User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 15
  1. #1
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Cara politica (Report, 21.30)

    In onda domenica 19 novembre 2006 alle 21.30 su Rai Tre (altra puntata di Report giusto per incazzarsi ancora un po' di più).


    2.400 lavoratori pagati dai comuni che timbrano e aspettano la fine del turno per ritimbrare e tornare a casa. Lavoro? Nessuno, perchè i camion non funzionano, perché nessuno dice cosa devono fare.

    E’ questo il deprimente bilancio di 12 anni di commissariamento del ciclo dei rifiuti della Regione Campania, dove c’é stato un continuo ricorso alle consulenze e alle ditte esterne. Sono 18 i consorzi comunali che dal 1999 avrebbero dovuto occuparsi della raccolta differenziata e invece di servirsi dei lavoratori pubblici assunti e retribuiti, grazie anche a una tariffa specifica sui rifiuti, li lasciano senza far niente e affidano la raccolta a società esterne.

    La Regione Lazio invece, negli ultimi anni, ha costituito una rete di 60 società esterne, spesso con competenze che si sovrappongono. Sindaci e Presidenti delle Regioni si servono delle società esterne per spostare pezzi dell’amministrazione che vengono poi diretti da amici o amici degli amici. Il risultato é stato quello di mortificare i propri funzionari, nel migliore dei casi. Nel peggiore, invece, come per l’agenzia Lazio Lavoro, i funzionari sono stati costretti, dopo pressioni da parte di politici, ad assunzioni clientelari.

    Al comune di Milano, invece, assunzioni e richieste di prepensionamento diventano strumenti di gestione del potere. E' successo a 14 dipendenti a cui é stato chiesto di andare anticipatamente in pensione. Al loro posto arriveranno 54 professionisti esterni con le stesse funzioni.

    La stessa cosa accade in Emilia Romagna. Eppure in base alla legge, prima di affidarsi ad esterni bisognerebbe servirsi delle competenze interne. C'è anche l'abitudine, da parte delle nostre amministrazioni, del ricorso al consulente esterno. Sono stati 146.000 i consulenti per i nostri ministeri, e il costo è stato di oltre un miliardo e settecentomilioni di euro. A questi vanno aggiunte le consulenze per le regioni, le province e i comuni. Per esempio la consulenza affidata dal sindaco di Bologna, Sergio Cofferati, per la sicurezza e per combattere il degrado, è costata 100 mila euro. Cosa ha prodotto?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Soluzione?

    1) Abolire d'un colpo il diritto amministrativo italiano e applicare alle autonomie locali le norme previste dal diritto privato.
    2) Equiparare la legislazione sul lavoro nelle P.A. a quello vigente nelle aziende private.
    3) Introdurre una vera autonomia fiscale che assicuri agli enti entrate proprie secondo le loro medie necessità. In caso di passivo di bilancio, ricorso assoluto incondizionato alle addizionali sulle aliquote dei contribuenti degli enti in questione.

    In onore alla trasparenza amministrativa e alla correttezza procedurale si spendono infatti milioni di euro di pura semplice burocrazia e si seppellisce lo "jus" sotto una valanga di produzione normativa statale e regionale. Senza, ovviamente, alcun risultato pregevole.

    Si responsabilizzino completamente gli enti locali. Si faccia sì che possano auto-governarsi nel senso pieno del termine, sulla falsariga di quanto farebbe un consorzio privato. Dovranno comunque rispondere politicamente ai propri cittadini della propria buona o cattiva amministrazione, portata alla luce del sole senza che Report debba andarne a scovare i lati oscuri.

    Questo è autonomismo nel senso pieno del termine. Il resto, devolution o amenità varie, è né più né meno che statalismo.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,215
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Angry Somma ingiustizia, che mi stupisce sempre

    Mì voraria savè perchè i dipendenti dello sctatu lavorano molte meno ore dei ceti produttivi privati, quelli che li mantengono. L'Esatri a Milano (pagamento delle tasse) termina alle 13, l'INPS..più o meno, la posta alle 13.30, le segreterie delle scuole più o meno, le ASSL idem con patate, oppure qualche ora in più.mì so no. Ma perchè i negozi chiudono alle 20..21, perchè le aziende alle 17 8..se necessario si lavora anche di sabato, la vigilia di Natale..di notte (L'ho fatto in emergenza, naturalmente), gli artigiani poi..fino che c'è lavoro, i consulenti di aziende private (non sctatali, vergognosamente superpagati con i noster danee), se necessario lavorano di sera, di sabato, di domenica. Non proseguo. Dico solo che gli orari degli uffici dei pubblici dipendenti - pagati da noi - devono essere più lunghi. Per non parlare del fatto che non li possono licenziare, che sono andati in pensione come baby pensionati, ecc. ecc. Gli sctatali, normalmente, di che regioni sono?Ricordiamocene.

  4. #4
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Antonio Castaldo per il “Corriere della Sera”


    Bassolino è furibondo: «Se me lo dicevi prima, io mi informavo in Commissariato, chiedevo chi c... è questo Arena e poi ti rispondevo».

    L'inviato di Report, Bernardo Iovene, gli ha appena chiesto notizia della consulenza affidata al professore Umberto Arena del Dipartimento di Scienze ambientali della II università di Caserta. Lo studio, corredato anche da un software pronto per l'uso, è stato realizzato dal 2000 al 2002. Secondo il docente, «consentirebbe di risparmiare in Campania 320 tonnellate di petrolio, 111 di metano e altrettante di carbone» con il riciclaggio dei rifiuti. La proposta non è stata mai tramutata in qualcosa di concreto. Ma è ugualmente costata 180 milioni di vecchie lire. E ciò ne farebbe, secondo la ricostruzione che fa la trasmissione, uno dei molti sprechi che la Commissione parlamentare d'inchiesta sul ciclo dei rifiuti contesta alla gestione commissariale, per quattro anni guidata dallo stesso Bassolino.

    L'inchiesta televisiva è andata in onda ieri. In video il presidente regionale campano ha abbozzato una risposta di circostanza: «Io non so della consulenza del professore Arena perché nella struttura del commissariato ci sono persone che si occupano di cose singole». Ma quando pensa di essere ormai al riparo dai microfoni, esplode la sua rabbia: «Che cosa ne so io di questo Arena?». Ma la telecamera era ancora accesa, e ha registrato lo sfogo del governatore. Come ha chiarito l'intervistatore, Bassolino aveva chiesto in anticipo di conoscere le domande. E tra queste anche: «Ha letto la relazione della commissione parlamentare d'inchiesta sul ciclo dei rifiuti?». Relazione che comprende anche l'audizione del professor Arena.

    Agli sprechi della pubblica amministrazione è stata dedicata l'intera puntata di ieri della trasmissione. E il caso dell'emergenza rifiuti a Napoli ha assorbito quasi la metà del programma. Secondo l'inchiesta, in 12 anni di commissariamento sarebbero stati spesi inutilmente 1,3 miliardi di euro, e 2400 dipendenti di quattro dei 18 consorzi per la gestione dei rifiuti nella provincia partenopea verrebbero pagati per non fare nulla. I camion e i mezzi necessari per la raccolta sono ammassati nei parcheggi dei consorzi ma non possono essere usati perché guasti o semplicemente maltenuti, mentre raccoglitori per le pile usate, così come cassonetti per carta, vetro e plastica, restano nei depositi. I lavoratori hanno anche protestato per lo stato di inerzia in cui vengono abbandonati. Ma piuttosto che impiegare i consorzi, secondo quanto raccontato da Report, gli enti locali preferirebbero rivolgersi all'esterno appaltando i servizi a società private o miste, come l'Asìa, la municipalizzata dell'amministrazione comunale di Napoli.

  5. #5
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ma san gennaro, invece di fare tutti gli anni 'o miracolo di far sciogliere 'o sangue suo, non potrebbe una volta tanto fare un miracolo nu piccirillo piu' utile, come far sparire i rifiuti, zac, di notte? (ma senza mandarli su in Padania, quello non vale).

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    29 Sep 2006
    Messaggi
    1,539
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da armida Visualizza Messaggio
    Mì voraria savè perchè i dipendenti dello sctatu lavorano molte meno ore dei ceti produttivi privati, quelli che li mantengono. L'Esatri a Milano (pagamento delle tasse) termina alle 13, l'INPS..più o meno, la posta alle 13.30, le segreterie delle scuole più o meno, le ASSL idem con patate, oppure qualche ora in più.mì so no. Ma perchè i negozi chiudono alle 20..21, perchè le aziende alle 17 8..se necessario si lavora anche di sabato, la vigilia di Natale..di notte (L'ho fatto in emergenza, naturalmente), gli artigiani poi..fino che c'è lavoro, i consulenti di aziende private (non sctatali, vergognosamente superpagati con i noster danee), se necessario lavorano di sera, di sabato, di domenica. Non proseguo. Dico solo che gli orari degli uffici dei pubblici dipendenti - pagati da noi - devono essere più lunghi. Per non parlare del fatto che non li possono licenziare, che sono andati in pensione come baby pensionati, ecc. ecc. Gli sctatali, normalmente, di che regioni sono?Ricordiamocene.
    non faccia di tutta l'erba un fascio, ci sono persone che fanno in pieno il loro dovere e che si sono anche rotte le p***e di discorsi di questo tenore, si ricordi che i pubblici dipendenti spesso guadagnano poco e che soprattutto pagano le tasse fino all'ultimo euro.

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,585
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da soldier Visualizza Messaggio

    non faccia di tutta l'erba un fascio, ci sono persone che fanno in pieno il loro dovere e che si sono anche rotte le p***e di discorsi di questo tenore, si ricordi che i pubblici dipendenti spesso guadagnano poco e che soprattutto pagano le tasse fino all'ultimo euro.
    giusto; dovremmo diventare tutti statali così non ci
    sarebbe più evasione fiscale...........


  8. #8
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,695
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    un posto ssctatale non lo si nega al meridionale

  9. #9
    Forumista senior
    Data Registrazione
    29 Sep 2006
    Messaggi
    1,539
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    vedo si continua con il bar dello sport..continuate pure con il cosiddetto "popolo delle partite IVA" mi sembra siamo andati poco lontano se non in bocca a berlusconi

  10. #10
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,777
    Mentioned
    45 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da soldier Visualizza Messaggio
    non faccia di tutta l'erba un fascio, ci sono persone che fanno in pieno il loro dovere e che si sono anche rotte le p***e di discorsi di questo tenore, si ricordi che i pubblici dipendenti spesso guadagnano poco e che soprattutto pagano le tasse fino all'ultimo euro.
    Siamo sempre lì: guadagnano poco (che poi è relativo, guadagnano di più di molti giovani precari pur facendo la metà del lavoro, pur con le eccezioni tra i vari settori pubblici) perchè sono in sovrannumero, e sono in sovrannumero perchè la pa è concepita come un istituto di beneficenza: se si tagliassero tutti gli innumerevoli statali superflui e si facesse fare a quelli necessari il lavoro giusto che fa un lavoratore del privato, ci sarebbero più risorse per la pa e lo statale guadagnerebbe di più.

    Se si vuole l'istituto di beneficenza è anche giusto che si riceva quello che la beneficenza può dare: l'elemosina.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Cara al sol
    Di Spartacvs nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 16-12-07, 19:33
  2. Cara Politica - La prossima inchiesta del grande Report!
    Di Bianca Zucchero nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 20-11-06, 00:04
  3. cara democrazia
    Di etnia salentina nel forum Musica
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 25-02-06, 14:02
  4. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 24-02-04, 13:42
  5. cara?
    Di Jaki nel forum Fondoscala
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12-07-03, 10:46

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226