User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    Vincent II
    Ospite

    Predefinito Proporzionale regionale nella PA

    Mi spiegate quali iniziative ha assunto in concreto la Lega in tutti questi anni (in termini ad esempio di punti programmatici della CdL, di disegni di legge che non siano puramente provocatori) per conseguire un minimo di proporzionalità regionale che è a mio avviso sacrosanta, nell'accesso alla pubblica amministrazione dello Stato italiano? Quì le cose sono due: o il progetto è tecnicamente incompatibile con qualche passaggio della Costituzione, mi viene in mente ad es. l'art. 3 che recita che "tutti i cittadini sono uguali..." (ma in questo caso si sarebbe potuto inserire un articolo o comma ad hoc nel titolo V) oppure i leghisti hanno semplicemente tutto l'interesse a mantenere desta l'indignazione attorno alle ingiustizie peretrate da Roma nei loro confronti e assumere un'iziativa concreta (che ripeto essere assolutamente ragionevole) in questo senso signicherebbe tagliarsi l'erba sotto i piedi. Quale delle due?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    29 Sep 2006
    Messaggi
    1,539
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Vincent II Visualizza Messaggio
    Mi spiegate quali iniziative ha assunto in concreto la Lega in tutti questi anni (in termini ad esempio di punti programmatici della CdL, di disegni di legge che non siano puramente provocatori) per conseguire un minimo di proporzionalità regionale che è a mio avviso sacrosanta, nell'accesso alla pubblica amministrazione dello Stato italiano? Quì le cose sono due: o il progetto è tecnicamente incompatibile con qualche passaggio della Costituzione, mi viene in mente ad es. l'art. 3 che recita che "tutti i cittadini sono uguali..." (ma in questo caso si sarebbe potuto inserire un articolo o comma ad hoc nel titolo V) oppure i leghisti hanno semplicemente tutto l'interesse a mantenere desta l'indignazione attorno alle ingiustizie peretrate da Roma nei loro confronti e assumere un'iziativa concreta (che ripeto essere assolutamente ragionevole) in questo senso signicherebbe tagliarsi l'erba sotto i piedi. Quale delle due?

    non credo ci sarebbero problemi di costituzionalità basterebbe una semplice norma che stabilisse che qualunque assunzione pubblica sia fatta su base regionale e riservata a chi in quella regione risiede da almeno cinque anni ed inoltre l'impossibilità di trasferimento da una regione all'altra (se non per motivi d'ufficio), non chiederti niente sulla lega è morta da tempo
    RIP

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non conosco la legge in materia. Taluni amici, parlando di ciò, mi hanno detto che di norma non è possibile, ma di fatto alcuni concorsi presso le comunità montane sono riservate a soli residenti del luogo.

    Di certo le limitazioni "regionali" sono possibili quando sono in gioco fondi regionali (ad esempio per corsi di formazione finanziati dall'Europa) di cui solo i cittadini di quella regione hanno diritto a disporre.

  4. #4
    insubres sumus, non latini
    Data Registrazione
    26 Sep 2004
    Località
    Noeuva
    Messaggi
    224
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non so se tecnicamente sia possibile farlo, ma è certamente assicurato un ricorso al TAR o ad altro organo della magistratura per impugnare il provvedimento con la solita accusa di essere razzista. E' successo sempre, dal concorso comunale per soli residenti promosso da Cesarino Monti alla nuova normativa lombarda per l'assegnazione degli alloggi ALER. E nella maggggishdradura c'è sempre un orecchio pronto ad ascoltare le lamentele della tripplice.

    Quindi, anche ammesso di trovare una maggioranza parlamentare tale che voti una norma di questo tipo, non avrebbe vita facile...

    Resta comunque sempre il fatto che "mai provi mai sai!"

    Ciao

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    29 Sep 2006
    Messaggi
    1,539
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da zephir Visualizza Messaggio
    Non so se tecnicamente sia possibile farlo, ma è certamente assicurato un ricorso al TAR o ad altro organo della magistratura per impugnare il provvedimento con la solita accusa di essere razzista. E' successo sempre, dal concorso comunale per soli residenti promosso da Cesarino Monti alla nuova normativa lombarda per l'assegnazione degli alloggi ALER. E nella maggggishdradura c'è sempre un orecchio pronto ad ascoltare le lamentele della tripplice.

    Quindi, anche ammesso di trovare una maggioranza parlamentare tale che voti una norma di questo tipo, non avrebbe vita facile...

    Resta comunque sempre il fatto che "mai provi mai sai!"

    Ciao
    E' già il problema è proprio quello di trovare una maggioranza disposta a fare una cosa del genere, purtroppo a tutti interessano i VODI do sudde....

  6. #6
    Rifondazione Leghista
    Data Registrazione
    25 Jun 2006
    Messaggi
    1,028
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da soldier Visualizza Messaggio
    non credo ci sarebbero problemi di costituzionalità basterebbe una semplice norma che stabilisse che qualunque assunzione pubblica sia fatta su base regionale e riservata a chi in quella regione risiede da almeno cinque anni ed inoltre l'impossibilità di trasferimento da una regione all'altra (se non per motivi d'ufficio), non chiederti niente sulla lega è morta da tempo
    RIP
    Invece una qualsiasi semplice norma come la chiami tu, sia essa legge regionale o statale, deve obbedire alla costituzione e quindi non può prevedere discriminazioni per residenza, nascita, ceto sociale, sesso, religione, fede politica, calcistica, ecc ecc Insomma deve garantire a tutti il libero accesso (la norma). Capito? Se no bisogna cambiare la costituzione...

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    29 Sep 2006
    Messaggi
    1,539
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da marcagioiosa Visualizza Messaggio
    Invece una qualsiasi semplice norma come la chiami tu, sia essa legge regionale o statale, deve obbedire alla costituzione e quindi non può prevedere discriminazioni per residenza, nascita, ceto sociale, sesso, religione, fede politica, calcistica, ecc ecc Insomma deve garantire a tutti il libero accesso (la norma). Capito? Se no bisogna cambiare la costituzione...
    grazie per la lezione di diritto costituzionale, guarda che fino a qui ci arrivo anch'io, ma credo che comunque ci potrebbero essere gli strumenti tecnici per poterlo fare senza cambiare la costituzione che d'altronde una maggioranza ampia può modificare senza ricorrere al referendum confermativo (perso in partenza perchè i terun sono di più).

  8. #8
    Rifondazione Leghista
    Data Registrazione
    25 Jun 2006
    Messaggi
    1,028
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da soldier Visualizza Messaggio
    grazie per la lezione di diritto costituzionale, guarda che fino a qui ci arrivo anch'io, ma credo che comunque ci potrebbero essere gli strumenti tecnici per poterlo fare senza cambiare la costituzione che d'altronde una maggioranza ampia può modificare senza ricorrere al referendum confermativo (perso in partenza perchè i terun sono di più).
    Gli strumenti tecnici non possono essere contra legem e quindi contro la costituzione. Per cambiarla, hai ragione, basta una larga maggioranza, per l'esattezza la maggioranza assoluta in ciascuna delle due camere in seconda lettura dopo tre mesi dall'approvazione a maggioranza semplice in prima lettura. Se invece viene approvata dai due terzi si evita il referendum. Semplice no?

  9. #9
    Vincent II
    Ospite

    Predefinito

    Appunto, l'unica possibilità è che i principi di eguaglianza siano derogati in qualche altra parte (magari nel titolo V) della stessa Costituzione. Il problema è capire perchè la Lega non ha ai assunto iniziative serie in proposito.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 16-10-13, 10:02
  2. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 22-12-11, 18:45
  3. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 12-06-09, 17:24
  4. Chi di Proporzionale Ferisce di Proporzionale perisce
    Di RomagnaRossa89 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 14-10-05, 00:34
  5. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 04-11-04, 17:24

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226