http://gazzettino.quinordest.it/Visu...ilights=caorle

Scavato a Duna Verde
A Caorle fosso contro i nomadi Ma il sindaco è rassegnato: battaglia persa
Caorle

Anche a Caorle è stato un fossato l'arma usata per tenere lontane le carovane dei nomadi. È stato realizzato la scorsa estate in un'area verde di Duna Verde particolarmente frequentata dagli zingari. «È un disagio continuo - dice sconsolato il sindaco Marco Sarto, spiegando le ragioni che hanno portato all'intervento - hanno manomesso gli idranti, fatto i loro bisogni a cielo aperto in un parco pubblico, fatto i fatti loro comodi senza dover renderne conto a nessuno. Conoscono bene i loro diritti». L'unica arma in mano alle amministrazioni locali, ha spiegato il sindaco, è l'allontanamento per questioni di salute pubblica. I nomadi così si spostano per una giornata nelle località limitrofe e poi ritornano. Sono di varie etnie e la loro presenza, soprattutto nel periodo estivo crea delle grosse difficoltà oltre "ad uno spreco di energie tra l'ordinanza, la notifica, l'esecuzione e tutto il resto".«Sono i mesi di luglio ed agosto i più critici. Siamo costretti - aggiunge l'assessore Vanni Ferro - ad attuare questi interventi per tentare almeno parzialmente di arginare questo fenomeno. Le amministrazion agiscono come possono: si scavano fossati, si creano recinti, si usano barre e aste graduate in altezza per evitare l'accesso alle aree».

«Tutto inutile - conclude il sindaco Sarto - perché superano gli ostacoli ed entrano. È una battaglia persa».

Il problema del nomadismo è una realtà particolarmente opprimente a Caorle e nelle sue frazioni che ogni anno scatena molte proteste sia tra i residenti che tra i numerosi turisti. Oltre ai problemi di igiene pubblica ci sono quelli legati alla microcriminalità: la percentuale di furti aumenta sensibilmente con l'arrivo di queste carovane. Dopo le ultime lamentele Sarto, che aveva provato in tutti i modi ad impedire che i nomadi si fermassero con i loro camper e roulotte, ha deciso di usare il pugno di ferro per arginare questa piaga e si è visto costretto a far scavare un fossato attorno ad un'area verde situata a poca distanza dal Parco delle Dune a Duna Verde.

Pietrobellia pagina 2