User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Massoneria e Templari

  1. #1
    Ut Unum sint
    Data Registrazione
    20 Sep 2006
    Località
    Milano
    Messaggi
    79
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Massoneria e Templari

    Riporto questo articolo di uno studioso pubblicato sul web da La Padania, che chiarisce come venne leggittimata la "pretesa templare" da parte degli esponenti dell' Arte Muratoria:

    Vent’anni fa moriva Gastone Ventura, il Gran Maestro che difese lo spirito nobile dei primi Cavalieri

    Così la Massoneria conquistò i Templari

    di Fabio Giovanni Giannini

    Domani saranno trascorsi venti anni esatti dalla morte del conte Gastone Ventura. Un nome, Ventura, assai noto negli ambienti dell’esoterismo, non solo in Italia ma anche all’estero, se pur risulta praticamente sconosciuto al grande pubblico.
    Ciò nonostante ancora oggi molti suoi libri e saggi, sono fonte di studio per diversi autori, non solo perché egli fu Gran Maestro dei Templari Italiani, carica che associava a quella di guida del Martinismo e dei riti del “Memphis Misraim”, ma anche e soprattutto perché fu nell’ambito dell’occulto, tra l’abbondare di mestieranti e di approfittatori, un uomo sinceramente “onesto”.
    Questa sua qualità è stata l’elemento essenziale che ne ha contraddistinto il ruolo e il modo di porsi, rispetto alle nuove generazioni, lasciando un esempio straordinario per tutti coloro che come me, hanno avuto l’onore d’incontrare e conoscere.
    Non rinunciò mai alla verità, anche quando poteva essere scomoda, ma sempre necessaria e indispensabile per chi intende intraprendere un approfondimento nell’ambito di quella che comunemente viene definita: “Tradizione Occidentale”.

    LA RICERCA DELLA VERITÀ

    Egli non tentò mai di aggiustare la storia, nei casi in cui questa non reggeva per mancanza di seri appoggi, ma operò per offrire possibili ipotesi d’interpretazione, lasciando ad ognuno la libera ricerca della verità.
    Il suo lavoro è stato notevole, accompagnato dal dono della sintesi, che consente oggi di gettare uno sguardo più attento al fenomeno del Templarismo mondiale, supportato da documentazioni più che sufficienti per poterlo considerare non un ordine omogeneo e depositario di antiche tradizioni, ma una semplice corrente di pensiero frantumata in mille rivoli e conventicole, che poco o nulla hanno a che vedere con gli antichi Monaci Guerrieri.
    Tutte le organizzazioni che si sono ispirate all’antica storia dei Templari, per avvalorare una loro legittimità fanno ancora oggi riferimento all’adunanza di Versailles, indetta da Filippo d’Orleans nel 1705.
    Tale riunione sembra essere stata preceduta da un intenso lavoro di preparazione, teso a ricostituire le file dei Templari, attraverso i discendenti di quelle famiglie che, nel passato annoveravano dei Cavalieri del Tempio.
    A sostegno di una riorganizzazione templare, fu fatta circolare una pergamena che avvalorava la tesi di una continuità occulta dell’Ordine, soppresso da Clemente V nel 1312 (Bolla “Vox in Excelso”).
    Una successione ininterrotta di Gran Maestri, che dopo il 1314 giungeva al 1705 e consegnava i poteri della Gran Maestranza, al Reggente di Francia nella figura di Filippo. Un documento che suscita molte perplessità sia per come è stato scritto, sia perché ritenuto confezionato proprio per quell’occasione.
    Inoltre tutti i reggenti citati in elenco, avevano avuto contrasti o rivendicazioni contro la Santa Sede.
    Pertanto oltre che un’assemblea di Templari, quella di Versailles fu anche un’assise ghibellina.
    Le aspirazioni di Filippo, tese a conquistare una corona e la sua vita piena di avventure amorose, associata a spericolate operazioni finanziarie, finì per travolgerlo, sconquassando l’intero progetto.
    Fragile era stata la documentazione storica, fragile fu l’uomo che la propose.
    Nel contempo alcuni nuovi movimenti si affacciavano sul palcoscenico della storia e di li a poco avrebbero dato vita a varie organizzazioni, ambiziose di svolgere un ruolo se non da protagonisti, almeno da comprimari per la trasformazione della società.
    Tra esse va ricordato che il 24 Giugno del 1717, quattro preesistenti logge massoniche londinesi, si riunivano nella locanda “All’Oca e al Girarrosto” di Londra, per costituire un’unica grande loggia, con l’incarico specifico di riunificare i regolamenti massonici.
    Nasceva così, ufficialmente, la “Massoneria moderna”. Questi due fatti, quello neotemplare e quello massonico, anche se svolti in luoghi diversi e a distanza di qualche anno, erano destinati, per reciproche motivazioni ed opportunità, ad incontrarsi.
    In particolare due personaggi legati alla Massoneria, negli anni successivi, tentarono alcune trasformazioni, adducendo tradizioni e presunte eredità storiche, trasmesse dal vertice dell’Ordine del Tempio.
    Tali soggetti, che hanno goduto di una certa fama, sono: “Ramsay” e “Von Hund”.
    André Michel Ramsay (1683-1743), era nato in Scozia nella località di Ayr, vicino a Kilwinning. Trasferitosi poi in Francia, approfondì i suoi studi sotto la guida di Fénelon, tanto da convertirsi al cattolicesimo. Intraprese l’attività di precettore riscuotendo consensi ed apprezzamenti lusinghieri, anche da parte di alcuni gesuiti. Per la stima acquisita fu invitato a prestare la sua opera presso Carlo Edoardo Stuart.
    Quest’ultimo, pretendente al trono inglese, offrì l’occasione al Ramsay per allargare i propri orizzonti e per svolgere un ruolo importante nella fondazione della Massoneria, detta “Scozzese” o “degli alti gradi”, che all’epoca non esistevano.
    Istituì una nomenclatura di tre gradi oltre a quello tradizionale di Maestro, consistenti in: “Scozzese-Novizio-Cavaliere del Tempio”.
    L’aggiunta di Cavaliere del Tempio, rivendicava palesemente la continuità con la tradizione Templare.
    In merito, egli pronunciò a Parigi nel 1637, un accalorato discorso in difesa degli alti gradi e l’interesse che suscitò non solo in Francia, ma anche all’estero, fu tale che venne pubblicato l’anno seguente, diffondendosi in Europa e soprattutto in Germania.

    CAVALIERE SANTO, GRADO TEMPLARE

    Il 30° grado della Massoneria, detta “Scozzese”, divenne nel tempo riconosciuto come grado templare, col nome di Cavaliere Kaddosh (Santo). Colui che vi aveva accesso, secondo le intenzioni di rito, riceveva un mandato per far continuare l’Ordine del Tempio, associato all’eredità della vendetta templare. Questo grado ha influenzato anche nel “rito Scozzese” il 33° grado, quello di “Sovrano Grande Ispettore Generale”, ove si domanda e risponde: “Chi ha stabilito questo grado?”, risposta: “Il nostro fratello Federico di Brunswick, Re di Prussia!” … “Con quale scopo?” risposta: “Per regolare il nostro odio e la nostra ostilità verso i Cavalieri di Malta” … “Qual è la causa del vostro odio per i Cavalieri di Malta?” risposta: “La distruzione dei Templari da parte del Re di Francia e del Papa, con la cessione dei beni templari ai Cavalieri di San Giovanni” … (oggi di Malta). Pertanto, a seguito di queste affermazioni, sembrerebbe che anche il 33° grado assuma la caratteristica di Templare. Però un errore storico e di non poco conto, confuta sostanzialmente l’intero impianto. Pur ipotizzando che Federico il Grande abbia fondato il 33° grado Scozzese, egli non fu mai un Brunswick ma un Hohenzollern. Sua moglie invece era Cristina di Brunswick-Bevrn.
    C’è stata forse un po’ di confusione da parte di qualche storico.
    Comunque il connubio stuardista e scozzese, costruito magistralmente dal Ramsay, fu in parte adottato dal “Rito riformato di Dresda” da cui ebbe origine il tentativo neotemplare del Barone Karl Gotthel Von Hund signore di Altengroktauedlipse. Nel 1747 fondò “l’Ordine della stretta osservanza Templare”, ricostituendo le antiche nove province del Tempio; l’Ordine adottò la nomenclatura creata da Ramsay. La dottrina propagandata si basava su quattro punti fondamentali: “Stretto monoteismo; rifiuto di riconoscere la divinità di Cristo; rifiuto del Dogma della Transustanzazione; opposizione al Clero e alle pratiche religiose della Chiesa”.
    A sostegno della linea di Ramsay e della presunta linea occulta di continuità dei Templari, il Barone Von Hund basò la credibilità della loro esistenza sul fatto, mai seriamente dimostrato, che alcuni Cavalieri del Tempio, scampati dalle persecuzioni di Filippo il Bello, ripararono presso la loggia di Kilwinning, luogo da cui era partito lo stesso Ramsay.
    Gli antichi Templari, o meglio “I Maestri Architetti”, sempre secondo la fantasiosa ricostruzione, erano guidati da Pietro d’Aumunt, Maestro della Provincia d’Averna.
    Con il loro aiuto il Re Roberto Bruce vinse la battaglia di Bannockburn. Per ricompensa istituì in loro favore l’Ordine dei Cavalieri di Sant’Andrea di Scozia e gli affidò la guida del sovrano capitolo della loggia di Kilwinning.
    Con questa leggenda si tentò di saldare i Massoni ai Templari e viceversa. Solo che il Re Roberto Bruce non fondò mai un Ordine di Sant’Andrea di Scozia (o “del Cardo” o “Cardone”). Un vero Ordine di Sant’Andrea del Cardo o della Ruta esiste realmente, ma fu costituito nel 787 ed è di collazione della corona inglese. Quest’Ordine fu per un periodo sospeso e poi ristabilito nel 1440. Infine rinnovato nel 1687. Da allora è stato modificato ben cinque volte. Tale onorificenza è raramente conferita, perché l’ordine si compone di soli 16 Cavalieri e un Gran Maestro. Sulla decorazione spicca il motto: “Nemo me impune lacessit”, che è anche un motto templare, come altri, ma è anche quello soprattutto della Casa Reale di Scozia. Il tentativo del Barone Von Hund, quello di dare vita ad un ordine massonico templarista, fu fortemente osteggiato dai massoni mistici e teosofici, principalmente nel convento di Wilhelmsbad. Molti scrittori massonici lo considerarono al di fuori della tradizione.
    Ciò nonostante dal capitolo di Clairmont del 1754 prese origine il più grande tentativo neotemplare a carattere massonico, noto appunto come quello della “Stretta osservanza”.
    Nel 1785 fu trasformato nel “Consiglio degli Imperatori d’Oriente e Occidente”.
    Da tutto ciò deriverebbe l’attuale Massoneria di rito Scozzese antico e accettato, ai cui vertici vi sarebbero i gradi templari: Cavaliere Kaddosh; Commendatore dell’Aquila Bianca e Nera. Si può ben comprendere quanto poco consistenti siano i supporti storici alla rinascita di una seria presenza Templare, le cui conseguenze sono state le molte deviazioni e scadimenti.
    È solo nel XIX secolo, almeno per quanto è reperibile presso l’Archivio Nazionale di Francia, che si può ricostruire parte di quella storia travagliata giunta fino a noi e che si può riassumere per sommi capi.
    A Filippo d’Orleans, successe alla guida dell’Ordine il principe Louis Auguste de Bourbon e poi fu la volta del principe Louis de Condè. Entrambi riorganizzarono, per quanto fu possibile, le file dei Cavalieri, pur considerando che l’epoca in cui erano chiamati ad operare, stava subendo profonde trasformazioni.
    La reggenza passò a Louis Francois de Conty che nel 1774 convocò un capitolo generale per sancire la modifica degli statuti, più aderenti alla realtà del tempo e dove si confermò, con una formale elezione, il mandato offerto al de Conty. Egli rimase in carica soltanto due anni e alla sua morte nel 1776 l’Ordine affidò la Gran Maestranza al duca Louis Timoléon de Cossè de Brissac, che si battè eroicamente per difendere la corona di Francia.
    In quei momenti di caos, i Templari sopravvissuti costituirono una reggenza provvisoria affidata a Claude Radix de Chevillon, con il compito di mantenere vivo lo spirito e la memoria del Tempio, in attesa che la situazione si normalizzasse e tornasse la legalità.

    1808: TEMPLARI DI NUOVO IN PUBBLICO

    Trascorreranno più di trent’anni prima che i Templari possano riapparire pubblicamente e ciò avvenne il 28 marzo del 1808, nella Chiesa di San Paolo a Parigi.
    Nel frattempo l’Ordine aveva provveduto all’investitura ufficiale del Gran Maestro, nella persona di un ex seminarista, Bernard Raymond Fabrè Palabrat. Per la particolare occasione, Fra Pietro Da Romano (Abate Clovet) pronunciò, in modo solenne, il panegirico dei Martiri dell’Ordine in memoria dei roghi del 1314.
    Inoltre celebrò una santa messa in suffragio sia del Molay che per gli altri Cavalieri che subirono il martirio, dando infine l’assoluzione al catafalco.
    Comunque all’interno dell’Ordine incominciavano ad affacciarsi tendenze e correnti iniziatiche che snaturavano in parte lo spirito Templare. Il Palabrat cercando d’indirizzare l’istituzione verso la dottrina Joannita, appoggiato in questo dalla frangia dei Cavalieri di Lione, provocò diverse reazioni interne che culminarono in una scissione del 1813, promossa dal duca Charles Gabriel de Choiseul che riconfermò, senza ombra di equivoci, la tradizione cattolica legata al rito di S. Romana Chiesa. Le contrapposizioni che ne scaturirono furono violente e insanabili, finché nel 1833 Palabrat, passò dalla dichiarazione d’intenti all’effettiva pratica pubblica, celebrando egli stesso una messa del culto Joannita. Questo atto impedì una possibile riconciliazione tra le due fazioni e fu costituita una commissione super partes, per decidere sull’accaduto. La commissione considerò decaduto il Palabrat e dichiarò pubblicamente che la figura del Cavaliere Templare e l’Ordine erano senza ombra di dubbio, di fede cattolica.
    A conferma, il 29 maggio dello stesso anno, la reggenza dell’Ordine fu affidata al conte Jules de Moreton de Chabrillan, che indirizzò una missiva alla Santa Sede, ribadendo la proprio fedeltà e obbedienza al Santo Padre. Oramai si era incrinata l’unità tradizionale del Tempio e ciò che era accaduto, si ripetè nuovamente nel 1840, causando all’Ordine altre scissioni e ponendo seriamente in dubbio la sua autorità.
    Tale caos, persiste tutt’oggi e presenta un vasto panorama di associazioni d’ispirazione templare, spesso contrapposte e in aperta opposizione. Per cui potremo concludere proprio con le parole di Gastone Ventura: “Poco, pochissimo è rimasto nel Templarismo di quanto fu alla base dello spirito nobilissimo che animò i primi Cavalieri che, in povertà, si assunsero l’onere di difendere i pellegrini di Terrasanta….. Oggi, quando tutto o quasi si riduce a far rilucere al collo o sul petto l’orpello di una decorazione o ad indossare una sciarpa ricamata nel corso di cerimonie che nulla hanno a che vedere con la Regola di San Bernardo, se tutto non è ancora perduto, tutto è certamente stato travisato, contrariamente ad ogni autentica tradizione”.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    27 Mar 2006
    Messaggi
    82
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito complimenti

    Bell'articolo. Molto interessante. Chiedo l'autorizzazione a riproporlo sul nostro forum.

  3. #3
    Ut Unum sint
    Data Registrazione
    20 Sep 2006
    Località
    Milano
    Messaggi
    79
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ok, ne esiste anche un altro molto interessante...

  4. #4
    Ut Unum sint
    Data Registrazione
    20 Sep 2006
    Località
    Milano
    Messaggi
    79
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Per Praesidiumtempli

    Quest'articolo precede di qualche anno l'uscita del "Codice da Vinci" che ha fatto un polpettone di mezze verità e bufale storiche, ben sponsorizzato da una certa "fratellanza" anglo sassone...

    Da La Padania, 26 aprile 2001:

    Riflessioni in margine a un acceso dibattito
    tra storici in televisione

    Ma i fratelli massoni non sono figli dei Templari

    di Fabio Giovanni Giannini


    Domenica scorsa abbiamo assistito a “Stargate-Linea di Confine”, in onda alle 20.30 su Telemontecarlo, a un interessante dibattito sulla storia dei Templari. A confronto lo storico Franco Cardini e il direttore di Era, Adriano Forgione: un confronto impari per Forgione e in qualche fase anche concitato, da cui è scaturito, per usare le parole del moderatore, un «modo sanguigno» di esporre le proprie tesi. Non poteva che essere così, vista la materia trattata e le opposte angolazioni da cui è scaturita la discussione.
    In effetti erano a confronto, attraverso i due interlocutori, i Templari e alcune frange del Templarismo.
    La storia dei primi si dipana per circa due secoli, dal 1119 al 1314. L’altra, quella prevalentemente dedotta e in parte attinta dalla simbologia medioevale, si articola dopo il 1600 e giunge ai nostri giorni ammantata di mistero e di esoterismo.

    LA COMPARSA DEI MONACI GUERRIERI

    Sotto il profilo storico non si può che dare ragione a Cardini, quando sostiene che solo una seria e comprovata documentazione consente di dimostrare il vero e non il presunto, e quindi di evitare voli pindarici, che nulla hanno a che vedere con la tradizione monastico-cavalleresca.
    Quella tradizione che ha le sue premesse nella prima Crociata, quando i Milites Crucisignati o Cruciferi, cavalieri nobili, oltre a giurare di liberare la Terra Santa, scelsero, nel caso di morte in battaglia, di presentarsi al creatore in stato di purezza, assumendo i voti di povertà e castità.
    Da queste esperienze sorsero i vari ordini crociati, fra cui oltre i Templari, gli Ospitalieri, i Teutonici e molti altri. Prerogativa comune: la figura del monaco guerriero, novità assoluta per la cristianità.
    Di quasi tutti gli ordini esiste un’ampia documentazione; dei Templari poco o nulla, se si esclude quanto i cronisti dell’epoca ci hanno riferito sulle loro vicende.

    ROVINATI DALLE LORO STESSE RICCHEZZE

    Con la caduta della roccaforte di Acri (1291), tutti gli ordini combattenti ripiegarono in Occidente e i Templari, che nel frattempo avevano raggiunto l’apice della loro espansione e potenza in tutta Europa, a causa dei vasti possedimenti acquisiti e per le ingenti somme di danaro che l’ordine amministrava, suscitarono le attenzioni del re di Francia, Filippo il Bello.
    Per la sua cupidigia e la debolezza di un papa, Clemente V, furono arrestati, torturati e processati.
    Alcuni di loro finirono al rogo come eretici. Il tutto finalizzato alla sottrazione e spartizione dei beni dei Templari.

    INESATTEZZE E FORZATURE

    Ma poiché il tempo è galantuomo, la loro memoria non è mai caduta nell’oblio e continua ad essere viva ai nostri giorni.
    Fra i molti che sostengono la continuità dell’ordine del Tempio vi è anche Forgione, che pur commettendo madornali inesattezze storiche, tenta di avvalorare una sopravvivenza della tradizione templare, la cui presenza sarebbe evidente in quelle correnti esoteriche sorte dopo il ’700 come i Rosacroce, i Martinisti e la Massoneria. Legame tra l’antico e il moderno: le cattedrali gotiche costruite dai Templari.
    Ora, i Templari non costruirono alcuna cattedrale. Semmai contribuirono alla loro edificazione con offerte economiche e donazioni all’ordine cistercense.
    Questi straordinari monumenti di pietra sono sorti all’improvviso, forse per una intuizione benedettina, ma furono realizzati, in modo inconfutabile, dai monaci cistercensi che progettarono e diressero in prima persona la costruzione di ogni abbazia, affidandone la realizzazione pratica e manuale alle corporazioni di mestiere.
    Semmai, la logica e gli atti possono fornirci la prova che l’ordine continuò, in quanto solo una parte dei cavalieri fu condannata a morte e la stragrande maggioranza sopravvisse, confluendo in altri ordini cavallereschi o nelle congregazioni monastiche.
    È possibile quindi che una continuità ci sia stata; possiamo anche immaginare una catena di trasmissione da cavaliere a cavaliere.
    Ma è un’ipotesi, non provata né documentata sul piano storico.

    UN DOCUMENTO CONTROVERSO

    Al contrario, è completamente diverso l’uso che è stato fatto dei processi da parte di quelle correnti esoteriche del ’700 sopra menzionate, al fine di sostenere una legittima discendenza che nei secoli in modo occulto è pervenuta fino a noi.
    Quasi tutto il Templarismo moderno, che si dichiara legittimo erede di quell’antica tradizione, fa riferimento a un documento apparso nel 1705 e presentato da Filippo d’Orleans, reggente di Francia, quale prova della trasmissione segreta dei poteri di reggenza dal Gran Maestro Jacques de Molay a Jean Marc dell’Armenie. Segue poi un elenco di presunti Gran Maestri.
    Ebbene, questa pergamena sia per come è scritta che per quanto contiene, suscita più di un dubbio sulla sua autenticità.
    Anche perché è priva proprio della firma e del sigillo di Jacques de Molay.
    E nel caso fosse attendibile dimostrerebbe ben poco, perché quella fase del Templarismo che appare nel 1705 e che annuncia la ricostruzione dell’ordine, è un’assemblea laica e monarchica.
    Conclude la propria presenza nella storia nel 1792 sotto la Gran Maestranza di Louis-Timoléon de Cossè de Brissac, che muore difendendo la corona di Francia. Solo dopo la Rivoluzione francese, nel 1808, appare un Templarismo più rispondente alle tesi sostenute da Forgione.

    IL PRIORATO DI SION È UN FALSO STORICO

    Questa corrente Joannita è sotto la guida di Bernard Raimond Fabré Palabrat e subisce per la sua eresia gnostica un susseguirsi di scissioni, da cui pervengono la maggior parte dei vari rami templari presenti oggi in Europa.
    Da questa degenerazione sono scaturiti i maggiori falsi storici, con l’intento di avvalorare discendenze e continuità con l’antico ordine del Tempio.
    Fra di esse spicca il Gran Priorato di Sion, citato appunto da Forgione come sede depositaria di antichi segreti.
    Purtroppo di segreto ha ben poco e di antico assolutamente nulla: si tratta di un’operazione paramassonica di cui sono note le varie manipolazioni.
    In due documentari realizzati per la BBC e nel volume “The Holy Blood and The Holy Grail” (in Italia “Il Santo Graal”, Mondadori 1982), Henry Lincoln affermò una discendenza regale diretta da Gesù Cristo, che sposato con la Maria Maddalena e sopravvissuto alla crocifissione sarebbe sbarcato a Marsiglia.
    La dinastia Merovingia ne è la testimonianza storica e Goffredo di Buglione uno dei discendenti.
    Si sarebbero così riuniti i due poteri, la Corona e la Chiesa.
    Inoltre una cerchia di saggi ed illuminati avrebbe dato vita al fantomatico “Priorato di Sion” per sorvegliare sulle sorti del mondo intervenendo là dove la storia lo richieda.
    Tale priorato sarebbe anche l’ispiratore della antica fondazione templare e attraverso le varie maestranze ne avrebbe diretto i destini fino ai nostri giorni.

    UNA RICOSTRUZIONE CHE NON REGGE

    Premesso che è abbastanza nota la fine di Gesù Cristo, grazie al lavoro dei quattro evangelisti, ma almeno per il gusto del confronto, ammettendo che egli sia sopravvissuto, ci chiediamo perché avrebbe dovuto scegliere la Francia e Marsiglia.
    Sembra una riedizione della tesi sostenuta dai Mormoni che vorrebbero un viaggio del Cristo in America, o di altre versioni afgane, pakistane, indiane che lo collocano nei loro Paesi.
    Oltre a non reggere dal punto di vista storico, la forzatura di Marsiglia è tanto più evidente quando si cerca di collegarla alla dinastia Merovingia, in chiave palesemente politica e partigiana.
    Ancora, l’aver falsato il nome del 14° Gran Maestro dell’ordine per avvalorare le pergamene di Gisors conferma la tesi di un complotto contro la buona fede dei lettori più sprovveduti.
    Infine, i vari governatori del priorato scelti apparentemente per il nome altisonante e per la fama raggiunta - come Renato d’Angiò, Leonardo Da Vinci, Ferrante I Gonzaga, Isaac Newton, Carlo di Lorena, Victor Hugo, Claude Debussy e Jean Cocteau - sosterrebbero la tesi di un gruppo di saggi illuminati uniti dal desiderio di spronare l’umanità.
    Gli autori trascurano però alcuni dettagli, per cui Eduard de Berre sarebbe stato eletto a... cinque anni e Renato d’Angiò a dieci.

  5. #5
    Memento Audere Semper
    Data Registrazione
    01 Jun 2006
    Località
    Regnum Siciliae
    Messaggi
    1,534
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ragazzi, partono gli occhi.....sono troppo lunghi!! in questo blog se ne parla pure http://cavalieri.splinder.com

 

 

Discussioni Simili

  1. Templari.
    Di Orco Bisorco nel forum Destra Radicale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 20-12-09, 12:37
  2. I Templari
    Di pensiero nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 16-08-05, 21:28
  3. i Templari
    Di Liberalix nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 21-06-05, 20:24
  4. templari
    Di pilone nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 31-03-05, 19:07

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226