User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Forumista
    Data Registrazione
    07 Jul 2006
    Messaggi
    382
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Kompagni - Nuova fiction RAI

    Kompagni

    Prosegue, con picchi di audience vertiginosi, la nuova fiction della RAI, intitolata “Kompagni”. Attraverso storie di vita vissuta in alcune famiglie toscane di provata fede demokratica, la serie ci fa scoprire la vita di quell’Italia giusta, solidale, onesta, ulivista, moralmente superiore che tutto il mondo vuol prendere ad esempio, specie per quella capacità sorprendente di negare l’evidenza in maniera spudorata. L’episodio odierno è diretto, manco a dirlo, da Francesca Archibugi, già realizzatrice di capolavori come “Il grande cocomero”, “La mela marcia è sempre di destra”, “Il Caffè lo prendo al bar perché mi si è guastata la moka” e ”Per piacere finanziatemi anche questo, grazie!”.

    Episodio II – Per amore solo per amore

    Colle Val d’Elsa (Siena). Fervono i lavori per la costruzione della moschea di Colle, la prima in tutta la toscana, “Un piccolo passo per il Partito, ma un passo da gigante per l’Islam”, come ha modo di commentare fieramente Berlinguero Sarrini, Assessore ai Lavori Controproducenti del comune di Colle, soprannominato “Armstrong” dai maliziosi consiglieri dell’opposizione per quella sua certa aria di chi non ha mai capito in che mondo vive e magari pensa di essere sulla Luna. Le solite polemiche strumentali, si sa, ma oggi si comincia finalmente a far sul serio e Berlinguero si accinge a gustare la sua personale rivincita sulle malelingue.
    Difatti, direttamente dalla Val di Susa, stanno arrivando in paese i macchinari preposti alle perforazioni ed ai carotaggi, al fine di sondare non solo il terreno su cui costruire la moschea ma anche l’area circostante, dove sorgeranno 3 svincoli autostradali, un kebabificio di 300.000 metri quadri, un metrò di superficie ed un aeroporto. “Abbiamo evitato il verificarsi di un tremendo impatto ambientale in Val di Susa” commenta trionfante Berlinguero durante la conferenza stampa di rito “trasferendo mezzi e competenze qui a Colle, dove realizzeremo un’opera non solo utile e multiculturale, ma anche environmentally-friendly, prova ne sia che i piloni dell’autostrada e del metrò saranno dipinti di verde, mentre i fumi venefici del kebabificio verranno dirottati verso il limitrofo comune di Poggibonsi, poi se la vedranno loro!”. “Bravo Berlingueroooo!!!” esplodono di gioia i kompagni, mentre un vecchetto, tale Galeazzo Piano, noto fascistone, inveisce con frasi del tipo “ti ci manderei a te a Poggibonsi, testa di hazzo!”, raccogliendo applausi scroscianti che per un attimo sembrano oscurare il trionfo del Sarrini.
    Tornato a casa, Berlinguero annuncia la lieta novella alla figlia Rosa Luxemburga Sarrini, interessatissima alla faccenda anche perché appena laureata a pieni voti in architettura a Firenze ed immediatamente assunta nell’ufficio tecnico dell’Assessorato presieduto dal padre. Le solite malelingue parlano di nepotismo, ma i Sarrini hanno le spalle forti e passano sopra queste parole gettate al vento dagli invidiosi concittadini. Anche il figlio Ramadan Sarrini, recentemente convertitosi all’Islam con tanto di nuovo nome di battesimo, si felicita imediatamente col padre, pur evitando di stringergli la mano, dato che, nonostante i rapporti di stretta parentela, Berlinguero è pur sempre un infedele! Dopo aver insultato pesantemente la sorella, rea di non indossare non dico il burqa, ma neppure il velo, Ramadan si reca alla preghiera del venerdì presso il centro culturale islamico “O. Bin Laden” di Colle, pregustando dentro di sé il giorno in cui potrà finalmente recarsi in moschea e lì condurre una più massiccia opera di proselitismo, per la quale ha già individuato delle potenziali vittime nei soliti quattro gonzi del Circolo ARCI. Convertirli, pensa Ramadan, sarà un gioco da ragazzi. Del resto è stato così anche per lui, che era il più bischero di tutti!
    Il giorno seguente Rosa Luxemburga Sarrini si reca sul sito della costruenda moschea, mirando e rimirando i paletti e i confini segnati in maniera ancora approssimativa. Ma proprio mentre la giovane si abbassa per misurare uno spicchio di terreno, ecco sopraggiungere da dietro un energumeno, che al grido di “Allah Akbar” la copre con un plaid e la violenta selvaggiamente e ripetutamente approfittando del deserto circostante (o forse dell’omertà compiaciuta degli operai musulmani che si aggirano nel cantiere, chissà). Rosa Luxemburga, sconvolta, dopo che l’aggressore si è allontanato si avvia barcollando verso la stazione dei carabinieri, che vedendola arrivare coi vestiti stracciati pensano sia reduce da una delle solite marce para-militari organizzate dal vicino Centro Sociale, cui normalmente seguono risse e scontri con i colleghi della polizia. La giovane racconta invece di esser stata violentata e rivela il particolar del grido “Allah Akbar”.
    I carabinieri, redigendo il verbale, scrivono che l’aggressore è con tutta evidenza un’arabo, al che Rosa Luxemburga reagisce dicendo che loro sono dei razzisti e dei prevenuti. Il Capitano Sandro Bondi squadra allora la Sarrini apostrofandola “O pallina, ma sehondo te uno he ti dice “Allah Akbar” se un’è arabo, chec**** gli è, polacco??? Ma vai a casina, vai, che alla denuncia ci si pensa noi, mòviti!”
    Rosa Luxembrga torna allora verso casa con la coda doppiamente fra le gambe, ma ad aspettarla ci sono guai ancora più grossi. Se Berlinguero accoglie in un primo momento la figlia fra le braccia, dopo il racconto della giovane ecco spuntare Ramadan che punta l’indice contro la sorella “sporca crociata, tr***, hai disonorato la nostra famiglia!”. Rosa Luxemburga replica “ma cosa dici, non siamo mica nella sicilia bigotta del secolo scorso, certe cose non le dicono più neanche i cattolici! Babbo, digli qualcosa!!” mentre Ramadan esce sbattendo la porta
    Berlinguero, però, da uomo di mondo, multiculturale, solidale e terzomondista qual è, non può fare a meno di notare che “se davvero si tratta di un arabo, dobbiamo capire e rispettare la sua cultura, anche se certe volte questo comporta dei sacrifici, ma del resto se facciamo sacrifici per il partito, perché non farne anche per la pacifica convivenza multiculturale?”.
    “Ma quale convivenza, babbo! Io son stata violentata! La legge è uguale per tutti, chi violenta una donna è un criminale, che sia cristiano, musulmano o ateo! Non siamo noi kompagni i difensori dello stato laico, della costituzione, della giustizia?”
    “Rosa, Rosa, calmati! Lascia perdere queste categorie superate, lo stato di diritto, la giustizia, queste inutili sovrastrutture capitaliste! Renditi conto che viviamo in un mondo multipolare e muticulturale, dove ogni pensiero ha lo stesso valore, per cui non ha senso affannarsi nel difender a tutti i costi delle idee che per altri non hanno alcun senso! Vai a nanna, vai!”
    Rosa Luxemburga prorompe allora in un pianto dirotto e si rifugia in camera in preda al suo dolore e in più con mille dubbi che improvvisamente iniziano ad offuscare la sua fede nel Partito e nella Sinistra.
    Intanto il fratello Ramadan, agendo straordinariamente di testa sua, si è recato nel ghetto islamico di Colle, dove fra un “inch’allah” ed un “morte agli infedeli” riesce a rintracciare il violentatore, tale Al-Fonso Pecoraroh, un egiziano ecologista che si diverte ad infiltrarsi nei funerali cristiani per poi sganasciarsi dal ridere in chiesa, al momento dell’omelia. Insieme a questo bell’esempio di integrazione, Ramadan arriva a casa e propone a Berlinguero di convincere Rosa Luxemburga a sposare Al-Fonso, unico modo di salvare l’onore della famiglia. Berlinguero acconsente, ma la figlia, da lui informata del progetto, non vuole saperne e minaccia di provocare un putiferio rivolgendosi al quotidiano locale “La Nazione”, oltretutto di destra, anziché alla vecchia e cara Unità.
    Di fronte a una minaccia del genere, babbo e figlio Sarrini capiscono di dover giocare d’astuzia. Il giorno seguente Berlinguero si presenta sorridente alla figlia, regalandole un biglietto per una vacanza all-inclusive a Sharm el-Sheik. Rosa Luxemburga abbocca come una lasca, ringrazia babbo Sarrini e si imbarca sul charter della Jihadair senza nulla sospettare. All’atterraggio, però, due uomini travestiti da commessi del Club Med invitano Rosa Luxemburga a seguirli sul taxi per Sharm. Durante il viaggio la ragazza si rende conto che qualcosa non va, ma è troppo tardi. Il Taxi deposita infatti i tre di fronte ad una catapecchia nello sperduto villagio di Bukodikùl. La famiglia Pecoraroh accoglie Rosa Luxemburga, coprendola immediatamente con un bel burqa, nonostante i tentativi di resistenza e le urla della ragazza, che viene così trascinata a forza dentro il tugurio.
    Sei mesi dopo, Berlinguero e Ramadan ricevono una lettera da Bukodikùl. Dentro trovano una foto di Rosa Luxemburga, non molto riconoscibile perché nascosta da un burqa ed una lettera scritta in arabo dove si afferma che la ragazza si è sposata con Al-Fonso, sta bene ed è felice. Berlinguero ha un attimo di esitazione: “ma perché non ci ha scritto lei in italiano?”
    “Caro babbo” risponde Ramadan “quante volte devo dirti che nel mondo islamico la parola dell’uomo basta per entrambi?”
    “Hai ragione figliolo! E io che mi preoccupavo... sia lodato Allah!”
    Sentendo queste parole, gli occhi di Ramadan si illuminano: “Babbo! Finalmente stai iniziando a vedere la luce! Allah è davvero grande!”. Dopo un distacco durato anni, Ramadan abbraccia il padre e lo conduce all’aria aperta;
    “Vieni babbo, ti porto a vedere una cosa bellissima...”
    “Il Sol dell’Avvenire?”
    “No, la nostra moschea! Vedrai, ti piacerà!”

    Fine

    Pietro Aretino

    Altri episodi della fiction "Kompagni" disponibili su:

    http://www.ilgiulivo.com/cms/forum/v...hp?forum_id=40

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,352
    Mentioned
    14 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito

    Accidenti,speriamo che nulla di tutto questo diventi realtà...però effettivamente qualcuno ci sta lavorando.Ma noi siamo qui per impedirlo.

 

 

Discussioni Simili

  1. Nuova fiction antifascista e giudaizzante...
    Di Nazionalistaeuropeo nel forum Destra Radicale
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 01-11-09, 23:01
  2. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 21-07-09, 16:00
  3. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 05-05-08, 21:59
  4. Bye Bye Kompagni!
    Di Iron_Man (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 15-04-08, 14:57
  5. Kompagni: Nuova Fiction RAI
    Di Pietro Aretino nel forum Fondoscala
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-11-06, 22:06

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226