User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Il Patriota
    Ospite

    Predefinito Viva la Padania ricca e opulenta...

    "Ce la facciamo solo con l’aiuto dei genitori"






    Eccola la famiglia italiana che vive con 1800 euro al mese. Quella che non si può permettere altro che i beni classificati nelle personali categorie del «necessario» e dell’«inevitabile», in cui trovano posto le spese per la casa, per l’alimentazione, per l’abbigliamento e poco altro. Nel budget mensile ci stanno anche le spese per un’automobile, usata e un po’ vecchiotta, da condividere con i genitori.
    Criteri rigidi
    La famiglia Pagliarella abita a Chieri, provincia di Torino: Stefano, 39 anni, Barbara, 35 anni, e il figlio Samuele, di 10 anni. Mettendo insieme lo stipendio di lui, che fa il bidello, e quello di lei, che lavora come impiegata, totalizzano una perfetta media Istat di 1800 euro al mese. I Pagliarella spalancano le porte del loro appartamento in un condominio immerso nel verde: albero di Natale illuminato, luci intermittenti e Samuele che sorride mentre si nasconde, timido, dietro la mamma. La qualità della vita a 1800 euro a prima impressione non sembra niente male, peccato che le personali categorie del «necessario» e dell’«inevitabile» siano tarate con criteri rigidi: le voci di spesa che più mettono in difficoltà il bilancio famigliare sono le tasse sulla casa, che è di proprietà, le rate del mutuo, l’assicurazione dell’auto, la tassa rifiuti, le spese di riscaldamento. «La casa l’abbiamo comprata - dice Stefano come se si dovesse sentire in colpa - perché i nostri genitori ci hanno aiutato: altrimenti non ce l’avremmo mai fatta». Ogni mese da cinque anni- e per i prossimi venticinque - scatta la rata del mutuo da pagare, che comunque è più bassa di un affitto medio: «Siamo fortunati, abbiamo potuto appoggiarci sui risparmi dei nostri genitori. Erano altri tempi, ora risparmiare qualcosa per le spese impreviste o per il futuro è praticamente impossibile». La creazione di una famiglia allargata, che comprende i genitori della coppia, oltre al ruolo fondamentale di baby-sitter per Samuele quando Stefano e Barbara sono al lavoro, costituisce un ben più concreto aiuto: «Ogni mese al nostro stipendio si aggiunge un contributo economico dei nostri genitori: i soldi finirebbero molto prima della prossima busta paga, altrimenti». Nonostante l’aiuto esterno i Pagliarella non possono certo permettersi di buttare i soldi al vento o concedersi molti capricci: «La nostra qualità della vita è comunque ottima - dice Stefano - mi piace e non la cambierei con nessun altra, abbiamo tutto quello che ci serve per essere soddisfatti». Stefano e Barbara non escono quasi mai: lavoro, lavoro, lavoro e il cinema ogni tanto, «ma la domenica mattina, che costa meno». La spesa si fa all’ipermercato, dove i prezzi sono più bassi, gli abiti si comprano solo durante i saldi, l’automobile è in condivisione con i genitori e i viaggi sono un evento. Per ora le spese per Samuele, che fa la quinta elementare, non sono troppo alte: «A parte le scarpe da calcio, che consuma ad una velocità incredibile, per lui fortunatamente è ancora presto per serate in pizzeria, discoteche e viaggi con gli amici: d’estate Samuele va al mare con la nonna». Barbara si stupisce quando paragona il costo della vita in Piemonte con quello di altre regioni italiane: la cognata, che vive a Frosinone, paga meno tasse e ha lo stesso reddito pur facendo un part-time, «se vivessimo al sud, ad esempio, con lo stesso stipendio avremo un maggiore potere d’acquisto, ma non mi trasferirei mai, nonostante tutto». Lei, che non ha bisogno di abiti di alta sartoria, gioielli o prodotti di bellezza, non sembra patire nessuna delle rinunce che uno stipendio modesto impone. Stefano, invece, è tormentato da un unico pensiero: «la mia famiglia dimostra che i soldi non comprano la felicità, ma il lusso di cui sento davvero la mancanza è quello dei veri ricchi: il tempo. Non riusciamo spesso a stare tutti insieme».

    Farcela da soli
    I Pagliarella lavorano da quindici anni, tra doppi e tripli lavori, un figlio e solo ora un po’ di serenità: «Per un uomo, nonostante tutto - dice Stefano - resta fondamentale avere la percezione di mantenere economicamente la propria famiglia, solo con le proprie forze e senza bisogno di aiuti esterni. Io non ci sono ancora riuscito e mi intristisce pensare alle rinunce e ai sacrifici che ha dovuto sostenere Barbara». Quando si sono conosciuti e poi sposati, quindici anni fa, Stefano ha iniziato a lavorare come spazzino, Barbara ha interrotto gli studi di Economia e Commercio. Senso di colpa e di inadeguatezza immotivati che tuttavia rimangono dentro: «Mangiamo tutti i giorni, ci scaldiamo e ci vestiamo, non ci manca niente, ma credo che la mia generazione, tra i 30 e i 40 anni, si porterà sempre dietro il peso di non essere riuscita a farcela da sola».

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Barbara si stupisce quando paragona il costo della vita in Piemonte con quello di altre regioni italiane: la cognata, che vive a Frosinone, paga meno tasse e ha lo stesso reddito pur facendo un part-time, «se vivessimo al sud, ad esempio, con lo stesso stipendio avremo un maggiore potere d’acquisto, ma non mi trasferirei mai, nonostante tutto».

    Taci e paga, somaro padano. Paga il sindacato che ti prende per il sedere. Paga il parlamentare che ti racconta frottole. Paga per una sicurezza che non hai. Paga per una scuola sovietica. Paga il ticket. Paga per una pensione che non percepirai. Paga i forestali calabresi. Paga i falsi invalidi. Paga l'imposta su casa tua. Paga le clientele dei politici. Paga la cresta degli speculatori sulle opere pubbliche. Paga le spedizioni umanitarie in Kossovo, Afghanistan, Iraq, Libano e aspetta, che non è finita. Paga l'accisa sulla benzina e le tasse sulle sigarette. Paga i giornali di partito. Paga i portaborse. Paga la crescita della FIAT. Paga i dipendenti Alitalia. Paga le società controllate dalle pubbliche amministrazioni. Paga i consulenti delle società controllate dalle pubbliche amministrazioni. Paga le pubbliche amministrazioni. Paga i fondi per il Mezzogiorno. Paga i viaggi in Cina del governo. Paga i tassi d'interesse. Paga il canone RAI. Paga i pentiti di mafia. Paga gli spazi sociali autogestiti. Paga le campagne elettorali. Paga un appartamento in semi-periferia al valore di una villa sul lago. Paga i prefetti. Paga la Regione Sicilia. Paga gli errori dei giudici. Paga lo smaltimento dei rifiuti tossici campani.
    Paga, paga e taci.

  3. #3
    Il Patriota
    Ospite

    Predefinito alcuni punti da evidenziare

    Citazione Originariamente Scritto da Il Patriota Visualizza Messaggio





    le voci di spesa che più mettono in difficoltà il bilancio famigliare sono le tasse sulla casa, che è di proprietà, le rate del mutuo, l’assicurazione dell’auto, la tassa rifiuti, le spese di riscaldamento.
    .

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 May 2009
    Messaggi
    3,847
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Piccola parentesi

    Pagliarella PIEMONTEIS D.O.C.G.

 

 

Discussioni Simili

  1. Viva gli emo e la Padania.
    Di Tango do Hermano nel forum Fondoscala
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 10-10-07, 17:15
  2. viva la padania! anche dal Sud!
    Di CIVIS_APULIAE nel forum Padania!
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 05-07-07, 16:49
  3. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 22-03-07, 15:20
  4. Viva la Padania!
    Di Brontolone nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 17-08-04, 00:16
  5. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-02-04, 08:31

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226