User Tag List

Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 60
  1. #1
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Nord, 150 anni di solitudine

    Visto che questi comunisti di merda ci impediscono di copiare gli articoli, vi metto il link

    http://www.lastampa.it/redazione/cms...2243girata.asp

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 May 2009
    Messaggi
    3,847
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Furlan Visualizza Messaggio
    Visto che questi comunisti di merda ci impediscono di copiare gli articoli, vi metto il link

    http://www.lastampa.it/redazione/cms...2243girata.asp
    POLITICA
    Nord, 150 anni di solitudine
    Dalla diffidenza all'incubo del declino
    16/10/2006
    di Mattia Feltri

    ROMA.Gilberto Oneto - un leghista troppo intelligente per fare carriera - ha un motto: «Secedere dagli statalisti». In tre parole sono contenuti due concetti forse ancora poco chiari. Primo: Umberto Bossi non è stato l’inventore in chiave moderna della questione settentrionale, ma soltanto l’interprete più vivace. Secondo: il celebre slogan «Roma ladrona» non ha contenuti razzistici, ma anticentralisti e antiburocratici. Quando il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in visita a Lecce dice che sulla questione settentrionale si fa «troppa retorica futile e dannosa», probabilmente sottovaluta il problema come capitò a Ciriaco De Mita, che in un’intervista al Corriere della Sera, alla fine degli Anni Ottanta, spiegò che la Liga Veneta e la Lega Lombarda erano fuochi fatui.
    Il leghismo ha poi contribuito in modo decisivo all’abbattimento della prima Repubblica, la cui rovina è cominciata, non per capriccio del fato, proprio a Milano. Da anni la Lega Nord non cresce più, e anzi si sta ritirando nei suoi fortilizi pedemontani. Paradossalmente alcuni dei suoi massimi dirigenti - i tre Roberti: Calderoli, Castelli e Maroni - sono accusati da parte della base di essersi fatti corrompere l’anima in cinque anni di immersione ministeriale. La sconfitta nel referendum sulla «Devolution» certifica il declino della Lega (annunciato dal ricorso a stravaganze neopagane), e non perché la faccenda sia risolta, ma perché la Lega è stata incapace di andare oltre la contestazione. Oggi il Nord sta peggio rispetto a trenta anni fa, quando Franco Rocchetta fondò la Liga. Per la prima volta, da secoli, i figli sono più poveri dei padri, quantomeno di prospettive. Chiunque vada a parlare nelle università, sente ragazzi incerti sul lavoro in cui occuparsi. I pronostici sul collasso del sistema pensionistico sono considerati attendibili. I genitori sono tendenzialmente professionisti, commercianti, piccoli imprenditori. Sono il popolo dell’Iva. Da sempre si incolonnano sulle autostrade calcolando il tempo e quindi il denaro perso. In Silvio Berlusconi, nelle liberalizzazioni, nella promessa delle Grandi opere, avevano visto la stessa speranza contenuta nel grido «Roma ladrona».
    Alle elezioni del 9 aprile, il Nord è rimasto alla Casa delle Libertà nonostante Berlusconi abbia deluso. E’ stato impressionante notare che l’unificazione intuita nel 1994, e in parte nel 2001, quando il Polo si prese anche il Sud, è sfumata. Ma che le regioni settentrionali siano rimaste al centrodestra è il sintomo della malattia. La Finanziaria del governo Prodi è la conferma di tante paure. Si ricorre alla leva fiscale per redistribuire il reddito, per creare più giustizia sociale, ma il Nord si sente il propulsore del Paese, e teme che l’accanimento servirà per finanziare l’assistenzialismo. L’innalzamento al 43 per cento dell’aliquota Irpef per chi guadagna 75 mila euro (lordi) è considerata una punizione al ceto medio e un premio ai referenti dell’estrema sinistra. Il trasferimento dei denari per il Trattamento di fine rapporto dalle aziende all’Inps, una violenta sottrazione di risorse da reinvestire. La riduzione del cuneo fiscale, cavallo di battaglia dei prodiani, è stata ridimensionata, e pare una presa in giro. La soddisfazione del leader della Cgil, Guglielmo Epifani («Hanno fatto quello che volevamo»), diventa la prova provata dell’ostilità dell’esecutivo.
    La lotta al precariato, al Nord, non fa presa. Al Nord la stragrande maggioranza dei ragazzi vuole cominciare a lavorare, e gli è quasi congeniale il concetto di flessibilità. Chi viaggia in treno, sente discutere quasi sempre dei ritardi, delle linee medievali, delle carrozze derelitte, e più di rado dell’assunzione a tempo indeterminato. Gli extracomunitari fanno ribrezzo perché si impadroniscono dei vagoni, fumano, si ubriacano, urlano, e nessuno ha il coraggio di dire nulla. E se a Padova tirano su i muri, e poi si sentono dare dei razzisti, colgono la distanza abissale col palazzo, che non li capisce. A Treviso ci sono aziende con la moschea interna per gli operai musulmani, ma alla fine passano soltanto le guasconerie dell’ex sindaco Giancarlo Gentilini.
    Qualsiasi storico fa risalire la questione settentrionale al giorno stesso dell’Unità d’Italia. Molti allibiscono quando, arrivando a Bergamo, vedono i cartelli stradali con sopra scritto «la città dei Mille». Bergamo è la città che ha dato più soldati a Giuseppe Garibaldi, e non importa se erano quasi tutti galeotti. La tensione unitaria era soprattutto una fuga dalla dominazione straniera, un moto d’orgoglio dopo secoli di soperchierie spagnole, francesi e austriache. Il centralismo di Francesco Crispi fu accolto con la stessa antipatia che cento anni più tardi ha portato a Bossi, e con cui i veneti hanno accolto il centralismo lombardo della Lega bossiana. Nelle valli bresciane o cuneesi ti illustrano le ragioni per cui la globalizzazione dell’economia e l’unificazione dell’Europa hanno accentuato, e non annacquato, le ansie centrifughe.
    Dopo Benito Mussolini e prima di Bettino Craxi, ci sono stati soltanto tre presidenti del Consiglio settentrionali: Alcide De Gasperi (nato nel Trentino asburgico), Giuseppe Pella (biellese, a Palazzo Chigi per soli tre mesi) e Mariano Rumor (vicentino). In sessanta anni, due soli milanesi: Craxi e Berlusconi. Resta l’enigma: è la politica a essere distante dal Nord, o il Nord dalla politica?

    da "la stampa"

  3. #3
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Attento Wolf che Nabulidano ti manda i carriarmati!

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Dopo Benito Mussolini e prima di Bettino Craxi, ci sono stati soltanto tre presidenti del Consiglio settentrionali: Alcide De Gasperi (nato nel Trentino asburgico), Giuseppe Pella (biellese, a Palazzo Chigi per soli tre mesi) e Mariano Rumor (vicentino). In sessanta anni, due soli milanesi: Craxi e Berlusconi. Resta l’enigma: è la politica a essere distante dal Nord, o il Nord dalla politica?

    E Sandro Pertini che era? Riconosco che la Liguria è socio-economicamente diversa, almeno in parte, dalla Padania geografica. Ma se si parla di presidenti settentrionali.... E dai...

  5. #5
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ZENA Visualizza Messaggio
    Dopo Benito Mussolini e prima di Bettino Craxi, ci sono stati soltanto tre presidenti del Consiglio settentrionali: Alcide De Gasperi (nato nel Trentino asburgico), Giuseppe Pella (biellese, a Palazzo Chigi per soli tre mesi) e Mariano Rumor (vicentino). In sessanta anni, due soli milanesi: Craxi e Berlusconi. Resta l’enigma: è la politica a essere distante dal Nord, o il Nord dalla politica?

    E Sandro Pertini che era? Riconosco che la Liguria è socio-economicamente diversa, almeno in parte, dalla Padania geografica. Ma se si parla di presidenti settentrionali.... E dai...
    Craxi settentrionale

  6. #6
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    "presidenti del consiglio". Pertini era stato presidente della Camera e poi della Repubblica.

  7. #7
    Registered User
    Data Registrazione
    20 Jul 2005
    Messaggi
    382
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    questo sarebbe un momento ideale per cavalcare il malcontento e far man bassa di voti al nord, visto e considerato che il ceto moderato-conservatore si è ormai reso conto di quanto Berlusconi sia inaffidabile.
    purtroppo la lega si è sminchiata di brutto nell'ultimo quinquennio.
    se le cose fossero andate diversamente, forse oggi il carroccio sarebbe tornato ai fasti del 96.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    26 Aug 2006
    Località
    BRIANZA
    Messaggi
    784
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    tra quelli citati il migliore e' ancora mussolini....

  9. #9
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ultimo baluardo Visualizza Messaggio
    tra quelli citati il migliore e' ancora mussolini....
    pffffff mmmmhhhh...

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    26 Aug 2006
    Località
    BRIANZA
    Messaggi
    784
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da pavel_ivanovic Visualizza Messaggio
    visto e considerato che il ceto moderato-conservatore si è ormai reso conto di quanto Berlusconi sia inaffidabile.
    .
    sei troppo ottimista

 

 
Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Ma quindi la LEGA NORD, ha mentito per anni e anni agli italiani?
    Di TEBELARUS nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 57
    Ultimo Messaggio: 17-01-14, 17:58
  2. Risposte: 232
    Ultimo Messaggio: 01-01-12, 12:19
  3. Cent'anni di solitudine
    Di Marximiliano nel forum Fondoscala
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 09-06-11, 16:42
  4. Lega nord 25 anni
    Di Stobla87 nel forum Padania!
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 17-03-11, 19:07
  5. Per Europa e Giappone dieci anni di solitudine
    Di Morfeo nel forum Economia e Finanza
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 11-01-11, 06:58

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226