User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11
  1. #1
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs down Quando un romano si crede superiore ad un trentino...

    Scusate l'introduzione ma devo rendervi partecipi delle mie risate... Si parla in particolare di questo



    Beh, non ci crederete ma qui c'è qualcuno che palesa la superiorità romana rispetto alle genti di Bolzano e dintorni. Pensavo potesse interessarvi. Saluti.

    Citazione Originariamente Scritto da Dreyer Visualizza Messaggio
    a parte che dire che a bolzano gli italiani son tutti fasci significa non sapere che da 60 anni la SVP governa con l'appoggio degli italioti comunisti e di csx, quindi altro che fasci...

    eppoi il monumento non è una porovocazione, è la verità: quando noi avevamo Cesare, Augusto e Virgilio i crucchi non sapevano nemmeno come tramandare la loro storia.
    è da bolzano che i romani portarono la civiltà ai germani che vivevano in barbarie.

    se poi i klotz si sentono offesi e provocati... beh, se ne facciano una ragione
    Trovate la discussione qui: http://www.politicaonline.net/forum/...=309662&page=4


    P.S. cestinate pure il 3d senza problemi quando volete, era solo una segnalazione.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    21,794
    Mentioned
    41 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    che certa gente sia uno sbaglio di natura è cosa risaputa, l'inferno li inghiotta

  3. #3
    kalashnikov47
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da FdV77 Visualizza Messaggio
    Scusate l'introduzione ma devo rendervi partecipi delle mie risate... Si parla in particolare di questo



    Beh, non ci crederete ma qui c'è qualcuno che palesa la superiorità romana rispetto alle genti di Bolzano e dintorni. Pensavo potesse interessarvi. Saluti.



    Trovate la discussione qui: http://www.politicaonline.net/forum/...=309662&page=4


    P.S. cestinate pure il 3d senza problemi quando volete, era solo una segnalazione.
    Virgilio si vantava di essere di origini celtiche...

  4. #4
    la ricerca della bellezza nascosta
    Data Registrazione
    03 May 2005
    Località
    Calabria Citeriore - Regno delle Due Sicilie
    Messaggi
    1,943
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da kalashnikov47 Visualizza Messaggio
    Virgilio si vantava di essere di origini celtiche...
    Infatti!
    I due più grandi e rappresentativi poeti della letteratura romana erano originari della gallia cisalpina: Vigilio e Catullo.
    Uno era di Mantova.
    L'altro di Verona.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Dec 2006
    Località
    Jeneve
    Messaggi
    444
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    eppoi il monumento non è una porovocazione, è la verità: quando noi avevamo Cesare, Augusto e Virgilio i crucchi non sapevano nemmeno come tramandare la loro storia.
    è da bolzano che i romani portarono la civiltà ai germani che vivevano in barbarie
    Bisogna dire che non è poi tutto falso ciò che l'utente, sebbene con tono non adatto ad una riflessione storiografica, ha affermato nel suo post. Inevitabilmente le civiltà che si trovavano nelle attuali terre Padane riguardo alcuni aspetti erano inferiori alla civiltà di Roma. Ma se vogliamo fare una seria riflessione sulle genti del Nord per fare un quadro che ci spieghi la loro natura e le loro capacità, invito l'utente che probabilmente si è fermato ai tempi di Cicerone, a vedere la capacità di evoluzione sociale delle civiltà del Nord nei periodi successivi fino al secolo nostro. Se vogliamo giudicare un popolo o dei popoli è bene guardare tutta la sua storia, non solo ciò che fa comodo.
    Per il resto....a voi il tempo....a noi l'eternità

  6. #6
    Obama for president
    Data Registrazione
    10 Apr 2003
    Località
    Venezia
    Messaggi
    29,096
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    credo sia milanese dreyer, poi che quel monumento provocatorio vada abbattutto convengo, e che tutti gli italiani che vivono in sud tirolo siano fascisti è una constatazione di fatto, basta farsi un giro

  7. #7
    Il Patriota
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da benfy Visualizza Messaggio
    credo sia milanese dreyer, poi che quel monumento provocatorio vada abbattutto convengo, e che tutti gli italiani che vivono in sud tirolo siano fascisti è una constatazione di fatto, basta farsi un giro

    chissà perchè i "coloni" napoletani mandati da mussolini a Bozen mi ricordano tanto gli odierni coloni ebrei in Palestina...

  8. #8
    Liberale hayekiano
    Data Registrazione
    26 Aug 2005
    Località
    Macomer
    Messaggi
    1,695
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    www.altoadige-suedtirol.it/
    Storia in breve

    1935 - La realizzazione della zona industriale di Bolzano è accompagnata da una massiccia immigrazione di lavoratori, con le loro famiglie, da altre zone d'Italia, in particolare dal Veneto. Aprono gli stabilimenti Montecatini, Lancia, Magnesio e Acciaierie.
    Il liberalismo è la suprema generosità.

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'annessione all'Italia

    In seguito alla vittoria contro l'Austria nella Prima Guerra Mondiale, il Trattato di Saint Germain del settembre 1919 attribuì all'Italia il territorio tirolese a sud del Brennero, che venne annesso il 10 ottobre del 1920. Il Re d’Italia Vittorio Emanuele III, nel discorso alla corona del 1 dicembre 1919, dichiarò il pieno rispetto delle autonomie locali e delle tradizioni. Ma le successive trattative per garantire alla regione un’ampia autonomia naufragarono a causa dell'opposizione dei gruppi nazionalistici a capo dei quali vi era Ettore Tolomei.

    Nell’aprile del 1921 si ebbe la prima aggressione fascista a Bolzano. Una squadra fascista assalì un corteo in costume uccidendo Franz Innerhofer, maestro di Marlengo, senza che i responsabili fossero processati.



    La marcia su Bolzano

    Il 2 ottobre 1922 ebbe luogo la cosiddetta marcia su Bolzano, in seguito alla quale venne deposto il sindaco Julius Perathoner, da poco eletto democraticamente. Questo avvenimento fu visto come una sorta di prologo della "Marcia su Roma" che avvenne il 28 ottobre 1922 e dopo la quale Mussolini ottenne la nomina a capo del Governo.

    Nel gennaio del 1923 il SudTirol insieme al Trentino fu incorporato nella Venezia Tridentina e il prefetto di Trento ebbe il compito di attuare il programma di Mussolini che prevedeva la completa italianizzazione del territorio sudtirolese con massicci insediamenti italiani; la snaturalizzazione dei sudtirolesi e l'allontanamento di questi dalla propria terra. Nelle scuole della Provincia fu proibito l’insegnamento della lingua tedesca, tutti i dipendenti pubblici dovettero essere licenziati, furono proibite tutte le federazioni, i sindacati tedeschi, le associazioni; la lingua italiana divenne la lingua ufficiale e tutto ciò che era "tedesco" fu completamente bandito.



    Il programma Tolomei

    Il 15 luglio 1923, nel teatro civico di Bolzano, Tolomei rese pubblico il suo programma di assimilazione e italianizazzione del territorio con la rieducazione politica-culturale degli abitanti di lingua tedesca. Punti salienti del programma di assimilazione di Tolomei erano:

    Tradizione ed immagini estere:
    proibizione del nome Tirolo (à toponimi italiani);
    italianizzazione dei cognomi;
    lapidi funerarie in lingua italiana;
    rimozione del monumento di Walther a Bolzano;
    trasformazione del museo a Bolzano.
    Stampa:
    censure e proibizioni di giornali tedeschi;
    fondazione del giornale "Alpenzeitung " di ispirazione fascista;
    Economia:
    eliminazione di istituti di credito locali;
    abolizione della legge del maso chiuso;
    Amministrazione pubblica:
    insediamento di un podestà
    segretari comunali italiani;
    italiano come lingua ufficiale;
    rafforzamento dei contingenti dei carabinieri;
    aumento della presenza delle Forze Armate.
    L’italianizzazione della scuola tedesca costituisce uno dei punti nodali del programma fascista:

    Gli scolari tedeschi con cognomi italiani furono costretti a frequentare scuole italiane;
    Furono istituiti asili infantili e scuole italiane;
    Nel 1923-1924 l’italiano divenne l’unica lingua d’insegnamento.
    Nel novembre 1925 il prefetto Guadagnini emanò un decreto segreto nel quale ordinava di combattere l’insegnamento del tedesco. La scuola tedesca divenne clandestina e sorse la "Scuola delle catacombe" il cui fondatore fu Michael Gamper.

    Le autorità fasciste perseguirono quest’organizzazione con estrema durezza, ma in seguito nell’autunno del 1928 furono create scuole parrocchiali tedesche ove s’insegnava la religione nella madrelingua.



    L'immigrazione italiana

    Tutte queste proibizioni non riuscirono però a trasformare il Tirolo in un’area italiana. E così il 20 febbraio del 1935 Mussolini, per favorire l'immigrazione italiana nella regione, invitò le grandi industrie lombarde e piemontesi a creare delle filiali a Bolzano. Gli stabilimenti Lancia di Torino, le Acciaierie di Milano e altre industrie accettarono l’offerta e diedero inizio alla produzione in Alto Adige. Migliaia di famiglie italiane s’insediarono in tutto il Sudtirolo, dove trovarono occupazione in queste fabbriche nelle quali era proibita l’assunzione di lavoratori sudtirolesi.
    Dopo l'armistizio, i tedeschi occuparono militarmente il Trentino e il SudTirol nel giro di due giorni, il 9 e il 10 settembre del 1943, senza che si verificassero scontri fra le forze italiane. Un certo numero di militari italiani si diede alla "macchia" cercando la strada verso casa, mentre i rimanenti vennero disarmati e imprigionati nei campi di concentramento.

    Il comandante supremo , Franz Hofer, diede subito inizio alla sua sistematica azione, per escludere dalla regione ogni forma d’autorità italiana e gettare le premesse dell’annessione del territorio al Reich. Fra questi vi era il distacco dalle provincie di Trento e Belluno e il confine di Stato con posti di blocco, per impedire, a chi non fosse fornito di uno speciale permesso, l’entrata o l’uscita dalla "zona d’operazione".

    Fu cambiata anche la toponomastica con lo scopo di far capire che gli anni della predominanza fascista erano completante chiusi. Gran parte delle autorità amministrative italiane furono sostituite con elementi tedeschi, in quasi tutti gli enti pubblici furono nominati commissari fedeli al Reich e di madre lingua tedesca. Si ebbe l’introduzione del bilinguismo; il giornale italiano "La Provincia di Bolzano" venne soppresso e sostituito con il "Bozner Tagesblatt"; l’unica emittente italiana venne sostituita con un’emittente tedesca; fu costituita la polizia locale che era composta per lo più da uomini di lingua tedesca.

    Si volle dare, perciò, un’impronta totalmente tedesca alla vita pubblica locale riscoprendo e valorizzando le vecchie tradizioni, divenute sovversive durante il periodo fascista.


    La RSI non poteva inviare i propri funzionari, i quali trovarono pure difficoltà a diffondere la stampa fascista. Hofer proibì anche l’apertura di una sede del Partito Fascista e il reclutamento di giovani trentini e sudtirolesi fra le forze repubblichine, tanto che emise un editto in cui stabilì che tutti i ragazzi nati fra il 1924 e il 1925, senza specificare l’appartenenza linguistica, dovevano prestare fedeltà alle forze nazionalsocialiste.

    Trentino e SudTirolo NON facevano parte della RSI ma erano stati annessi alla Grande Germania. Il partito fascista era stato messo fuorilegge dai nazisionalsocialisti.
    Fu vietata l'esposizione della bandiera tricolore italiana.
    Per quanto riguarda il servizio d'ordine era svolto dal
    CST (Corpo di Sicurezza Trentino) in Trentino e dal Sod in Sudtirol(Suedtiroler Ordnungsdienst/ Servizio d'Ordine sudtirolese). coadiuvati dalle Waffen-SS e dalla Gestapo. Il CST era un corpo al quale si poteva appartenere solo per particolari titoli di merito.
    Per maggiori informazioni " TRENTINO E ALTO ADIGE - PROVINCE DEL REICH" di P.Agostini e C.Romeo della TEMI Editrice di Trento.

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Quel monumento mi fa vomitare, come pure il fatto che esista un burro "Vipiteno" ed altre amenità del genere.
    Ora, come non mai, esiste, grazie alla proposta di Cossiga (speriamo che non decada assieme a chi la propone) la possibilità di riunire almeno i nostri fratelli sudtirolesi alla Madrepatria. L' Union ha inviato a 120.000 famiglie in Sudtirolo un' informazione sui vantaggi che avrebbero con la riunificazione del Tirolo, sperando che anche loro votino (con il portafoglio) la soluzione più giusta.

    Io invidio da Trieste i Sudtirolesi, perchè possono articolare il loro irredentismo senza passare per le forche caudine dell' Euroregione.
    Altresì sono preoccupato per l' attitudine del nuovo governo austriaco (in formazione), che rifiuta ostentatamente di prendere posizione a riguardo.

    Sono anche preoccupato per la corruzione delle minoranze germanofone in Friuli da parte di AN, che le finanzia, a patto che non si uniscano con altre nostre minoranze al di fuori della provincia di Udine, precludendo così la costituzione di una salda minoranza, con ben altri diritti, all' interno di tutta la nostra Regione.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 14-11-12, 08:21
  2. Il Caimano quando gli fa comodo ci crede al pool di Milano ...
    Di cantone_nordovest nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 13-02-11, 19:47
  3. Quando la gente non crede più in Dio...
    Di Mr nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 10-10-06, 17:42
  4. Trentino: Quando l'autonomia fa male
    Di Shaytan (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 02-11-04, 14:20
  5. Il nord che si crede più civile e superiore rispetto al sud
    Di Azzurro nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 26-06-02, 11:21

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226