User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    Eja Eja Alalà !!!
    Data Registrazione
    14 Dec 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    41
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Partito Socialista Italiano

    Durante una discussione all'università ho sentito dire che il Partito Socialista Italiano, nei primi anni del '900 e fino alla Grande Guerra, era non violento e anzi si trovò spaesato di fronte alle violenze dei nazionalisti nel corso degli anni precedenti alla Prima Guerra Mondiale.

    Ovviamente io ho ribattuto che il PSI, essendo marxista, voleva la lotta di classe e combatteva quindi contro lo stato borghese. E come si fà la lotta di classe senza violenza?


    Dite la vostra:
    Il PSI era un partito non violento all'inizio del '900?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    26 Aug 2013
    Messaggi
    14,308
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Caesar84 Visualizza Messaggio
    Durante una discussione all'università ho sentito dire che il Partito Socialista Italiano, nei primi anni del '900 e fino alla Grande Guerra, era non violento e anzi si trovò spaesato di fronte alle violenze dei nazionalisti nel corso degli anni precedenti alla Prima Guerra Mondiale.

    Ovviamente io ho ribattuto che il PSI, essendo marxista, voleva la lotta di classe e combatteva quindi contro lo stato borghese. E come si fà la lotta di classe senza violenza?


    Dite la vostra:
    Il PSI era un partito non violento all'inizio del '900?
    Sostanzialmenhte era riformista , non violento , avversario dei socialisti rivoluzionari e come tale ebbe successo. Insieme ai liberali di Giolitti fu il perno positivo della politica italiana ma poi arrivò la Grande Guerra ...............................................ric ordiamo gli uomini di quel tempo Turati, Treves , Ferri , Andrea Costa........................Giolitti. il Marchese di Sangiuliano etc.etc.

    Il 1914 con l'allineamento dei proletari alle borghesie nazionali distrusse il mito del socialismo pacifista. Il 17 poi ..................

  3. #3
    Eja Eja Alalà !!!
    Data Registrazione
    14 Dec 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    41
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Mi vuoi dire che il PSI all'inizio del '900 era socialdemocratico?
    Allora come mi spieghi il fatto che Mussolini, che era un rivoluzionario, divenisse direttore dell'Avanti nel 1912 se non sbaglio?

    Al massimo c'era una corrente di riformisti di cui Turati era il maggior esponente, ma c'erano spinte social-rivoluzionarie molto forti come i marxisti ortodossi o i sindacalisti rivoluzionari.

    E per quest'ultimi la violenza era uno strumento per raggiungere i propri obiettivi ma anche mezzo di lotta politica

  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    26 Aug 2013
    Messaggi
    14,308
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Caesar84 Visualizza Messaggio
    Mi vuoi dire che il PSI all'inizio del '900 era socialdemocratico?
    Allora come mi spieghi il fatto che Mussolini, che era un rivoluzionario, divenisse direttore dell'Avanti nel 1912 se non sbaglio?

    Al massimo c'era una corrente di riformisti di cui Turati era il maggior esponente, ma c'erano spinte social-rivoluzionarie molto forti come i marxisti ortodossi o i sindacalisti rivoluzionari.

    E per quest'ultimi la violenza era uno strumento per raggiungere i propri obiettivi ma anche mezzo di lotta politica
    Mussolini , a mio avviso , diventa direttore de L'Avanti ! perche' i socialisti pensano possa ancora mediare tra riformisti e rivoluzionari.Nel 13 appoggia l'estromissione dei riformisti ma e' nel 14 che, dopo Serajevo, deluso , passa su posizioni interventiste e viene espulso dal PSI con Turati e Treves che lo accusano di trasformismo ed opportunismo ................" Voi mi odiate perche' mi amate ancora ! " ......( valido anche il 29 Aprile 1945 a Piazzale Loreto )!

    Dira' di loro Lenin :

    Coglioni ! Mussolini era l'unico che poteva fare la rivoluzione e Voi lo avete
    fatto scappare ......

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Jan 2006
    Località
    Pequod
    Messaggi
    56
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Caesar84 Visualizza Messaggio
    Mi vuoi dire che il PSI all'inizio del '900 era socialdemocratico?
    Allora come mi spieghi il fatto che Mussolini, che era un rivoluzionario, divenisse direttore dell'Avanti nel 1912 se non sbaglio?

    Al massimo c'era una corrente di riformisti di cui Turati era il maggior esponente, ma c'erano spinte social-rivoluzionarie molto forti come i marxisti ortodossi o i sindacalisti rivoluzionari.

    E per quest'ultimi la violenza era uno strumento per raggiungere i propri obiettivi ma anche mezzo di lotta politica
    Nel 1912, al congresso di Bologna, i socialisti massimalisti riuscirono a strappare ai riformisti la guida del partito, imponendo anche l'espulsione della corrente di destra del partito (quella che non era pregiudizialmente contraria alla guerra in Libia), che diede vita al Partito Socialista Riformista Italiano guidato da Bissolati e Bonomi. E' normale pertanto che proprio in quell'anno venisse nominato Mussolini come direttore dell'Avanti.

    Peraltro bisogna precisare che il movimento socialista in Italia era comunque nel suo complesso su posizioni riformiste. Nella CGL in particolare le posizioni riformiste ebbero sempre la maggioranza, e il sindacato ebbe sempre una forza e una influenza sulla società molto superiore a quella del partito. Il PSI raggiunse, nel momento di massima espansione, circa 500 mila iscritti (ossia militanti attivi), ma la CGL arrivò a superare i 2 milioni.

    Per quanto riguarda il problema della violenza: è vero che i socialisti rivoluzionari italiani guardavano alla rivoluzione bolscevica come l'esempio a cui conformarsi, c'è comunque da dire che, malgrado i proclami bellicosi, in Italia non esistevano le condizioni materiali affinchè si potesse effettivamente fare la rivoluzione. E anche dal punto di vista dell'organizzazione, il PSI non era pronto ad una eventualità del genere: questa incapacità è evidente se si pensa che il partito fu mai in grado di dotarsi di un efficiente apparato para-militare, e questo spiega il disorientamento di dirigenti, quadri e militanti (salvo rari casi, come gli Arditi del Popolo) alla comparsa dei gruppi combattentistici prima e squadristici poi.

  6. #6
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Esatto.


    Scrive il Landolfi

    Intanto, però, s'approfondisce la divergenza tra una parte 'dei riformisti che fanno riferimento a Bissolati e a Bonomi, che, richiamandosi a Bernstein, spingono alle estreme conseguenze la posizione revisionistica, fino a contestare la stessa legittimità del partito a rappresentare gli interessi della classe lavoratrice, e la parte della corrente che con Turati e Modigliani ha assunto la guida del PSI e del gruppo parlamentare, sostenuta dai socialisti della CGL. A Modigliani si riconduce anche Salvemini che insiste sulla esigenza di abbandonare la visione protettiva delle fasce operaie più forti e organizzate del Nord, per rivolgere l'azione socialista maggiormente a favore dei "cafoni" delle regioni meridionali.
    Nell'XI congresso, che si svolge a Milano dal 21 al 25 ottobre 1910, è Turati che tiene la relazione generale, nella quale traccia un quadro approfondito dell'azione riformista del primo decennio del secolo e della sua ispirazione culturale e ideale.
    Egli sostiene in modo lucidissimo che l'evoluzione della società aveva condotto al superamento del concetto marxista Stato per cui la "vera azione socialista" nasceva da "questa revisione del marxismo primitivo". "Il proletariato si riconosce - egli aggiungeva - come uno dei massimi fattori del progresso economico". Il socialismo "mescolandosi al presente" con l'azione riformatrice non poteva tralignare nel radicalismo o nel laburismo, se non si perdevano di vista le finalità generali. In questo modo, concludeva Turati, "ogni passo in avanti, e se pur breve, sulle presegnate direttive, varrà sempre meglio delle iperboliche promesse, scritte nel presagi. La riforma, così intesa, è la rivoluzione senza il bluff. È la rivoluzione in cammino". (17)
    In questo congresso fa il suo esordio oratorio Mussolini, che critica tutto e tutti, liquidando come contrastanti col fine della rivoluzione riforme, azione parlamentare, suffragio universale. Curiosità storica: Mussolini dedica il finale del suo discorso al "cliché" della patria, "nel nome del quale si pompa il sangue alla miseria del proletariato".(18) Turati prevale con 13.000 voti contro i 5928 voti che vanno alla mozione "rivoluzionaria" di Lazzari. Il documento della "sinistra riformista" di Modigliani raccoglie però 4547 voti.
    In questo congresso si verificava la suddivisione della componente riformista in tre tronconi: a quello guidato da Turati, che riesce a vincere nelle votazioni finali riuscendo ad assorbire, momentaneamente, la dissidenza del secondo troncone di Bonomi, Bissolati e Cabrini (i quali nei loro interventi giungono a prospettare la formazione di un "partito del lavoro" che sostituisca il PSI) si contrappone il terzo troncone costituito dalla "sinistra riformista", nata dalla separazione del gruppo che fa capo a Modigliani, Morgari e Salvemini.
    Era il germe di una futura separazione, che porterà fuori del PSI uomini come Bissolati e Bonomi, i quali avevano fortemente contribuito, tanto nel piano politico e organizzativo, quanto nel piano teorico, alla crescita del partito.
    Alle elezioni del marzo 1909 i socialisti salgono a 42 deputati. Costa viene eletto alla vicepresidenza della Camera. Nella nuova Assemblea, emerge il problema delle spese militari. I socialisti dicono di no alla richiesta di uno stanziamento aggiuntivo di mezzo miliardo, trovandosi da soli all'opposizione, con una linea dettata dagli ideali pacifisti.
    Dimessosi Giolitti nel dicembre 1909 - a seguito del rifiuto della Camera al suo progetto di riforma fiscale giudicato insufficiente dai socialisti ma, in realtà, per sottrarsi alla scelta dei gruppi da favorire con le Convenzioni marittime da parte dello Stato - dopo un altro breve governo di stampo conservatore presieduto dal Sonnino, era Luigi Luzzati che formava il nuovo ministero, includendovi i radicali Sacchi e Credano, ottenendo il voto favorevole dei socialisti.
    Il voto socialista fu motivato dalla promessa del nuovo governo di allargare il suffragio, di finanziare le cooperative agricole in gravi difficoltà economiche, di ampliare la legislazione sociale con l'istituzione, tra l'altro, della Cassa di maternità per le lavoratrici (marzo 1910). Ma il consenso socialista fu ritirato alla fine dell'anno, a ragione del comportamento del governo sulla questione delle cooperative agricole, che fu di ostilità nei confronti delle cooperative socialiste della Romagna.
    All'atto della costituzione del suo nuovo governo nel marzo 1911, Giolitti aveva offerto un ministero a Bissolati, che si fece ricevere dal re, ma poi rifiutò. "Partecipazione al potere? - commentò Turati -. Si dovrebbe forse; non si può certamente". I socialisti votarono tuttavia la fiducia mentre i conservatori la rifiutarono. Il governo presentava ben presto il progetto per il monopolio statale dell'assicurazione sulla vita, con la creazione dell'Istituto nazionale delle assicurazioni.
    Di fronte all'opposizione conservatrice la forza parlamentare socialista fu decisiva. Veniva votata la legge sulla ispezione del lavoro e veniva inoltre riconosciuta al sindacato ferrovieri la rappresentanza legale del personale di fronte alla direzione dell'azienda.Nel giugno 1912, sempre con il voto socialista, veniva approvata la più importante legge dell'epoca giolittiana: la legge elettorale che estendeva il diritto di voto agli alfabetizzati con 21 anni compiuti; agli analfabeti con 30 anni compiuti e a tutti coloro di qualsivoglia età che avessero assolto il servizio militare. Essa concedeva altresì quella indennità ai deputati che i socialisti avevano chiesto fin dal loro ingresso alla Camera

    Saluti liberali

 

 

Discussioni Simili

  1. III Congresso del Partito Socialista Italiano
    Di Gianluca B. nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 15-11-13, 01:13
  2. Partito Socialista Italiano (PSI)
    Di Daniele nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 12-03-10, 18:07
  3. salviamo il Partito Socialista Italiano !
    Di pietroancona nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 09-03-08, 11:59
  4. Partito Socialista Italiano
    Di DanieleP.92 nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 84
    Ultimo Messaggio: 29-01-08, 22:53
  5. 3d del PARTITO SOCIALISTA ITALIANO
    Di DanieleP.92 nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 29-01-08, 12:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226