User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 18
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito American Gotterdammerung

    Maurizio Blondet
    06/01/2007
    Anna Cataldi, amica molto ben introdotta all’ONU, che ha trascorso Capodanno con Kofi Annan («Siamo liberi», ha detto il segretario uscente alla moglie svedese, abbracciandola) sta conducendo un’inchiesta sulla Tbc nel mondo ed ha quindi visitato i ricoveri per tisici a New York. Riferisce storie spaventose.
    Lo squallore, l’abbandono di straccioni che tossiscono nelle miserabili camerate; la loro totale solitudine, irredimibile.
    Non sono solo barboni.
    Tra i tubercolotici che dormono ed espettorano negli ospizi, Anna ha trovato molti uomini che hanno un lavoro stabile, persino guidatori di autobus urbani, e dunque un salario: e che tuttavia non possono pagarsi non solo le medicine, ma un alloggio.
    I «working poor», coloro che pur lavorando non riescono ad uscire dalla miseria, sono una vecchia istituzione del liberismo americano.
    Ora sono diventati «working TB homeless», malati senza-tetto con occupazione stabile.
    Questa massa miserevole, avendo spesso interrotto le cure per ignoranza o impossibilità economica - effetto collaterale del sistema sanitario privato - ha sviluppato e quasi creato un bacillo resistente ai farmaci.
    Così il municipio ha lanciato un serio programma di somministrazione sorvegliata e senza interruzioni ai disgraziati; un cocktail di antibiotici potentissimi che, dopo qualche settimana, almeno rendono il malato non più contagioso.
    Gli addetti sanitari sono coscienziosi e dedicati, si prodigano seriamente.
    Ma Anna ha visto arrivare a prendere le medicine una prostituta giovane, negra, fatta di crack, e in più ferita da una coltellata: un grumo di disperazione, di rabbia e di piaghe sociali in un giovane corpo nero, tutte da curare prima.
    «Il nostro compito è accertarsi che non interrompa i farmaci», dice l’addetta sanitaria.
    Freddamente.
    Curano l’epidemia, non le persone.
    Anche se arrivano da loro sempre nuovi tisici da denutrizione, senza famiglia, cacciati dalle case dagli alti prezzi degli affitti, effetto collaterale del boom immobiliare.
    E ciò nel Paese più ricco del mondo, che sta dilapidando centinaia di miliardi di dollari in due guerre insensate, che per giunta sta perdendo.



    Con Kofi Annan e la moglie, una serata in un night: complessini negri suonano splendido, antico dixieland.
    I musicanti sono tutti di New Orleans, tutti profughi, le loro casette di legno sono ancora laggiù nel fango, ci resteranno per sempre.
    Avventori in jeans e maglioni.
    Quando qualche negro lancia un insulto contro Bush, frenetici applausi.
    Molti dicono all’italiana, «mi vergogno di essere americano».
    Ma la sera dopo, un’amica della buona società commenta consolata l’impiccagione di Saddam Hussein: «Bene così, almeno non potrà aggredire un’altra volta gli Stati Uniti».
    Il Far West globale, avvolto nell’ignoranza disinformata dalla propaganda.
    Una lugubre demente atmosfera di fin de régime pare opprimere gli USA.
    La rileva anche William Pfaff, forse il miglior commentatore americano.
    Ottantenne, Pfaff ha visto la grande depressione, la guerra mondiale, il Vietnam, l’assassinio di Kennedy.
    Ma, scrive, «non ricordo un capodanno con prospettive più nere di questo».
    Ciò che Pfaff intravvede, e che teme di vedere, è l’America presa in trappola dal suo mito - il mito dell’Impero del Bene - diventato incubo.
    Dove tutti i caratteri che hanno determinato il suo successo storico - l’ottimismo, il semplicismo, il moralismo, la fede che la forza schiacciante può aver ragione di qualunque problema - si volgono tutti insieme in motivi di sciagura, ossessione e rovina.
    «Ancora una volta gli USA hanno scelto di lanciarsi in una guerra che i suoi capi definiscono come una battaglia sul destino mondiale».
    Lo hanno fatto a freddo, dipingendo a se stessi Bin Laden e Al Qaeda come il nuovo, titanico Impero del Male.
    «Dal momento in cui Bush ha interpretato questa sfida non già come proveniente da un piccolo numero d’uomini animati da uno speciale odio religioso per gli USA ed Israele, bensì come una vasta forza politico-culturale interna alla civiltà islamica, gli USA hanno implicitamente ammesso la propria sconfitta. Come possono degli eserciti americani debellare un simile fenomeno?».



    Ma nemmeno Pfaff può ammettere che già il «terrorismo islamico» e «globale» contro cui l’America è scesa in guerra è stato un falso deliberato, su indicazione israelo-neocon.
    Un americano continua a dover credere che il pericolo sia reale - altrimenti dovrebbe ammettere che il Paese più potente e libero della storia umana è caduto vergognosamente sotto la schiavitù di un potere estraneo, che non si può nemmeno nominare, e che la democrazia più forte del mondo ha votato al potere dei criminali totali, per giunta stupidi, e non sa liberarsene.
    Basterebbe ricordare che nel 2003, i due caporioni neocon ebrei Lawrence Kaplan e William Kristol, scrivevano senza vergogna quanto segue: «Saddam ha a disposizione quattro o cinque volte la forza di massacro di Hitler nel 1939, e di Stalin quando fu formata la NATO. Se Saddam acquisisce una bomba atomica sporca, la sua capacità di male supererà quella di Hitler e Stalin messi assieme».
    Non aver smascherato questa spudorata menzogna allora fa sì che essa ci venga proposta dagli stessi figuri pari pari: oggi è Ahmadinejad il «nuovo Hitler», anzi peggio, e l’Iran, potenza di quarto o quinto rango, Paese arretrato senza industrie, il nuovo Reich da annichilire con ogni mezzo. Ancora una volta i Kristol e i Kagan dicono che l’Iran non è un pericolo per Israele ma «per il mondo intero», ed è quindi il mondo che deve liberarne Israele… e i giornali, i capi di Stato dell’Occidente, ripetono questa menzogna incredibile come se ci credessero.
    Perché nessuno può sbugiardare i padroni del mondo.
    Oggi, scrive Il Corriere, «i neocon tornano a dettare la linea alla Casa Bianca».
    Nonostante la batosta elettorale, nonostante il pantano in Iraq, nonostante tutta la NATO sia alle corde in Afghanistan.
    I Kristol, i Kagan, i Leeden (e da noi Ferrara, ridicola imitazione) accusano i dubbiosi di disfattismo, e dicono che basta un’escalation militare, basta mandare più soldati, e ancora in Iraq «si può vincere».
    Persino questi guerrafondai che mai hanno militato in guerra debbono accorgersi che è insensato mandare 15 o 30 mila uomini in più, di un esercito già demoralizzato ed usurato, senza aver elaborato prima una strategia: ma a loro non interessa la rovina degli USA, interessa la sicurezza d’Israele, e credono di garantirla così, a quel prezzo.



    Il destino storico americano è stato di distruggere ogni società organica per renderla omogenea al suo modello del consumo e del mercato.
    Oggi, la stessa pulsione ha assunto un livello parodistico.
    «Da quel che dice e da quel che pare pensare, Washington sembra assimilare nella guerra al terrorismo tutti i mali del mondo non occidentale. Il documento sulla Strategia della Sicurezza Nazionale del 2004 descrive il terrorismo come causato dalla ‘crescita economica fallita’, dalla ‘mancanza di infrastrutture democratiche’, dalla ‘assenza di mercato e libero commercio»
    [la litania delle giaculatorie ideologiche].
    Ma ciò «equivale ad offrire un materialismo semplicistico come cerotto per tutte le ferite aperte e verminose dell’umanità».
    E naturalmente l’analisi è del tutto sommaria, pressapochista, idiota: in una parola, indegna della cultura occidentale. «Né la mancanza del mercato né il terrorismo islamico hanno nulla a che vedere con i massacri dei bambini-soldati in Liberia e Sierra Leone, o il genocidio in Ruanda…», esemplifica Pfaff.
    Vana riflessione: la potenza del mito americano, in questa pretesa di debellare ogni male dell’umanità con «democrazia» e «mercato», e imporre democrazia e mercato con bombardamenti al fosforo, piogge di missili e tutto l’armamento - costoso, strapotente, sofisticatisssimo… e inadeguato - della terza guerra mondiale, è giunto al suo parossismo storico.
    Ogni ragionevolezza è vana: il mito diventa più forte proprio quando è impazzito.
    Durante le sue ultime ore nel bunker, coi sovietici a pochi metri sopra, Hitler deponeva generali come incapaci e traditori, e ordinava di «far affluire l’armata Wenk», un’armata da tempo distrutta.
    Nella Casa Bianca, eletto democraticamente, un Hitler subnormale e alcolizzato ha appena sbattuto John Negroponte ad un incarico di viceministro subalterno a Condoleezza Rice, ed ha sollevato il generale Abizaid, comandante supremo USA per il Medio Oriente, e il generale George Casey, comandante delle forze americane in Iraq: entrambi erano contrari all’aumento delle truppe in Iraq senza una chiara strategia.



    Demente, Bush ha sostituito Abizaid con un ammiraglio, Fallow, che al momento comanda la flotta del Pacifico: un marinaio si troverà a comandare le operazioni terrestri nel deserto.
    Era un ammiraglio senza navi anche Doenitz, che assunse per qualche ora il ruolo di Hitler ormai suicida.
    E’ probabile che anche Negroponte debba la sua disgrazia improvvisa al tentativo di far ragionare il demente: ma i motivi della deposizione non sono noti, ormai l’America assiste a purghe di palazzo indecifrabili come quelle del Cremlino staliniano.
    Attorno ad Hitler nelle ultime ore, sicofanti o deliranti continuavano a proclamarsi «certi della vittoria finale».
    In USA, i Kagan, i Kristol e i Leeden recitano lo stesso ruolo, accusano i competenti di incompetenza, i razionali di viltà e sabotaggio (fecero così anche i loro correligionari dentro il PCUS, ebrei come loro, instancabili nelle purghe dei nemici interni): e Bush ascolta solo loro, o a loro obbedisce.
    E’ la Gotterdammerung americana, peggiorata dalla vena di comicità sinistra che sempre accompagna «mercato» e «democrazia»: il Crepuscolo dei Bottegai, che credono alle soap opera da loro stessi messe in onda in TV.
    Per questo Pfaff è lugubre.
    Teme, scrive, che «l’Iraq rappresenti il futuro»: una guerra senza fine, senza scopo confessabile e senza esito, infinitamente devastatrice, in cui la potenza americana fonderà come cera nel forno.
    E già comincia, nei dormitori pieni di tubercolotici che la grande «democrazia di mercato» non ha i mezzi, né l’interesse, di curare.
    Comincia nei working poor che lavorando non riescono a nutrirsi e a coprirsi.
    E’ anche il nostro futuro: ce lo prepara il nostro governo a forza «lotta all’evasione» e di «riforme delle pensioni».
    E’ il potere burocratico che, giunto all’apice, opprime la vita umana fino a renderla impossibile: come il cancro, come già il comunismo.

    Maurizio Blondet




    --------------------------------------------------------------------------------
    Note
    1) William Pfaff, «A bleak New Year’s prospect», www.williampfaff.com, 28 dicembre 2006.




    Copyright © - EFFEDIEFFE - all rights reserved.


    ..tutto bello..MA VOGLIAMO FINIRLA DI INDICARE IN ADOLF HITLER "IL PRINCIPIO E LA FINE" DEL MALE ASSOLUTO?:mad:

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Der Wehrwolf Visualizza Messaggio
    Maurizio Blondet
    06/01/2007
    con Kofi Annan («Siamo liberi», ha detto il segretario uscente alla moglie svedese,

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Der Wehrwolf Visualizza Messaggio
    ..tutto bello..MA VOGLIAMO FINIRLA DI INDICARE IN ADOLF HITLER "IL PRINCIPIO E LA FINE" DEL MALE ASSOLUTO?:mad:
    Mille grazie per lo splendido articolo. Hitler non era IL SOLO Male assoluto, non dimentichiamo Mussolini, Franco, Stalin, Tito, Ceaucescu, Pol Pot, Atatürk (non uccidetemi!) e vari altri delinquenti, tra cui G.W.Bush (che Blondet condanna giustamente) e Bin Laden.

    Non ha senso fare apologie di Hitler, né di alcuno degli altri criminali che ho elencato. Certo, Hitler aveva certe idee positive (Grossdeutschland, piena occupazione, autostrade), che però andavano tutte in direzione di un' economia improntata alla guerra (altrimenti, come avrebbe pagato i debiti della Volksgemeinschaft?).

    Hitler ebbe tre colpe:

    1. Le guerre d' aggressione
    2. La Shoah
    3. Lo sputtanamento del termine "nazionalsocialista", costringendo movimenti meritori a fare capriole per descrivere quello che sono in realtà. Chi ha lavorato nel marketing sa che nulla nuoce di più a un prodotto che il non definire chiaramente di cosa si tratta.

  4. #4
    kalashnikov47
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Mitteleuropeo Visualizza Messaggio
    Mille grazie per lo splendido articolo. Hitler non era IL SOLO Male assoluto, non dimentichiamo Mussolini, Franco, Stalin, Tito, Ceaucescu, Pol Pot, Atatürk (non uccidetemi!) e vari altri delinquenti, tra cui G.W.Bush (che Blondet condanna giustamente) e Bin Laden.

    Non ha senso fare apologie di Hitler, né di alcuno degli altri criminali che ho elencato. Certo, Hitler aveva certe idee positive (Grossdeutschland, piena occupazione, autostrade), che però andavano tutte in direzione di un' economia improntata alla guerra (altrimenti, come avrebbe pagato i debiti della Volksgemeinschaft?).

    Hitler ebbe tre colpe:

    1. Le guerre d' aggressione
    2. La Shoah
    3. Lo sputtanamento del termine "nazionalsocialista", costringendo movimenti meritori a fare capriole per descrivere quello che sono in realtà. Chi ha lavorato nel marketing sa che nulla nuoce di più a un prodotto che il non definire chiaramente di cosa si tratta.
    Non sono tanto d'accordo, Mittel.
    Guerre d'aggressione? Il "Corridoio di Danzica" era una rchiesta ragionevole. I polacchi istigati da GB e Francia non vollero concederlo.

    Shoah? Diciamo persecuzione contro gli ebrei. Il resto è mito.

    Errori Hitler ne ha fatti. Uno su tutti: attaccare l'URSS. E successivamente di non aver voluto fare nel '43!, la pace separata con l'URSS.

    In quanto a Blondet, ottimo il suo articolo. Paragonare però l' america di Bush alla Germania del '45, mi sembra azzardato.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Apr 2006
    Località
    "...dalla perplessità e dallo scoramento si esce soltanto con l'azione. Quale poi debba essere quest'azione ce lo indicano, giorno per giorno, le necessità del momento e le esigenze dell'ora.
    Messaggi
    807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il nazismo era pura e semplice "volonta' di potenza", non si puo' giudicarla come un errore.
    Il nazismo rappresento' lo spirito sano e puro dell' europa.
    Gli unici errori di Hitler furono: la guerra su piu' fronti e l' allearsi con Mussolini.
    Il resto e' propaganda.
    Per quanto riguarda i continui paragoni della Germania nazista all' america, penso e mi auguro che siano solo propaganda per il popolo: ormai il popolo indentifica il nazismo come il male, paragonarlo all' america potrebbe facilitarne l' assimilazione del concetto

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ragazzi, io vedo il nazismo come un qualcosa di negativo (però non il male assoluto), voi gli vedete tratti positivi, ma non litigheremo per questo.
    Il tema del mio intervento era l' opportunita di accostare nei media Bush a Hitler.
    Io ritengo che sia una cosa doverosa: ormai nell' immaginario collettivo Hitler è un personaggio negativo e nella testa di molti addirittura il "male assoluto".
    Senza stare a discutere chi abbia ragione, un' opinione pubblica del genere non si può cambiare con nessun mezzo.
    Guardiamo la situazione attuale: Bush è un grandissimo pericolo reale, cha ha già fatto grossi danni e ne farà ancora. E' anche l' uomo-simbolo di un sistema imperialista, corrotto e macroclientelare che gli USA vogliono imporre al resto del mondo. Vedasi da ultima la Somalia.
    Pertanto se peu-à-peu si riesce a far associare all' immaginario collettivo Bush con Hitler, sarà un passo per affrettare la demonizzazione dell' attuale sistema amerikano e quindi la sua caduta.
    Ricordiamoci che Maggie Thatcher, che penso qui tutti condanniamo, avveva definito il neo-liberalismo come "la fine della Storia", intendendo che tale sistema era perfetto, logico e destinato a durare in eterno.
    Ora anche i più sprovveduti si sono accorti che è l' ennesimo sistema non-funzionante, come in fondo lo sono stati tutti i sistemi nella Storia, che non conosce formule assolute, valide in ogni tempo ed in ogni Paese.
    Finchè l' opinione pubblica considererà positivi i "valori occidentali" ed il neoliberalismo, sarà difficilissimo studiare un qualcosa di nuovo da mettere al suo posto. Ci hanno provato, con tutti i loro limiti, Bossi e Haider, ma sono stati strangolati dal "sistema". Ci sta provando Chavez, ma il "sistema", in forma di stampa e televisione, fa di tutto per farlo apparire un pazzo e anche Lula (che in fondo ne condivide le idee) lo tiene a distanza.
    Ora mi sembra che venga qualcosa di abbastanza nuovo da parte di Ségolène Royal e di Oskar Lafontaine, però nemmeno questi vengono trattati bene dai media. La Royal è già stata definita "la regina del blabla" ed entrambi vengono insultati in lucida malafede come "populisti".
    Perchè tutto questo, mentre flops clamorosi tipo Berlusconi, D'Alema, Schröder, Merkel, Blair, Putin.... vengono considerati gente seria?
    Perchè sono integrati nel marcio sistema merikano!
    Quindi, ogni mezzo è giusto per far capire ai media che il filoatlantismo è un cavallo perdente, così saliranno finalmente sui carri dei vincitori e non romperanno loro le palle come stanno facendo.
    Ve lo scrive uno che lotta ogni giorno con la censura sui giornali.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Hitler non era un santo ne un demonio ....avrà fatto degli errori ( soprattutto di carattere militare) ma al confronto di personaggi come Stalin ( 40/50 milioni di morti) di Mao (60/70 milioni di morti) di Pol Pot (2 milioni di morti su 6 milioni di abitanti) non mi pare questo grande criminale.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da kalashnikov47 Visualizza Messaggio
    Non sono tanto d'accordo, Mittel.
    Guerre d'aggressione? Il "Corridoio di Danzica" era una rchiesta ragionevole. I polacchi istigati da GB e Francia non vollero concederlo.

    Shoah? Diciamo persecuzione contro gli ebrei. Il resto è mito.

    Errori Hitler ne ha fatti. Uno su tutti: attaccare l'URSS. E successivamente di non aver voluto fare nel '43!, la pace separata con l'URSS.
    CONDIVIDO!

    la guerra contro Hitler fu scatenata dalla ma$$oneria inglese e sionista perchè Hitler aveva nazionalizzato la banca centrale del Reich .
    Inoltre è pochissimo conosciuto il fatto che nei negoziati segreti del 1940 fra Germania e Inghilterra per tentare di porre fine alle ostilità, un punto sul quale quest'ultima non cedette mai fu che la Germania ritornasse allo "standard oro" della moneta che Hitler aveva eliminato sostituendolo con l'istituzione del credito bancario per istituire un'economia basata sul lavoro e sulla produzione.
    Se Hitler avesse accettato, la Germania, che oro non ne aveva, sarebbe immediatamente ripiombata nella miseria (salvo poi essere aggredita militarmente e annientata).

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Dec 2006
    Località
    Jeneve
    Messaggi
    444
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Consideriamola una epoca storica che rappresenta una serie enorme di valori ed ideali (che vanno ben oltre quelli che i vincitori hanno marchiato dopo la loro vittoria).
    Difficile è trovare il male assoluto per qualsiasi persona che con un minimo di giudizio si appresta ad analizzare il fenomeno con serietà ed imparazialità sotto ogni aspetto (politico,sociale,militare ed economico); ma purtroppo ben pochi son disposti o non sono messi nelle condizioni per far ciò. Personalmente dal nazionalsocialismo ho imparato veramente molto, credo che, con i suoi lati positivi e/o negativi possa formare sotto diversi aspetti la personalità e l'ideale morale ed etico di ogni persona.
    Da quell'epoca si impara che la tenacia e l'autodeterminazione possono tutto all'interno della società, e qualoria siano vive e pure doti all'interno di una classe politica, il paese ne vedrà i frutti. Si impara l'ottica di vita e di pensiero di uomini che hanno sentito gravare su di loro il peso e la tensione politica e sociale del periodo e con essa si sono rapportati a viso aperto, affrontandola e combattendola; e mi riferisco a tutti coloro che in quel periodo morirono per una convinzione sentita, per un ideale, per una fede che, a prescindere se consideriamo giusta o meno, era sentita come fiamma ardente all'interno di quei valorosi combattenti (come non menzionare le legioni waffen-ss). Tutto questo verrà marchiato da vincitori con l'anima corrosa dall'invidia....follia.
    Triumph des Willens, come si intitolava una stupenda opera cinematografica della Riefensthal, sono le parole per ricordare senza nostalgia ma con serietà quel periodo.

  10. #10
    Idealismo da bere
    Data Registrazione
    18 Apr 2009
    Località
    Quaternario
    Messaggi
    9,549
    Mentioned
    51 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Thumbs up

    Citazione Originariamente Scritto da kalashnikov47 Visualizza Messaggio
    Non sono tanto d'accordo, Mittel.
    Guerre d'aggressione? Il "Corridoio di Danzica" era una rchiesta ragionevole. I polacchi istigati da GB e Francia non vollero concederlo.

    Shoah? Diciamo persecuzione contro gli ebrei. Il resto è mito.

    Errori Hitler ne ha fatti. Uno su tutti: attaccare l'URSS. E successivamente di non aver voluto fare nel '43!, la pace separata con l'URSS.

    In quanto a Blondet, ottimo il suo articolo. Paragonare però l' america di Bush alla Germania del '45, mi sembra azzardato.

    quoto!


    aggiungo però che, pur riconoscendo i suoi meriti, la germania nazionalsocialista non è certo il mio ideale di Stato...meglio gli Stati tradizionali

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Buy american
    Di Bèrghem nel forum Politica Estera
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 31-01-09, 20:59
  2. American Way
    Di markk nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-04-08, 20:06
  3. For American Only
    Di nordista nel forum Americanismo
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 27-01-07, 23:56
  4. American Dad
    Di Action nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 14-12-06, 14:59
  5. American P.R. say's
    Di lorenzo v. nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-06-06, 14:01

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226