User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 34
  1. #1
    Briza strazzèr i maròn!
    Data Registrazione
    19 Jun 2006
    Località
    tra il Ducato di Modna, quello di Frara e la Rumâgna
    Messaggi
    835
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Exclamation Sicilia / tornano le baby pensioni, la Regione rischia il tracollo

    PALERMO - Un esercito di impiegati della Regione Siciliana si appresta ad usufruire del “privilegio” della baby pensione, “malcostume” che già in passato ha costituito “scandalo” per l’intero paese. Una sentenza della Corte dei conti siciliana (depositata martedì scorso), infatti, ha dato ragione a 102 dipendenti regionali che avevano chiesto di poter andare in pensione con 25 anni di anzianità. Il provvedimento, però, riguarda anche tutti gli altri “regionali” nelle stesse condizioni che avevano chiesto l’arbitrato della Corte. Se, dunque, si dovesse verificare il via libera indifferenziato e contemporaneo per tutti, il governo regionale verrebbe a trovarsi nella difficile situazione di dover sborsare circa 300 milioni di euro per il pagamento delle liquidazioni del Tfr e per gli adeguamenti maturati dalla data della presentazione dei ricorsi. E sembra proprio che questi soldi non siano in cassa. E’ storia lunga, quella delle baby pensioni e dei tentativi di porre fine all’anomalia. Storia lunga e complicata, controversa fino a rendere difficoltosa la stessa ricostruzione dell’origine e il conseguente evolversi che ha coinvolto, in sei anni, più d’una compagine governativa. L’ultimo atto era stato compiuto, alla fine del 2003, dal governatore Totò Cuffaro, che era riuscito a bloccare l’esodo di 4619 impiegati pronti ad essere posti a riposo dopo 25 anni di servizio, invece dei 35 richiesti dalla legge nazionale. Non bastò l’”assalto alla diligenza” con cui i “pensionandi” si precipitarono a firmare la richiesta. Solo in seicento ce la fecero. Gli altri incapparono nel blocco di Cuffaro, preoccupatissimo delle conseguenze economiche della fuga di massa. Ma chi fu lasciato a piedi dalla “diligenza”, tentò di riprenderla alla fermata successiva, quella della Corte dei Conti.
    Si è sempre molto parlato - e non sempre a proposito - dello “scandaloso sistema pensionistico siciliano” tenuto in piedi dalla legge 2 del 1962 che stabiliva in 25 anni di servizio il “tetto” per la pensione. Alle donne quella legge offriva, poi, un ulteriore scivolo di 5 anni in considerazione delle maggiori difficoltà che incontravano nell’inserimento del mercato del lavoro che, peraltro, avveniva quando erano già madri. Quel “sistema” ha resistito a lungo, anche se non è esatto considerarlo esclusivamente “siciliano”. Nel 2000, per esempio, proprio mentre - come vedremo - il governo regionale di centrosinistra si apprestava a varare una vasta riforma che, tra l’altro, tendeva a livellare le differenze con le leggi nazionali, la regione col maggior numero di dipendenti pubblici andati in pensione sotto i 50 anni era la Lombardia. Al Sud la Sicilia era superata da Campania e Puglia. E nel 2002 proprio la Puglia approvava un decreto e concedeva incentivi per i prepensionamenti che arrivavano anche a 74 mensilità.
    E’ stato il governo di Angelo Capodicasa (ds) - ironia della sorte Totò Cuffaro era assessore all’agricoltura di una formazione di centrosinistra - a mettere in moto, nel 2000, la macchina delle baby pensioni. Il diessino spiega: «Volevamo fare una grande riforma del decentramento e trasferire una serie di poteri ai Comuni e alle Province, in modo anche da snellire e svecchiare la mastodontica macchina regionale che allora contava credo 16.500 dipendenti». Capodicasa insiste: «Il tentativo di trasferire il personale agli enti locali era impraticabile perché nessun regionale avrebbe accettato di andare al Comune o alla Provincia. Non rimaneva che il prepensionamento. E allora abbiamo offerto l’ultima “finestra” possibile prima di far scattare l’adeguamento alla legge nazionale. Avevamo calcolato di riuscire a dimezzare addirittura l’organico, il numero ideale per la nuova organizzazione della burocrazia regionale pensata dalla riforma che avevamo in animo di varare». La domanda, come si dice, sorge spontanea.
    Ma c’erano, allora, i soldi per pagare le liquidazioni? Angelo Capodicasa annuisce: «Avevamo accantonato 1500 miliardi di vecchie lire. Ma poi ci fu il ribaltone, cadde il governo, la riforma morì lentamente e rimase la finestra per i prepensionamenti. I 1500 miliardi, però, furono incamerati dal governo di centro destra di Cuffaro e così non si trovarono più i fondi per agevolare le uscite. Quindi arrivò il blocco di Cuffaro che fermò l’esodo». E da qui i ricorsi alla Corte dei conti, mentre la Columbia University premiava il vicepresidente della Regione siciliana, Vladimiro Crisafulli (ds), per quella riforma che non avrebbe mai visto la luce. In verità, con Cuffaro ha resistito (per sei anni) un “Ufficio speciale per il decentramento” che, a sentire Capodicasa, «non ha prodotto granché». Come finirà? I timori per una insopportabile mazzata alle casse della Regione sono palesi. Alfredo Liotta, capo del personale, esclude che la sentenza - peraltro non in sintonia con altri tre pronunciamenti di segno opposto della Corte dei conti - diventi esecutiva, dal momento che «sarà oggetto di ricorso e di richiesta di sospensiva». I “pensionandi” ovviamente gridano alla vittoria. E l’agguerritissimo sindacato dei dipendenti regionali, il Cobas/Codir che vanta il maggior numero di iscritti, ha già fatto intendere che sarà guerra. I segretari Dario Matranga e Marcello Minio parlano di «restituzione per legge di un diritto acquisito» e sottolineano che non esiste «nessun aggravio» per le casse della Regione. «La sentenza - scrivono in un comunicato - stabilisce semplicemente la “restituzione” del Tfr accantonato dai dipendenti regionali siciliani durante tutta la propria attività lavorativa». Come a dire che sono soldi del lavoratori, «che per legge, dal 1 gennaio del 2004, la Regione avrebbe dovuto versare all’Inpdap».

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    tentativo di trasferire il personale agli enti locali era impraticabile perché nessun regionale avrebbe accettato di andare al Comune o alla Provincia
    -----------------------------------------------------------------------

    E di andare aff...lo??? No?

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Jun 2004
    Messaggi
    3,135
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Bisogna però ammettere che nessun altro popolo al mondo,
    in regime di democrazia e libertà sarebbe riuscito a fare
    quello che stan facendo loro con i soldi degli altri.
    Complimenti!

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Rotgaudo Visualizza Messaggio
    Bisogna però ammettere che nessun altro popolo al mondo,
    in regime di democrazia e libertà sarebbe riuscito a fare
    quello che stan facendo loro con i soldi degli altri.
    Complimenti!
    Vero. Il grimaldello è nella parola "altri", perchè non si tratta di "altri" qualunque. Hanno un nome e un pedigree

  5. #5
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Tracollo? Loro stanno tranquilli, tanto adesso il nostro TFR è tutto per loro!

  6. #6
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,599
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Rotgaudo Visualizza Messaggio

    Bisogna però ammettere che nessun altro popolo al mondo,
    in regime di democrazia e libertà sarebbe riuscito a fare
    quello che stan facendo loro con i soldi degli altri.
    Complimenti!
    sono d'accordo,
    aggiungo il biasimo e il disprezzo per i padani che
    riescono ancora ad appassionarsi tra le beghe di destra e sinistra
    mentre laggiù, nel profondo sud, si stanno facendo grasse risate..........



  7. #7
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Come si diceva in un altro thread, si parla della stessa regione che ha debiti sicuri fino al 2027. E ora altri 300 milioni... allegria! Tanto Pantalone paga...

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    20 Jan 2006
    Messaggi
    18,042
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    vergognoso...

  9. #9
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Indovinate un po' con quali soldi quella gentaglia mangerà a sbafo... indovinate un po' la sicilia da dove vedrà arrivare i soldi necessari...

    Complimenti alla Corte dei Conti. Vivissimi complimenti.

  10. #10
    Forumista junior
    Data Registrazione
    22 Sep 2006
    Messaggi
    98
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Maxadhego Visualizza Messaggio
    sono d'accordo,
    aggiungo il biasimo e il disprezzo per i padani che
    riescono ancora ad appassionarsi tra le beghe di destra e sinistra
    mentre laggiù, nel profondo sud, si stanno facendo grasse risate..........


    concordo al 100%, anche con quello scritto da Rotgaudo

    Il punto è proprio questo: quando leggo sul POL da alcuni residui sostenitori della lega (mi viene in mente Novis, ma ce ne sono altri) porsi problemi di "sostenibilità" del sistema Italia, che loro a parole detestano, ho l'ennesima conferma che manca la consapevolezza della propria identità, ed allora è giusto che i popoli padano-alpini continuino a pagare.

    La colpa di avere riaddormentato i nostri popoli, che si stavano svegliando, è tutta della lega.

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. baby pensioni concentrate al nord
    Di stefaboy nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 279
    Ultimo Messaggio: 02-08-12, 01:13
  2. BABY PENSIONI: TUTTE AL NORD
    Di Napoli Capitale nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 45
    Ultimo Messaggio: 04-11-11, 09:24
  3. A proposito di baby pensioni
    Di Guidastro nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 02-11-11, 11:36
  4. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 02-07-09, 16:22
  5. Pensioni baby, baby e ancora baby.
    Di stefanopelloni nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 16-04-07, 12:43

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226