User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Silente
    Data Registrazione
    28 Jul 2005
    Località
    Oesterreichisch Schuler
    Messaggi
    3,072
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Jinzo Su Conservatori E Libertari

    http://www.neolib.it/index.php?optio...=436&Itemid=34

    Conservatori e libertari?
    Scritto da Jinzo
    mercoledì 18 ottobre 2006
    Abr lo ha già commentato sul suo blog, ma, con tutto il rispetto che nutro per questo blogger, la sua analisi mi lascia notevolmente perplesso su alcuni punti. Cercherò anche io di analizzare l'articolo di Cristiano Desiderio che compare su "Il Giornale", per metterne in luce i punti che meno risultano convincenti. Non che io non ne condivida gli scopi, anzi; mi sento di invitare sempre più i conservatori razionali a confrontarsi con noi per sconfiggere insieme la sinistra reazionaria. Allora:

    "Essere libertari non significa non essere (per forza) conservatori e, di rovescio, essere conservatori non vuol dire sempre e comunque non essere libertari."


    ...... SEGUE SU WWW.NEOLIB.IT

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Silente
    Data Registrazione
    28 Jul 2005
    Località
    Oesterreichisch Schuler
    Messaggi
    3,072
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Diamo Un'anima Libertaria Al Centrodestra

    http://www.rl-store.com/multimedia/R...cio_Libero.pdf


    DIAMO UN’ANIMA LIBERT- ARIA
    AL CENTRODESTRA




    Se per la politica non è più il tempo delle ideologie, è di nuovo il tempo delle idee. Ciò che distingue il centrodestra dal centrosinistra è l’idea di una società in cui a prevalere siano gli individui, le persone, con le loro libertà, le loro responsabilità e i loro meriti; dove il mercato, dei beni come delle idee, prevalga sullo Stato. L’idea di una società basata sul rifiuto di ogni costruzione sociale che imponga dall’alto uno schema di valori e di soluzioni. L’idea di un paese ancorato, anche nelle scelte politiche internazionali, ai valori della propria identità “occidentale” di cui sono parte integrante e costitutiva quelle conquiste civili, eredità dell’umanesimo liberale e cristiano, che oggi marcano la distanza rispetto alle culture teocratiche e autoritarie.

    Ci riconosciamo in un centrodestra che è liberale innanzitutto perché è antistatalista. Sulle questioni “eticamente sensibili”, concordiamo sulla necessità di una seria riflessione sui limiti della scienza applicata. Ma non pensiamo che, su questi temi, la politica liberale possa assegnare ogni potere allo Stato, senza riconoscere alcun diritto alla libertà dell’individuo.

    Il centrodestra non può contrapporsi allo statalismo economico e civile, e costruire allo stesso tempo un fronte compatto a difesa dello “statalismo etico”. Questo sarebbe un errore di carattere culturale, storico, politico ed elettorale. Il rapporto fra tradizione e innovazione, anche nel campo delle convinzioni morali e dei comportamenti privati, può meglio svilupparsi sul piano del conflitto delle idee e del mercato delle soluzioni e non su quello della “conquista dello Stato”. Tutto ciò non pregiudica, anzi esalta, il ruolo pubblico e attivo della tradizione, anche religiosa, proprio perché non la priva di occasioni di verifica reale, e non ne affida una artificiosa immutabilità alla tutela della legge.

    Scelgono Forza Italia e la Cdl milioni di antistatalisti, “cattolici” o “laici”, che sulle questioni etiche hanno idee e posizioni che incontrano sempre, salvo eccezioni, l’ostilità del centrodestra. Milioni di persone che, come noi, sono favorevoli, o non ostili a priori, alle unioni civili omosessuali, alla ricerca scientifica sugli embrioni soprannumerari destinati comunque alla distruzione, al testamento biologico o a una regolamentazione dell’eutanasia, a una legislazione sulla droga che non alimenti la mafia e la violenza. E che lo sono, come noi lo siamo, per ragioni quasi sempre diverse da quelle genericamente e scontatamente “di sinistra”.

    A tutti loro una coalizione compattamente schierata su politiche d’ispirazione confessionale per i temi etici finirebbe per chiudere la porta in faccia. Un centrodestra, moderato ma liberale, senza un’anima libertaria finisce per essere zoppo politicamente ed elettoralmente. Diamo un’anima libertaria al centrodestra.


    Primi firmatari: Vittorio Feltri, Giordano Bruno Guerri, Alessandro Cecchi Paone, Tiziana Maiolo, Luca Barbareschi, Roberta Tatafiore, Mauro Mellini, Carlo Monaco, Sofia Ventura, Andrea Marcenaro, Francesca Scopelliti, Mauro Suttora, Piero Milio, Emilia Rossi, Raimondo Cubeddu, Dario Fertilio, Filippo Facci, Arturo Gismondi, Maria Luisa Rossi Hawkins, Nicholas Farrel, Ivan Maravigna, Sandra Fei, Ernesto Caccavale, Arturo Diaconale

  3. #3
    Silente
    Data Registrazione
    28 Jul 2005
    Località
    Oesterreichisch Schuler
    Messaggi
    3,072
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    “Il credo libertarian si basa su di un assioma centrale: nessuno può aggredire la persona e la proprietà altrui”
    Murray N. Rothbard

    Politiche dogmatiche o ideologiche (come quelle trasfuse nella finanziaria 2007 o nella legge 40, solo per citare due esempi) producono azioni legislative tese a emarginare intere categorie sociali (lavoratori autonomi, persone con concezioni religiose diverse o agnostiche). Esse hanno come risultato quello di lacerare il tessuto sociale di un paese, spaccare al loro interno le nazioni creando fazioni che si affrontano con ogni mezzo.
    Non è necessario citare, ancora un volta, il numero dieci del “Federalist”, scritto più di due secoli or sono dal Padre Fondatore della costituzione americana James Madison, che rimane a tutt'oggi la più lucida e lungimirante analisi della tragica pericolosità della frantumazione sociale indotta, ma più spesso persino ricercata, dalle ideologie spurie e dal dogmatismo politico; ma richiamando il numero 10 del “Federalist” a complemento del manifesto promosso dai Riformatori Liberali “Per un'anima libertaria nel centro-destra” chiediamo, come soggetto politico costituito in associazione di liberi cittadini, a tutti coloro che condividono queste idee di dare immediatamente un sostegno concreto. Chiediamo l'adesione al manifesto per dare una voce nella politica italiana a chi chiede che la storia del Paese degli ultimi trent'anni non si ripeta.


    www.riformatoriliberali.org
    http://www.generazioneelle.it/iwguestbook/home/

  4. #4
    Silente
    Data Registrazione
    28 Jul 2005
    Località
    Oesterreichisch Schuler
    Messaggi
    3,072
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Più libertà e meno Stato fanno vincere la destra Usa


    Scritto da Stefano Magni - Oggettivista

    sabato 28 ottobre 2006

    Una battaglia per conquistare il cuore e la mente dei Repubblicani: questa è l’idea lanciata dalla rivista oggettivista “The New Individualist” e dal think tank libertario “Cato Institute” per rivitalizzare l’ideale individualista della destra americana in vista delle prossime elezioni di medio termine. Come fanno notare sia David Boaz del “Cato Institute” che Edward Hudgins del “The New Individualist”, il Partito Repubblicano ha vissuto il suo momento di gloria quando predicava valori individualistici: governo ridotto al minimo, riduzione delle tasse, libertà individuale e federalismo.
    Mentre ha sempre registrato insuccessi nel momento in cui ha abbandonato questi valori per sposare una linea d’azione pragmatica o conservatrice cristiana. Edward Hudgins ricorda quali erano i tre pilastri del programma di Berry Goldwater per le elezioni del 1964: “Primo: ogni persona ha il diritto di governare se stessa, di stabilire i suoi obiettivi e di determinare il suo destino riducendo al minimo l’interferenza del governo. Secondo: il dovere del governo è di rafforzare e difendere la libertà, incoraggiando ciascun individuo a sviluppare al meglio i poteri mentali e fisici che Dio gli ha donato. Terzo: nella nostra Repubblica, il governo federale deve poter agire solo nei campi concessigli dalla Costituzione e solo per rispondere a necessità a cui gli individui o i governi locali non possono adeguatamente far fronte”.

    Goldwater perse le elezioni, ma il suo pensiero si diffuse e fu alla base della vittoria di Ronald Reagan. Fu grazie a questi principi che il Partito Repubblicano raggiunse il massimo dei consensi: “Nel Partito Repubblicano è radicata da molto tempo e in modo irrinunciabile la convinzione che il governo debba diffondere un clima di massima libertà individuale” – si leggeva nella piattaforma elettorale di Reagan nel 1980 – “Gli americani, sia individualmente che attraverso associazioni spontanee, possono prendere le decisioni giuste per promuovere il benessere personale e generale, se liberati dal peso di un invadente governo centrale”. Il Partito Repubblicano vinse sino al 1992, quando fu battuto dall’elezione di Bill Clinton dopo quattro anni di amministrazione Bush (padre).

    I motivi della sconfitta furono chiari sin da subito: la delusione per un presidente che promise di non alzare le tasse, ma che invece aumentò il peso dello Stato. I Repubblicani tornarono a vincere solo dopo che la componente individualista al loro interno, capitanata da Newt Gingrich, ebbe stipulato un “Contratto con l’america” che riprendeva e rilanciava tutti i temi e i valori del programma di Reagan. E Bush (figlio) vinse di poco le elezioni del 2000, solo perché fece suoi alcuni dei pilastri della politica reaganiana: riforma della previdenza, taglio delle tasse ed ecologia di mercato. Tuttavia, come denuncia il giornalista Robert James Bidinotto, dalle colonne di “The New Individualist”, i Repubblicani non hanno capito a fondo la lezione della storia. Lo stesso George W. Bush, già prima delle elezioni del 2000, scriveva che: “Troppo spesso, il mio partito ha confuso l’esigenza di ridurre lo statalismo con il rigetto dello Stato”. E definì distruttivo il concetto che “se il governo si ritira dalla nostra vita, saranno risolti tutti i problemi”. Questi aspetti statalisti dell’amministrazione Bush emersero solo nel tempo, durante la sua amministrazione e furono sempre eclissati dalla necessità di combattere la guerra contro il terrorismo islamista, ma provocarono ugualmente un calo di consensi. David Boaz, dalle colonne della “National Review”, fa notare che: “Secondo le ricerche che abbiamo condotto, circa il 15% degli americani condividono ideali libertari. (…) La nostra analisi mostra che nel 2004 il voto libertario per Bush è calato dal 72 al 59%, mentre il voto libertario per il candidato democratico è praticamente raddoppiato”.

    Secondo Edward Hudgins, la trasformazione interna al Partito Repubblicano è stata molto profonda. Il direttore di The New Individualist, individua quattro fazioni principali all’interno del Grand Old Party: i tradizionalisti, gli individualisti, i conservatori sociali e i neoconservatori. Il programma di Goldwater e di Reagan fu reso possibile solo dall’egemonia mantenuta da un’alleanza di individualisti e tradizionalisti. I primi, infatti, sono convinti che il valore centrale sia la libertà individuale in tutti i campi, mentre i secondi sono contrari all’espansione del governo per paura che quest’ultimo vada ad intaccare le strutture tradizionali della società, famiglia per prima. Con Bush jr., questa coalizione tradizionalista-individualista è finita in minoranza, lasciando l’egemonia a neoconservatori e conservatori sociali, entrambi convinti del ruolo centrale dello Stato nella società. I neoconservatori, essendo tutti ex liberal, hanno conservato una mentalità da scienziati sociali: lo Stato può intervenire attivamente per risolvere problemi economici e sociali. I conservatori sociali sono fermi sostenitori dell’intervento dello Stato in campo etico, per difendere la morale tradizionale. Finché vi sono state emergenze esterne da affrontare, come nel periodo immediatamente successivo all’11 settembre, i Repubblicani hanno sorvolato sulle loro differenze e sono rimasti compatti.

    Ma dopo la Guerra in Iraq il contrasto tra l’ala statalista e quella anti-statalista si è nuovamente riacceso. Sono tanti e diversi i suggerimenti che gli opinion maker danno alla classe dirigente repubblicana per permettere al Grand Old Party di riconquistare la sua popolarità. Ryan Sager, autore del recentissimo saggio “The Elephant in the Room” sulla battaglia per il controllo del Partito Repubblicano, suggerisce una nuova strategia “fusionista”: “C’è una via per la riconciliazione: una via che sappia rivitalizzare l’antica fusione di libertà e tradizione, libertà e responsabilità, governo limitato e governo forte”. Il più disilluso libertario David Boaz, ma soprattutto gli oggettivisti Hudgins e Bidinotto, sono convinti che queste proposte di fusione siano solo retorica. La realtà è un’altra: il Partito Repubblicano potrà decollare di nuovo solo se abbraccerà ancora i valori della libertà individuale e relegherà in secondo piano il conservatorismo sociale, così come è sempre avvenuto in passato. David Boaz suggerisce di adottare la strategia democratica della “triangolazione”: catturare il consenso degli indecisi adottando alcune proposte dell’avversario, considerando che una buona percentuale di americani è “conservatrice quando si parla di tasse e progressista quando è in gioco la libertà personale”.

    Edward Hudgins va oltre e suggerisce un rinnovamento culturale completo per trasformare la destra americana in un vero partito individualista: “La Nazione americana si fonda sulla premessa etica dell’auto-realizzazione dell’individuo. Il che vuol dire: il diritto degli individui di vivere a modo loro. Questo principio etico è alla base del nostro sistema economico capitalista, nonché del nostro sistema politico caratterizzato dal rispetto dei diritti individuali e da un governo limitato. E questo è il principio morale che i migliori repubblicani devono comprendere, accettare e articolare in modo chiaro e sincero, se il Partito Repubblicano vuole ancora avere un futuro (…) Essi devono comprendere che le loro battaglie contro i conservatori sociali e i neoconservatori non sono semplicemente delle schermaglie politiche, ma sono uno scontro morale per vincere il cuore e la mente del partito politico che fu fondato per difendere i diritti individuali di tutti gli Americani”. Questo vale anche per noi italiani? Il dibattito sul futuro della nostra coalizione di centro-destra è appena incominciato. Spesso gli Stati Uniti ci hanno semplicemente preceduti di qualche decennio.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 02-05-10, 10:56
  2. Clan Libertari
    Di nrenato nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-09-07, 15:44
  3. Voi libertari.
    Di Steppenwolf nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 10-09-06, 03:35
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 30-01-06, 11:20
  5. Libertari e Conservatori
    Di felis nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 35
    Ultimo Messaggio: 08-11-05, 13:50

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226