User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12

Discussione: La Dea Degli Israeliti

  1. #1
    Socialcapitalista
    Data Registrazione
    01 Sep 2002
    Località
    -L'Italia non è un paese povero è un povero paese(C.de Gaulle)
    Messaggi
    89,493
    Mentioned
    337 Post(s)
    Tagged
    30 Thread(s)

    Predefinito La Dea Degli Israeliti

    La scoperta che le divinità dell’antica Palestina fossero femminili dovrebbe essere una buona notizia per tutta l’umanità, non solo per le donne. Perfino le religioni monoteistiche potrebbero avere ragione di essere compiaciute, perché offre loro l’opportunità di reinventare una divinità che potrebbe ben rappresentare lo yin e lo yang, lo yoni come il lingam, la madre ed il padre, la moglie ed il marito.

    Nel suo libro di recente pubblicazione, “Did God Have a Wife?” (Dio aveva una moglie N.d.T.), l’archeologo William G. Dever offre una raccolta di informazioni sul culto di una divinità matriarcale. Le sue scoperte non suoneranno certo nuove al mondo accademico, ma lo saranno al pubblico generale – ed il loro significato dovrebbe avere un riscontro– anche perché sovvertono integralmente le convenzionali credenze di origine giudaiche.

    Dever ha scoperto che il 90% dei popoli dell’antica Palestina – del II millennio e nei primi secoli del I millennio a.C. – viveva in comunità rurali sparse ed isolate, perfino dopo che Gerusalemme emerse come capitale di una monarchia unita. Queste comunità praticavano una religione popolare piuttosto differente dalla religione monoteistica, patriarcale, letteraria e teoretica che troviamo nell’Antico Testamento e nelle scritture Ebraiche. Era caratterizzata da quel che la gente faceva, piuttosto che da quel che pensava; politeistica, non legata a regole scritte ed egalitaria.

    Ma quel che più conta, era matriarcale.

    La loro divinità principale era Asherah, moglie della più anziana delle antiche divinità dell’area. Nel pantheon delle dee si trovava Shapsh (il Sole), Yarih (La Luna), Astarte (l’androgino) e Anat (il guerriero), alcuni dei quali erano talvolta identificati con Asherah.

    Il culto di Asherah è confermato dai dati archeologici, che ci permettono di reinterpretare passaggi precedentemente incomprensibili dei testi antichi, tra i quali la stessa Bibbia, che offre ampie evidenze di tentativi di sopprimere le informazioni del diffuso culto di Asherah e di altre pratiche politeistiche.

    Era la divinità centrale alla quale uomini e donne entrambi erano devoti. I testi dei cabalisti ebrei confermano inoltre di un’antica dea chiamata Shekinah, e testimoniano il sacro atto dell’unione sessuale tra lei e Yahweh, talvolta descritto graficamente. Sotto il culto matriarcale, il sesso non solo era santo, ma anche molto sensuale; sotto il patriarcato è regolato, controllato, ed in ultimo, dopo Paolo, tollerato a malapena.

    Naturalmente, l’esistenza del matriarcato come precedente alle divinità patriarcali in molte delle antiche civiltà è comunemente accettato, ed alcuni sostengono che la Dea Madre fosse la prima di tutte le divinità. Ma ciò che è nuovo e controverso è la scoperta che il matriarcato fosse così fermamente intrecciato al cuore delle tre grandi religioni monoteistiche della storia.

    Dever ha trovato evidenze di religioni popolari in templi cultuali per tutta la Palestina, e dell’adorazione della dea in inconfondibili statuine di terracotta, in arte grafica che ritrae emblemi stilizzati di adorazione femminile, e molti deviati riferimenti biblici ad Asherah.

    Le figurine invariabilmente ritraggono una figura femminile con seni prosperosi ed il triangolo pubico spesso esposto. La Bibbia si riferisce ai templi come “luoghi elevati” caratterizzati da Asherah – tipicamente tradotto come “piccoli boschi” o pali di legno, che ora si ritiene che siano stati simboli della dea. Asherah era pienamente identificata con gli alberi – l’incorporazione del sapere nell’antica religione canaanita – e molti ritratti la mostrano sorgere da un tronco d’albero.

    Quel che più sfida le convinzioni giudaiche è l’asserzione di Dever che gli scritti sacri siano il prodotto di una piccola, ma di potere crescente, elite letteraria teologica maschile con sede a Gerusalemme.

    Il monoteismo fu uno sviluppo successivo, probabilmente tardo quanto il periodo persiano o ellenistico, ben successivo all’esilio di Babilonia, e pertanto, retrodatato dagli scrittori e dai redattori della Bibbia.

    Ciò contraddice la convenzionale comprensione dei testi biblici come relativi alla creazione della storia universale da parte di una divinità maschile, Yahweh, della sua guida esclusiva di un popolo eletto allo stato di nazione, e del destino comune dei popoli che furono conosciuti come Israeliti.

    La teoria critica post-moderna ci ha a lungo insegnato che i testi antichi non sono quasi mai quel che sembrano. Come risultato del lavoro di Dever, possiamo ora vedere più chiaramente che la religione dell’Antico Testamento e le scritture ebraiche sono una narrazione scritta per servire l’interesse di un particolare gruppo con un interesse da propagare e difendere. Questo interesse era monoteistico, elitario, sacerdotale, letterario e maschile. Conferiva prestigio e potere a chi lo serviva.

    Le narrazioni monoteistiche, patriarcali hanno diffusamente schiavizzato la consapevolezza umana per circa 3,000 anni, se non più. Il lavoro di Dever aiuta a comprendere che l’Antico Testamento era esattamente una di queste, e che correttamente può essere inclusa nel reame mitico cui appartengono l’epica di Gilgamesh e l’Odissea.



    “Did God Have a Wife? Archaeology and Folk Religion in Ancient Israel” di William G Dever è pubblicato da William B Eerdman Publishing Company


    http://www.laportadeltempo.com/dea_m/deam_2.htm
    Addio Tomàs
    siamo fatti della stessa materia di cui sono fatti i 5 stelle

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    13,362
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sono cose già note da tempo, e certamente non sono state scoperte da questo William Dever. Vabbeh che probabilmente si tratta di un testo pubblicitario, ma ci vuole comunque una bella faccia tosta ad attribuirsi certe scoperte.
    La contrapposizione di religioni matriarcali, sessualmente aperte, a quelle patriarcali, che reprimono il sesso, inoltre è uno schema vecchissimo e troppo categorico. Molte divinità patriarcali avevano una sposa, ovviamente femminile, e spesso venivano celebrati riti sessuali per evocare l' unione tra le due divinità. L' esistenza di una dea e di riti legati alla sessualità non significa perciò per forza che si trattasse di una società o di un panteon matriarcale, e la presenza di un dio supremo maschile non significa che la religione in questione fosse ostile alle donne e sessualmente repressiva.

  3. #3
    31°
    Data Registrazione
    10 Sep 2003
    Località
    romagna
    Messaggi
    1,107
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    forse sono fuori tema, ma mi piace aggiungere che fino ai giorni nostri le divinità femminili non ufficiali sono venerate, spesso inconsapevolmente.
    basta pensare alle varie madonne che ci sono anche in italia, a volte con serpenti sotto i piedi (come le dee greche).
    in italia impera un politeismo di tipo primitivo (es. padre pio), che la chiesa "alta" deve "inseguire" per non perdere contatto con il popolo.
    in 3000 anni non siamo cambiati molto (almeno noi mediterranei)

  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    13,362
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Anche a nord delle Alpi imperversano ancora moltissimi relitti religiosi pagani. L' etichetta è cambiata, ma i riti sono rimasti gli stessi.

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Apr 2005
    Messaggi
    3,002
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Scusate, ma il thread non è "off-forum"?
    Parliamo di aspetti religiosi, oppure storici?
    mi spiego: agragar vuole parlare delle implicazioni concrete dell'evoluzione della religione degli Israeliti in senso monoteista e (più) patriarcale?
    Oppure disquisire sulle tesi - molto in voga da dopo M. Gimbutas, R. Eisler, ecc., ed oggi con neopaganesimo wicca e New Age - della bontà del presunto nocciolo 'matriarcale' delle religioni storiche ("corrotto" dall'intrusione patriarcale), e della necessità per noi di ritornare ad esso?

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Apr 2005
    Messaggi
    3,002
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In ogni caso, due parole voglio spenderle anch'io,
    nel senso sia di Patto (necessità di ridimensionare la categoricità delle tesi dei filo-matriarcali),
    che di massena (presenza di religiosità femminile all'interno delle religioni monoteiste, specie della nostra).

    Certo che le religioni ultime (un tradizionale terminus ante quem è la fondazione dell'Islamismo, dopo quel periodo non sarebbero più nate religioni, ma solo sette)
    sono leggibili "a cipolla", struttura che rispecchia la loro "orogenesi", se vogliamo.
    Ma questo non significa, a mio avviso, che:
    1) sia possibile rivivificare uno degli strati interni, facendolo tornare al (presunto) stato di prima che venisse inglobato;
    2) sia opportuno "ritornare" ad uno di questi (presunti) strati.
    Per chi ha fede, la storia delle religioni ultime, specie del Cattolicesimo, è provvidenzialmente strutturata in modo da offrire all'uomo di ogni epoca l'approccio giusto al "traguardo" metafisico. Non possiamo forzare le dimaniche religiose per accomodarle ad una qualche esigenza politica o ideologica del momento - mi riferisco nella fattispecie al femminismo e alle sue pretese di creare un "presepe" al femminile.

  7. #7
    Socialcapitalista
    Data Registrazione
    01 Sep 2002
    Località
    -L'Italia non è un paese povero è un povero paese(C.de Gaulle)
    Messaggi
    89,493
    Mentioned
    337 Post(s)
    Tagged
    30 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da massena Visualizza Messaggio
    forse sono fuori tema, ma mi piace aggiungere che fino ai giorni nostri le divinità femminili non ufficiali sono venerate, spesso inconsapevolmente.
    basta pensare alle varie madonne che ci sono anche in italia, a volte con serpenti sotto i piedi (come le dee greche).
    in italia impera un politeismo di tipo primitivo (es. padre pio), che la chiesa "alta" deve "inseguire" per non perdere contatto con il popolo.
    in 3000 anni non siamo cambiati molto (almeno noi mediterranei)
    Stolto, la madonna è la negazione della femminilità
    Addio Tomàs
    siamo fatti della stessa materia di cui sono fatti i 5 stelle

  8. #8
    Socialcapitalista
    Data Registrazione
    01 Sep 2002
    Località
    -L'Italia non è un paese povero è un povero paese(C.de Gaulle)
    Messaggi
    89,493
    Mentioned
    337 Post(s)
    Tagged
    30 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Ormriauga Visualizza Messaggio
    Scusate, ma il thread non è "off-forum"?
    Parliamo di aspetti religiosi, oppure storici?
    storia delle religioni....
    Addio Tomàs
    siamo fatti della stessa materia di cui sono fatti i 5 stelle

  9. #9
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Apr 2005
    Messaggi
    3,002
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Per le solite polemicucce neopagane, wiccane, dan-browniane, o sataniste, ci sono altri fora, mi sembra.

  10. #10
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    13,362
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non si tratta di una polemicuccia. La questione dell' esistenza di una divinità femminile israelita è molto interessante. Nel 5. secolo a. Cr per esempio la comunità israelita di Elefantinae adorava, oltre il dio Yahweh, anche le dee Anat e Bethel.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Sisara, terrore degli israeliti, era eroe sardo
    Di Rexal nel forum Fondoscala
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 30-06-10, 09:50
  2. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 31-08-06, 18:19
  3. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 12-03-06, 17:25
  4. Le Varie Divinita' Degli Israeliti
    Di Jenainsubrica nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 02-10-05, 13:54
  5. L'amministrazione Bush e gli israeliti
    Di Totila nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 49
    Ultimo Messaggio: 07-04-04, 22:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226