavavetri non “un’elemosina” ma una “remunerazione di un lavoro”. Possibile che dopo la bella predica il ministro non si renda conto che la remunerazione che generosamente elargisce al lavavetri, secondo il suo stesso ragionamento, è un pagamento in nero? Ad ogni modo - dice infine Amato - gli italiani non debbono temere i nuovi arrivati: «Forza italiani -ci esorta il ministro - guardate al futuro! Non abbiate paura degli immigrati e chiedete a me di difendervi dai criminali». Avete capito bene. Non siamo su Scherzi a Parte: il ministro invita gli italiani a farsi proteggere da lui, dopo che lui stesso ha gettato sulle loro coscienze tutti i reati o malcostumi riconducibili agli extracomunitari!
    Per quanto estreme, ingiuste o paradossali che possano suonare le teorie del responsabile del Viminale, sono poca cosa rispetto alle iniziative del ministero della Solidarietà Sociale, che già altre volte, ad esempio auspicando un rimborso statale di duemila euro a coloro che entrano illegalmente nel nostro Paese, si era fatto un vanto di superare il collega in ideologismo. Sempre dalle colonne del Corriere, e in replica all’intervista del ministro dell’Interno, Paolo Ferrero ha annunciato che porterà in cdm un decreto legge che stabilisca l’assegnazione di un permesso di soggiorno all’extracomunitario impiegato in nero che denunci il proprio datore di lavoro. «Sul caso - spiega il ministro - viene aperta un’inchiesta per accertare la veridicità di quanto denunciato. In caso positivo al migrante viene dato un permesso di soggiorno temporaneo per cercare di regolarizzare la sua posizione o trovare un nuovo impiego. Un permesso da sei mesi a un anno, questo è uno dei punti ancora in discussione». Le ricadute della nuova normativa sono evidenti e l’opposizione le ha già ampiamente prefigurate. Se dovesse passare il principio per cui lo Stato “scorda” l’illegalità dell’ingresso irregolare in conseguenza di un successivo sopruso patito dall’extracomunitario, si configurerebbero le premesse di una maxi-sanatoria che andrebbe così a sommarsi ai consistenti flussi d’entrata già previsti dal Governo. Il reato originario commesso dallo straniero che permane illecitamente sul territorio verrebbe così cancellato ed anzi premiato grazie alla denuncia nei confronti del datore di lavoro. Per Ferrero, tuttavia, il pericolo di una sanatoria sui generis non esiste. Per il ministro della Solidarietà Sociale “si tratta di una norma che dopo la lotta all’evasione fiscale punta all’emersione del lavoro nero”. Se così fosse il Governo sceglierebbe di avere atteggiamenti opposti verso due tipologie di infrazione alle legge ugualmente gravi: combattendo, giustamente, il lavoro nero e tollerando, anzi incoraggiando, l’immigrazione clandestina.


    [Data pubblicazione: 10/10/2006]


    ... per una volta condivido un articolo del quotidiano della leganoddde.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Hanno assassinato Calipari
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    "Il programma YURI il programma"
    Messaggi
    69,195
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    "l’edilizia nazionale come quella egiziana che produsse le Piramidi sulla pelle degli schiavi."

    E si che sono anni che si sa che le piramidi non sono state costruite con gli schiavi...

  3. #3
    motan
    Ospite

    Predefinito

    Quell'articolo mescola cose molte diverse, alcune condivisibili dal mio punto di vista, altre meno.
    Mi limito solo ad una osservazione sui permessi di soggiorno rilasciati a chi denuncia il datore di lavoro: in questo momento esiste un rapporto di forza esattamente rovesciato che alimenta la clandestinità. Chi offre lavoro nero è sostanzialmente impunito, ed ha interesse a prendersi gli irregolari perchè essi non hanno possibilità di aprire bocca, devono sottostare alle condizioni che gli vengono proposte, pena essere denunciati ed espulsi se non gli sta bene quello che offre il "capo".
    Ora, può anche non piacere che ci siano teoricamente dei permessi di soggiorno in più concessi.. ma vogliamo dissuadere o no chi sceglie deliberatamente il clandestino perchè gli costa meno ed è più "sfruttabile"? Sono due i soggetti coinvolti in queste situazioni, non solo lo straniero.
    A me non pare una norma così deleteria, se mette nelle condizioni di essere sanzionato severamente chi alimenta la permanenza nell'irregolarità degli extra-UE (in modo da farlo pensare due volte prima di fare queste "assunzioni").
    Non basta dire facciamone entrare meno.. si devono anche ridurre le motivazioni che spingono i clandestini ad entrare.. e che sono dovute al fatto che c'è sempre un "mercato del nero" che non viene colpito con incisività.

 

 

Discussioni Simili

  1. I danni dell'ideologia cattolica
    Di yurj nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 25-09-07, 16:34
  2. Contro la legge AMATO-FERRERO
    Di ritalxp nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 21-07-07, 02:38
  3. contro la amato-ferrero
    Di Italia Nazione nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 09-05-07, 00:49
  4. Contro la Amato-Ferrero
    Di Italia Nazione nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 07-05-07, 22:30

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226