User Tag List

Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 57
  1. #1
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito "Ma ormai il partito è finito"

    Libero.it

    Retroscena/

    Lega, sfida Maroni-Calderoli. "Ma il partito ormai è finito"
    Giovedí 02.11.2006 11:00

    Disillusione, amarezza e frustrazione. Ovvero la consapevolezza di essere ormai al capolinea, a un punto di non ritorno, alla fine di un grande sogno durato più di vent'anni. Sono i sentimenti che si respirano in Via Bellerio, quartier generale della Lega Nord. Il movimento ha perso da tempo mordente e guadagna le prime pagine dei giornali soltanto con le infelici battute di Calderoli ("Napoli è come la fogna", è stata l'ultima in ordine di tempo).

    Il problema del Carroccio fondamentalmente è uno solo: Umberto Bossi non è più quello di prima. Ha certamente superato i momenti più difficili dopo la terribile malattia che lo colpì l'11 marzo 2004, ma non è più in grado di guidare un partito fatto su misura per lui. Creato e gestito dallo stesso Senatùr. Sono lontani i tempi in cui arringava per ore le folle di leghisti sul prato verde di Pontida o nella Venezia culla della Padania, ora si limita a sparute comparsate come quella di Vicenza, in cui viene trattato come un simpatico nonnetto da Berlusconi e Fini. Tante pacche sulle spalle, qualche battuta ("ci sono tante donne perché ce l'abbiamo ancora duro") e poco altro.
    Il nodo però è tutto politico. Dopo il fallimento del referendum sulla devolution di giugno e la sconfitta elettorale, il Carroccio è uscito con le ossa rotte. Diviso, anzi lacerato al suo interno, e incapace di rilanciarsi sulla scena politica. Con l'Umberto di un tempo certamente avrebbe potuto essere nuovamente l'ago della bilancia, far pesare i suoi pur risicati numeri, giocare d'astuzia con quell'intelligenza politica che ha sempre contraddistinto il Senatùr e che da tutti gli è stata riconosciuta. E invece nulla. La Lega è rimasta fedele a Berlusconi, in un abbraccio mortale. Fino a quando il Cavaliere l'ha scaricata lanciando la Grande Coalizione e ignorando le invettive padane.

    E così sono riemerse fortemente le vecchie contrapposizioni tra le due anime del movimento. Roberto contro Roberto, ovvero Calderoli contro Maroni. Il primo che ancora crede nella Casa delle Libertà e che faticosamente tenta di rilanciare il rapporto con Forza Italia e Alleanza Nazionale. Il secondo che ha definto senza mezzi termini "morta" la CdL e che ha non ha avuto problemi a mettere in discussione la leadership del Centrodestra di Berlusconi. Da sempre Maroni è il capofila della parte leghista che predica una maggiore autonomia, il ritorno alla vecchia lotta solitaria stile anni novanta. E che sarebbe anche pronto a votare la Finanziaria di Prodi in cambio del federalismo. Non solo. L'ex ministro del Welfare tentò nei mesi scorsi di intavolare un dialogo con i Ds (Chiti e Violante) proprio sul tema delle riforme istituzionali. Operazione poi bloccata dallo stesso Bossi, probabilmente su input del Cavaliere. Da qui una certa irritazione di Bobo da Varese anche nei confronti degli atteggiamenti del capo supremo. D'altronde, come dimenticare il '94, quando Maroni subito dopo il ribaltone fu a un passo dall'addio al movimento.

    Ma la contrapposizione tra i due colonnelli leghisti è soltanto una faccia della medaglia. L'altra, quella più desolante, si scopre parlando con i parlamenti del Carroccio. I quali, a microfono spento, si lasciano andare. "Ormai non c'è più nulla da fare, tutti i partiti sono e saranno sempre centralisti. Siamo rimasti soli, non ci sono più speranze. Niente di niente, è tutto finito", sottolinea un senatore del Carroccio. "Berlusconi e Prodi non sono poi tanto diversi. Il Cavaliere pensa alla Grande Coalizione, altro che federalismo", confessa sconsolato un onorevole. E anche parlare di successione all'interno del Carroccio è inutile. Bossi è sempre stato la Lega. Punto e basta. Nessuno ha il carisma per sostituirlo, senza il Senatùr i veneti andrebbero per conto loro e nei lombardi inizierebbe una lotta intestina tra bergamaschi e varesotti.

    Qualche nome è stato fatto, ovviamente. Rosy Mauro, consigliere regionale al Pirellone e 'tutrice' di Bossi nella malattia, è l'ultimo in ordine di tempo. Ma, sarà anche per le sue origini meridionali, la pasionaria ruspante non viene nemmeno presa in considerazione. Roberto Castelli, uomo preciso e puntiglioso, svolge il suo ruolo di capogruppo al Senato, ma si è volutamente autoescluso dalla corsa alla leadership. Rimane ovviamente il delfino della prima ora, quel Giancarlo Giorgetti rimasto lontano dal Parlamento per mesi a causa di una frattura al bacino. L'ex presidente della Commissione Bilancio della Camera è certamente l'uomo più stimato, anche dal Centrosinistra. Serio e lungimirante, ma odia scendere in campo in prima persona e non parla mai con i giornalisti. Insomma, un'ipotesi impraticabile.

    C'è poi Marco Reguzzoni, giovane presidente della provincia di Varese, battagliero e astuto, ma anche lui senza quel carisma necessario per guidare il partito. In Veneto ci sono figure di spicco, come il vicepresidente della Regione Veneto Luca Zaia e la numero uno della provincia di Vicenza Manuela Dal Lago. Ma i lombardi mai accetteranno un capo non lombardo. E infine la proposta forse più suggestiva: il figlio dello stesso Bossi. Che però ha solo poco più di 18 anni e quindi ha ancora molti anni di gavetta davanti a sé. "Sarebbe una bella cosa", confessa un parlamentare padano. Che però poi si lascia andare sconsolato: "Peccato che ci vorranno almeno quindici anni... e non credo proprio che nel 2021 la Lega esisterà ancora".

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Feb 2003
    Località
    Il Comune senso del pudore
    Messaggi
    298
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Allegria!!!

  3. #3
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,701
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    certo che se 10 anni fa il capo avesse creato un direttivo di persone valide e un segretario politico (tenendosi al limite la carica di presidente del movimento), senza epurare gli esponenti validi ...

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Feb 2003
    Località
    Il Comune senso del pudore
    Messaggi
    298
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Va bè vorrà dire che voteremo Alleanza Nazziunalo Fogna Italia (ecco la fogna a cui Calderoli si riferiva), o ai sempre buoni democristianoni sUDCi.

    Alè!

  5. #5
    Libertà e Autonomia
    Data Registrazione
    01 Sep 2005
    Località
    PIU' LONTANI DA ROMA
    Messaggi
    327
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    la lega sembra in possesso di poteri straordinari rinasce e muore a distanza di pochi giorni................

  6. #6
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da barnaba Visualizza Messaggio
    Va bè vorrà dire che voteremo Alleanza Nazziunalo Fogna Italia (ecco la fogna a cui Calderoli si riferiva), o ai sempre buoni democristianoni sUDCi.

    Alè!
    Guarda che non è vitale andare a votare
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,748
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da barnaba Visualizza Messaggio
    Va bè vorrà dire che voteremo Alleanza Nazziunalo Fogna Italia (ecco la fogna a cui Calderoli si riferiva), o ai sempre buoni democristianoni sUDCi.

    Alè!
    Veramente questi sono già vs alleati da molti anni,per cui.......
    salucc

  8. #8
    giovanni.fgf
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da barnaba Visualizza Messaggio
    Va bè vorrà dire che voteremo Alleanza Nazziunalo Fogna Italia (ecco la fogna a cui Calderoli si riferiva), o ai sempre buoni democristianoni sUDCi.

    Alè!
    ecco , bravo vada a votare..

    alè...

    con ossequi.

  9. #9
    riflettere..e poi agire
    Data Registrazione
    31 Jul 2006
    Messaggi
    151
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da FdV77 Visualizza Messaggio
    Libero.it

    Retroscena/

    Lega, sfida Maroni-Calderoli. "Ma il partito ormai è finito"
    Giovedí 02.11.2006 11:00

    Disillusione, amarezza e frustrazione. Ovvero la consapevolezza di essere ormai al capolinea, a un punto di non ritorno, alla fine di un grande sogno durato più di vent'anni. Sono i sentimenti che si respirano in Via Bellerio, quartier generale della Lega Nord. Il movimento ha perso da tempo mordente e guadagna le prime pagine dei giornali soltanto con le infelici battute di Calderoli ("Napoli è come la fogna", è stata l'ultima in ordine di tempo).

    Il problema del Carroccio fondamentalmente è uno solo: Umberto Bossi non è più quello di prima. Ha certamente superato i momenti più difficili dopo la terribile malattia che lo colpì l'11 marzo 2004, ma non è più in grado di guidare un partito fatto su misura per lui. Creato e gestito dallo stesso Senatùr. Sono lontani i tempi in cui arringava per ore le folle di leghisti sul prato verde di Pontida o nella Venezia culla della Padania, ora si limita a sparute comparsate come quella di Vicenza, in cui viene trattato come un simpatico nonnetto da Berlusconi e Fini. Tante pacche sulle spalle, qualche battuta ("ci sono tante donne perché ce l'abbiamo ancora duro") e poco altro.
    Il nodo però è tutto politico. Dopo il fallimento del referendum sulla devolution di giugno e la sconfitta elettorale, il Carroccio è uscito con le ossa rotte. Diviso, anzi lacerato al suo interno, e incapace di rilanciarsi sulla scena politica. Con l'Umberto di un tempo certamente avrebbe potuto essere nuovamente l'ago della bilancia, far pesare i suoi pur risicati numeri, giocare d'astuzia con quell'intelligenza politica che ha sempre contraddistinto il Senatùr e che da tutti gli è stata riconosciuta. E invece nulla. La Lega è rimasta fedele a Berlusconi, in un abbraccio mortale. Fino a quando il Cavaliere l'ha scaricata lanciando la Grande Coalizione e ignorando le invettive padane.

    E così sono riemerse fortemente le vecchie contrapposizioni tra le due anime del movimento. Roberto contro Roberto, ovvero Calderoli contro Maroni. Il primo che ancora crede nella Casa delle Libertà e che faticosamente tenta di rilanciare il rapporto con Forza Italia e Alleanza Nazionale. Il secondo che ha definto senza mezzi termini "morta" la CdL e che ha non ha avuto problemi a mettere in discussione la leadership del Centrodestra di Berlusconi. Da sempre Maroni è il capofila della parte leghista che predica una maggiore autonomia, il ritorno alla vecchia lotta solitaria stile anni novanta. E che sarebbe anche pronto a votare la Finanziaria di Prodi in cambio del federalismo. Non solo. L'ex ministro del Welfare tentò nei mesi scorsi di intavolare un dialogo con i Ds (Chiti e Violante) proprio sul tema delle riforme istituzionali. Operazione poi bloccata dallo stesso Bossi, probabilmente su input del Cavaliere. Da qui una certa irritazione di Bobo da Varese anche nei confronti degli atteggiamenti del capo supremo. D'altronde, come dimenticare il '94, quando Maroni subito dopo il ribaltone fu a un passo dall'addio al movimento.

    Ma la contrapposizione tra i due colonnelli leghisti è soltanto una faccia della medaglia. L'altra, quella più desolante, si scopre parlando con i parlamenti del Carroccio. I quali, a microfono spento, si lasciano andare. "Ormai non c'è più nulla da fare, tutti i partiti sono e saranno sempre centralisti. Siamo rimasti soli, non ci sono più speranze. Niente di niente, è tutto finito", sottolinea un senatore del Carroccio. "Berlusconi e Prodi non sono poi tanto diversi. Il Cavaliere pensa alla Grande Coalizione, altro che federalismo", confessa sconsolato un onorevole. E anche parlare di successione all'interno del Carroccio è inutile. Bossi è sempre stato la Lega. Punto e basta. Nessuno ha il carisma per sostituirlo, senza il Senatùr i veneti andrebbero per conto loro e nei lombardi inizierebbe una lotta intestina tra bergamaschi e varesotti.

    Qualche nome è stato fatto, ovviamente. Rosy Mauro, consigliere regionale al Pirellone e 'tutrice' di Bossi nella malattia, è l'ultimo in ordine di tempo. Ma, sarà anche per le sue origini meridionali, la pasionaria ruspante non viene nemmeno presa in considerazione. Roberto Castelli, uomo preciso e puntiglioso, svolge il suo ruolo di capogruppo al Senato, ma si è volutamente autoescluso dalla corsa alla leadership. Rimane ovviamente il delfino della prima ora, quel Giancarlo Giorgetti rimasto lontano dal Parlamento per mesi a causa di una frattura al bacino. L'ex presidente della Commissione Bilancio della Camera è certamente l'uomo più stimato, anche dal Centrosinistra. Serio e lungimirante, ma odia scendere in campo in prima persona e non parla mai con i giornalisti. Insomma, un'ipotesi impraticabile.

    C'è poi Marco Reguzzoni, giovane presidente della provincia di Varese, battagliero e astuto, ma anche lui senza quel carisma necessario per guidare il partito. In Veneto ci sono figure di spicco, come il vicepresidente della Regione Veneto Luca Zaia e la numero uno della provincia di Vicenza Manuela Dal Lago. Ma i lombardi mai accetteranno un capo non lombardo. E infine la proposta forse più suggestiva: il figlio dello stesso Bossi. Che però ha solo poco più di 18 anni e quindi ha ancora molti anni di gavetta davanti a sé. "Sarebbe una bella cosa", confessa un parlamentare padano. Che però poi si lascia andare sconsolato: "Peccato che ci vorranno almeno quindici anni... e non credo proprio che nel 2021 la Lega esisterà ancora".
    Amen

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Feb 2003
    Località
    Il Comune senso del pudore
    Messaggi
    298
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    votare non è vitale... qualcuno è morto per far sì che OGGI e domani si possa votare... qualcuno ha lottato perchè anche il gentil (oggi meno), sesso potesse anch'esso votare.

    hai in mente un'altro metodo democratico per riformare e/o cambiare e governare un PAESE?

    Sono alleati, un'alleanza si può sempre sciogliere... non è neanche un matrimonio... solo un'alleanza... ci vuole la volontà... nel mio piccolo faccio il possibile.... altri si fanno le seghe mentali sui forum nelle realtà virtuali...

    Non voterei mai i simboli di questi alleati... sono centralisti, nazionalisti e tricoloristi... e questo mi basta a sinistra sono per la società multirazziale per la cittadinanza facile però sull'autonomismo più aperti.... sarebbe più facile fare un COMPROMESSO con la sinistra che con berlus.cazzo fini e casini... e te lo dice uno che vive in un posto rosso rosso e dove il leghista è il nemico da abbattere...

 

 
Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 34
    Ultimo Messaggio: 17-06-11, 12:54
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 25-11-10, 12:56
  3. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 18-05-05, 22:43
  4. Tranfaglia "I DS? Ormai sono un partito fuori dal mondo"
    Di Michele S- nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 17-02-04, 19:30

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226