User Tag List

Pagina 1 di 18 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 171
  1. #1
    Sesquipedal
    Ospite

    Predefinito Le FALSIFICAZIONI di AUSCHWITZ....

    Le falsificazioni di Auschwitz

    secondo un "dossier" de L'Express

    di Robert Faurisson

    19 gennaio 1995


    «Auschwitz: la memoria del male». E' sotto questo titolo che L'Express ha presentato un inserto di venti pagine sul campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau&nbsp(1). Eric Conan è il principale responsabile di quell'inserto che, riprendendo la solita tesi dello sterminio degli ebrei, tende a dare ragione ai revisionisti su due punti principali: si è molto esagerato il numero dei morti e, sul capitolo della «camera a gas» che si visita ad Auschwitz-I, si è fatto ricorso alle «falsificazioni», al «travisamento» e all' «artificio».

    Sul primo punto, il pubblico potrà prendere conoscenza del nuovo numero dei morti, considerevolmente riveduto al ribasso, ma senza che gli venga rivelato qual era il vecchio numero (4.000.000) e senza che gli si dica che questo nuovo numero (1.500.000) è, anch'esso, contestabile perché risulta non da un'inchiesta storica propriamente detta ma da una decisione della presidenza della Repubblica polacca!

    Sul secondo punto, il pubblico continuerà ad essere ingannato: «Per il momento, si lascia [la camera a gas] allo stato e non si precisa nulla al visitatore. E' troppo complicato. Si vedrà più tardi», ha dichiarato Krystyna Oleksy, una dei responsabili del Museo nazionale di Auschwitz.

    Tiriamo fuori, pagina dopo pagina, gli estratti revisionisti di questo inserto sterminazionista. Le sottolineature sono nostre. Ci limitiamo all'articolo stesso di Eric Conan (p. 54-60, 62, 64-65, 68-69).

    -- Pagg. 54-55, didascalia della fotografia: «Non possiamo correre il rischio di nuove accuse di falsificazione

    -- Pag. 57: «degli edifici dall'autenticità già ben strapazzata (...).
    Quale parte di quelle vestigia risale ancora al 1945? "Almeno il 60%", precisa Witold Smrek (conservatore generale), infastidito dalle critiche che si levano ora contro quarant'anni di
    preservazione-costruzione di Auschwitz. (...) Tutte queste precauzioni -- questa preoccupazione di far bene, di non essere tacciati di falsificazione -- spiegano gli sforzi recenti delle autorità polacche per liberare il vecchio campo di sterminio da quarant'anni di una memoria comunista che aveva modellato il luogo fino a negarne il significato.» (Commento: i comunisti sono qui accusati di essere stati dei negatori o dei negazionisti.)

    -- Pag. 58: «L'obitorio del crematorio (I) servì a quest'uso [di gassaggio omicida] nei primi mesi del 1942.» (Commento: E.cerca di minimizzare la durata di attività di quella imbarazzante camera a gas che, secondo la versione ufficiale, avrebbe funzionato dall'autunno 1941 fino alla fine dell'anno 1942.)

    -- Pag. 60: Stefan Wilkanowicz (vice-presidente del Comitato internazionale del Museo di Stato di Auschwitz): «Le più grandi enormità sono state rettificate, ma le principali discussioni non finiscono più e sono ben lontane dall'essere troncate. Posso perfino dire che dei dibattiti essenziali, dolorosi, talvolta imprevisti, non fanno che incominciare!»

    «Il Comitato internazionale è stato tuttavia costretto, soltanto qualche settimana fa, a porre un termine ad una controversia che durava da cinque anni. Ha appena sostitutto, per le prossime ceremonie del 50 oanniversario, la targa commemorativa di Birkenau (in 20 lingue) che aveva fatto immediatamente togliere nel 1990. Essa era il segno più visibile e più fastidioso dell'influenza comunista sul sito. Si poteva, in effetti, leggervi: "Qui, dal 1940 al 1945, quattro milioni di uomini, donne e bambini sono stati torturati e assassinati dagli omicidi hitleriani". Non soltanto la cifra era grossolaneamente erronea, ma il testo non faceva alcuna allusione all'identità ebraica del 90% delle vittime. »

    «Per decine d'anni, questa negazione del giudeicidio fu una delle costanti della vicinanza staliniana.» (Commento: Per decine d'anni, i grandi di questo mondo, compresi Valery Giscard d'Estaing ed il Papa Giovanni Paolo II, hanno avallato questa cifra menzognera di quattro milioni andando ad inchinarsi davanti alle 19 -- non 20 -- targhe commemorative. I comunisti sono, qui, di nuovo accusati di aver negato il genocidio degli ebrei. In realtà, essi hanno proprio menzionato gli ebrei tra le vittime, arrivando fino a consacrare loro un padiglione particolare nel museo. Secondo l'uso, E. accusa i comunisti per discolpare gli ebrei.)

    -- Pag. 62: (Commento: E.spiega che, durante cinque anni, si è litigato sulla nuova cifra da scolpire sul monumento di Birkenau. Egli dice «Secondo le valutazioni più serie -- quelle di Raul Hilberg, Franciszek Piper e Jean-Claude Pressac -- da 800.000 a 1,2 milioni di persone sono state assassinate a Auschwitz, delle quali da 650.000 a 1 milione di ebrei.» (Commento: quei totali sono dei morti e non degli assassinati. Nel 1993, J.-C.valutava il numero dei morti in 775.000, cifra arrotondata a 800.000 (2), ma, l'anno successivo, egli rivedeva quelle cifre al ribasso: da 630.000 a 710.000 morti e, tra questi, da 470.000 a 550.000 ebrei gassati&nbsp(3). F. Piper, lui, valuta il numero dei morti in una cifra compresa tra 1.100.000 e 1.500.000 (4). Per conseguenza, le stime dei numeri dei morti vanno da 630.000 a 1.500.000, ciò che dà un'idea del carattere speculativo di quelle stime.)

    «La discussione fu tesa. La soluzione logica consisteva nel riprendere la stima -- 1,1 milioni di uccisi, di cui 960.000 ebrei -- stabilita dal dipartimento di storia del museo ed uscita da dieci anni di lavori di Franciszek Piper. O nel non indicare nessuna cifra, come proponeva il museo. Serge Klarsfeld suggeriva di non menzionare una cifra globale, sconosciuta (...). Stefan Wilkanowicz, da buon conciliatore, aveva proposto la formula: "Più di 1 milione". In mancanza di accordo in seno al comitato, la faccenda fu finalmente decisa alla cancelleria della presidenza della Repubblica: 1,5 milioni. Non fu, invece, nessuna discussione sulla necessità di colmare la "dimenticanza" a proposito dell'identità ebraica della maggioranza delle vittime. Il testo definitivo è esplicito: "Che questo luogo in cui i nazisti hanno assassinato un milione e mezzo d'uomini, donne e bambini, in maggioranza ebrei di diversi paesi d'Europa, sia sempre per l'umanità un grido di disperazione e un avvertimento".»

    -- Pag. 68: «Altro argomento delicato: cosa fare delle falsificazioni lasciate in eredità dalla gestione comunista? Negli anni '50 e '60, parecchi edifici, che erano spariti o che avevano cambiato uso, furono ricostruiti, con grossi errori, e presentati come autentici. Taluni, troppo "nuovi", sono stati chiusi al pubblico. Senza parlare di camere a gas di spidocchiamento presentate talvolta come camere a gas omicide. Queste aberrazioni sono servite molto ai negazionisti che ne hanno tratto l'essenziale dei loro intrecci. L'esempio del crematorio-I, l'unico di Auschwitz-I, è significativo. Nel suo obitorio fu insediata la prima camera a gas. Essa funzionò per poco tempo, all'inizio del 1942: l'isolamento della zona, che i gassaggi implicavano, perturbavano l'attività del campo. Fu dunque deciso, alla fine d'aprile 1942, di trasferire quei gassaggi mortali a Birkenau, dove furono praticati, su vittime essenzialmente ebraiche, a scala industriale. (Commento: E.fa del romanzo). Il crematorio fu, in seguito, trasformato in rifugio antiaereo, con sala operatoria. Nel 1948, al momento della creazione del museo, il crematoriofu ricostruito in uno stato d'origine supposto.TUTTO VI E` FALSO: le dimensioni delle camere a gas, l'ubicazione delle porte, le aperture per il versamento dello Zyklon-B, i forni, riedificati secondo i ricordi di qualche sopravvissuto, l'altezza del camino. Alla fine degli anni '70, Robert Faurisson sfruttò ancor meglio quelle falsificazioni in quanto i responsabili del museo ricalcitravano allora a riconoscerle. Un negazionista americano ha appena girato un video nella camera a gas (sempre presentata come autentica): lo si vede interpellare i visitatori con le sue "rivelazioni". Jean-Claude Pressac, uno dei primi a stabilire esattamente la storia di quella camera a gas e delle sue modifiche durante e dopo la guerra, propone di restaurarla nel suo stato del 1942, basandosi su dei piani tedeschi che ha appena ritrovato negli archivi sovietici. (Commento: Falso. R.aveva trovato quei piani nel 1976 e li aveva pubblicati nel 1979: quei piani e le rovine attuali -- molto eloquenti -- provano che i revisionisti avevano ragione!) Altri, come Théo Klein (ex presidente del Consiglio rappresentativo delle istituzioni ebraiche di Francia), preferiscono lasciarla allo stato, ma spiegando al pubblico il travisamento: "La Storia è quella che è: basta dirla, anche quando non è semplice, piuttosto che aggiungere artificio ad artificio." Krystyna Oleksy, il cui ufficio direzionale, che occupa l'ex ospedale delle SS, dà direttamente sul crematorio-I, non vi si risolve: "Per il momento, la si lascia allo stato e non si precisa nulla ai visitatori. E' troppo complicato. Si vedrà più tardi."»

    Conclusione
    Che cosa mi si può rimproverare per aver denunciato alla fine degli anni '70 tante falsificazioni? Perché mi si è allora trattato di falsificatore? Perché, oggi ancora, mi trattano di falsificatore e perché si continua a perseguitarmi nei tribunali, dove tre processi sono ancora pendenti per «contestazione» della verità storica ufficiale?

    L'inserto de L'Express costituisce una revisione della storia menzognera d'Auschwitz. Ben altre revisioni di questa storia dovranno venire. S.ha ragione di dichiarare che «dei dibattiti essenziali, dolorosi, talvolta imprevisti, non fanno che incominciare». Bisognerà progressivamente ammettere che non è esistita ad Auschwitz la minima camera a gas omicida e che il totale dei morti -- soprattutto a causa delle epidemie -- si è dovuto innalzare a 150.000 persone. Intanto, gli innumerevoli visitatori del crematoriopotranno, fin d'ora, sottoporre alle guide la dichiarazione della signora Oleksy ed esigere spiegazioni sull'impostura della «camera a gas».



    NOTE

    (1) L'Express, settimana dal 19 al 25 gennaio 1995, p. 54-73.

    (2) Les Crématoires d'Auschwitz. La machinerie du meurtre de masse, CNRS éditions, 1993, p. 148.

    (3) Die Krematorien von Auschwitz. Die Technik des Massenmordes, München, Piper Verlag, 1994, p. 202.

    (4) Gutman and Michael Berenbaum (editore), Anatomy of the Auschwitz Death Camp, Bloomington, Indiana University Press, 1994, p. 71-72.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 May 2006
    Messaggi
    38,305
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Sesquipedal Visualizza Messaggio


    di Robert Faurisson

    19 gennaio 1995
    SEI SEMPRE INDIETRO NEGLI ANNI!!!

    Cita:
    Scritto in origine da Sesquipedal
    Camere a gas Verità
    o Menzogna?


    Intervista al Prof. Faurisson


    Storia Illustrata,Agosto 1979





    ..........si vede dalla data Agosto 1979 che il tapino non conosceva ancora dell'oro degli ebrei nelle banche svizzere!
    FINKELSTEIN:L'industria dell'Olocausto, 2002, capitoloSenza dubbio i veterani stanno già facendo la fila per restituire il bottino. ... Jean Ziegler, La Svizzera, l'oro e i morti, Mondadori, Milano 1998 [The ...
    www.vho.org/aaargh/ital/fink/holind/olind4a.html - 99k



    SEI SEMPRE INDIETRO NEGLI ANNI................


    Norman G. Finkelstein

    L'industria dell'Olocausto

    Lo sfruttamento della sofferenza degli ebrei

    (2002)

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 May 2006
    Messaggi
    38,305
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Sesquipedal Visualizza Messaggio
    Le falsificazioni di Auschwitz


    LA FINE DEI TUOI PROFESSORI, ESIMI, ILLUSTRI, VERITIERI SCRIBACCHINI PREZZOLATI:


    Storia In Rete - Il meglio della storia del Novecento on-line


    David Irving:

    «Sì, l’Olocausto c’è stato» ... mentre si recava ad un raduno di goliardi per apologia del nazismo), ammette l'esistenza dell'Olocausto, ...
    www.storiainrete.com/articolo.php?i=7 -

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    2,989
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Robert Faurisson, Introduzione a “Écrits révisionnistes (1974-1998)”, Edizioni all'insegna del Veltro, Parma 2005, pp. 78, € 9,00



    Nel 1980 Robert Faurisson riassumeva in questi termini le conclusioni delle sue ricerche su quello che viene chiamato “l’Olocausto ebraico”: “Le presunte camere a gas hitleriane e il presunto genocidio degli ebrei formano una sola e medesima menzogna storica, che ha consentito un gigantesco raggiro politico-finanziario, i cui principali beneficiari sono lo Stato d’Israele e il sionismo internazionale e le cui principali vittime sono il popolo tedesco – ma non i suoi dirigenti – e il popolo palestinese nella sua totalità”.

    Robert Faurisson ha dimostrato che le presunte camere a gas hitleriane non possono essere esistite, e ciò per ragioni fisiche e chimiche. Egli ha sottolineato che i Tedeschi non avevano voluto sterminare gli ebrei, ma espellerli dall’Europa per destinarli ad un focolare nazionale ebraico diverso dalla Palestina; era quella che essi chiamavano “la soluzione finale territoriale della questione ebraica” (die territoriale Endlosung der Judenfrage).

    Molti ebrei europei sono morti durante la seconda guerra mondiale, ma molti ebrei sono sopravvissuti e, a milioni, si sono sparsi per tutto il mondo.

    Recentemente Robert Faurisson ha scritto che le armi di distruzione di massa (camere a gas e furgoni a gas) di Adolf Hitler sono esistiti tanto quanto le armi di distruzione di massa di Saddam Hussein. La prima menzogna fu ufficialmente sancita nel novembre 1944 da una fucina (il War Refugee Board) che il presidente Roosevelt aveva creata su istigazione di Henry Morgenthau junior. La seconda menzogna è stata diffusa da un’altra fucina (l’Office of Special Plans) che il presidente Bush junior ha creata nel 2002 su istigazione di Paul Wolfowitz. Stesso tipo di falsità, stesso tipo di falsari.


    Nato nel 1929 da padre francese e madre scozzese, Robert Faurisson è agrégé des lettres, dottore in lettere e scienze umane. E’ stato professore all’università di Lione-II, dove ha insegnato, in particolare, “critica del testo e del documento (letteratura, storia, mezzi di comunicazione)”. Privato della cattedra con una decisione ministeriale non motivata, ha subito numerose aggressioni fisiche ed è incorso in diverse condanne giudiziarie per revisionismo. Ha pubblicato sette opere: tre di revisionismo letterario e quattro di revisionismo storico. Il presente testo costituisce l’introduzione ad un’opera in quattro volumi, pubblicata nel 1999 con il titolo Écrits révisionnistes (1974-1998).



  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 May 2006
    Messaggi
    38,305
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Il negazionista Faurisson condannato a tre mesi di prigione a Parigi


    "Non è mai esistita una sola camera a gas dei tedeschi, non una sola. Di conseguenza ciò che milioni di turisti visitano ad Auschwitz è una menzogna, un falso, paccottiglia per turisti”. Lo ha affermato lo storico negazionista Robert Faurisson all'emittente iraniana Sahar 1 nel febbraio del 2005.
    Per queste affermazioni il 77enne ex professore di letteratura è stato ritenuto colpevole di “Complicità nella contestazione dei crimini contro l’umanità” da una sezione del Tribunale di Parigi, e condannato a tre mesi di prigione con la condizionale, oltre che a una multa di 7.500 euro. Faurisson dovrà anche risarcire con una cifra simbolica di 1 euro le organizzazioni antirazziste che si erano costituite parte civile nel processo.
    Tra il 1992 e il 1998 Faurisson era già stato condannato altre 5 volte per le sue affermazioni negazioniste.


    http://www.deportati.it/news/faurisson_021006.html

  6. #6
    kalashnikov47
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da mosongo Visualizza Messaggio
    Il negazionista Faurisson condannato a tre mesi di prigione a Parigi


    "Non è mai esistita una sola camera a gas dei tedeschi, non una sola. Di conseguenza ciò che milioni di turisti visitano ad Auschwitz è una menzogna, un falso, paccottiglia per turisti”. Lo ha affermato lo storico negazionista Robert Faurisson all'emittente iraniana Sahar 1 nel febbraio del 2005.
    Per queste affermazioni il 77enne ex professore di letteratura è stato ritenuto colpevole di “Complicità nella contestazione dei crimini contro l’umanità” da una sezione del Tribunale di Parigi, e condannato a tre mesi di prigione con la condizionale, oltre che a una multa di 7.500 euro. Faurisson dovrà anche risarcire con una cifra simbolica di 1 euro le organizzazioni antirazziste che si erano costituite parte civile nel processo.
    Tra il 1992 e il 1998 Faurisson era già stato condannato altre 5 volte per le sue affermazioni negazioniste.


    http://www.deportati.it/news/faurisson_021006.html
    Mica solo condannato: ha subito ripetute aggressioni e pestaggi da parte degli squadristi-visitors. E tutto questo gratis.

    Era uno stimato accademico, prof. universitario, stipendio, bella casa, tutti i benefit della casta culturale e che ti va a fare? Il revisionista. Zero schei, botte, vita da clandestino, ricercato, sputazzato, vilipeso e tutto questo perchè?
    Forse è solo un povero pazzo fissato con la scioà. Se non fosse un pazzo, allora ci sarebbe veramente da preoccuparsi

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 May 2006
    Messaggi
    38,305
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da kalashnikov47 Visualizza Messaggio
    Mica solo condannato: ha subito ripetute aggressioni e pestaggi da parte degli squadristi-visitors. E tutto questo gratis.
    Gli autori delle violenze nei suoi confronti sono stati identificati?

    No?...Allora sta sperimentando sulla sua pelle cosa significhi essere creduti o no!!!
    Si?...Saranno stati pure condannati!! Ma dovremmo pure sapere chi sono e perché lo hanno pestato!

  8. #8
    kalashnikov47
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da mosongo Visualizza Messaggio
    Gli autori delle violenze nei suoi confronti sono stati identificati?

    No?...Allora sta sperimentando sulla sua pelle cosa significhi essere creduti o no!!!
    Si?...Saranno stati pure condannati!! Ma dovremmo pure sapere chi sono e perché lo hanno pestato!
    erano attivisti della ADL o roba del genere. Condannati? E per cosa? Magari sono stati anche premiati. Sicuramente non hanno fatto un giorno di galera.

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 May 2006
    Messaggi
    38,305
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da kalashnikov47 Visualizza Messaggio
    erano attivisti della ADL o roba del genere. Condannati? E per cosa? Magari sono stati anche premiati. Sicuramente non hanno fatto un giorno di galera.


    ...e se non furono condannati, forse le percorse date non erano visibili sul corpo della vittima!

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    29 May 2006
    Messaggi
    4,942
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ci vuole la camera a gas per i negazionisti, così impareranno a conoscerla.
    Non ho capito per quale motivo si consente l'epertura di tanti thread su questo argomento che non ha asolutamente nulla che vedere con la politica internazionale e nemmeno la cronaca attuale , mi sembra ci sia un forum pattumiera fascistoide dedicato alla storia dove postare questa spazzatura, purtroppo i moderatori di questo forum o sono idioti o completamente assenti quindi i nazisti negazionisti qui possono smerdare questo spazio come e quanto vogliono con la loro asfissiante paranoica propaganda antisemita.

 

 
Pagina 1 di 18 1211 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. La Falsificazioni contro Mazzini
    Di lucrezio nel forum Repubblicani
    Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 30-09-13, 22:52
  2. Le falsificazioni di Auschwitz
    Di Ichthys nel forum Destra Radicale
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 10-12-06, 11:47
  3. falsificazioni americane
    Di adsum nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 25-02-04, 16:45
  4. falsificazioni americane
    Di adsum nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-05-03, 01:55

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226