User Tag List

Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 52
  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    20 Jun 2010
    Messaggi
    7,874
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Un'ebrea laica dice che l'Europa andava meglio quand'era cristiana

    Un'ebrea laica dice che l'Europa andava meglio quand'era cristiana
    L'Europa suicida secondo Claire Berlinski
    di Guglielmo Piombini
    Il Domenicale, 30 dicembre 2006

    http://filoapiombo.blogspot.com/2006...a-suicida.html

    Lezione di una ebrea americana laica che dice che quando c'era la morale cristiana andava tutto meglio

    Mentre le librerie europee continuano ad essere sommerse di libri e pamphlet antiamericani, negli Stati Uniti la situazione è opposta. Di libri esplicitamente antieuropei se ne trovano pochi, ma abbonda una pubblicistica liberal, capeggiata da Paul Krugman e Jeremy Rifkin, che propone il modello sociale europeo come un esempio per l’America.

    Negli ultimi tempi si sta però sviluppando un filone di studi, di orientamento conservatore, che guarda con preoccupazione alle tendenze culturali, economiche e demografiche in atto in Europa. Senza alcun compiacimento, un numero crescente di osservatori d’oltreoceano vede nel declino della pratica religiosa e nel prolungato calo delle nascite i sintomi di una grave crisi spirituale, che potrebbe mettere a rischio l’identità cristiana e occidentale del vecchio continente.

    Il timore che l’Europa si trasformi, prima della fine del secolo, in un continente a prevalenza musulmana ostile agli Stati Uniti viene espresso in una serie di libri usciti recentemente nelle librerie americane, come The Cube and the Cathedral di George Weigel (tradotto in Italia dall’editore Rubbettino), The West’s Last Chance di Tony Blankley (prossimamente tradotto da Rubbettino), While Europe Slept di Bruce Bawer, America Alone di Mark Steyn, e Menace in Europe. Why the Continent’s Crisis is America’s, too di Claire Berlinski, pubblicato dalla casa editrice Crown Forum di New York.

    Il libro della Berlinski, giornalista americana di origine ebraica che scrive sul New York Times e sul Washington Post, ma che vive fra Parigi e Istambul, offre un’interessante analisi della pericolosa spirale suicida che ha imboccato il vecchio continente.

    L’economia europea, si legge in Menace in Europe, è paralizzata da un eccesso di socialismo, e ogni tentativo di riforma viene bloccato da scioperi e dimostrazioni di piazza. L’Europa vede inoltre diminuire e invecchiare rapidamente i suoi abitanti, ma a differenza degli Stati Uniti non riesce ad integrare i numerosi immigrati musulmani, che tendono facilmente a radicalizzare la propria identità religiosa.

    Le cellule legate ad Al Qaeda si sono stabilmente insediate in molte città europee, mentre in Spagna è bastato un attentato terroristico compiuto al momento giusto per determinare la completa capitolazione alle richieste degli attentatori. In Olanda i politici e gli artisti che hanno avuto il coraggio di parlare apertamente del problema islamico sono stati assassinati, e altri sono costretti a vivere sotto protezione.

    In Francia le periferie abitate dagli immigrati musulmani sono diventate delle polveriere pronte ad esplodere. L’antiamericanismo è diventato un fenomeno di massa, e anche l’antisemitismo è in aumento. Non è questa, scrive la Berlinski, l’Europa che noi americani conoscevamo. Cosa è successo allora?

    Secondo l’autrice, che pure si considera un’ebrea laica, esiste una stretta relazione tra la demoralizzazione degli europei e la scomparsa quasi completa del cristianesimo. La vera anomalia, infatti, non è la religiosità degli americani, ma l’ateismo degli europei: in Olanda un terzo degli intervistati non conosce la ragione per cui si celebra il Natale; in molti paesi europei non più del cinque per cento della popolazione assiste alla messa domenicale; in Inghilterra i musulmani che frequentano le moschee sono più numerosi degli anglicani praticanti.

    Negli ultimi due secoli gli europei hanno cercato un sostituto della fede cristiana nelle nuove ideologie scientiste, nazionaliste o socialiste. Gli avvenimenti catastrofici del Novecento hanno però screditato anche queste credenze secolari, aprendo così una voragine di vuoto esistenziale.

    In un sondaggio svolto nel 2002, il 61 per cento degli americani si è dichiarato fiducioso nel futuro, contro il 42 per cento degli inglesi, il 29 per cento dei francesi e il 15 per cento dei tedeschi. In Europa il suicidio è oggi la seconda causa di morte tra i giovani e le persone di mezza età, subito dopo gli incidenti stradali, mentre negli USA i tassi di suicidio sono la metà di quelli francesi, e rappresentano solo l’ottava causa di morte. Nel mondo musulmano, malgrado il fenomeno dei kamikaze, il numero dei suicidi è ancora più basso. Queste statistiche segnalano, secondo la Berlinski, il dilagante nichilismo autodistruttivo che ha pervaso le società europee.

    Dopo aver assistito alla caduta di un ideale dopo l’altro, di un dio fallito dopo l'altro - le ideologie - oggi gli europei non riescono a trovare più nulla, nella propria storia, che meriti di essere conservato e tramandato alle future generazioni.

    Per questo non reagiscono neanche quando i fondamentalisti islamici calpestano apertamente e con disprezzo quei valori di libertà e tolleranza che, a parole, dichiarano ancora di professare.
    Sembra quasi che, dopo gli sconvolgimenti del XX secolo, gli europei non ne vogliano più sapere di sacrificare il benessere materiale presente per qualcosa di incerto o di futuro, come la salvezza eterna di cui parlano le fedi o, più mondanamente, la sopravvivenza della propria identità culturale o la vita delle prossime generazioni. In Italia, ha notato l’autrice intervistando un buon numero di uomini e donne, nessuno sembra preoccuparsi della denatalità e della possibile estinzione degli italiani.

    “Non profetizzo - dice la Berlinski - il crollo imminente delle istituzioni democratiche europee o una catastrofe imminente sul suolo europeo, ma non escludo neanche queste possibilità. I sistemi assistenziali europei collasseranno. La sua demografia cambierà. L’Unione Europea potrebbe disfarsi. I terroristi islamici potrebbero riuscire a distruggere una città europea. Non sappiamo quali saranno le conseguenze di questi eventi, ma è ragionevole immaginare anche uno scenario terribile. Ancora una volta, le uniche persone che si sorprenderanno sono quelle che non prestano attenzione a quanto accade intorno”.

    Guglielmo Piombini
    (Il Domenicale, 30 dicembre 2006)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    EUROSIBBERIANO CONVINTO
    Data Registrazione
    15 Nov 2005
    Messaggi
    7,771
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Che buffo: un'ebrea laica che rimpiange i tempi del Papa Re. Eppure gli ebrei laici sono stati in EUROPA il motore di ogni rivoluzione anti-tradizionale e i più accesi teorici della laicizzazione e della scristianizzazione.
    Ora però, completato il processo di annacquamento del cristianesimo, sono pronti a consentirci nuovamente di essere cristiani: dopo il concilio vaticano secondo (che ha depurato il cattolicesimo della gran parte degli elementi che davano fastidio agli ebrei) ci invitano nuovamente a cristianizzarci in funzione antiislamica.
    Insomma, siamo proprio i burattini degli ebrei: cristiani/scristianizzati, socialisti-comunisti/liberal-capitalisti, il tutto a comando; il tutto a gentile richiesta del padrone.

  3. #3
    EUROSIBBERIANO CONVINTO
    Data Registrazione
    15 Nov 2005
    Messaggi
    7,771
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Appare chiaro comunque, che prima o poi un secondo regolamento di conti tra EUROPA e USA sarà inevitabile. Probabilmente questo accadrà nel momento in cui la nostra economia dovesse ricominciare a correre, o nel caso che movimenti politici di ispirazione populista o nazionalista dovessero prendere il sopravvento.

    E il ruolo degli ebrei, come sempre nella storia, è stare nel mezzo e fomentare discordie dall'una e dall'altra parte.

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    06 Apr 2005
    Località
    Umbria
    Messaggi
    6,287
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da aprile crudele Visualizza Messaggio
    Appare chiaro comunque, che prima o poi un secondo regolamento di conti tra EUROPA e USA sarà inevitabile. Probabilmente questo accadrà nel momento in cui la nostra economia dovesse ricominciare a correre, o nel caso che movimenti politici di ispirazione populista o nazionalista dovessero prendere il sopravvento.

    E il ruolo degli ebrei, come sempre nella storia, è stare nel mezzo e fomentare discordie dall'una e dall'altra parte.
    Mah, solitamente nei momenti in cui l'economia tira, non si ha voglia di avventure e quindi di regolare i conti con ipotetici avversari.
    Diverso il caso in cui movimenti nazionalisti-populisti prendessero il sopravvento, scenario che postulerebbe, invece, una situazione di gravi crisi economica.
    In tale situazione, infatti, tutto sarebbe possibile, anche la decisione di suicidarsi tentando di regolare i conti con gli Usa

  5. #5
    CIAVARDINI LIBERO
    Data Registrazione
    23 Oct 2006
    Messaggi
    1,507
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da aprile crudele Visualizza Messaggio
    Che buffo: un'ebrea laica che rimpiange i tempi del Papa Re. Eppure gli ebrei laici sono stati in EUROPA il motore di ogni rivoluzione anti-tradizionale e i più accesi teorici della laicizzazione e della scristianizzazione.
    Ora però, completato il processo di annacquamento del cristianesimo, sono pronti a consentirci nuovamente di essere cristiani: dopo il concilio vaticano secondo (che ha depurato il cattolicesimo della gran parte degli elementi che davano fastidio agli ebrei) ci invitano nuovamente a cristianizzarci in funzione antiislamica.
    Insomma, siamo proprio i burattini degli ebrei: cristiani/scristianizzati, socialisti-comunisti/liberal-capitalisti, il tutto a comando; il tutto a gentile richiesta del padrone.
    Ricorda molto il rapporto che ci fu fra ebrei (o almeno fra molti di essi) e comunismo:

    Fin che il comunismo servì alla distruzione degli ultimi resti di ordine europeo gli ebrei furono fra i suoi più entusiasti sostenitori; viceversa, quando si esaurì la spinta sovversiva del bolscevismo e quando, con l'ultimo Stalin, gli ebrei persero la loro influenza nel sistema sovietico essi si trasformarono in accesi neoconservatori anti-comunisti (vedi i vari Kristol, Glucksmann e Giuliano Ferrara).

  6. #6
    MANDA A CASA LA CASTA
    Data Registrazione
    26 May 2004
    Messaggi
    5,492
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Dopo aver assistito alla caduta di un ideale dopo l’altro, di un dio fallito dopo l'altro - le ideologie - oggi gli europei non riescono a trovare più nulla, nella propria storia, che meriti di essere conservato e tramandato alle future generazioni.
    ======
    CHE STRONZATA...... come se riuscire a tramdnare la verità e libertà dalle pastoie del sacro obbligatorio non fosse già una conquista ideale e tramdandabile,.,
    cosa c'entra poi attribuire la crescita dei fedeli islamic con il calo della religiosità degli europei?? Sono i cittadini e le cittadine dei paesi islamici qui immigrati che ancora praticano le loro fedi...... in attesa di imparare come si vive veramente liberi.

  7. #7
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    20 Jun 2010
    Messaggi
    7,874
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ricorda molto il rapporto che ci fu fra ebrei (o almeno fra molti di essi) e comunismo:



    non posso darti torto .
    ma , dimmi una cosa , lo sai oggi dove si trovano ancora i veri sostenitori del comunismo , nonostante sia morto e sepolto ?
    si trovano nelle sacrestie , nelle curie , nei grossi movimenti cattolici ,in vaticano , negli ordini religiosi , come un 'erba velenosa sempre pronta a rovinare il terreno !
    Il comunismo è connaturale al vangelo che costruisce la comunità di fede , quindi , separarlo dalla politica, è un impresa quasi impossibile .

  8. #8
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    20 Jun 2010
    Messaggi
    7,874
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da aprile crudele Visualizza Messaggio
    Che buffo: un'ebrea laica che rimpiange i tempi del Papa Re. Eppure gli ebrei laici sono stati in EUROPA il motore di ogni rivoluzione anti-tradizionale e i più accesi teorici della laicizzazione e della scristianizzazione.
    Ora però, completato il processo di annacquamento del cristianesimo, sono pronti a consentirci nuovamente di essere cristiani: dopo il concilio vaticano secondo (che ha depurato il cattolicesimo della gran parte degli elementi che davano fastidio agli ebrei) ci invitano nuovamente a cristianizzarci in funzione antiislamica.
    Insomma, siamo proprio i burattini degli ebrei: cristiani/scristianizzati, socialisti-comunisti/liberal-capitalisti, il tutto a comando; il tutto a gentile richiesta del padrone.

    quindi , se ora vogliono che tu diventi più cristiano , perchè non obbedisci ?
    perchè per ripicca vuoi diventare islamico ?

  9. #9
    EUROSIBBERIANO CONVINTO
    Data Registrazione
    15 Nov 2005
    Messaggi
    7,771
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da apoliticos Visualizza Messaggio
    quindi , se ora vogliono che tu diventi più cristiano , perchè non obbedisci ?
    perchè per ripicca vuoi diventare islamico ?
    Non mi riguarda il vostro giudeo-cristianesimo postmoderno in salsa ebraica: mi ricorda molto il "cristianesimo positivo" nazista, con le sue semplificazioni e schematizzazioni fatte a posta per accontentare la razza eletta di turno (ieri quella ariana, oggi quella ebraica).

  10. #10
    Sionista
    Data Registrazione
    24 Jun 2006
    Località
    Per amore di Sion, non tacerò, per amore di Gerusalemme non mi darò pace, finchè non sorga come il sole la sua giustizia e la sua salvezza non risplenda come una fiaccola ardente. Isaia 62.1
    Messaggi
    1,329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da aprile crudele Visualizza Messaggio
    Non mi riguarda il vostro giudeo-cristianesimo postmoderno in salsa ebraica: mi ricorda molto il "cristianesimo positivo" nazista, con le sue semplificazioni e schematizzazioni fatte a posta per accontentare la razza eletta di turno (ieri quella ariana, oggi quella ebraica).
    E quindi per ripicca favorisci l'islamizzazione dell'Europa pur di sbarazzarti degli ebrei ?

 

 
Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. BETTINO CRAXI - ANDAVA MEGLIO QUANDO ANDAVA PEGGIO
    Di Daltanius nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-07-11, 19:34
  2. Andreotti dice: "Ambrosoli? Se l'andava cercando"
    Di Bladerunner_60 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 11-09-10, 19:10
  3. er meglio della cultura ebrea al corteo freepalestine
    Di pietroancona nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-05-08, 09:56
  4. La cultura cristiana e quella laica: perché non possono convivere?
    Di Bianca Zucchero nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-11-05, 10:22
  5. Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 06-09-05, 23:06

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226